Work Shop 2 (epilogo)

Scritto da , il 2013-07-23, genere sentimentali

Dopo il sorprendente successo ottenuto durante l’incredibile convegno che mi aveva vista protagonista dell’evento organizzato dall’anziano amico, capace di sapermi coinvolgere in una situazione così inusuale come quella di posare di fronte ad gruppo di fotografi amatoriali opportunamente selezionati per dare seguito al particolarissimo scopo, divenne quasi inevitabile la richiesta di una ulteriore replica.
Ancora una volta il luogo destinato per dare seguito alla esclusiva manifestazione venne individuato presso un motel, riservando ai pochi prescelti l’opportunità di poter accedere nella stanza a poter presenziare alla sessione di posa in assoluta tranquillità.
In attesa del sopraggiungere dei partecipanti mi predisposi come stabilito facendomi trovare coperta con la sola vestaglia che, appena sfilata, ne avrebbe ribadito ai presenti la totale disponibilità.
Lasciando cadere quell’unico baluardo a protezione della mia essenza più intima, prendendo posto al centro del letto, integralmente esposta al piacere visivo degli sconosciuti estimatori, già palesemente ansiosi di possedere completamente il mio corpo, attraverso quelle ottiche entro le quali la mia immagine sarebbe stata definita in maniera indelebile sulla cellulosa delle pellicole, mi abbandonai all’amplesso rivelandomi priva di ogni possibile inibizione.
Ancora una volta attorniata dai focosi estimatori, offrendomi alle lunghe focali degli obbiettivi, quasi che fossero estensione della protuberanza dei loro organi genitali, mi prestavo a soddisfarne singolarmente le richieste lasciando che la mia nudità fosse compenetrata in ogni dove, predisponendomi come mi veniva espressamente richiesto. Avviluppata in quell’orgiastica situazione di sensazioni emotive, rispondendo docilmente agli ordini che mi venivano impartiti, rendendomi sempre più schiava dei perentori desideri degli esigentissimi amanti, ne soddisfacevo ubbidiente le richieste ritrovandomi sempre più cerebralmente coinvolta.
L’epidermide accarezzata dalla fremente passione che non mi preoccupavo per nulla di voler celare alla vista di chi si trovava di fronte, confermava quanto fossi realmente compartecipe, trasferendo nelle persone dalle quali ero attorniata l’identico desiderio di giungere sino all’orgasmo più estremo.
La mente invasa dalle richieste che susseguendosi mi imponevano di soddisfarle a turno, senza tralasciare nulla che potesse non compiacere ogni singolo astante dell’incredibile baccanale al quale mi stavo dedicando, rendeva quella mia partecipazione ancora più eclatante anche sotto il profilo emotivo, come nessun altro avrebbe potuto mai sospettare.
L’anziano amico osservava immensamente compiaciuto con quale crescente determinazione venivano impartite le indicazioni sul come dispormi a consentire che ogni aspetto della mia nudità fosse posto in ulteriore risalto.
Al termine, esausta come se fossi stata realmente penetrata da ognuno di essi, dopo che si furono accomiatati, mi abbandonai riversa sul letto ancora esposta nella mia nudità più assoluta, ascoltando i lusinghieri commenti dell’anziano amico che, ribadendomi anche la propria incommensurabile soddisfazione non mancava di rammentarmi come tutto ciò avrebbe morbosamente stimolato anche le passioni del mio stesso compagno.
Ancora pervasa dall’euforico effetto di una simile esibizione non riuscii più a trattenere l’istinto di masturbarmi, pur consapevole della presenza dell’anziano ospite che imperturbabilmente, come se ciò fosse stato del tutto naturale, mi osservava godendosi l’eclatante spettacolo delle convulsioni che gli stavo così impudicamente elargendo incapace di saper resistere oltre al desiderio di trovare tattilmente l'orgasmo.

Questo racconto di è stato letto 2 5 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.