Il mio primo tradimento

Scritto da , il 2021-09-06, genere tradimenti

IL MIO PRIMO TRADIMENTO

Edoardo. Non riuscivo a togliermelo dalla testa.
Non so per quale motivo. O meglio lo sapevo. Il motivo era uno. O meglio erano ventitré.
Ero fidanzata da quasi dieci anni con Piero.
Ma lui non mi attraeva affatto. Si, ci conoscevamo da una vita. Abbiamo iniziato a studiare assieme all’università. Lui poi è diventato avvocato ed io ho lasciato gli studi e faccio la sua segretaria. Gli voglio bene si, ma anche se ci sto assieme, l’attrazione è tutt’altra cosa.
Insiste sempre perchè gli faccia dei pompini. Ed io non lo accontento praticamente mai.
Ha un vermiciattolo al posto del pisello. Nonostante lui non lo ammetterà mai, sono convinta che abbia perso la verginità con me.
Ogni scopata con lui per me è il nulla cosmico. Come buttare un wurstel nel tunnel della Manica. Non sento assolutamente nulla.
Ogni sera insiste perchè me lo metta in culo. Ma quando mai! E’ l’unica parte di me ancora rimasta vergine e sicuramente non la darò a un coyone del genere.
Edoardo. Lui si che ci sa fare con le donne.
Veniva alla stessa mia palestra. Con la sua ragazza! Una bella mora per giunta. Aveva due tettone grosse, che invidia che provavo nei suoi confronti!
Ma lui si vedeva che mi si mangiava con gli occhi.
Alto, barbetta incolta, capelli con un caschetto fuori moda. Ed anche se era iscritto in palestra, non era certamente un palestrato alla Cristiano Ronaldo. Ed a dirla tutta, non aveva neanche un viso angelico da modello.
Ma aveva quel non-so-che da stronzo, che fa sempre arrapare noi donne.
Frequentavamo gli stessi corsi, io lui e la sua ragazza.
Ma una mattina, lo vidi a yoga. Che coyone, eravamo tutte donne e solamente lui!
Quando l'istruttrice ci faceva mettere a ponte, mentre alcune di noi mostravano lo zoccolo di bue, lui sfoggiava un pacco niente male.
L’insegnante di yoga propose una cena assieme. Nonostante fosse la prima volta che venisse, lui accettò subito, ed entrando nel gruppo whatsapp ottenne il mio numero.
La sera stessa mi scrisse- Ciao bella, che fai?-.
Che fare? Ero nell’indecisione più totale. Non avevo mai tradito Piero. E già sapevo che quell’Edoardo era un gran figlio di puttana, dato che mi stava corteggiando nonostante fossi al corrente della sua relazione amorosa.
Non gli risposi. Ma la mattina dopo crollai. Iniziammo a whatsappare senza sosta.
Ad un certo punto mi chiese -Ti va di vederci?-
Lo stuzzicai. -Ma non sei mica impegnato?-
-Dai, vediamoci, solo per un caffè..- mi propose lui.
Accettai. Non sapevo come vestirmi per il nostro primo appuntamento.
Dopo tutto era una cosa più che informale.
Se c’è una cosa per cui tutti quanti mi fanno i complimenti sono i miei piedi.
Così, nonostante pensassi che si sarebbe risolto davvero tutto quanto con un caffè ed una chicchierata, mi misi delle banali infradito, che non avrei mai pensato mettessero così tanto in risalto i miei bei piedini. Ed indossai quindi quindi, senza alcuna ulteriore intenzione di seduzione, il mio anellino sul secondo dito ed una cavigliera.
Una gonna abbastanza corta, che metteva in risalto il mio stacco di coscia, un perizomino a filo interdentale, un piccolo toppino ed il gioco è fatto!
Non sono particolarmente alta, ma devo dire che ho un bel seno sodo e delle chiappette sode, insomma nella botte piccole c’è il vino buono.
Incontrai Edoardo al bar del parco. Non era sicuramente un posto chic, anzi, era frequentato per lo più ed extracomunitari ed alcolisti. Più tardi capii perché Edoardo frequentava quelle bettole. Appena mi vide rimase a bocca aperta.
Anche lui era trasandatissimo, per via del caldo estivo, infradito, pinocchietti e un'anonima t-shirt.
Non riuscii a non notare la sua erezione alla vista dei miei piedi. Eh già, non ci misi molto a scoprire che era un feticista.
Ci sedemmo quindi di fronte a quello striminzito tavolino.
La chiacchierata durò pochissimo. Edoardo spruzzava fuori testosterone e feromoni, ed io voglia di provare a stare finalmente con un uomo vero.
-Che ne dici Giulietta se mi accompagni in macchina?-.
Da un lato avrei voluto dirgli di no. Non ero pronta, non ero uscita per scopare quel pomeriggio. Volevo solamente fare due chiacchiere con una persona che forse si sarebbe rivelata interessante. Ma non ebbi scampo.
Una volta salita a bordo, mise i soliti tormentoni estivi e si diresse fuori città in aperta campagna. Accostò. Ci baciamo intensamente.
Il suo alito aveva un che di alcolico. Da vero uomo duro. Non come quel pezzente di Piero.
Edoardo scoprì subito le carte nascoste. Tirò fuori il suo enorme cazzone di 23 centimetri.
Si, al liceo prima di conoscere Piero ero stata con qualche altro ragazzo, mi ero fatta le solite tre-quattro scopate da liceale di rito. Ok, gli altri non avevano un cazzetto come Piero, ma neanche un bestione del genere. Rimasi sbalordita.
Eddy o non Eddy, a me non era mai piaciuto succhiare cazzi.
-No, grazie, quello che vuoi, quando vuoi, ma questo proprio no…- dissi
Lui sospirò dicendo -Va bene, allora ti porto a casa-.
Mentre stava per rivestirsi mi tuffai verso i suoi genitali.
Erano anni che non facevo un bocchino. Lo presi in bocca. Quella si che era una cappella grande. Non arrivai neanche a metà che rischiai di soffocare.
Da sotto lo vedevo gemere come il grande porco che era.
Inizia a fare sù e giù con la testa. Le sue gambe e le dita dei suoi piedi si flessero.
Edoardo era al culmine dell’estasi. Evidentemente mi ricordavo ancora bene come si faceva un pompino a regola d’arte. Dopo un pò venne, inondando le mie piccole labbra di quello tsunami di sborra acida. Ma per me non c’era mai stata una cosa più dolce da bere al mondo.
Era appena iniziata la relazione che avrebbe per sempre cambiato il corso della mia vita…

Questo racconto di è stato letto 1 0 2 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.