Il nuovo padrone

di
genere
dominazione

Il nuovo padrone

Ora mia moglie aveva un nuovo padrone, anzi entrambi avevamo un nuovo padrone.
Luca, un avvocato di bologna, 57 anni.
Pochi giorni dopo quella notte mi manda un msn e mi chiede la mail.
Invio la mia mail e due giorni dopo trovo posta.

Ora la tua lei è a mia disposizione dopo che Antonio me l ha ceduta.
Io ho il suo numero di cellulare e fra qualche giorno la chiamerò.

Qualche giorno dopo lei mi dice che Luca l’ha chiamata e le ha detto di farsi accompagnare da me in un albergo a cervia sabato sera.
Mi ha detto il nome e l’indirizzo
Troveremo una stanza a nome suo.
Una volta arrivati dovremo chiamarlo e lui ci dirà cosa dobbiamo fare.

A me arriva il giorno dopo una mail.
Sabato porta una macchina fotografica. Quando arrivate a Cervia chiama .

Il sabato arriviamo verso le 16. chiediamo della stanza prenotata da Luca.
Il ragazzo ci accompagna. Non ci chiede i documenti.

Io chiamo Luca e lui mi dice di raggiungerlo nella sua camera, mi dice il numero.
Lo raggiungo .

Entro, mi stringe la mano.
Mi consegna una busta con indumenti. Stasera dopo cena falli indossare a tua moglie. Verso le 22 vi chiamo .

Cenino e saliamo in camera, le dico di andare in bagno e mettersi gli abiti della busta.
Quando esce li vedo. Una gonna cortissima bianca trasparentissima e una camicia grigia, trasparente anche quella.
Una giacca nera leggera e scarpe nere con tacco vertiginoso.
Si vede tutto, la giacca non si chiude.
Come sto? Chiede. Sei bellissima
Alle 22 arriva la telefonata – prendete l’ascensore e raggiungetemi nel garage, vi aspetto.

Scendiamo e lo troviamo ad aspettarci, lei sale davanti, io dietro.
Lui parte e poco dopo ci fermiamo.
Scendiamo e ci portiamo al lungo mare. Ci sono bancarelle di ogni tipo e noi cominciamo a girare. Lei tra di noi. Non passa inosservata e lei fa finta di nulla ma mi stringe forte la mano.
Ci fermiamo ad una bancarella africana, dietro ai banchetti con maschere, bracciali e oggetti vari un ragazzone nero di statura tozza.
Luca presenta me poi presenta lei.
Il ragazzo sorride e le da la mano e la tiene stretta mentre parla con Luca.
Allora, cosa ti avevo detto, è una bella donna?
Il ragazzo ride, la squadra per bene, scosta la giacca per vederle le tette poi le chiede di voltarsi
La gonna non nasconde nulla.
Poi il ragazzo le riprende la mano.
Quando finisci se vuoi andiamo al solito posto, che dici? Dice Luca al ragazzo
Ci vediamo verso la mezzanotte. A dopo.
Camminiamo tra le bancarelle.
Verso le 23,30 ci incamminiamo verso la spiaggia e dopo una quindicina di minuti ci fermiamo davanti ad un capanno per gli ombrelloni.
C’è poca luce, Luca si siede su una sedia di plastica e chiede a mia moglie di andare vicino a lui
Lei si avvicina
Lui le mette una mano sotto la gonna e comincia a sditalinarla. Lei in piedi ad occhi chiusi lo lascia fare.
Non le dispiace
Sentiamo dei passi
Vedo la sagoma del ragazzo di colore che si avvicina.
Punta dritto a lei e mentre Luca continua a sditalinarla il ragazzo comincia a limonarle.
Poi si abbassa i pantaloncini ed estrae il cazzo. Un signor cazzo.
Succhia, ordina il ragazzo
Lei si china e comincia a succhiare. Io scatto la prima foto.
Il cazzo è troppo lungo e lei non riesce a ingoiarlo tutto allora il ragazzo le prende la testa e la spinge verso il suo uccello fino a farlo sparire
La tiene con forza e quando alcuni secondi dopo lascia la presa lei si ritrae cercando respiro.
Il nero fa questo giochetto molte volte e ogni volta tiene lei sempre più a lungo con il cazzo in gola e lei ogni volta prende fiato sempre più rumorosamente. Ho paura voglia soffocarle
Io faccio foto.
Lei ha le lacrime agli occhi per lo sforzo.
A volte ha conati di vomito tanto le arriva in gola
Il cazzo del ragazzo sembra sempre più lungo e grosso, si eccita con questo gioco.
Poi all’improvviso si ferma. Si stende sulla sabbia e fa segno a lei di salire sul suo pennello.
Lei apre le gambe e comincia a infilarsi il cazzo lentamente
Lui la lascia fare finchè lei se lo è fatto entrare tutto
. cavalcalo – dice Luca
Lei comincia a cavalcare ma ha subito un orgasmo
Il nero ne approfitta della lubrificata e comincia a stantuffare
Colpi profondi
Lei si attacca al mio braccio, lo sguardo stravolto.
Ora è lei a cavalcare e io faccio un paio di foto.
Lei sembra presa da fremiti continui.
Si morde le labbra. Lo scopa.
Il ragazzo la ferma, le dice di scendere e di mettersi a quattro zampe.
Poi si appoggia dietro
Te lo metto nel culo!
Luca mi dice di tenerla ferma
Il ragazzo spinge e senza fatica si fa strada
Lei inarca la schiena e io la tengo ferma, lei mi morde un braccio.
Ora il ragazzo la scopa nel culo come la scopava prima nella figa.
Colpi violenti, senza fine
Continua senza fermarsi anche quando lei viene di nuovo
Continua per un tempo infinito
Le tiene aperte le chiappe con le mani.
Luca mi sposta e si mette davanti a lei e le infila il cazzo in bocca. Fammi sborrare vacca e fai sborrare il mio amico, devi muoverti come una vera troia
Lei inizia a dimenarsi. Il nero da colpi ancora più forti
Luca viene con un lunghissimo rantolo.
Ingoiala tutta vacca
Lei ingoia e gode ancora
Il nero a questo punto si ferma un attimo poi con una decina di colpi si svuota dentro di lei quasi ringhiando e quando esce di scatto dal culo della mia lei esce uno spruzzo di sborra, poi un secondo, poi un terzo
Poi lei cade a terra.
Ansima
Il nero le apre le chiappe e mi dice di fare una foto
Il culo è una caverna aperta
Adesso vi porto a casa, dovete pagare il conto al proprietario dell’albergo per me e per voi.
Torniamo all’auto.
Una volta in albergo andiamo in camera di Luca. Lui chiama al telefono.
La troia si fa una doccia ed è pronta per pagare l’albergo, salite tra dieci minuti.
Poi guarda lei.
Vai a fare la doccia e lavatoi bene che sembri una puttana, tra dieci minuti si ricomincia….

Continua….
scritto il
2016-01-08
9 K
visite
0
voti
valutazione
0
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.