La fine di una storia e una nuova

Scritto da , il 2023-03-17, genere trans

Continuo a ballare e sniffare.
Sono davvero su di giri. Nuda con le ragazze che ridono giocano ballano e si stuzzicano.
Cleusa mi gira in torno ballando dandomi bacini sulle spalle e sulle mani e braccia. Che restituisco divertita.
Yenitse che dice “ sigarette ne abbiamo? Che altrimenti non si possono fare canne.”
Sono finite e io “ esco a prenderne io. Così passo a casa a prendere delle cose.” E Cleusa... “ ti accompagno io.”
Annuisco...
Raccolgo il latex nero di una delle gemelle e dicendole “ posso?” Lo indosso.
Neanche mi sente...
Mi sta lungo sotto il ginocchio, ma la doppia zip sia sotto che sopra mi permette di lasciare le gambe scoperte. E abbasso anche la superiore fino all’ombelico.
Giacca di pelle sopra.
Cleusa mette il mio vestito nero. Che le sta strettissimo e la parte assimetrica le arriva al ginocchio. E l’apertura sull’altro lato sopra il fianco.
Lasciali suo stivale bianco. E mette anche lei un giacchino corto bianco di simil pelle.
“ mi sta bene?”
“ divinamente” e sotto il suo enorme pene ora in posizione rilassata rigonfia il tessuto.
Usciamo e prendiamo la mia macchina.
Bar tabacchi. Entriamo e ordino due caffè e prendo 4 pacchetti di sigarette.
Consumiamo.
Cleusa al mio orecchio “ gioia ci stanno guardando tutti...”
Mi guardo intorno. Vero tutto gli occhi addosso a noi.
“ non mi importa nulla. Basta ci lascino in pace...”
Usciamo....
Appena fuori....
“ Elisabetta?”
Mi volto e vedo una coppia di amici di mio marito. Silvia e il marito massimo.
“ ah ciao.... come state?”
“ bene grazie.... sola?” Domanda Silvia.
“ no no sono con la mia amica Cleusa” che si avvicina.
“ buongiorno” Cleusa saluta.
Ci scrutano dal basso in alto.
“ scusate ma devo andare di corsa.”
Saluti gli amici e dando le chiavi a Cleusa salgo dalla parte del passeggero.
Parte per tornare verso casa ma le dico di tornare dalle ragazze e che a casa ci passerò dopo.
Guida piano. La mia mano tira il suo vestito verso l’alto. Il pene moscio appoggiato sulla coscia a destra.
Lo prendo in mano.
Sospira e io....
“ guida attenta” le dico. Mi chino e lo prendo in bocca succhiando il glande. Leccandolo e giocando con la mano. Pulsa e comincia ad ingrossarsi al tocco della lingua.
“ casa.....” mentre parcheggia ultima leccatina. Sapore di sperma in bocca. Mi sollevo.
“ delizioso...” le dico.
“ si sei deliziosa”
Scendiamo....
Entriamo in casa.
Musica.... Adara sul divano seduta. Yenitse e Sara che in ginocchio davanti a lei si divertono a leccare il suo pene.
“ vedi le mie sorelline? Non perdono mai una occasione.” Cleusa dice mentre mi sfila la giacca.
E leva il suo.
Mi trascina al tavolo e prepara 4 strisce enormi.
“ a te l’onore Lilli”
“ ma grazie Cleusa. Lo apprezzo”
Sniffo tossendo e gli occhi lacrimano. Troppo larga e grande. Tossisco ancora mentre Cleusa ride.
E poi sniffa lei.
Ballo guardandole.... levo il vestito. E roteo su me stessa.
Cleusa con il cellulare in mano riprende me e le ragazze. Il suo pene enorme che esce dal vestito.
Prendo una bottiglia di vino e bevo dal collo. E ancora e ancora....
Cleusa si avvicina a me..... lato destro e si inquadra insieme a me....
Parte il video
“ ciao sorelline cattive.... sono qui con la mia nuova sorellina cattiva Elisabetta. Dolce mogliettina che il marito ha cacciato di casa perché lo ha tradito. Saluta le sorelline Lilli”
Mi inquadra e io
“ sorelline cattive ciao a tutte. Mi chiamo Elisabetta, ho 40 anni e un figlio di 10.
Ho la cellulite e sono bassa. Le mie tette oramai sono cadenti. I fianchi sono grossi e le gambe piene. E sto per diventare cattivella ella ella”
Cleusa che mi riprende dall’alto in basso e torna su di noi
“ Elisabetta di alle sorelle cattive cosa ti piace fare quando sei a letto. Sii onesta però”
La mia mano afferra il pene che enorme sta eretto.
“ allora sorelline mi piace essere presa ovunque. Amo i peni enormi ma anche leccare le patatine bagnate. Adoro i sapori forti in bocca. E sono anche esibizionista. Amo essere osservata. Anche in pubblico. E adoro sniffare con le mie sorrisone cattive” Linguetta di fuori.
“ bene allora fallo...”
Mi volto guardando in camera e mi chino e sniffo.
“ ecco. Visto sorelline? La sorellina maialina si diverte” rido.
Mi passa il cellulare.
E riprendo io ora. Cleusa che sniffa e poi appoggia il glande su della coca.....
Poi inquadro il suo viso che dice “ adesso Elisabetta potrà divertirsi”
Spengo il video.
Bevo dalla bottiglia mentre Cleusa siede sul tavolo.
Mano sul pene che comincia a far scivolare masturbandosi.
La coca sul glande mescola ai liquido trasparente che esce dal prepuzio.
E io.... mi chino e a gambe divaricate mani sul tavolo apro la bocca e appoggio le labbra intorno al glande.
Lingua che raccoglie quel nettare carico di coca.
Mi alzo e avvicino la bocca alla sua.
E lei mi infila la lingua fino in gola.
E rilascia saliva che io mi affretto a mandare giù.
Poi indietreggio e ballo davanti a lei.
Sara nel frattempo sniffa guardando me che danzo.
“ Cleusa io adesso prendo il pene di Sara in bocca. Ti spiace?”
“ no vai sorellina cattiva.”
Mi inginocchio e Sara mi appoggia il pene sulle labbra. Io lo spompino prendendolo in gola.
Solo alcune leccate e Sara a Cleusa “ le posso dare la mia sborra in bocca?
“ Certo sorellina”
E dopo che mi spinge per 4 volte il pene in gola lo estrae e menandolo lo punta sulle mie labbra che aperte con lingua fuori attendono.
Cleusa lato a me che con il cellulare mi riprende.
Sara “ sborrooooooooooooo”
Getto in gola. Secondo e terzo anche poi gocce di sperma sul naso e sul mento.
Prendo il glande in bocca aspirando il resto.
Mi alzo mentre Cleusa mi riprende ancora. Le mostro lo sperma in bocca e poi lo ingoio.

Continua

Questo racconto di è stato letto 1 8 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.