...forse è meglio la masturbazione!!

Scritto da , il 2021-09-18, genere comici

Dopo un mese di tirocinio, inizi a farti conoscere bene per quello che sei, e una tutor era turbata del fatto che io fossi una single “ come cavolo è possibile che una donna del tuo fascino e della tua bellezza non ha accanto un uomo!” mi diceva.
Sinceramente io stavo molto bene in questa condizione, e non mi vedevo di tutta questa bellezza che diceva lei…. Un giorno mi dice, vorrei farti conoscere un mio amico… un po' particolare ma, molto simpatico e con una come te accanto non potrà che tirare fuori il meglio di se.
Un po' particolare ?? sarà un cesso che non riesce ad accoppiarsi e lo vuole propinare a me, pensai.
E vediamo questo uomo particolare…tanto mica devo sposarmelo, ci accordiamo una uscita a 4, così da ammortizzare questo incontro.
Appuntamento venerdì alle 20:00, poi si va in una birreria-piano bar dove c’è un bellissimo ambiente, musica selezionata e possiamo sgranocchiare qualcosa… “stai tranquilla andiamo insieme”…. Appena lo vedrai mi dirai che ti ricorda qualcuno.
Come solito sono li molto tempo prima ( è una mia abitudine, è più forte di me), mi sento fortemente osservata, mi guardo intorno ma non riesco ad identificare da dove.
Alle 19:55 arriva la mia amica e il compagno , e alle 20 spaccate da una macchina posta proprio di fronte dove eravamo noi, esce un uomo… forse era da lì che venivo osservata pensai…. vestito già in maniera particolare, se particolare lo vogliamo chiamare… pantalone color cammello, quelli larghi in fondo stirati con la piega davanti, camicia bianca, e giacca di una tonalità leggermente più scura del pantalone ( un bignè insomma)…. Quando mi è stato davanti ho sgranato gli occhi ( la mia amica sorrideva in silenzio)… il sosia di PAOLO BONOLIS, identico ( speriamo che almeno faccia ridere come fa lui…).
“Piacere”, “il piacere è il mio” risposi… Vi dispiace se andiamo con due macchine, così io e la signorina possiamo conoscerci meglio”, ”ecco ci avrei giurato, non possiamo conoscerci con calma, poi in realtà tutta questa voglia di scoprirti, mica ce l’ho!!”…. così la mia amica si allontana con il suo compagno “ ci vediamo in via Rosselli”…. La sua macchina è un modello, forse appartenente ad un epoca diversa, mi apre la portiera e mi invita a sedermi… “scusami non voglio sembrarti maleducato, puoi solo tenere le scarpe fuori, prima di entrare… solo un attimo”…, ritorna con una specie di scovolino, preso dal bagagliaio e lo passa insistentemente sulle mie scarpe, “ sono tremendamente allergico alla polvere…” oh my God, pensai.
Appena seduto iniziò ad annusarmi….come un cane da tartufo, “c’è qualcosa che non va?? Gli chiesi. “Hai su un profumo in cui dentro c’è del gelsomino??” guarda non saprei si è un profumo con flagranza floreale ma non so se c’è il gelsomino ” speriamo perché sono allergico anche al gelsomino…. Miiii che serata che mi aspetta… il soggetto particolare sta venendo fuori… poi estrae da un cassettino della macchina uno spray che inizia a spruzzare in ogni parte della macchina, “è a base di eucalipto aiuta a respirare, se mi parte l’attacco di asma….”,” Annamo bene !!”… finalmente mise la macchina in moto, velocità costante ai 40 km/h, rallentamento al semaforo verde, perché poteva diventare giallo ….” Se andiamo avanti così alle 22 arriviamo e poi risalgo sull’altra macchina e me la dò a gambe elevate.
Come immaginavo la mia amica e il suo compagno erano già li che ci aspettavano…” tu me la paghi”!!”
Tavolo prenotato da lui, il numero 6, spiegandomi che nella lettura dei tarocchi il numero 6 corrisponde alla carta degli AMANTI, così come buon auspicio… “Si come no… cosa fai mi spruzzi prima di cloroformio, e un ora prima inserisci nella mia vulva una pallina di naftalina!!”
La serata scorre comunque serena, per ovviamente la presenza degli altri due, “cosa vogliamo mangiare??“… “preferirei non mangiare non sai mai come lavano la verdura o come cuociono gli ingredienti, prendere solo un bicchiere di acqua tonica, con uno spicchio di limone”.
Per noi bruschette e 3 birre medie…….“dai parlami di te” chiese lui, “ cosa vuoi sapere?? quello che vuoi,” sono una studente di infermieristica, vado in palestra due volte a settimana per fare attrezzi, mi piace dipingere con gli acrilici, adoro il mare, come vedi mi piace vestire bene, con scarpe con i tacchi, mi piacciono molto i gatti… boh non saprei che altro aggiungere.. in questo momento tempo libero ne ho poco, perché studio alternato a faticosi tirocini…
Dopo avermi ascoltata, senza interrompere “adesso tocca a me… io faccio il ragioniere “ e già li pensai “ lavori come ragioniere o fai il ragioniere…” vivo molto in casa, non sopporto la gente, sono fonte di malattia…(infatti spruzzi tutti appena si avvicinano con quel coso che tieni in macchina), non sopporto chi ha i capelli lunghi (io all’epoca avevo i capelli lunghi fino a meta schiena, neri ricci come quelli di AFEF), “il mare mi fa scatenare un prurito insopportabile”, i gatti sono pieni di toxoplasmosi, chi perde del tempo in palestra è un poveretto insoddisfatto di se stesso, se tu dovessi uscire con me dovresti lavarti accuratamente prima di avvicinarti a me con prodotti specifici per il semplice fatto che lavori in ospedale”, “gli acrilici mi producono reazioni cutanee…” per il resto niente da dire.
E meno male che non ha più niente da dire, “vuoi che mi faccio i gargarismi con l’amuchina prima di baciarti… sempre sottinteso che me ne possa venire voglia di farlo..” pensai
Ho avuto poche donne nella vita, ma sono un uomo sincero e se rispetti le mie regole e quello che ti chiedo potrei essere anche un grande amante”… in quel momento mentre parlava, parlava e parlava ho provato a immaginare come avrebbe potuto essere il nostro incontro…..
Stanza pulita con vaporetto a 300°, lenzuola di puro cotone appena lavate con disinfettante, assolutamente senza componente sintetica, spruzzata nell’ambiente con il suo spray all’eucalipto, un vassoio con due bicchieri di acqua tonica e limone…..bidet con acqua e bicarbonato poco prima dell’amplesso…. Lavaggio accurato delle mani, abbigliamento essenziale: mutanda tipo slip quelle con l’apertura davanti in cotone bianco, canottiera in cotone azzurra, tuta da ginnastica, comoda e facilmente rimuovibile….
Attenta pianificazione dell’incontro, ora stabilita in anticipo,( immaginati la passione, e la fantasia di dovere fare sesso solo ad un orario preciso), finestra chiusa ( per non avere colpi d’aria)……. Rimozione dello slip posizionamento di un doppio preservativo ( caso mai si rompesse il primo), durata del rapporto massimo 10 minuti ( per non creare scombussolamento ormonale).. rapporto senza bacio ( per non tramettersi malattia e non avere coinvolgimento emotivo.
Mi immagino entrare nella sua stanza, dopo avere lasciato le mia scarpe fuori dalla porta, lui sdraiato già sul letto in abito “ da sesso” vedi sopra, “ entra, mi sto già concentrando per dare il meglio di me… ti sei già fatta la doccia?? Entra e spogliati, lascia i tuoi abiti sulla sedia, non toglierti le mutandine e il reggiseno, meglio rimuoverle appena prima della penetrazione per non contaminarci con dei germi….
Siediti sul letto, così ti annuso bene sai per il solito discorso del profumo del gelsomino ….. appena seduta, si mette un paio di guanti di lattice, e si spreme un lubrificante su di essi, poi mi fa sdraiare supina, mi sgancia i gancetti del reggiseno , e mi sfila la mutandina, poi dopo avermi allargato le gambe, tutte e due nella stessa posizione, inizia a massaggiarmi sulle grandi labbra, poi tenendomele divaricate, inizia a provare a penetrarmi, emettendo dei versetti UHUH AHAH ( servono per meglio concentrarmi e la penetrazione avviene lineare) , poi penetra spingendo il più possibile, ( il suo pene è molto piccolo e riesce a malapena a superare il mio meato)… continua come un forsennato a spingere e spingere, e il mio clitoride ha appena iniziato a capire che forse sotto di lui stava succedendo qualcosa, la mia vulva era si molto bagnata, ma non per la voglia e il desiderio ma per il tubetto intero di lubrificante spremuto sui guanti….
Lo so che ti sto facendo impazzire, urla insieme a me UHUH AHAH…. Ma quanto cavolo ci mette a venire, dai dai vieni urlami che ti piace, dimmi UHUH AHAH…. “ col cavolo ti dico che mi piace, sah!! gli dico sto UHUHAHAH così la finisce, convinto di avere fatto chissà che”, inizia a tremare come colpito da un attacco epilettico e la sua crema ha riempito il il primo preservativo….. esce e immediatamente va in bagno a svolgere il suo rituale post coito….
Mi alzo dal letto… Vabboh anche per stasera è andata!!.
“ Scusa mi stai ascoltando?? Hai capito quello che ti ho chiesto?? “ scuoto la mia testa con l’intento di risvegliarmi dai miei pensieri ad occhi aperti, ( o forse incubi)
Scusa era sovra pensiero… cosa mi hai chiesto ?? Ci possiamo ancora rivedere, mi piace molto il tuo corpo……e sai dopo un po' di conoscenza si potrebbe organizzare per concludere… lo guardo e gli rispondo

Questo racconto di è stato letto 7 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.