Erotici Racconti

Sorpresa da mio marito legata al cane come una cagna

Scritto da , il 2016-07-16, genere zoofilia

Quando mio marito senza avvisarmi era rientrato in casa,mi aveva sorpresa in ginocchio a quattro zampe col nostro cane che dietro di me,era attaccato con il suo posteriore alle mie natiche nude.
La sua lunga coda scodinzolava lievemente e col suo movimento mi pennellava la schiena appena coperta da un leggero top di cotone.
Mio marito aveva in mano per me un mazzo di fiori per festeggiare l'anniversario del nostro primo incontro.
Vedendomi in quella posizione attaccata al cane come fossi la sua cagna nell'atto di impregnarla,si era bloccato vicino al salotto e lasciando cadere a terra i fiori,si era abbandonato lui stesso sulla poltrona.
Mentre il cane mi strattonava,emetteva dei piccoli guaiti nel vano tentativo di staccarsi da me mentre io,stimolata dal suo membro e dal bulbo gonfio che avevo dentro la fica,ansimavo ancora per il lungo,interminabile piacere che stavo provando.
Alla vista di mio marito,il mio viso si era avvampato di rosso e tutto il mio corpo incatenato alla bestia aveva cominciato a tremare.
Nonostante l'imbazzante situazione,non avevo potuto smettere di godere ed appoggiando la testa al tappeto per non incontrare lo sguardo di mio marito,avevo cominciato a lacrimare emettendo al tempo stesso singhiozzi di pianto e gemiti di piacere.
D'un tratto mi sono sentita afferrare per i capelli e sollevare la testa davanti alla quale mi sono trovata mio marito in ginocchio col cazzo già duro fuori dai pantaloni che senza tanti complimenti,sbatteva come uno scudiscio sul mio viso.
Con le lacrime che ancora scioglievano il mio trucco e segnavano le mie gote,ho dischiuso le labbra ed ho lasciato che lui cominciasse a chiavarmi in bocca.
Tenendomi la testa con entrambe le mani aveva cominciato ad infierire con colpi violenti e profondi che mi provocavano conati di vomito ed aumentavano la mia lacrimazione trasformando il mio viso in una maschera oscena.
Mi chiavava con violenza,mi scuoteva la testa e mi chiamava troia....cagna....puttana!
Dopo un po' mentre ancora il nodo del cane lo teneva legato a me,bloccandomi la testa aveva cominciato a sborrarmi direttamente in gola senza darmi la possibilità di respirare.
Con un improvviso colpo di tosse ed un conato di vomito,mi sono staccata da lui ed ho spruzzato dappertutto lo sperma e che mi stava rovesciando in gola e quant'altro fuorusciva dalla mia bocca violentata.
Non mi ero ancora ripresa quando il cane si era finalmente staccato.
A quel punto mio marito,col cazzo completamente bagnato si saliva e di sborra e con la mia bocca e il viso oscenamente impregnati degli stessi fluidi,aveva preso il cane per il collo e me lo aveva avvicinato costringemi a succhiargli il cazzo rosso e turgido ancora gocciolante del suo liquido dall'odore pungente e dal sapore forte.
Quando tutto era finito,mio marito mi aveva obbligata a rimettermi carponi come una cagna davanti a lui che seduto sul divano mi insultava e mi faceva delle domande.
Devo premettere che tra me e mio marito sin da subito vi è stata una perfetta veduta di idee circa il sesso.
Avevamo tra noi un'intesa perfetta ed una sessualità ricca e creativa e non disdegnavamo di avere frequenti scambi con altre coppie che incontravamo tramite internet o nei club privé.
Mai però,avevo confessato a mio marito la passione per i cani che avevo iniziato a coltivare prim'ancora di avere il primo rapporto con un uomo al quale mi ero donata non più vergine......

segue

Questo racconto di è stato letto 1 8 2 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.