Il colloquio di lavoro

Scritto da , il 2017-01-13, genere dominazione

un gioco che ogni tanto propongo alla mia lei è quello di andare a fare colloqui di lavoro.
leggo molti annunci e scelgo quelli con scritto: bella presenza.
tempo fa lessi un annuncio di lavoro: cercasi donna libera da impegni familiari, di bella presenza, disposta a viaggiare.
le dissi di telefonare.
era in viva voce.
dall'altra parte c'era un uomo.
chiese il nome, l'età, le chiese se avesse letto bene l'annuncio.
- chiediamo bella presenza, spigliatezza e disponibilità assoluta- disse
capirà che dovremo fare un incontro, è disposta a venire nel mio ufficio?
si , rispose la mia lei-
io solitamente faccio colloqui fuori orario, per essere più lieri, se vuole io posso incontrarla stasera dopo le 19, può andare?
si, a quell'ora sono libera.
il nostro è un lavoro di pubbliche ralazioni, venga vestita con una minigonna...
lei lo interruppe.
cosa intende per minigonna, io porto solo minigonne cortissime, se vuole vengo con pantaloni.
no no, va benissimo, venga pure con una minigonna corta, più è corta e meglio è...disse il marpione ridendo.
ascolti, se poi ha una foto da mandarmi via mail...
mi dia l'indirizzo- rispose lei
scelse tra le foto una con lei seduta sul divano, mini cortissima, maglioncino aderente, autoreggenti e stivali e la spedì. dalla mini si scoprivano le autoreggenti.
dopo qualche secondo arriva la risposta.
bella foto... se ne ha altre spedisca pure, favorirà il colloquio di stasera.
lei invia allora una foto di lei al mare in toples.
risposta- questa va ancora meglio , ne ha altre?
lei ne invia una con lei seduta in auto con minigonna cortissima e camicetta semiaperta..le tette in vista
risposta- vedo che non è una donna timida..è anche decisa?
lei aspetta un'oretta a rispondere. poi invia una foto di lei abbracciata ad un uomo, lei è di schiena e l'uomo le solleva la gonna e le palpa il culo. la foto la scattai io durante una serata piccantissima
risposta immediata - la faccenda si fa interessante.
allora lei invia una serie di foto scattate da me mentre sopa con diversi maschi
- stasera venga alle 1,30, voglio presentarla al capo, voglio che partecii anche lui al colloquio, è un uomo che sa apprezzare un colloquio fatto bene.
la sera lei va al colloquio, torna a casa verso mezzanotte.
e mi racconta:
sono arrivata, ho suonato e mi è stato detto al citofono di aspettare davanti all'ascensore.
sono entrata, il palazzo era deserto, solo uffici. vuoti
dopo qualche istante arriva l'ascensore, si aprono le porte e ci sono due uomini, uno di circa quarant'anni e un signore sui sessanta
entro e mi metto in mezzo ai due
l'uomo di sessant'anni mi guarda- ho visto le sue foto, complimenti, si chiama Angela, vero?
il vecchio non va tanto per il sottile e mentre mi parla mi mette una mano sotto la gonna da dietro. l'ascensore si ferma al piano
vedo che non ha le mutandine, angela, il fatto faciliterà il colloquio.
intanto l'atro mi tasta sotto la gonna davanti.
glie lo avevo detto che la signora era adatta ad un colloquio.
i due non apronno le porte dell'ascensore
allora, adesso le faremo alcuni test attitudinali, mi dice il vecchio, e affonda il doto nel culo con decisione, sento dolore.
l'amtro fa altrettanto con la fiha
i due muovono le dita dentro di me
si sta già scaldando...dice l'uomo che mi sditalina la figa
io infatti comincio a provare piacere
il vecchio toglie il dito e ne appoggia due
sono in piedi a gambe aperte tra i due
sento le due dita aprirmi il culo
piego le gambe per farle entrare meglio
adesso i due non parlano più. mi sditalinano con foga.
l'uomo più giovane si inginocchia davanti a me e si sputa sulla mano diverse volte
poi la appoggia e spinge. allargo le gambe
a fatica l'uomo spinge e finalmente la mano è nella mia figa..sborro!
i due a quel punto aprono le porte dell'ascensolre e mi portano nel loro ufficio.
una volta entrati mi danno i loro cazzi da succhiare, il vecchio ha un arnese da far paura
come lo prendo in bocca penso che voglio averlo nel culo
i due si fanno succhiare a lungo
poi il giovane si stende a terra e mi ordina di sedermi sul suo cazzo.
il vecchio prende una macchina fotografica e comincia a scattare foto mentre mi faccio chiavare
provo a dire un no...il vecchio ride...troppo tardi- mi dice- ho già parecchie foto comprometteti cara signora.
sotto l'altro continua imperterrito a scoparmi
il vecchi scatta ancota foto.
sono eccitata come una matta.
stringo le tette tra le mani che il vecchio possa scattare foto alle mie tettone, il porco
poi il vecchio mi fa alzare, mi fa appoggiare alla scrivania con le mani
passa la macchina fotografica al socio.
adesso scatta qialche foto mentre mi inculo la signora Angela.
lo sento appoggiare il suo cazzo
penso. spingi porco.
lui appoggia solo la cappella
allora gli dico cosa sto pensando...SPINGI PORCO!
lui spinge e mi entra dilatandomi
godo adesso come una vacca
lui mi pompa e vedo che il collega mi scatta foto.
il vecchio mi pompa per qualche minuto poi comincia a sborrare dentro di me
io continuo a godere
poi l'altro mi mette il cazzo in bocca e subito sborra e mi fotografa mentrte bevo il suo sperma caldo
quando il vecchi esce sento che sono spalancata e sento uscire di tutto.
i due si rivestono.
bene signora angela, adesso se non vuole che le sue foto finiscano in rete le offro di venire con me in viaggio di lavoro per due giorni , partiamo Martedo.
lo consideri uno stage.
adesso vada e buona notte, la chiamiamo domani.


Angela aveva appena finito di raccontare quando arriva sul suo telefono una mail.
lei la apre e ecco una mail con una ventina di foto allegate...lei tra i due ( vedo che il vecchio ha un signor cazzo)
ci vediamo Martedi mattina alle 8 da noi, non si faccia aspettare..
il mattedi....( continua, Lo stage di una vacca)

Questo racconto di è stato letto 7 5 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.