Ma tu vai piano

Scritto da , il 2010-03-08, genere poesie

Qualcosa vibra,

non so se l'aria

o dentro di me.

Mi sento bagnata

mi sento perduta.

Ora,

che sono tra le tue braccia,

labbra sulle labbra,

pelle su pelle,

respiro su respiro.

La tua lingua è agile

fruga ogni anfratto,

la voglia sale,

mi fa stare male.

Urge il mio corpo

che tu giunga alla meta, (ma tu vai piano)

che è l'intenso piacere,

per poi darlo a te,

colmando il silenzio.

Avanti e indietro,

sopra e sotto,

dentro e fuori.

Finché il cielo regge,

e tutto si scioglie,

piumato d'azzurro.

Questo racconto di è stato letto 2 9 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.