Il ragazzo delle pizze

Scritto da , il 2022-10-15, genere etero

IL RAGAZZO DELLE PIZZE

Il ragazzo delle pizze arriva puntuale. Lei lo accoglie in vestaglia trasparente,volutamente aperta e ampiamente scollata che lascia vedere un'ampia porzione di seno, l'ombelico ben visibile e l'orlo di stoffa delle mutandine rosse
La signora Pill ha cinta cinque anni, con un fisico tonico, con una lieve smagliatura di cellulite tra ombelico e mutandine. Un bel seno prosperoso, per nulla cascante e la bellezza di chi non si arrende alla sfioritura.
Paolo, il ragazzo, ha venticinque anni. Fa il corriere per arrotondare i suoi studi all’Università. Gli capita ogni tanto di incontrare qualche cliente tra i venticinque e i quaranta, molto avvenenti ma, nessuna che osava espandersi nel rapporto cliente venditore.
La signora Pill gli allunga una banconota da cinquanta euro, lo sguardo ammaliante da predatrice negli occhi del ragazzo. Il ragazzo sente accelerare il battito del suo cuore e qualcosa che si muove nei pantaloni. Una bella donna che gli risveglia un certo appetito sessuale.
Lui consegna la pizza e, lo sguardo si aggancia a quello di lei. Lui balbetta, cerca il resto e si avvede che non ha nulla darle “Pensaci bene” dice la signora Pill “Qualcosa da darmi ce l’hai”
E lui che si tasta frenetico nelle tasche, si blocca a bocca aperta quando vede la signora che si scosta la vestaglia mostrando un fisico asciutto e scolpito da ore di palestra. Con le mutandine rosse invitanti che cingono un sedere bello sodo
E lui che pensa “Sono finito in un porno di El Nino senza saperlo” e fissa le forme della matrona con il cazzo che si ingrossa sempre di più
Infila il cinquanta in una tasca ed entra. Lasciandosi trascinare dalla signora Pill in casa e farsi spogliare. Con la signora che, a suo avviso, non vede un uccello giovane da tempo immemore. Lei che non aspetta che lui si spogli completamente, che glielo estrae, così turgido e virile. Lei che si impala sopra di lui, sentendolo pieno e vigoroso. Lei che si abbandona a ricordi lontani, quando il marito la prendeva come una giumenta e si facevano cavalcate che duravano ore. Lei che, anche dopo la dipartita del marito, ha collezionato cazzi come figurine sull’album dei giocatori. Lei che, negli ultimi tempi si è un po’ isolata dalla fauna maschile.
E ora, con il ragazzo della pizza davanti a lei. Quando lo ha visto arrivare dalla finestra, l’antico fuoco della provocazione e seduzione si è risvegliato. In un attimo si è spogliata, si è messa una vestaglia e si è disposta ad aspettare lasciando che la natura facesse il suo corso.
E la Natura ha preso il sopravvento, il ragazzo è stato preso all’amo e lei si è compiaciuta sul fatto che, il suo corpo, è ancora tonico e desideroso di essere assaggiato.
Il ragazzo lascia condurre la signora Pill, artigliandosi con le mani ai suoi fianchi. E lei che si mette carponi, con le tette che ballano e rimbalzano maggiormente schiaffeggiandogli il viso. E lei che desidera rimanere impalata lì a cavalcare ancora..
Lui che le esplode dentro, con quel dolore devastante ai fianchi, poi liberatorio. Mischio di umori, di sesso frenetico e sudato. Lei che si abbassa verso di lui e lo bacia con tenerezza “Debito saldato”
E lui che azzarda un “Quando vuole, alla prossima pizza”
Lei sorride, aveva trovato il suo svago “Contaci”

Questo racconto di è stato letto 3 3 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.