Capzioso Stupro Letterario

Scritto da , il 2021-06-28, genere dominazione

Irene ha una consuetudine velatamente viziosa: quello di aprire, nei momenti liberi della giornata, un sito di racconti erotici per cercare uno stimolo che la rapisca, per qualche attimo, dalla realtà.
Non lo fa per esigenza di leggere qualcosa che tratti necessariamente di sesso, l’argomento dell’eros è solo un pretesto stuzzicante.
Quando si ritaglia questa parentesi, scorre rapidamente tra gli ultimi titoli, in cerca di qualcosa che attiri la sua curiosità, richiami la sua attenzione; lo fa speranzosa di venir gradualmente risucchiata da ciò che i suoi occhi scorgono, come forse sta accadendo a te che, ora, sei arrivata fin qui.
Quando capita che, dopo le prime righe, Irene si stupisca piacevolmente della preziosità di un particolare racconto, non è solita proseguire subito, ma preferisce gustarselo più tardi, quando sarà a mente sgombra e completamente sola con la propria intimità. Ma può altresì accadere che non riesca proprio a riemergere da quel susseguirsi magnetico di parole che la catapulta in quella dimensione delicata tanto agognata.
Adora quella crescente ingordigia di parole, nutrirsene una dopo l’altra a lasciare che queste la conducano, trascinino, stuzzichino e la sfamino allo stesso tempo, un vortice che la prenda per mano senza davvero toccarla ma regalandole una sensazione, per certi aspetti, anche superiore.
E in momenti come questo, sì esattamente questo, la sua mente immagina limpidamente come la sua mano viene condotta dal narratore verso la testiera del letto, una di quelle classiche con colonne in ferro scuro; stesa con la schiena sul materasso, non può più smettere di leggere e quindi non riesce ad evitare che anche l’altra mano raggiunga la prima e che un vellutato nastro di stoffa costringa i suoi polsi ad intrecciarsi e bloccarsi.
Non sforzarti troppo nel cercare di capire chi è Irene, ti confesso che è solo un nome fittizio; quella legata al letto dalle mie parole in questo momento sei tu, sì, tu.
Tu che stai scorrendo con le dita curiose il display o la rotellina di un mouse, e non hai la minima intenzione di slegarti chiudendo la pagina per interrompere la lettura di questo banale ed insolente testo. Uno scritto presuntuoso che sta percorrendo i tuoi indumenti e ha il potere di strapparteli improvvisamente, donando al tuo udito quel fruscio di stoffa che si lacera, denudandoti.
Non importa dove sei, ti senti nuda e riesci a sentire nitidamente i miei pollici raggiungere il centro dei tuoi seni per stuzzicarli, prima che io li contrapponga ai miei indici, interponendo la tua tenera carne sensibile, stringendola quel tanto che piace a te, anche appena più forte.
Socchiudi appena gli occhi ma non abbastanza per smettere di mettere a fuoco questo racconto che ti sta scendendo lungo il ventre, vedi quasi le mie dita digitare lettere dopo lettere componendo il percorso per raggiungere il tuo inguine, dove il flusso di parole si divide: metà prosegue sulla tua gamba destra e metà sull’altra; come carezze sfiorano l’interno delle tue cosce fino a raggiungere le tue caviglie, afferrandole.
Ti accorgi, vero, che le sto sollevando e divaricando? Lentamente, inducendo le tue ginocchia a piegarsi e avvicinarsi ai tuoi seni, senza contorcerti troppo, solamente il necessario per farti sentire così, disarmata, di fronte al mio desiderio di proseguire fino a raggiungerti la mente.
Ho voglia che tu senta il tuo alluce destro scivolare piano nella mia bocca, e mentre scompare delicato tra le mie labbra, cerca il mio sguardo. So che non è teoricamente possibile ma sappiamo entrambi che puoi trovarlo, intravederlo, scorgerlo mentre quella sensazione del dito del tuo piede che si immerge nella mia saliva è più che reale, muovilo accarezzando la mia lingua, mentre le mani continuano a tenerti le caviglie e il mio pube si avvicina al tuo.
Sta per accadere, ho voglia di accelerare la mia scrittura perché fatico sempre più a resistere alla tua lettura, percepisco il tuo seguirmi e ho fame di iniettarmi in te, di comporre in modo da impregnare di me ogni fottuta parola che sta per risalire nel tuo ventre, non puoi opporti, non vuoi nemmeno ritrarti, proseguo;
sospiri di accogliere senza protezione questo estasiante elisir, ed io lo faccio, decido di affondare nella tua mente bagnata, ora, invadendo anche il tuo sesso pulsante, scelgo di penetrarti piano perché tu possa sentire il gradino del mio glande nelle tue viscere, ti dono anche il respiro mentre ti riempio come mai ti sei sentita completata, fino in fondo. Fino a premere il mio inguine sul tuo.
Appoggio le tue gambe alle mie spalle, le mie mani son libere di avvolgere i tuoi seni mentre arretro quasi completamente per riconficcarmi immediatamente, ancora a fine corsa.
Stanno tremando queste mie parole, ansimano, una goccia di sudore sfugge loro e cade sul tuo labbro inferiore, sappiamo che fine sta per fare quella stilla; riesci a percepirne il gusto salato mentre, pudica, te ne impossessi con la lingua?
Dal tuo petto, i miei palmi aperti risalgono lungo le tua braccia per arrivare alle tue mani, ne libero una, intrecciamo le dita, le porto fra le nostre bocche, mordo due tuoi polpastrelli e tu fai lo stesso ai miei, stringiamo entrambi mentre ondeggio nel tuo golfo bollente. Abbiamo gli occhi vicinissimi, non staccarli da qui per nessun motivo mentre sfilo le mani dalle nostre labbra e accompagno la tua giù, verso le nostre carni fradice.
C’è la mia saliva su questa pagina e sul tuo dito medio.
La mescoli alla bava densa del tuo germoglio dischiuso mentre ti invado.
Assorbi indecorosamente me ed ogni mio vocabolo, posso prenderti come e quanto voglio, possente come un taglialegna canadese, dolce come un fine scandinavo, impetuoso come un vichingo ma anche avvolgente come un adepto asiatico del tantra.
Leggi anche questo che è il mio prolungato graffio alla tua schiena, che finisce col tuffarsi nel tuo ano.
Lo sento.
Manca ancora solo qualche riga, ogni angolo della mia fantasia sta bucando lo schermo pur di raggiungerti, sto per essere tuo come non potrò mai essere di nessuna, tutto me fuoriesce e.......... eiaculo in te ogni onda fisica e cerebrale che mi hai suscitato incollandoti qui ,nel nostro gioco perverso;
tracimo letteralmente, ed ora sì, puoi chiudere gli occhi e viverti i fiotti di inchiostro che il mio pennino spruzza in te, tutti solo per te, che sei rimasta ad accoppiarti scandalosamente con me fino a quest’ultima strofa.

Questo racconto di è stato letto 2 0 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.