Figlia, moglie, madre modello - 4° Cap. - Prima parte

Scritto da , il 2010-07-01, genere incesti

Figlia, moglie, madre modello



4° Cap. – Il figlio della portinaia - Prima parte



Un pomeriggio, approfittando della momentanea assenza della portiera, dissi a Bruno che mio marito la sera lo avrebbe atteso a casa, se voleva parlargli, e che mi scusavo se non sarei stata presente, ma io e mio figlio avevamo degli impegni che ci avrebbero tenuti lontano da casa per tutta la serata.

Vidi gli occhi di Bruno brillare: stando solo con mio marito poteva dare libero sfogo ai suoi desideri.

La sera, quando Bruno suonò alla porta, io e Franco ci nascondemmo nella mia camera da letto davanti allo schermo per godermi lo spettacolo che stava per iniziare tra Bruno e mio marito. Tanto per cominciare io e mio figlio ci denudammo dalla vita in giù e iniziammo ad accarezzarci reciprocamente i sessi.

Come d’accordo Mario, a sua discrezione, poteva organizzare tutte le variazioni che reputava opportune a secondo dello svolgimento della serata.

Mario fece entrare Bruno in salotto.

“Accomodati, Bruno, mia moglie mi ha detto che volevi parlarmi…”

Bruno si avvicinò a mio marito e gli mise una mano sul cazzo, sopra la patta dei pantaloni.

“Me lo da? Ho pensato molto all’incontro che abbiamo avuto… mi è piaciuto molto… e poi mi aveva fatto una promessa…”

Però!! il ragazzo era abbastanza intraprendente..

“Scusa, non ricordo… che promessa?” mentì Mario.

“Mi aveva promesso che la prossima volta che ci saremmo visti me lo avrebbe succhiato…”

“Io mantengo sempre le promesse… se poi si tratta di spompinare il cazzo di un bel diciottenne ancora di più… tiralo fuori…”

Quando Bruno abbassò la zip e tirò fuori il cazzo io e Franco ci scambiammo un gesto di ammirazione: era veramente un gran bel cazzo.

“Papà aveva ragione, è un cazzo di tutto rispetto… mamma, pensi che papà se lo farà mettere nel culo?”

“Non so come proseguirà la serata, ma certo sarebbe un peccato non approfittarne… al solo pensiero la mia passera è già un lago…”

“Lo sento mamma… mi hai bagnato tutta la mano…”

“Lascia stare il grilletto, altrimenti mi fai venire… infilami le dita nella fica… uhm… si, così… guardiamo… che lo spettacolo si fa interessante…”

Intanto Mario aveva iniziato a segare il cazzo di Bruno… ogni tanto faceva colare la saliva sul palmo della mano per poi passarlo lungo tutto il cazzo e renderlo viscido: questo trattamento aveva fatto prendere al cazzo delle dimensioni veramente impressionanti.

“Che ne diresti di toglierci i pantaloni per stare un po’ più comodi?”

Bruno acconsentì subito all’invito di Mario. Entrambi rimasero nudi dalla vita in giù: anche il cazzo di mio marito era già bello turgido.

“Vieni, accarezziamoci un po’ e parliamo dei nostri desideri…”

Si misero seduti sul divano vicini, uno di fronte all’altro, i due cazzi quasi si toccavano. Ognuno prese in mano il cazzo dell’altro e cominciarono una lenta masturbazione reciproca. Mario avvicinò il viso a quello di Bruno.

“Ti andrebbe di baciarmi?”

“Non so… non l’ho mai fatto…”

“Se vuoi possiamo provare… tira fuori la lingua…”

Bruno tirò fuori la lingua… Mario tirò fuori la sua… le due punte si toccarono ed entrambi iniziarono un leggero movimento delle due lingue… punta contro punta… poi piano piano aumentarono il movimento e presero a leccarsi tutta la lingua.

All’improvviso Mario fece colare molta saliva sulla lingua di Bruno e poi se la infilò tutta in bocca e prese a succhiarla… poi fu il suo turno a tirare fuori la lingua… Bruno capì, ci sputò sopra un bel po’ di saliva e se la infilò in bocca succhiandola bene. Poi Mario tolse la lingua dalla bocca di Bruno e lo fissò.

“Ti è piaciuto?”

“Mi ha eccitato moltissimo… non credevo fosse così piacevole anche tra uomini…”

“E allora seguitiamo a baciarci… porco…”

Mio marito mise una mano dietro la nuca di Bruno e lo attirò verso la sua bocca… mentre seguitava a segarlo con passione… labbra contro labbra, lingua in bocca, reciproche linguate, saliva sputata in bocca… si baciarono diversi minuti come due amanti appassionati.

Non avevo mai visto mio marito baciare un altro uomo e la cosa mi mandò in visibilio… ero eccitatissima… sentii il cazzo di Franco vibrarmi in mano… lo strinsi…

“Anche a te ha eccitato vedere tuo padre baciare un altro uomo?”

“Mamma mia… da morire… non credevo… quella saliva sulle labbra, sulla lingua e poi leccarla, baciarla, ingoiarla… stupendo…”

Riprendemmo a guardare.

I cazzi di Mario e Bruno avevano raggiunto una splendida erezione… la doppia reciproca masturbazione aveva dato i suoi frutti.

Mario si rivolse a Bruno, mentre seguitava a succhiargli e a leccargli la lingua.

“Dimmi Bruno… ti piace il cazzo?”

“Si… tanto…”

“Hai già avuto altre esperienze del genere?”

“Si… con qualche mio amico…”

“Lo hai preso anche nel culetto?

“No… abbiamo fatto solo con le mani e la bocca…”

“Allora hai un bel culetto vergine…”

“Non proprio…”

“In che senso?”

“Nel mio culo non è entrato ancora nessun cazzo… ma quando mi masturbo mi inculo sempre con qualche oggetto idoneo… vibratore… candela… mi piace molto…”

“Allora il tuo culetto è pronto per conoscere il cazzo…”

“Si… da parecchio…”

“E dimmi, Bruno… ti piace la fica?”

Bruno assunse una strana espressione, come di tristezza…

“Moltissimo… ma la fica che piace a me non posso averla…”

Io e Franco ci guardammo con aria interrogativa.

Anche Mario rimase sorpreso della risposta di Bruno.

“Perché non puoi averla? A chi appartiene?”

Bruno non rispose, ma aveva aumentato il ritmo della sega che stava facendo a Mario, come se il pensiero della fica avesse aumentato la sua eccitazione.

Mario comprese che Bruno aveva qualche segreto ed immaginò anche quale.

“Scommetto che hai qualche desiderio nascosto, vero?”

Bruno annuì con la testa.

“Ti rammenti la mia promessa? Di succhiarti il cazzo e ricambiare la sborrata in bocca? Bene… adesso ti faccio un gran bel pompino… e mentre ti succhio tu mi confessi il tuo desiderio… OK?”

Bruno rimase ancora un po’ in silenzio, poi rispose…

“Mi vergogno…”

Mario si inginocchiò davanti a Bruno e cominciò a leccargli il cazzo… alternava colpi di lingua e succhiate con domande rivolte a Bruno.

“Slurp… slurp… se indovino di chi è questa fica me lo dici? Slurp… slurp…”

Bruno chiuse gli occhi per godersi il pompino, ma Mario lo richiamò…

“No… apri gli occhi… guardami mentre ti succhio il cazzo… e devi guardarmi mentre ti dico di chi è questa fica proibita…”

Bruno aprì gli occhi…

Mario lo fissò…

“Ti piace come ti spompino il cazzo? Ti faccio godere?”

“Oh!! Si… moltissimo…”

“Scommetto, però, che preferiresti ci fosse tua madre a succhiarti il cazzo… vero?”

Bruno sobbalzò…

“No… Dio… che dici…”

Mario imboccò tutto il cazzo, fino a farselo arrivare in gola… poi lo tolse e fissò nuovamente Bruno.

“E’ di tua madre la fica, vero? E’ lei che vorresti scoparti… di la verità… sii sincero… porco… depravato… te la vorresti inculare… vero?”

“Siiii!!! È vero… è una troia… mi fa soffrire… si masturba… e mentre gode urla… ben sapendo che sto in casa… per farsi sentire… e io la spio attraverso la serratura… lei sa che la guardo… allarga le cosce per farsi vedere… raggiunge orgasmi favolosi mentre io la guardo e mi masturbo… lei lo sa… è una porca… ma io non ho il coraggio di entrare e fare qualcosa… e anche lei non dice niente… mi fa morire dal desiderio… ma so che non potrò mai averla… perché è mia madre…”

Io e Franco ci guardammo.

“Hai capito la troia… fa eccitare suo figlio, ma poi lo lascia a cazzo dritto… è una gran figlia di puttana… far soffrire così suo figlio… madre snaturata…” esclamai.

Franco mi dette un bacio sulla guancia.

“Tu non mi lascerai mai a cazzo dritto, vero mamma?”

“Amore, pensi che la tua mamma ti lascerebbe eccitato e insoddisfatto? Sappi che troveresti sempre tra le mie braccia, e tra le mie cosce, qualunque appagamento dei tuoi desideri… come sono certa che non trascurerai mai la fica della tua mamma lasciandola bagnata di voglie insoddisfatte…”

“Mamma… ma che dici… preferirei morire piuttosto che trascurare la tua deliziosa fica… mi ha stregato… “

“E allora dammi una bella leccatina alla fica, tesoro… il pensiero che Bruno si vuole scopare la madre mi ha fatto eccitare ancora di più… ripenso al tuo desiderio di incularmi… vieni, bevi un po’ del miele che mi sta uscendo dalla fica, mentre io guardo quel porco di tuo padre con il cazzo di Bruno in bocca…”

Franco si inginocchiò e prese a leccarmi la fregna con la sua solita passione… io ripresi a guardare Mario e Bruno.

Dopo un altro po’ di spompinate Mario si riavvicinò a Bruno e, baciandolo nuovamente in bocca, gli chiese:

“Pensi sia piacevole scopare con il proprio genitore?”

“Si, Signor Mario… penso sia eccitantissimo…”

“Anche tra padre e figlio?”

Bruno lo fissò… il suo viso era una maschera di libidine…

“Dio mio… Sig. Mario… padre e figlio che si inculano… dovrebbe essere stupendo…”

“Beh! Io con l’età che ho potrei essere tuo padre…”

“Si, ci ho pensato… infatti mi piace farlo più con lei che con i miei coetanei… farlo con un uomo molto più grande è più perverso…”

”Sei proprio un bel porcellino… hai mai giocato con due cazzi? Lo hai mai fatto in tre?”

“No… ma credo mi piacerebbe molto…”

“Se vuoi ci sarebbe un altro cazzo pronto per te, stasera…”

“Un altro cazzo… e chi sarebbe?”

“Sai, io e Franco, mio figlio…”

Mario non terminò la frase, sperando che Bruno capisse… Bruno capì e lo guardò sbalordito…

“Vorrebbe dire che lei e Franco godete insieme?”

“Si… e con grande reciproco godimento…”

“Dio santo… e mi dica… vi siete inculati?”

“No, ancora no… ma ci siamo molto vicini…”

Rabbrividii… Mario cominciava a desiderare di inculare Franco e essere inculato da lui.

“Franco, amore… hai sentito papà?”

Franco si sollevò dalla mia fica e con il viso completamente viscido dei miei umori mi venne vicino.

“Si, mamma, ho sentito… prima o poi doveva accadere… ma tu lo desideri?”

“Da morire tesoro… sai quanto mi eccita vedere due uomini godere insieme… quando vi siete spompinati mi avete fatto morire… da allora ho auspicato con grande desiderio una vostra inculata reciproca… ognuno di voi svergina il culetto dell’altro… il papà al figlio… il figlio al papà.

Ma non ho voluto forzarvi a farlo… voglio che ognuno di voi abbia il forte desiderio di farselo mettere nel culo… il padre dal figlio… il figlio dal padre… senza pressioni anche psicologiche esterne da parte mia… da ciò che ho sentito, tuo padre lo desidera… e tu?”

Franco mi guardò un attimo, poi mi strinse forte a lui.

“Mamma… vi amo entrambi… e voglio essere di entrambi… quando ho spompinato papà ho sentito un grande godimento… come quando lecco la tua fica… a te il mio cazzo l’ho dato… e tu mi hai dato la fica… adesso voglio dare il culo a mio padre… voglio che mi svergini… e se vorrà ricambierò con tutto il mio amore…”

“Tesoro, certo che papà vorrà che lo inculi… ed io vi sarò vicina a condividere con voi il vostro piacere… adesso vai da papà e da Bruno… falli godere… dopo verrò anche io…”

“Si, mamma… ti amo…”

“Anche io tesoro… vai…”

Questo racconto di è stato letto 1 1 6 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.