Il mio amico ha fatto la spia a Mio Padre

Scritto da , il 2022-06-24, genere incesti

Nicola il mio compagno di classe ripetente durante un compito a squadre in fondo alla classe attaccati con la sedia io svolgevo il compito e lui una mano nella tuta a carezzarsi il cazzone altra mano dietro la schiena e cercava di infilarla nel pantalone per toccarmi il culo e io cercavo di spostarmi e lui mi diceva di stare fermo se ci beccavano mi avrebbe caricato di botte e lo faceva era bello grosso e forte e poi ha cacciato il cazzone e mi ha preso la mano e la poggiata sul cazzone caldo duro e io lo segavo per tenerlo buono ma la cosa mi eccitava mi ero eccitato il cuore mi batteva ma la voglia era tanta dalla cappella aveva un liquido La prof ha detto chi finiva consegnava e usciva e cosi ho accellerato i tempi e ho presentato il compito molto prima di altri e siamo usciti e siamo andati al bagno lui mi aveva messo di guardia al corridoio e da dietro strusciava il cazzone sulle chiappe mi afferrava per i fianchi e mi alzava stava arrivando qualcuno gli ho detto gente lui mi ha tirato nel ultimo bagno e ha chiuso a chiave mi spingeva verso la parete e strusciava il cazzone mi ha spinto in basso e ha cacciato il cazzone duro lungo come una spada e me lo strusciava sulla faccia mi ha stretto con una morsa la guancia e io stavo per urlare e lui ha messo dentro e ho iniziato a leccarlo e succhiarlo mi alzato di lato e mi ha calato i pantaloni e mi ha messo lo slip nelle chiappe come se fosse un perizoma e lo muoveva su e giu mi accarezzava le chiappe e le stringeva e mi ha appoggiato alla parete e mi ha tirato in fuori il sedere mi aperto le chiappe e mi infilato la lingua e insalivava piano infilava un dito e poi due e piano li muoveva dentro e fuori e mi ha girato il suo cazzone tra le cosce e mi ha baciato in bocca io sono rimasto fermo poi la sua lingua roteava nella mia bocca il piacere saliva e ho partecipato e ci siamo mangiati e mi leccava i capezzoli e mi ha chiesto hai paura che ti faccio male se vuoi posso aspettare cosi lo facciamo meglio ho gli ho detto di si mi ha abbassato e mi è venuto in bocca e io lo ingoiato e sono venuto anche io . ci siamo scambiati il telefono e gli ho detto che due giorni a settimana il martedi e venerdi mia madre fa orario lungo fino alle 19 sono solo . venerdi a scuola mi ha detto a che ora vengo gli ho detto appena usciti mangiamo insieme e cosi siamo arrivati a casa gli ho detto di farsi una doccia e riscaldato il pranzo e poi sono salito io abbiamo mangiato e siamo andati in camera mia sul mio letto nudi ci rotolevamo e a 69 anche lui mi h a succhiato e bagnato il buchetto avevo lavato bene a fondo e mi ha messo con un cuscino sotto la pancia e gambe aperte e spinto piano quando ha visto che la mia mano non lo fermava piu ha spinto tutto dentro e mi ha scopato poi a pecorina e poi gambe aperte e ci siamo baciati tanto e poi io sopra e li che mi ha detto dai veniamo insieme io sono pronto daiiiii e spingeva da sotto e io super eccitato bastato poco e cho urlato e siamo venuti insieme tremando e gemendo .ci siamo riposati e lo abbiamo rifatto di nuovo due volte alla settimana ci consumevamo di sesso

Questo racconto di è stato letto 4 7 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.