Erotici Racconti

Il vicino della casa in montagna

Scritto da , il 2017-01-04, genere tradimenti

in settembre siamo stati in montagna per alcuni giorni. abbiamo affittato una piccola casa.siamo arrivati il venerdi pomeriggio verso le 5. la casa era in fondo al paese. vicino alla nostra la casa di chi ce la aveva affittata poi il paese finiva.
avevo prenotato al telefono, il numero me lo aveva dato un amico.
avevamo prenotato la casa per una settimana.
arrivati suonammo alla casa vicina e venne ad aprirci un signore sui sessant'anni.
ci accompagnò e ci mostrò la casa che avevamo affittato.
ci salutammo.
stavamo mettendo in ordine le nostre cose che sentimmo bussare, era lui che si presentò con pomodori e insalata- io ho l'orto, non andate ad acquistare verdura, ve la porto io.
simpatico- disse mia moglie quando se ne andò..
marpione, pensai io.
il giorno dopo andammo a farci una camminata e tornammo a mezzogiorno.
entrammo e lei si tolse la aglietta sudata restando in reggiseno
avevo aperto la finestra che dava sul giardino ed ecco apparire il padrone di casa...posso? vi ho portato dell'insalata.
mi voltai per andare alla finestra ,a lei fu più rapida di me e in reggiseno e pantaloncini andò a prendere la verdura.
grazie, gentilissimo - gli disse.
lui la guardava con un leggero sorriso...di nulla, buon pranzo!
lui se ne andò e lei mise l'insalata sul tavolo.
sorrideva.
dopo pranzo io andai a riposare e lei si mise in costume e andò nel giardino a prendere il sole.
mi svegliai verso le 16...sentii lei che parlava...e sentii la voce del vecchio vicino
mi affacciai alla finestra. lei era stesa sul salviettone a prendere il sole, senza reggiseno, e lui in piedi che parlava con lei.
non mi vide, lei si.
mi feci di lato e mi nascosi dietro le tende.
parlavano e ridevano e lui non le staccava gli occhi dalle tette.
era in pantaloncini e con una mano, mentre parlava con lei, si toccava l'uccello.
i pantaloncini erano corti e un pezzetto di uccello fuoriusciva
dotato il vecchio...pensai
lei parlava facendo finta di nulla
poi lei si mise a sedere ..parlavano. lui lentamente parlando si avvicinava a lei restando in piedi e arrivo sul fianco di lei .lei faceva finta sempre di nulla anche se lui continuava ad accarezzarsi l'uccello.
poi si mise in piedi a fianco, il suo pacco era all'altezza della faccia di lei, ormai metà cazzo spuntava da sotto i pantaloncini grigi.
non c'erano più di dieci centimetri tra il cazzo e la faccia di lei.
lei parlava e rideva poi lei si voltò verso di lui e gli diede un bacio sulla cappella gonfia.
lui si guardò intorno, mi nascosi. il giardino era protetto da una siepe. quando ricominciai a guardare lui si stava mastirbando davanti alla faccia di lei. aveva gli occhi chiusi. lei ogni tanto gli leccava la cappella e lo vidi venirle in faccia e sulle tette. mi ritrassi per non essere visto.
lei rientrò dopo una decina di minuti... allora, piaciuto lo spettacolo? mi disse
sulle tette ancora i segni della sborrata.
insomma...le dissi...potevi fare di meglio... a dire la verità mi piace sempre vederla fare la troia.
sarà per la prossima volta, rispose e rise.
la sera volle fare sesso con la finestra che dava sulla casa del vico aperta e la luce accesa.
vive solo- mi disse- me lo ha detto oggi pomeriggio..
gli ho detto che stasera mi sarei fatta vedere mentre mi scopavi.
feci di tutto perchè lei si vedesse dalla finestra mentre la scopavo.
il giorno dopo andammo a farci un giro in auto.
la sera lei mi disse di andare i paese a prendere del gelato e di tornare senza fare rumore, sarei stato io a gurdare dalla finestra aperte. dovevo solo nascondermi in giardino, lei lo avrebbe invitato per un caffè dicendogli che restavo fuori un'oretta.
la salutai da fuori ad alta voce... torno fra un'oretta, le dissi.
naturalmente non andai a prendere gelato, aspettai poco lontano nascosto dietro una casa che dava sulla strada. la vidi uscire e suonare alla casa del vecchio. poi i due entrarono da noi. mi avvicinai e entrai nel giardino senza far rumore. la luce della camera da letto accesa.
mi nascosi.
lei e lui in piedi.
lui la baciava e le sue mani erano sul culo di lei.
vidi che le sollevava la gonna
lei sotto non aveva nulla
poi lei sparì alla vista e capii che stava succhiando il suo cazzo
lui in piedi.
poi lei si alzò
si mise alla finestra appoggiandosi al davanzale e vidi lui in piedi dietroi di lei.
lo vedevo che la scopava tenendole le tette da dietro
lei si muoveva e rideva
immaginavo il suo grosso cazzo dentro di lei.
poi lei sussurrò più volte in modo che io sentissi...nel culo...nel culo...mettimelo nel culo!
lo vidi indietreggiare e poi rifarsi sotto
così...spingilo nel culo! sussurrava lei .
poi lei smise di ridere, ansimava..lui da dietro spingeva e dava colpi violenti
ancora, ancora, sfondalo.... lei rantolava parole da vacca.
lui cominciò a muoversi forsennatamente e lei cominciò a venire....adesso riempimi il culo di sborra...lo sentii rantolare a lungo. poi si fermo di colpo
lei ancora godeva... la sento tutta nel culo.... adesso vai che tornerà mio marito..
lui si rivesti in fretta, lo vidi attraversare il giardino barcollando. rientrò a casa e io bussai alla porta. sono qui, mi apri... è aperto gridò lei. entrai e lei era riversa sul letto, dal culo le usciva un ruscello di sborra.
mi sono tolto tutto e ho preso il posto nel suo culo che prima era occupato dal cazzo del vecchio. adesso tocca a me , troia.
e ho scaricato dentro di lei tutto quello che avevo.....il giorno dopo ( continua)

Questo racconto di è stato letto 8 5 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.