Christine, la prof. di Francese -18- (continua)

Scritto da , il 2021-09-18, genere orge

“Ho trovato questi scontrini nel tavolino da notte di mio figlio e gli ho chiesto perché avesse comperato questi oggetti.

Dopo un po' di reticenze mi ha raccontato tutto.

Di cosa lei fa con lui e i suoi amici al termine della lezione.

Adesso cosa devo fare, denunciarla per adescamento di minori o troviamo un accomodamento?”

“Sono spaventatissima, non so cosa rispondere, poi prendo l'assegno e lo restituisco alla mamma.

“ Ecco tenga pure i soldi, non li voglio, ma non mi crei problemi, perderei non solo la scuola ma anche la mia famiglia potrei addirittura finire in prigione”.

“Non sono i soldi che mi interessano, cara la mia troia, ma voglio proprio vedere quanto sei brava a fare la porca, ma non con ragazzini, ma con persone adulte come me.

Adesso vieni qui davanti a me e spogliati”.

Mentre dice questo, sposta la sedia dal tavolo e si pone davanti a me, si sfila velocemente il tubino e rimane nuda davanti a me.

Non avendo altra scelta, anche io mi tolgo tutti gli indumenti e mi avvicino alla donna.

Le cingo la vita con un braccio, la strigo e la bacio mettendole la lingua in bocca.

Rimango passiva, ma un ordine perentorio della donna, mi obbliga a ricambiare il bacio.

“Adesso leccami e succhiami un po' i capezzoli, brava, così ed ora leccami la figa.

Lo spavento iniziale si sta trasformando in un sentimento diverso.

Sono turbata, ma mi sto eccitando.

Mi inginocchio, e inizio a leccare la figa già umida di Gloria.

“Adesso smetti e vieni con me,”

Mi prende per mano e mi porta nella camera da letto.

Qui mi attende un'altra sorpresa.

Disteso sul letto, nudo e con il cazzo in mano già duro, c'è il padre di Giacomo, che si sta lentamente masturbando.

“Ecco qua la prof che si scopa i ragazzini, vedrai, ti faremo passare noi la voglia, anzi ti faremo venire tanto voglia che diventerai una ninfomane, Gloria puoi cominciare il trattamento.”

Gloria mi fa sdraiare sul letto, poi prende due funicelle e mi lega stretti i capezzoli.

Ad una catenella applicano quattro fermagli metallici alle estremità.

Ne mette due ai capezzoli, e due alle grandi labbra.

Poi accende una candela e fa colare la cera calda sulle mie tette.

“Prima ti puniamo per quello che hai fatto, poi ci farai godere come hai fatto con i ragazzi”

È il padre che pronuncia queste parole, e nel farlo introduce un grosso cetriolo nella mia figa, e lo manovra avanti e indietro.

Spegne la candela che aveva colato la cera sui capezzoli, e me la infila nel culo con forza.

Il dolore è notevole, ma nonostante tutto la mia figa si sta bagnando.

La mamma di Giacomo si sdraia su di me e riprende a baciarmi, mentre con le mani stringe le tette e le pinzette sui capezzoli.

Il padre continua a manovrare cetriolo e candela.

“Adesso voglio io la bocca, togliti e indossa il tuo attrezzo eheheh”

La moglie si toglie da sopra e si avvicina ad un cassetto, dal quale preleva un oggetto che non riesco a vedere, perché il padre si è posto sopra di me con il cazzo in erezione.

CONTINUA ...

Questo racconto di è stato letto 1 4 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.