Erotici Racconti

Sorpresa da mio marito legata al cane come una cagna 4°Atto

Scritto da , il 2016-07-19, genere zoofilia

-Amore ma perché non me lo hai mai detto?-

-Hai ragione tesoro ma....temevo che tu non accettassi questo fatto e poi.....devo confessarti che ho sempre considerato questa cosa come un segreto.
Un fatto intimo molto personale e segreto da condividere solo col mio cane.
Come ti ho già detto amore le mie prime esperienze sessuali le ho vissute proprio col Golden Retriver che mio padre mi aveva regalato a 15 anni.
Da quel momento siamo cresciuti insieme e per me è stato del tutto naturale scoprire i piaceri del sesso insieme a lui.
Tra me e lui vi era un'intesa che a raccontarla potrebbe sembrare incredibile.

Tra noi vi era davvero sesso,amore ed una incredibile complicità.

Pensa che quando eravamo insieme ad altre persone in pubblico o in casa coi miei genitori,il suo atteggiamento era quello tipico dei cani ed in special modo di quella razza.
Ubbidiente ed affettuoso con tutti senza mai esagerare nei miei confronti ma quando eravamo soli cambiava ogni cosa.
Non appena restavamo soli io e lui,come prima cosa si alzava sulle zampe posteriori e mi abbracciava come fosse una persona e poi cominciava a leccarmi il viso e le labbra sino a che io non aprivo la bocca permettendogli di infilarvi la lingua.

Quell'abbraccio e quel bacio così animalesco,lascivo e profondo,mi facevano subito bagnare tra le cosce e lui percependo l'olezzo dei miei umori,scendeva a terra e cominciava a leccarmi la fica facendomi impazzire di piacere.

Quando ero con lui che fossimo soli o in compagnia indossavo sempre gonne corte e vaporose senza mutandine.

Tra noi vi era una precisa intesa:"In presenza di altri lui si comportava come ho già detto,in modo educato e non invadente."

Sapeva però che a volte mi si scatenavano delle voglie improvvise ed in quei casi mi era sufficiente un ordine anche solo bisbigliato o lanciato con uno sguardo o un lieve movimento del capo o della mano.

Lui era molto attento ai miei atteggiamenti.

-Leccami!-

Gli sussurravo a volte approfittando del fatto che i presenti erano impegnati in attività che distraevano la loro attenzione dalla sottoscritta e subito lui infilava la testa sotto la gonna e mi leccava in modo fantastico con la sua lingua lunga e ruvida.

A volte mi facevo leccare mentre ero seduta a tavola coi miei ed altre volte al parco,dopo essermi accertata che non vi fossero occhi indiscreti:-Leccami!-e venivo subito accontentata mentre a cosce larghe gli offrivo la fica seduta su di una panchina.

La stessa cosa avveniva quando in casa vi erano i miei genitori e mi si scatenava una voglia improvvisa.

Col pretesto di studiare mi chiudevo nella mia cameretta e subito mettendomi a quattro zampe gli ordinavo:-Momtami- lui pareva capire la delicatezza del momento e la mia urgenza di godere.

In quei casi dopo poche linguate per lubrificarmi,mi saliva in groppa e mi montava sino a godermi dentro riempiendomi col suo caldo seme.

In quei casi,me lo trattenevo in groppa sino a che il nodo si sgonfiasse e ci permettesse di slegarci.

Dopo con la sua impagabile lingua,mi ripuliva tra le cosce e ripuliva il pavimento come una perfetta donna di servizio.

Naturalmente quando eravamo soli,come ti ho già detto era tutto diverso.

Ci abbracciavamo,ci baciavamo,ci rotolavamo a terra in una sorta di preliminari in cui ci accarezzavamo,ci leccavamo e ci succhiavamo a vicenda sino a che non mi offrivo a lui come una cagna e permettergli di montarmi spruzzandomi la cervice uterina col suo caldo,fertile e abbondante seme.

Poi ci leccavamo ancora sino a cadere a terra sfiniti l'uno accanto all'altra.

La sfortuna ha voluto che dopo 5 anni di quel meraviglioso rapporto,il mio amore finisse sotto un camion rimanendone ucciso.

Da quel giorno tale era stato il mio dolore che non ho più voluto avere rapporti con nessun uomo e neanche mai mi era venuta la voglia di prendere un altro cane.

Poi ho conosciuto te.

Ci siamo sposati ed abbiamo dato inizio al nostro meraviglioso rapporto di coppia aperta e trasgressiva.

Non ti sarò mai sufficientemente grata per la vita che mi fai condurre e per l'amore che ogni giorno mostri di avere per me.

Io avevo dimenticato completamente la mia storia col cane che rimaneva per me solo un ricordo meraviglioso da custodire gelosamente nel mio cuore.

Poi un giorno tu sei arrivato in casa portandomi in regalo un cucciolo di Golden Retriver riportandomi in un mondo che consideravo lontano.

segue



Questo racconto di è stato letto 1 2 1 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.