Lavatrice aggiustata, figa donata

Scritto da , il 2014-01-11, genere sentimentali

Lavatrice aggiustata, figa donata.

Quel mattino, il caffè al bar, lo stavo sorseggiando stando seduto, ero assorto in qualche pensiero, avevo risposto d’istinto al buongiorno rivoltomi da una donna. Alla frase “ma mi hai riconosciuta”, mi sono risvegliato, dal torpore dei pensieri, m’ero accorto che la persona, che stava davanti a ne e mi aveva rivolto il saluto, era un’amica che non vedevo da molto, ed aveva cambiato sia pettinatura che colore dei capelli. Ci siamo abbracciati e baciati. Dopo un buon quarto d’ora di conversazione, Terry mi aveva chiesto se per caso avevo visto “Rino”, una persona che per anni aveva lavorato come tecnico in un centro riparazioni elettrodomestici, aveva bisogno del suo intervento. No non l’avevo visto.
Così mi aveva raccontato del problema della sua lavabiancheria “non centrifugava”, anziché chiamare il centro assistenza, per Lei un po’ costoso, voleva avvalersi di “Rino” il cui tariffario, da pensionato, era senza dubbio più basso.
Mi ero proposto di risolverle io il problema, le disse che probabilmente era solo il filtro intasato, lei non sapeva metterci mano, prima erano operazioni di competenza del marito, era rimasta vedova da un anno e non aveva mai messo mano alla lavatrice ed altre cose.
L’avevo seguita, con la mia macchina, fino a casa sua ed eravamo saliti nel suo appartamento.
Avevamo raggiunto il bagno, la lavatrice era in funzione ma il cestello ruotava a bassi giri. Prima cosa le avevo chiesto un contenitore basso ed uno strofinaccio, intanto mi ero tolto la camicia, avendole prima chiesto il permesso, non volevo si sporcasse, spenta la macchina, svitato il filtro, fatto fuori uscire l’acqua con: due bottini, una spilla, una pallina composta da peli, capelli e filamenti di tessuto; asciugato, richiuso e rimesso in azione la lavatrice, dopo poco la centrifuga s’era attivata.
Mi aveva battuto le mani e mi aveva schioccato un bacio sulla bocca, esclamando un bravo per il risultato ottenuto.
Subito mi aveva chiesto quanto volevo come compenso. La mia risposta immediata fu: nulla.
Lei: almeno un caffè pagato al bar.
Io: bene, poi un altro bacio.
Appena finito di pronunciare la frase avevo già la sua lingua in bocca, il bacio era coinvolgente. L’avevo afferrata sotto le ascelle e l’avevo fatta sedere sulla lavatrice in centrifuga e avevo attivato il tasto: limonare e accarezzare. Anche le sue mani accarezzavano il mio corpo nudo, avendo tolto la camicia.
Poco dopo, le nostre effusioni erano continuate sul letto della camera.
Non vi erano molti capi da togliere, via l’abitino, via il reggiseno ed il minuscolo slip, e lei era li bella, con due tette sode una terza con capezzoli appuntiti, una fighetta con pelo corto e regolato a dimensione dello slip.
Terry si era messa ad armeggiare la mia cintura e in pochi attimi anch’io ero nudo, con il cazzo già ritto dinnanzi a lei.
Quanto ci siamo leccatati e baciati, lei era in astinenza di cazzi da molto, aveva giocato con oggetti in lattice e ogni tanto, sesso con una cara amica, così mi aveva confidato, tra una leccata e l’altra.
I nostri giochi erano durati almeno due ore, dopo un pompino splendido, con sborrata divisa fra la sua bocca e le sue tette, il mio leccare la sua figa con penetrazione da sotto e alla pecorina per sborrare ancora, ma ora nella sua calda passera.
Avevo dedicato molto tempo a baciare la sua bocca e le tette con un sapore mischiato fra il dolce della sborra e il salato del sudore.
Eravamo abbracciati e un po’ assopiti, mi stava sussurrando, che dopo poco sarebbe arrivata l’amica che veniva a darle una mano nel sistemare casa, era la stessa con la quale faceva sesso. Se io ci stavo voleva farle una sorpresa. Ci sarei stato, e lei mi aveva anticipato: non è gran che, ma non è nemmeno male.
Passarono circa dieci minuti avevamo avvertito lo squillo del campanello della porta .
Terry, senza battere ciglio, si era alzata e stava andando ad aprire all’amica, m’ero messo a sbirciare il suo ingresso. La vidi entrare, una biondona alta, una gran bella donna. Terry abbracciò subito l’amica Irina, lei era estasiata di vedere la padrona di casa completamente nuda. Si stavano baciando in modo forsennato, Irina accarezzava il bel corpo dell’amica, era scesa anche sulla passera e aveva esternato il fatto che fosse tanto bagnata li, Terry s’era giustificata che in sua attesa aveva iniziato a giocare con uno dei loro gingilli, ma ora era arrivata lei, e la invitava in camera, aveva anche pronunciato la frase “oggi ti faccio una sorpresa, se ti fidi, vedrai quanto ci divertiremo” Irina aveva acconsentito.
Le aveva legato una fascia agl’occhi, la stava conducendo in camera, era iniziato uno spogliarello, senza tralasciare qualche carezza e bacio.
Irina era stesa sul letto e Terry aveva iniziato a palpeggiarla e a limonarla.
Ora dovevo entrare in gioco io, senza, per ora, farmi sgamare.
Ero partito dai capezzoli, leccavo e succhiavo, Irina mugolava e ringraziava l’amica per il benvenuto vigoroso.
Il secondo obbiettivo , la sua passera, attorniata da un bosco biondo, con peli piuttosto lunghi, ero aiutato dalle mani di Terry che avevano messo in mostra le labbra della figa.
Avevo iniziato a palpare le tette, a questo punto Irina aveva domandato “ma quante mani hai, ne sento quattro”, e si era messa a ridere.
Aveva capito la presenza di un’altra persona
Con il mio uccello, che lo potrete immaginare anche voi, era divenuto proprio duro, mi ero avvicinato alle tette ed in particolare sfregavo i capezzoli, a questo punto la bella ucraina, quasi urlando aveva detto “mi sembra di sentire profumo di cazzo” e senza aspettare s’era tolta la fascia che le copriva gli occhi e aveva potuto ammirare il mio uccello duro davanti al suo viso.
Per prima cosa l’aveva baciato e leccato, poi aveva domandato “da dove arriva quel bell’uomo con questo bel attrezzo”, Terry aveva fatto le presentazioni, ma la bionda era già intenta a giocare con il cazzo vero che io avevo in dote.
Dopo un meraviglioso pompino, era giunto il momento di penetrarla, la sua figa bagnata dalle mie leccate, aveva accolto il cazzo, e stantuffavamo.
Terry limonava la sua amica.
Per una buona mezz’ora ci eravamo scambiati di posizione e si erano alternate a prendere il cazzo nelle loro calde tane.
Irina l’aveva dichiarato che aveva voglia di crema calda, a quel punto le avevo donato il cazzo, che lo aveva infilato in bocca e con quattro leccate/succhiate mi aveva fatto sborrare nella sua cavità orale, aveva lasciato a Terry le ultime gocce da leccare.

Questo racconto di è stato letto 7 4 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.