Il mio primo tradimento- parte 6 / La prima volta a tre

Scritto da , il 2021-09-18, genere voyeur

Il mio primo tradimento- parte 6 / La prima volta a tre

Edo e Salvo

I due amici si ritrovarono di nuovo al malfamato bar vicino il parco.
Un posto brutto, logoro e marcio, con degli orrendi tavolini in plastica, dove però la birra costava davvero poco, anche per via della sua bassissima qualità.
Edo era vestito trasandato come sempre. Infradito, pinocchietti ed un anonima canotta da bagnino. Di fronte a sè aveva Salvo, suo grande amico fin dai tempi del liceo, che al contrario di lui era tutto curato con dei bei pantaloncini havana ed una camicia bianca.
I due erano amici fin dai tempi delle medie, e continuavano a frequentarsi nonostante le loro strade si fossero divise. Edo aveva smesso di studiare già dalla prima liceo, quando aveva iniziato a dedicarsi a tempo pieno alla sua nuova passione: la gnocca.
Con quell’enorme coso che si ritrovava fra le mutande, già in età scolare aveva iniziato a soddisfare una folta schiera di donne, di cui Giulietta è solamente l’ultima di una lunghissima lista. Salvo al contrario si era dedicato allo studio ed alla carriera, ed era diventato quindi un brillante informatico, che proprio come nei più banali clichè, non trombava quasi mai.
-Edo ti devo ringraziare per quel contatto che mi hai dato…-.
Eh già, il buon vecchio Edo oltre che lavorare part-time come operaio in una squallida fabbrica di Roma Nord, arrotondava con delle marchette.
Era nel suo piccolo un pappone, organizzava incontri amorosi o piccole orge nell’ambito delle sue numerose conoscenze. Ma il suo amico Salvo non l’aveva mai pagato, da lui si accontentava di farsi offrire saltuariamente qualche Ape o Sushi da qualche parte.
-Salvo ricordami un pò chi ti ho fatto conoscere… era Martina la brunetta?-
-Ma no, Edo, era Valeria la bionda…-
-Ah già, è vero- ammise Edo
-Ma quanti giri hai?- ironizzò l’informatico
-Bè dimmi un pò, com’è andata?-
-Alla grande! Avevi ragione te, quella lì è proprio una ninfomane…-
-Visto che ai miei amici riservo solo il meglio?- si vantò il superdotato
-Hai proprio ragione…- ammise Salvo
-E quindi raccontami, com’è andata?-
-Che ti devo dire Edo, già dopo averle offerto il sushi la prima sera si è avventata sul mio cazzo facendomi un pompino in auto…-
-Visto!?- il marchettaro era più che soddisfatto
-E poi Edo si è bevuta tutto il mio sperma!- raccontò Salvo incredulo
-Non ti era mai capitato?-
-Assolutamente no!- confermò l’informatico
-Le donne sono delle autentiche troie. Ma d’altronde anche io se fossi una di loro sarei così…-
-Eh già amico mio, tu veneri i loro piedi e loro il tuo cazzone XXL-
-Ed anche la mia sborra!- concluse Edo.
Dopo qualche sorso di birra, Salvo riprese il discorso -Come hai fatto a conoscere Valeria?-
-Mi hanno girato il contatto, io non l’ho mai incontrata di persona…-
-Davvero?-
-Si- confermò il pappa
-E non sei curioso di fartelo succhiare da lei…-
-No Salvo, ne ho sotto mano una cento volte meglio…- spiegò Edo
-Davvero? Chi?-
Edo prese quindi il suo smartphone e cercò su instagram il profilo di Giulietta.
Quando salvo vide le sue foto provocanti sul lungomare di Pescara spalancò gli occhi in midriasi.
-Davvero ti scopi lei?-
-Si, ci vedremo anche stasera…-
-Sei un grande!- ammise l’informatico
-E poi lei è fidanzata…-
-Come te con Helena- scherzò Salvo
-Esatto, quindi ci vediamo solo per trombare senza rotture di cazzo…-.
Dopo essersi calato un altra bionda da discount, Salvo propose sfrontato -Edo, ma che ne pensi se io…-
Il suo amico capì al volo- Dammi del tempo Salvo. Quando sarà pronta per il threesome ti terrò in considerazione…-.
Salvo spalancò la sua bocca mostrando un meraviglioso sorriso a 32 denti e si alzò per baciare sulla guancia il suo amico in segno di ringraziamento.

Giulietta e Sara

Nel frattempo, neanche a farlo apposta, anche la sexy Giulietta stava facendosi una chiacchierata al bar con un’amica, in questo caso la sua bionda cugina Sara.
Le due però, non si trovavano in uno squallido bar, bensì in un localino chic sul Lungotevere.
-Ehy Giulia, non ti ho mai visto così bella!- ammise Sara.
Sara era una graziosissima biondina, bassa, formosa, un bel bum bum tonico dopo i tanti squat in palestra, due bei seni sodi ed un seducente sorriso da zoccola.
Fin da quando erano piccole le due cugine si erano scambiate opinioni su tutto, Sara, di qualche anno più grande era sempre stata quella disinibita, consumatrice di uomini, mentre Giulia era quella con la testa a posto compagna di un prestigioso avvocato.
-Cosa ti è successo Giulietta?- domandò la cugina Sara
-Saretta, sai mantenere un segreto?-
-Certo.. lo sai bene…-
-Va bene. Ho un altro…- ammise Giulia. Sara strabuzzò gli occhi.
-Davvero? Chi è?-
-Si chiama Edoardo. Mi raccomando acqua in bocca, Piero non sa nulla…-
-Certo…- concordò la bionda
-Anche lui è fidanzato, ci vediamo solamente per scopare…-
-Ahi capito la mia casta e pura Giulietta…!- ridacchiò la bionda, che poi gli chiese
-E com’è questo Edoardo?-
-Il classico stronzo. Un muratore fallito, forse anche alcolista. Pazzo per i miei piedi…-
-Bè, descritto così non è che mi fai arrapare…- la provocò Saretta
-Il suo punto forte è essere un autentico trombatore perverso…- spiegò Giulietta
-Vai avanti- la incitò Sara
-Ed il suo cazzone di 23 centimetri!- spiegò Giulia. Sara andò quindi in estasi.
Dopo aver calato il suo aperol-spritz, la bionda disse- Cugina è arrivato il momento di restituirmi il favore…-.

La prima volta a tre

A cosa stava alludendo Sara? Giulia lo sapeva bene.
Una volta Sara girò di nascosto un video amatoriale di un suo incontro con un gigolò.
Eh già, aveva speso tutti i suoi risparmi per farsi trombare da un modello palestrato.
Per avere sempre con sè i ricordi di quel costosissimo e quindi irripetibile incontrò, lei firmò tutto di nascosto nascondendo una telecamerina in camera sua.
Quando Sara lo raccontò a Giulia, lei pretese una copia del filmino hard, che ovviamente la cugina gli concesse. La bella Giulietta si era consumata la fica a furia di toccarsi vedendo la cugina in azione. Ed ora toccava contraccambiare.
Giulia scrisse quindi ad Edo “Che ne dici se stasera porto compagnia?”
Edo lesse il messaggio perplesso e rispose “Giulietta mia, cos’hai in mente?”
Lei sorrise rispondendo “Non ti preoccupare, è solamente mia cugina, a lei piace guardare…”
“Va bene” acconsentì Edo.
Giulietta decise di portarsi quindi la biondina nello scannatoio. Evidentemente avevano entrambe bevuto troppo Prosecco, ma oramai il dado era tratto.
-Abita in questo tugurio?- borbottò Sara mente il bus le stava conducendo alla garconniere.
-Ti ho detto che è povero. E poi qui ha solo una casa per scopare-.
Quelle due gnocche tutte in tiro erano davvero due pesciolini rossi fuor d’acqua su quello squallido bus di periferia.
Una volta di fronte la porta della mansarda, Giulia suonò il campanello.
Ad accoglierle c’era Edo, trasandato come sempre, con in mano una Peroni da 33 di vetro.
Egli squadrò Sara dalla testa ai piedi, concludendo con una smorfia di approvazione.
Le cugine oltre che i geni della troieggiane condividevano anche la stessa bellezza.
Non ci fu nessun momento imbarazzante in cui qualcuno domandava -Che facciamo?-.
Con in sottofondo dell’orribile raggaeton, Edo prese cinse le fanciulle con la mano dietro la schiena, ricordando un pò la scena in cui Alex abbordava le due ragazze al negozio di dischi in Arancia Meccanica, e dopo aver chiuso la porta, le fece accomodare sul suo divano.
Edo si girò verso Sara ed iniziò a limonarci.
Giulietta era fuori di sè “Non erano questi patti. Lei avrebbe dovuto solamente guardare”.
Ma la segretaria non si perse d’animo, ed anzi s’inginocchiò di fronte ed Edo, ed iniziò ad abbassargli pantalonici ed a prenderglielo in bocca.
Sara rimase stupefatta dalla lunghezza del suo pene. La cugina non aveva esagerato affatto. Edo iniziò a palpare le tette della biondina e poi mise le mise le falangi nelle mutandine. Al contempo Giulia gli stava praticando una fellatio con i fiocchi.
Sara però, non dopo essersi bagnata con la seducente toccatina di Edo, lo scansò dicendo
-Il patto era che avrei solo guardato-. La cugina bionda era stata quindi onesta.
Edo allora si concentrò tutto sulla mora. le alzò la testa ed iniziò a baciarla appassionatamente. Gli piaceva sentire il sapore del suo cazzo in bocca.
Dopo di chè le tiro fuori i seni sodi dal vestitino. Giulietta mi mise su di lui come per cavalcarlo, anche se c’era un ostacolo fra i due, ossia le sue mutandine.
Il problema fu presto risolto, Edo le strappò in un attimo.
Sara si stava toccando con una mano il seno e con l’altra la vagina mentre assisteva alla scena. Quando il pene turgido di pene le entrò dentro, lei non riuscì a trattenere un gemito di piacere. Dopo un pò di botte da sotto da parte di lui, la mora prese le redini della situazione iniziando a cavalcare selvaggiamente il suo bull, sotto gli occhi perversi della cugina che li ammirava estasiata mentre si toccava.
Anche uno scopatore esperto come Edo fu travolto dalla tensione erotica del momento, e non riuscì a trattenersi, e le venne quindi come un uragano dentro la sua umida fica.
Dopo questo, Edo si lasciò andare stravolto sul divano. No, Giulietta non era stata per niente una scopata come le altre...

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.