Il mio primo tradimento- parte 5 / Sesso sfrenato con il mio bull Edo

Scritto da , il 2021-09-11, genere prime esperienze

Il mio primo tradimento- parte 5

Sesso sfrenato con il mio bull Edo

Era appena iniziato il periodo più esaltante della mia. Già durante il primo periodo in cui conobbi Edo e mi cibavo del suo succoso sperma era una donna felice e rinata.
Grazie a Davide poi, avevo riscoperto le gioie della seduzione e del sesso frenato.
Ora però stavo veramente bene, avevo trovato il mio compagno ideale.
C’incontravamo quasi ogni sera, sempre in incognito, nel suo scannatoio.
D’altronde non potevo mica lasciare il mio lavoro così, di punto in bianco, senza averne trovato un altro. E quindi continuavo ad essere apparentemente la donna di Piero.
Non so se Edo riuscisse ad avere energie dopo i nostri incontri per continuarsi a fottere ancora quella zoccola della sua fidanzata Helena.
Ero così eccitata che avevo preso l’abitudine di masturbarmi anche in ufficio, chiusa come una scolaretta dentro il bagno.
Il mio ruolo da segretaria sicuramente aiutava. Ci andavo vestita ogni volta in maniera più succinta e sexy che mai. Tutti i passanti non potevano fare a meno di spizzarmi.
Da un certo punto di vista, era anche una scelta forzata, dato che non avevo proprio il tempo materiale di tornare a casa. Finito il lavoro, cambiavo due autobus per raggiungere la garconniere di Edo.
Quanto mi piaceva il suo cazzo duro, enorme, marmoreo, tutto per me.
E quanto cavolo ero insaziabile del dolce sapore della sua sborra.
Uno scopatore come lui riusciva a venire almeno un paio di volte ogni sera, ed avevo quindi la doppia fortuna di farmi inondare di sperma sia in fica che dopo di berla fino all’ultima goccia.
Quella sera prima di andare dal mio amato, decisi di comprarmi un paio di sandali nuovi.
Andai come sempre al mercatino dell’usato, dato che non disponevo di un budget così elevato per prenderli originali.
Quando mi misi scalza, con i miei piedini smaltati di nero, ed il mio vestito girofica verde, all’interno di quel negozietto pieno di pezzenti, mi sentii mille occhi addosso.
Uno dei clienti, un vecchio panzone, non riuscì a trattenere un erezione, nè tantomeno lo spalancarsi della sua bocca. Ed il tutto di fronte a quella vecchia cessa rugosa della moglie, che mi trafisse con uno sguardo torvo. In un certo senso era una scena davvero comica.
Trovai dei bei sandali da schiavi con dei lunghi lacci che salivano quasi fin sopra il ginocchi, proprio della mia misura! Li presi senza pensarci due volte.
Sull’autobus ero impaziente di arrivare nell’ultimo piano di quella squallida palazzina, per sfogare tutte le mie pulsioni più ancestrali.
Il bus era pieno di neri. Mia cugina Sara li adorava.
Ogni volta che andava a mare si sceglieva un bel vu cumprà senegalese dalla spiaggia, gli dava una piccola mancia e se lo portava sù per scoparselo.
Le dicevo sempre che anche senza il contributo loro avrebbero accettato lo stesso, scoparsi una bella biondina di carnagione chiara stile Danaerys Targaryen è il sogno di ogni uomo di colore. Sara non era comunque una sprovveduta, li obbligava ad usare il profilattico e a lavarsi prima del rapporto. O almeno così mi raccontava.
Le cronache di lei, piccolina come me, alle prese con quegli enormi cazzi ebano, mi avevano sempre fatto provare un pò d’invidia.
Ma stavolta non avevo nulla di cui essere gelosa. Anche io avevo il mio pisello fuori scala.
Quando il bus si fermò proprio di fronte il palazzo di Edo, divenni la donna più felice ed arrapata del mondo.
Bussai. Quando mi aprì, lo vidi rimanere impietrito.
Non mi aveva mai visto tanto fica.Mi prese per la schiena e mi baciò.
Aveva un potente alito di Ichnusa, chissà quante se ne era scolate nell’attesa.
Ma il suo modo di fare da stronzo, il suo essere così, un pò alcolista, un pò trasandato, uno che tradiva le donne, era la cosa per cui lo amavo di più.
Senza mai smettere di baciarmi sia le mie labbra carnose che il mio collo tutto improfumato, iniziò a sfilarmi il perizomino.
Capii subito cosa aveva in mente. Si abbassò i pantaloni, e mi toccò la fica, ero già tutta bagnata, già più che pronta ad accogliere il suo enorme membro.
Una cosa del genere l’avevo vista fare solamente nei video porno che guardavo assai raramente, dato che non ero una sfigata come il mio compagno Piero.
Se avevo bisogno di masturbarmi pensavo alle mia scene vissute di vita reale.
Pensavo al gran cazzo scolpito di Edo ad esempio.
Edo mi prese ancora vestita, mi sollevò e sbattè contro il muro iniziandomi a fottere.
Secondo me i miei nuovi sandali lo eccitavano talmente tanto che non aveva il coraggio di togliermeli.
Inutile ribadire che per fare del sesso così dovete aver di fronte un uomo fisicato, e con una bella esperienza alle spalle. Una volta anche Piero ci provò e stette con la lombaglia per diversi mesi. Mi piaceva davvero stare lì, sospesa per aria, baciata in regione cervicale, con il suo pisello che mi stuzzicava la vagina dal basso.
Dopo qualche tempo venne il momento di cambiare, e mi stese quindi sul letto.
Io ero sul materasso, ancora con i sexy sandali da schiava ai miei piedi, ma oramai Edo mi aveva privato del mio vestitino verde.
Il mio bull iniziò a trapanarmi stando in piedi, prendendomi per i glutei e sollevando il bacino quel tanto che bastava per farlo arrivare all’altezza del suo cazzo.
-Ah! Ah!- iniziai a gemere come la grandissima troia che ero!
Per fortuna, come ogni volta, Edo mi aveva accolto con le casse del pc a palla, con dello squallido raggeaton in sottofondo. Quella monnezza di musica latinoamericana aveva perlomeno il pregio di nascondere i miei gemiti. Sarebbe stato abbastanza imbarazzante farsi sgamare dai vicini.
Edo mi sussurrò in un orecchio -Mettiti a smorzacandela…-.
Non avevo la minima idea di cosa aveva in mente. Non avevo mai sentito mai sentito nominare quella posizione in vita mia.
Qualche giorno dopo scoprii che era la preferita di Joseph Gordon Lewitt in Don Jon, un film da lui diretto, in cui interpreta un palestrato che preferisce la pornografia a Scarlett Johansson. Siete proprio strani voi uomini. Forse è proprio questo a rendervi unici.
Edo mi girò quindi prona, come per mettermelo nell’ano, come le altre volte, ma stavolta sentii il suo pisellone farsi largo attraverso la mia fica.
Una volta dentro mi sollevò e si mise prima in piedi, e poi seduto sul bordo del letto.
Ecco qual’era la mitica posizione, lui era seduto e mi scopava la vagina da dietro, mentre io ero seduta sopra di lui di schiena, con il piacevole compito di muovermi sù e giù.
Fu una cosa paradisiaca. Il sesso era per me talmente tanto ricco di piacere ed endorfine, che non avevo bisogno di altri vizi in vita mia.
Iniziai a fare sopra e sotto in crescendo, muovendo il mio bacino come negli esercizi di squat. La sborra di Edo esplose vigorosa dentro di me!

Questo racconto di è stato letto 2 1 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.