Zia Paola 1 - la partenza

Scritto da , il 2021-09-14, genere incesti

L’aria condizionata mitigava la calda afosa estate romana.
Eppure ci sarebbe stato da sudare ugualmente.
Avevo appena concluso una trattativa per conto della mia azienda a condizioni estremamente favorevoli. Avevo sudato le classiche sette camicie ma alla fine l’accordo era fatto ed ero orgoglioso di me stesso.
Così eccomi nella più lussuosa Suite dell’hotel Michelangelo di Roma a fissare il panorama.
Mi spogliai. Il cazzo era durissimo e avevo bisogno di una doccia… Sorrisi.
Probabilmente avrei finito per farmi una sega nel lussuoso letto a tre piazze!
Ero appunto preso dalla valutazione se la masturbazione fosse terapeutica o solo patetica quando la porta si aprì senza che bussassero. Io ero nascosto dalla vita in giù dal divano in pelle bianca e non corsi nemmeno a nascondermi.
Sulla soglia una spilungona sulla cinquantina con un camicione blu molto corto capelli a caschetto è una voce che pareva una radio libera. Accanto a lei una occhialuta, più minuta, più o meno della stessa età ma con un camicione bianco simile per lunghezza e disegno.
“O ci scusi….” Sobbalzo quella in camicione blu.
“Salve” dissi senza scompormi.
“Credevamo aveste finito e dovevamo rifare la camera” spiego con un sorriso di cortesia che non altero il tono troppo alto della sua voce.
“Veramente dovrei passarci la notte” dissi.
“A noi ci avevano detto che c’era una riunione d’affari che ora avete finito e di ripulire bene” intervenne l’occhialuta in camicione bianco con un marcato accento del sud e ben poco rispetto per la grammatica.
“Se dobbiamo passiamo dopo” riprese quella in blu.
“Tranquille non mi date noia. Stavo giusto andando a farmi una lunga doccia. La suite è tutta vostra, bagno escluso”.
“Vabbene” annui quella in bianco con una parola sola.
Notai che la signora in blu aveva un piccolo logo dell’hotel ad altezza seno mentre l’altra non aveva loghi. La cosa mi parve strana e così chiesi “scusate ma la vostra è la divisa dell’hotel?”.
“La mia si. Il camicione per le pulizie e’ questo”.
“Senza calze?” Chiesi fissandole le lunghe gambe ben tornite e decorate con delle unghie tinte di un verde cobalto molto vistoso.
“Le calze le mettiamo d’inverno ma adesso fa caldo. Perché?”.
“Quel che mi chiedevo e se l’hotel vi fornisce una divisa adeguata. Solo il camicione mi pare un po misero”.
“Ci danno anche la giacca per lavorare fuori ma non la mettiamo quasi mai” aggiunse l’occhialuta. “E le calze? Indossate collant a vostra scelta o….”.
“C’è ne danno cinque paia neri ma non tutte li usiamo. Qualcuna li trova troppo spessi e scomodi. Ognuna mette un po le calze che vuole”.
“Capisco. E, se posso chiedere, perché lei indossa un camicione bianco invece di quello blu?”. La vidi arrossire un pochino “Veramente questo è un vestito. Il mio vestito. Avevo già staccato il turno che è venuta fuori la camera da fare e le sono venuta a dare una mano” spiegò.
In pratica aveva un vestito identico a un camicione da lavoro. Cambiava solo il colore. Alla faccia del buon gusto.
“Non dovrebbe sporcare i suoi abiti signora. Signora o signorina?”.
Sorrise “veramente sono separata”.
“Quindi signorina” ammiccai.
Anche la stangona in blu sorrise.
Feci due passi avanti. Ora il divano non mi copriva più e il mio cazzo formato gigante si stagliò in tutta la sua fiera erezione. La mora si morse un labbro fissandolo, l occhialuta volto’ di scatto la testa per non fissarlo.
Io feci altri due passi avanti. Ero propio di fronte a loro. Le mie mani si aprirono a ventaglio e arrivarono una per deretano. Più sodo quello della stangona più flaccido e prominente quello dell’altra.
Le gambe di entrambe, ben scoperte, erano un po secche e segnate dal tempo, i seni di entrambe piccoli e cadenti, i visi rugosi e bruttarelli…. “Io sono Alba” disse la mora. “Giusy” ammicco l’altra.
Nessuna fece obiezione al fatto che stessi palpando bene bene i loro culi.
“Giusy che ne diresti di chiudere la porta a chiave! Vorrei evitare altri ingressi imprevisti”.
“Faccio subito dottore” rispose lei servile mentre la lasciavo libera.
Non stetti nemmeno lì a dirle di non chiamarmi dottore.
Chiuse a doppia mandata e quindi si voltò per tornare da noi. Strabuzzò gli occhi e si fermò un attimo a guardarci…
Alba chinata sulle ginocchia mi stava succhiando l’uccello a tutta forza.
“Forse dovresti toglierti il vestito non vorrei si sporcasse di sperma” dissi tranquillo continuando a godermi il pompino come nulla fosse.
Alba si sfila il camicione. Sotto ha solo una mutanda nera a vita alta contenitiva. Il suo corpo mostra tutti i segni del tempo. Le metto una mano sulla coscia, sollevo l’elastico e le accarezzò delicatamente le labbra della vagina.
Lei geme. La sua mano afferra salda il mio cazzo e mi masturba con vigore. Le mutande le scivolano a metà coscia rivelando una fica cespugliosa con qualche pelo bianco. Le ficco con passione due dita dentro e la masturbo a tutta forza.
“O si…. Più forte…. O siiii”. Più le mungo la vulva è più le piace.
Giusy intanto ci fissa sicuramente eccitata ma ancora indecisa sullo spogliarsi. Aiuto Alba a scivolare su una poltrona, le sue gambe si inarcano verso l’alto belle spalancate. Mi chino davanti a lei e non resisto all’impulso di assaggiare la sua figa.
Il solo contatto con la mia lingua la fa gemere di piacere un altra volta. Inizia a bagnarsi. Gode. “O madonna…. O madonna come lecchi bene…. O sii…….. Cazzo che robaaaaaaaa”. Viene. La fica cola umori orgasmici che io ingoio senza problemi. Un po amarognoli ma saporiti. Mi sollevo a busto eretto, mi afferrò il cazzo e lo Guido fra le sue gambe. è un po stretta ma così umida che il mio arnese le entra dentro in un sol colpo “o siiii” mugolò pervaso dal suo calore.
“Che trave! O madonna che trave!” Sussurra lei. Inizio a muoverlo piano piano avanti e indietro ma lei mi piazza le mani sul culo e mi attira verso di lei”pompa! Trombami! Fottimi! Dai dai!”.
La accontento. Inizio a prendere il ritmo e a fotterla a tutto spiano come un cavallo da monta. Alba perde il controllo e muggisce di piacere accompagnando ogni mio colpo da isterici “o si, si dai dai, siiii”.
Senza smettere di stantuffare mi volto e guardo Giusy ancora vestita. “Allora? Che vuoi fare? Vuoi andar via?”.
“Scusate ma in tre mi vergogno” borbotta lei.
“Ma dai Giusy ma dove lo trovi un travone di cazzo così…. Ma dai scema che aspetti” la incita Alba.
Io lo sfilo di netto dalla sua vulva, mi alzo in piedi e guardo Giusy esibendolo durissimo eretto e grondante. “Lo vuoi o no”.
Giusy timida allunga la mano e lo afferra con molta delicatezza “certo che è grosso davvero”. “Già…” Sorrido io e senza inviti le infilo una mano sotto al camicione toccandole le mutande.
“Siamo già belle bagnate mi pare” dico accarezzandola in mezzo alle gambe dove sento il tessuto umidiccio.
La sua mano prende confidenza e inizia a muoversi con più convinzione. La mia intanto le afferra l’elastico degli slip bianchi e le mutande calano fino alle ginocchia. Le accarezzò il pelo.
Se quella di Alba sembra un cespuglio questa pare un bosco. La nostra Giusy ha pelo da vendere.
Senza che smetta di segarmi le sbotto e il camicione bianco. Sotto non ha reggiseno e le sue piccole tette cadenti mostrano fiere due noccioli di capezzoli duri e dritti. Avvicino la bocca, li succhio, lei geme.
Alba intanto ci guarda e senza alcun pudore si infila due dita in fica e si sgrilletta a tutta forza!
“O si…. O siiii. Voglio il cazzooooooo!” Sospira arrapata.
Le mutande scivolano via dalle caviglie. La mia bocca sui suoi capezzoli, la mia mano sul suo bosco di pelo… Giusy geme. Il mio dito gioca amabilmente sul contorno delle labbra della sua fica facendole un delizioso solletico. La sua mano segnala l’eccitazione masturbandomi sempre più forte.
Le esploro ben bene l utero con due dita, le strappo i capezzoli a forza di succhiarli.
“Ummmm dammelo…..” geme Giusy.
La mano le scivola fuori dalla fica. Approfittando del fisico minuto gliela poggio sotto alla coscia e le sollevò la gamba con l’altra mano le faccio da sedile poggiando gliela sul grasso culo.
Giusy si inarca appena appena è con maestria si infila il mio cazzo dritto in buca.
Centro!
Reggendola praticamente in braccio inizio a fotterla a tutto spiano… Lei mugola, guaisce, impreca “o cazzo. O porca troia! O che cazzo, che minchiaaaaaaaaaaa” e viene quasi subito.
Io per nulla sazio la spingo contro il tavolo di noce, lo sfilo dandole appena il tempo di voltarsi e afferrata per i fianchi torno a pomparla da dietro…. “Ora fammi godere tu porcona” le sussurrò mentre i miei colpi di bacino diventano sempre più lunghi e veloci.
“O no per favore…. Non venire dentro che mi metti incinta”.
Viene da ridere. Incinta alla sua età? Certo si mostra molto più vecchia di quel che è ma ancora attiva pare strano. Comunque meglio non rischiare e poi va tutto a mio favore.
“Tranquilla facciamo in modo che non capiti” sussurro senza smettere di trombarla.
Di colpo glielo sfilo dalla figa e prima che dica qualcosa le ho già piazzato la cappella in mezzo alle chiappone.
Non è aperta dietro ma la buona lubrificazione dei suoi umori sul mio cazzo ottimizzano l’operazione.
Quando tenta di contrarre il sedere la cappella sta già spingendo per aprirla.
“Aiaaaaaaaaaaaaaa, mi spacchi il culo…… Noooooo”.
“Tranquilla. Non contrarre sennò ti fa male davvero…”.
“Mi stai spaccandoooooooo.”.
“Ormai è dentro poi ti passa” dico continuando a spingere. Per alleviarle un po il dolore le metto una mano sulla patata. Un dito la masturba dolcemente. Il cazzo penetra per una buona metà fra le chiappone.
“Fa ancora male….?”.
“Un po…. Meno però…”.
“Ecco brava così mi svuoto” e con tutta la rabbia che ho in corpo la inculo a tutta potenza finché non spruzzo un buon litro di sperma rovente.
Alba intanto si gode lo spettacolo. Non si sa da dove, forse dal cesto esposto, ha trovato una banana e se la sta passando su e giù nella fica con tutta la buccia.
“è brava troia. Ti piace la banana”.
“Per forza il salame l’hai dato tutto a lei” ribatte la porcona continuando a farsi andare su e giù il frutto.
Io per tutta risposta le mostro il mio cazzo appena estratto dal culo della sua amica. Pur grondando sperma è ancora duro come una trave.
La vaccona non ne è a conoscenza ma per scaricare questo fucile ci vogliono minimo tre colpi….
“Erano due le porzioni di salame cara” le dico avvicinandomi.
Lei molla la banana, si alza e si mette a pecorina contro il divano per essere montata.
“Se vuoi il culo fai pure a me non mi fai male” sussurra felice.
“Benissimo lo prendo per un invito”
SPROK!
“Aiaaaaaaaaa!”.
“Credevo non ti facesse male” sorrido io.
“Credevo ci andassi piano” ribatté lei.
“Devo toglierlo?”
“No no ormai è dentro. Pompa caro…. Pompaaaaaaaa”.
Obbedisco. Me la inculo a tutta forza tanto da farla venire per il piacere. La sua figa pulsa di voglia, il suo culo e in fiamme…. “O ti prego trombamiiiii….
Trombami la gnocca che sto esplodendo”.
La signora è servita. Fuori dal culo e di nuovo in figa.
“Aaaaaaaaa. O si….. O siiiiiiiiiii. Che cazzooooooo” ulula felice e gioca mentre la sbatto a pecorina finché non raggiungo il secondo orgasmo.
“Non è che hai una crema per il culo” domanda Giusy massaggiandosi vistosamente l’ano.
“No mi dispiace”.
“Tranquilla ho io una cosa che fa bene giù nello spogliatoio” la rassicura Alba.
“A ok. Tu magari eri già abituata ma a me adesso brucia da morire”.
“Abituata? Si va bene l’avevo già preso ma mica da un cavallo” mormora lei sperando che non le senta.
“John se non ti spiace adesso noi andremmo”.
Annuisco “a ok. Tanto anche io devo fare la doccia prima di cena. Se capitasse ripassare sono qui tutta la settimana”.
Alba sorride “o si si, ripasseremo di sicuro”.
“Si magari con della vaselina però…” Borbotta Giusy e sorreggendosi l’una con l’altra come due soldati a fine battaglia se ne vanno felici.
Io mi fumo una sigaretta soddisfatto.
Nemmeno il tempo di farmi una doccia degna di tal nome che già squilla il cellulare. è il mio capo. Per farla breve invece di una settimana di vacanza pagata a Roma mi appioppa una trattativa immobiliare nel cuneese, in Piemonte.
“Conosci il posto?”
“Si ho una zia che abita da quelle parti. Non ci vado da anni ma conosco un po la zona”
“Bene così hai anche il tempo di salutare tua zia. Non sei contento?”
Di perdere una settimana pagata di vacanza, di farmi mille chilometri per andare a lavorare ancora…?
Ma al capo non si dice mai di no. “Sono raggiante”.
“Perfetto sono contento. Mi raccomando fai un buon lavoro e salutami tua zia” e chiude la conversazione.

Questo racconto di è stato letto 5 2 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.