Erotici Racconti

La sconvolgente rivelazione di mio marito:Lui sapeva! 7° atto

Scritto da , il 2016-08-08, genere zoofilia

Senza che io me ne accorgessi,si erano fatte le tre di notte.

La mia lunghissima e dettagliata confessione,aveva tenuto ben sveglio e attento mio marito che,ad eccezione del momento in cui mi aveva sborrato addosso,non mi aveva mai interrotta.

Dai suoi occhi filtrava un'eccitazione che non si era placata neanche quando si era scaricato masturbandosi e,d'altra parte,anche le mia eccitazione saliva via via che col racconto risvegliavo i miei ricordi.

Certo non contribuiva a calmarmi la lingua di Romeo che svegliandosi di tanto in tanto dal pisolino che stava facendo accanto a me,si sollevava ed infilando la testa tra le mie cosce mi leccava facendomi scuotere e tremare tutta.

Alla fine della mia lunghissima confessione,ero bagnata tra le cosce,completamente sudata e certamente il mio aspetto non doveva essere dei migliori.

Il mio viso era sfatto dal trucco e dal rossetto sbavati e rigato dalle lacrime e dai rivoli di sudore.

I miei capelli ed il mio corpo erano ancora ricoperti dalle tracce oramai secche delle sborrate di mio marito e dalla bava del cane e nonostante questo,lui in silenzio,continuava a guardarmi con occhi curiosi come aspettandosi che continuassi nel mio osceno racconto.

Dopo una pausa durata lunghissimi minuti di silenzio,mio marito si era alzato e prendendomi per mano mi aveva accompagnata in bagno dove insieme a me,aveva fatto la doccia.

Poi siamo andati a letto ed abbiamo fatto l'amore sino all'alba.

Alle due del pomeriggio sono stata svegliata da un bacio di mio marito che mi aveva portato la colazione a letto.

Dopo la colazione,abbiamo fatto ancora l'amore e senza mangiare altro,ci siamo vestiti e siamo andati a passeggiare nel grande parco della vicina città.

Ci siamo seduti come due ragazzi innamorati su di una panchina sotto un platano in una zona un po' appartata e qui mio marito,stringendomi a se senza guardarmi negli occhi,aveva cominciato a parlarmi e mentre bisbigliava pareva rivolgersi alle tremule foglie scosse da un soffio di vento leggero:

-Amore....stanotte ho ascoltato il tuo racconto ma ho anch'io qualcosa da dirti che tu non sai.

Anch'io ho un segreto.

-Che segreto amore?-

Gli avevo risposto stupita.

-Amore...è da molto tempo che so della tua passione per i cani ed è per questo che ti avevo regalato quel cucciolo di Golden Retriever.......-

A quelle parole,il mio cuore era esploso ed il mio corpo aveva preso a tremare come se mi fossi trovata nuda in mezzo ad una bufera e girandomi verso di lui mi ero aggrappata al suo corpo affondando la testa sul suo petto:

-Come.....come...lo sapevi?...chi?....quando....?-

Avevo cercato di dire singhiozzando.

-Calma amore....calmati...che ti dirò ogni cosa....anch'io ho delle cosa da farmi perdonare ma credo che alla fine di tutto questo,il nostro amore e la nostra complicità ne usciranno rafforzati.-

Io oramai completamente priva di forze,totalmente abbandonata su di lui,ho atteso che mi rivelasse l'inimmaginabile.

L'inimmaginabile per me era questo:

-Amore...io frequentavo tua madre prima di conoscere te.

Eravamo amanti.

Benché fossi più giovane(e forse proprio per questo)anche lei era stata coinvolta nei miei promiscui e anticonformisti giochi sessuali.

Con lei avevo lo stesso tipo di rapporto che abbiamo io e te con l'eccitante variabile che lei era sposata e dunque ogni nostro incontro assumeva un senso molto più carnale e lussurioso della semplice trasgressione;C'era di mezzo un marito cornuto ed una moglie vogliosa di fare la troia ed io,un ragazzo maiale senza rispetto ne inibizioni di sorta.

Dopo tre anni dal nostro primo incontro,aveva cominciato a parlarmi di te e delle tue attitudini sessuali.

Lei sapeva tutto di te ma vivendo insieme a me un rapporto fedigrafo e sessualmente aperto ad ogni licenziosità,non se l'era mai sentita di giudicarti nelle tue scelte e men che mai intervenire per criticare i tuoi gusti zoofili.

Un giorno mi aveva parlato di te in modo molto approfondito dettagliando il rapporto col tuo cane sin nei minimi particolari.

Mi aveva anche detto di come ti lamentassi del tuo rapporto coi maschi e di quanto trovassi noiosi e insoddisfacenti i rapporti coi tuoi amici.

Ed è stato proprio in quella circostanza che mi aveva detto:

-Ascoltami tesoro...io non so per quanto tempo i nostri rapporti potranno andare avanti.

Mio marito ha bisogno di me ed io non credo che potrò continuare a tradirlo per molto tempo ancora.

Tu hai bisogno di una donna come me.....altrettanto troia,libertina e che ti voglia bene.....e credo che nessuna possa andare meglio di mia figlia.

Mi aveva mostrato delle tue foto alcune delle quali eri impegnata in una delle tue performances col tuo cane.

Ve ne erano alcune in cui eri legata come una cagna esattamente nella posizione in cui ti ho trovata ieri.

Devo confessarti che per me è stato amore a prima vista.

Tutto il resto è venuto da se e sotto la guida e le informazioni che mi forniva tua madre,ti ho incontrata,ci siamo piaciuti e ci siamo sposati ed ora eccoci qui a giocarci il nostro futuro a carte scoperte.-

Il seguito del rapporto con mio marito è stato un crescente di nuove trasgressioni sino a che un bel giorno non abbiamo scelto insieme un nuovo cucciolo ed ora,quando non abbiamo voglia di incontrarci con altre persone,ci appartiamo coi nostri cani e ci facciamo montare entrambi.

Nel frattempo io sono rimasta incinta e noi,nostri momenti di maggiore intimità,ci domandiamo ridendo a quale dei due cani somiglierà il nascituro.

Fine








Questo racconto di è stato letto 1 2 1 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.