Pianura Padana, Giugno 1931

Scritto da , il 2021-06-16, genere etero

Ho da poco varcato la soglia della mezza età e mi trovo sulla banchina ferroviaria della stazione di Parma, è in arrivo la locomotiva a vapore proveniente dal nord ovest e diretta verso il meridione; su uno di quei vagoni ci sei tu. Nessuno qui attorno conosce il mio nome, secondo il registro cittadino sono Thomas Andersen, un commerciante di bestiame dalle maniere semplici.
Non scenderai a questa fermata, devi percorrere i binari di sette regioni per raggiungere una persona.
I freni stridono, il treno rallenta fino a fermarsi; osservi dal finestrino e il caso vuole che il convoglio si fermi posizionandoti di fronte a me.
Non ti ho mai vista prima ma sento di conoscerti, associo i lineamenti del tuo viso a quella sensazione deliziosa che aleggia, da tempo, nelle mie fantasie. Scruti la morbida camicia bianca, con colletto coreano, che avvolge il mio petto. Le bretelle marroni scavalcare le mie spalle fino a raggiungere un pantalone grigio, sfilo dal taschino un orologio a cipolla in argento, osservi la lenta carezza con la quale la mia mano sfiora la sottile catenella, senza che io distolga lo sguardo dai tuoi occhi. Le mie dita raggiungono la rotella per la carica manuale, la tua attenzione finisce sui miei polpastrelli che, afferrandola, la fanno ruotare, mezzi giri, come se la stessi masturbando a semicerchio, senti il mezzo vortice vibrare nelle tue viscere. Quel sottile strato di vetro non può proteggerci, ci stiamo contaminando anche la respirazione, se potessimo sfiorarci risucchieremmo ogni colore attorno; non è il sesso ciò che sto desiderando, ma è fottere il culo all’ultimo dei tuoi pensieri, quello nascosto nell’angolino perduto della tua mente, voglio spingermi con lo sguardo nel tuo iride inabissandomi fino a scenderti nel ventre sottoforma di goccia densa, non mi interessa trattenerti, non cercherò di fermarti, ripartirai diversa, come se in questa stazione mi avessi lasciato deglutire i vapori della tua nudità. Il fischio del capostazione ci rispedisce nei nostri cammini, il treno riparte, io mi volto e mi dirigo lentamente nella direzione inversa; la mia mente non lo percepisce come un allontanarsi, anzi, lo vive come un “continuando in direzione opposta ci rincontreremo dall’altra parte del pianeta.”
Ancora qualche passo e improvvisamente il fischio acuto dei freni, il macchinario frena di colpo la sua marcia, mi blocco per qualche secondo, il ferroviere chiede scusa comunicando che una Bimba monella ha azionato l’arresto di emergenza. Sorrido.

Questo racconto di è stato letto 1 9 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.