Il figlio cornuto 2 - Cercare altri cazzi per la mamma.

Scritto da , il 2021-10-22, genere incesti

-Ma mamma, io ti amo e voglio stare sempre con te come puoi chiedermi di procurarti un altro maschio?-

-Amore, lo sapevo che avresti reagito così.

Io sono la tua mamma ed anche se adesso viviamo come marito e moglie, non ti capaciti del fatto che io possa avere esigenze sessuali diverse.

Sei tanto giovane ed anche se vieni a letto con me, mi vedi sempre come la tua mamma.

Mi vedi come colei che ti ha partorito, che ti ha allattato, che ti ha educato, ti ha difeso quando tuo padre ti rimproverava, ti ha aiutato a scuola e ti ha offerto conforto quando avevi qualche problema o quando da adolescente avevi le tue prime polluzioni, o qualche tua amichetta non corrispondeva alle tue prime pulsioni d'amore.

Mi vedi come tua madre che ti amava ed era sempre pronta e disponibile per te.

Ricordo sai, quando quella volta aveva trovato le mie mutandine sporche del tuo sperma e anziché arrabbiarmi con te, ti aveva masturbato io stessa nella tua cameretta e poi te lo avevo ripulito con la bocca anche se in casa c'era tuo padre davanti alla TV.

-Che bello mamma, me lo ricordo come fosse oggi!

Oddio che bello e che voglia avevo di raccontarlo ai miei amici ma non l'avevo fatto perché tu mi avevi raccomandato "Amore, questo è un segreto mio e tuo e rimarrà per sempre il nostro segreto vero?"

Ed ed è rimasto per sempre un nostro segreto!-

-Ecco vedi bambino della mamma, noi abbiamo già un segreto ed io vorrei rivelartene un altro.-

-Quale?-

Aveva risposto il ragazzo in preda ad una nuova erezione.

-Che bello amore!

E' bello vedere che certi ricordi ti fanno eccitare.

Adesso la mamma te lo succhia ancora per gustare la tua cremina prima di andare a preparare la cena e mentre mangiamo ti svela l'altro segreto.-

La mamma gli si era inginocchiata davanti e dopo averglielo estratto, lo aveva leccato per un po' prima di imboccarlo per fargli un pompino sino a farlo sborrare nella sua bocca poi, prima di andare in cucina, gli aveva sfiorato le labbra con le sue umide di sperma.

Quando il ragazzo era entrato nel tinello dove la tavola era già imbandita aveva trovato la mamma seduta sulla poltroncina che, a cosce larghe si stava masturbando.

-Vieni amore, vieni dalla mamma, inginocchiati e falla godere con la tua meravigliosa lingua come io ho fatto con te.-

Il ragazzo eseguendo il desiderio della mamma le si era inginocchiato davanti e l'aveva leccata facendola gemere di un languido piacere sino a che lei, emettendo un grido sordo, sollevando il bacino e tirandogli a se la testa, aveva goduto riempiendogli la bocca ed annaffiandogli il viso con un incredibile schizzo di umori: Aveva squirtato come faceva quasi sempre quando il figlio le leccava la fica.

Dopo essersi ripresa dal violento orgasmo, guardando il figlio negli occhi gli aveva detto:

-Ecco amore, così faceva tuo padre quando in casa vi era un altro maschio.

Mi leccava, mi faceva godere, mi preparava per l'occasionale amante che neanche conoscevo e poi lasciava che l'altro mi montasse e mi facesse godere ancora col suo cazzo.

Non credere che lo facesse in quanto cornuto.

Tuo padre nonostante il suo brutto carattere capiva che la mia sessualità era (Ed è ancora) così debordante che non mi può bastare un solo maschio.

Amore, bambino mio, io ho bisogno sempre di cazzo, tanto cazzo per sentirmi davvero bene e vincere quel terribile mal di testa che mi viene quando non vengo soddisfatta sessualmente.-

Il ragazzo che l'aveva ascoltata senza togliere lo sguardo dai suoi occhi vogliosi e la bocca carnosa che già immaginava piena del grosso cazzo di un altro che la riempiva di sborra.

-Ma mamma io.....-

La mamma ponendogli l'indice sulle labbra l'aveva zittito e poi regalandogli un sorriso pieno d'amore gli aveva risposto:

-Tu sarai sempre il mio amore che mi fa godere con la sua dolcezza.

Sarai custode dei nostri segreti e sarai mio complice nella ricerca dei cazzi che mi fanno godere e mi fanno passare il mal di testa.

Tu sarai sempre mio e mentre io mi faccio soddisfare da un altro maschio, potrai assumere gli atteggiamenti che più preferisci come faceva tuo padre.

Potrai solo guardare e godere dei miei singulti e le mie grida quando il maschio mi trasporta verso violenti orgasmi col suo cazzo che mi martella senza tregua sino a infiammarmi l'utero coi suoi bollenti schizzi.

E mi potrai tenere tra le tue braccia, baciare, accarezzare, accompagnare con parole dolci i miei gemiti godendo tu stesso del mio piacere come se fossimo un corpo solo.

Sai quante volte tuo padre è venuto senza neanche toccarsi quando l'altro maschio mi godeva dentro.-

-Ma come faccio mamma a procurarti ciò che mi chiedi?-

-Amore oggi è il giorno in cui ogni segreto tra noi verrà svelato e se davvero vuoi, potremo cominciare una vita nuova.-

-Come?-

-Puoi fare come tuo padre cercando i maschi in rete.

Internet è pieno di uomini arrapati dai quali prendere il loro meglio senza impegni affettivi.

E poi vi è il vantaggio di poter scegliere quelli col cazzo che ci piacciono di più perché il trucco è proprio questo: Aver a disposizione il loro "arnese" il solo tempo che mi serve per godere senza alcuna altra aspettativa!

L'amore l'ho già ed ora sei tu come allora avevo tuo padre.

Quanto alla ricerca dei candidati, tu avresti anche il vantaggio dei tuoi amici ed i tuoi colleghi all'università tutti giovani e arrapati come te che sbavano all'idea di scopare una milf come me mettendo le corna al marito.-

-Ma mamma? I miei amici! E se poi ti riconoscono?

E poi, tu non hai più un marito!-

-Guarda che anche tuo padre mi ha fatta scopare da tutti i suoi amici ma nessuno sapeva che fosse mio marito.

Tutti loro credevano che il cornuto fosse altrove in quel momento-

-E come?-

-Intanto devi sapere che sono talmente abile nel truccarmi e trasformare il mio aspetto che ti posso assicurare, neanche tu mi riconosceresti.

E poi, vi è il meraviglioso regalo che mi aveva fatto tuo padre: Un pied a terre discreto ed appartato in un paese vicino confortevole ed attrezzato di ogni cosa: Vestiti-Intimo sexi-Parrucche-Maquillage per ogni genere di trucco e poi, oggetti di ogni genere per ogni tipo di sesso anche il più trasgressivo.

La cosa più bella poi è che ha due ingressi separati.

In uno entro ed esco come la signora seria che tutti conoscono mentre l'altra la uso solo per ricevere i miei ospiti in modo discreto.

Nessuno sa che i due appartamenti sono comunicanti tramite una porta segreta.-

-Davvero?!-

-Vedi amore che nonostante tutto questo, tu non ti sei mai reso conto della doppia vita che conducevo con tuo padre.-

-Se non fossi davvero tu a dirmi queste cose stenterei davvero a crederci mamma.-

-Amore, mi piacerebbe cominciare con quei due tuoi amici che hai portato a casa per studiare il mese scorso.

Mi sembrano due bei maschioni e poi, quello più alto deve essere un bel porco da come mi guardava.

Ti confesso che pensando a lui mi sono anche masturbata un paio di volte.-

-Ma come faccio?-

Aveva risposto il ragazzo timoroso ma sempre più coinvolto da quella prospettiva.

-Facciamo così!

Domani mattina mi accompagni li così vedi dov'è e come è il posto e quale è l'ingresso segreto.

Poi te vai a fare le tue cose e torni per l'ora di pranzo.

Preparati psicologicamente però perché ti potrebbe venire un colpo quando ti aprirò la porta e anziché trovarti davanti la tua mamma, sarai accolto da una fatalona arrapata e irriconoscibile.-

Quando alle 13 del giorno successivo il ragazzo aveva suonato il campanello, aveva il cuore che gli scoppiava nel petto.

Ad aprire vi era una donna alta almeno 10 centimetri più della mamma, una folta capigliatura bionda che la faceva apparire ancora più alta.

Indossava dei pantaloni di leggerissima nappa nera strettissimi che la fasciavano come fuseaux mettendole in evidenza ogni piega del suo corpo compreso il taglio tra le natiche e le grandi labbra della fica.

Sulle belle gambe affusolate e lunghe, si stagliava il tronco sul quale stretti da una camicia di seta rossa, sopra due seni gonfi e rigogliosi sbocciavano due capezzoli che come proiettili parevano voler bucare la camicia aperta sul canale tra le tette messe in risalto dalla sua pelle bianca e liscia.

Sulle mani lunghissime unghie rosse come il lucida labbra che ne esaltava la forma ed il voluttuoso turgore.

Gli occhi truccati da un ombretto scuro con riflessi argentati erano resi fatali da lenti a contatto verdi e ciglia lunghissime.

A quella vista, il ragazzo temeva davvero di avere sbagliato porta tanto era irriconoscibile la sua mamma la quale, cosciente del suo stupore, lo aveva preso per mano e l'aveva tirato dentro.

Poi, dopo averlo spinto sulla porta, gli aveva appoggiato le labbra sulla bocca infilandoci la lingua e nel contempo stringendolo a se, gli aveva afferrato il cazzo stringendolo in modo doloroso.

-Mamma!-

Era riuscito a dire alla fine di quel bacio lungo, lascivo e voluttuoso.

-Amore!-

Gli aveva risposto la mamma trascinandolo verso un divano sul quale si era lasciata cadere allargando le cosce e mostrando al figlio le labbra della fica aperta sotto il taglio del pantalone mentre con un gesto delle mani si apriva la camicetta lasciando esplodere in bella vista le generose ed ancora turgide tette.

Segue







Questo racconto di è stato letto 5 9 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.