Intervista 5 - Mia moglie ubbidisce

Scritto da , il 2021-06-25, genere dominazione

Tornato dalla settimana di viaggio di lavoro non vedevo l'ora della chiamata con Valeria per sottomettermi di nuovo davanti a lei e a mia moglie.
Da quando mercoledì avevo fatto sesso telefonico con Silvia non mi ero più toccato ubbidendo al suo ordine. Ora ero come ormai di consueto completamente nudo, in piedi di fianco a mia moglie con il cazzo durissimo in mano che già pulsava.
Silvia fece partire la chiamata. Valeria stavolta era in pantaloncini inguinali. Da quando Silvia mi aveva scoperto Valeria non mi aveva più mostrato le sue mutandine ma quei pantaloncini lasciavano ben poco all'immaginazione.
Mia moglie la saluto' sorridendo - Ciao Valeria, da te deve fare un bel caldo eh?
Valeria ricambio' il sorriso - Mi son messa comoda, ma anche tu non scherzi, che belle gambe hai Silvia, oggi lo facciamo impazzire tuo marito. A proposito, gli hai dato il Viagra? Mi sembra che ce l'ha ancora più grosso oggi, e che cappella bordò!
S - Lo sai che è quattro giorni che non si tocca, non ci è abituato, ha le palle piene, starà già scoppiando il segaiolo.
V - Marco, avvicinati alla webcam, fammelo vedere bene, voglio un bel primo piano, togli la mano.
Mi avvicinai e lasciai il cazzo, vidi Valeria avvicinarsi alla tastiera per catturare un'istantanea del suo schermo. Fece un gran sorriso, la foto doveva essere venuta bene.
V - Che bella! ora inginocchiati davanti a tua moglie. Silvia, raccogliti le gambe e appoggia i piedi sul bordo della sedia. Così, sei bellissima. Marco, mettiti al lavoro, comincia a leccare.
Valeria aveva già in mano la situazione. Ormai dava tranquillamente del tu a mia moglie, quasi sembrava dare ordini anche a lei.
V - Silvia, le tue idee per tuo marito oggi?
S - Si, come sai mio marito è un gran segaiolo, non è vero caro?
Continuò senza aspettare la mia risposta - Voglio che Marco smetta di farsi tutte queste seghe. Lui da oggi potrà segarsi e venire solo col mio permesso.
V - Mi sembra un'ottima idea. E se sgarra?
S - Dovremo introdurre qualche punizione che gli faccia passare le voglie.
V - Capito Marco? Oggi il permesso non te lo diamo, non sognarti nemmeno di venire.
Non venivo da giorni ma immaginavo che questa chiamata si sarebbe conclusa con la mia solita sborrata, ero deluso.
S - Oh guarda che faccino triste! Ma non sei felice di leccarmi i piedi?
M - Sì, però..
S - Però niente. Ti sembra giusto che una donna come me debba avere un marito che non pensa ad altro che a segarsi? Racconta a Valeria quello che hai detto a me. Quante seghe ti facevi da ragazzo?
Guardai Valeria in cam. Sorrideva - Mi segavo due o tre volte al giorno.
S - Dai, continua, raccontale tutto.
M - Mi segavo la mattina appena sveglio pensando alle mie compagne di liceo. E poi appena tornato da scuola dopo pranzo mi segavo leggendo fumetti e riviste porno.
S - e poi?
M - La sera tardi in TV se li trovavo mi segavo guardando i film di Edvige Fenech e Pierino, o con le pubblicità dei telefoni erotici. E la notte, a letto, mi segavo di nuovo immaginando le mie compagne più fighe nude.
V - Altro che due-tre seghe al giorno, più quattro o cinque direi, che maiale. Ma conosco il tipo, non mi sorprendi molto. Troppo timidi per provarci con una ragazza non vi rimane altro che segarvi in continuazione.
S - Marco le ha anche avute un paio di storie, dopotutto era un bel tipo, ma sai cosa? Mi ha confessato che non gliel'hanno mai data, al massimo gli facevano vedere una tetta per spararsi una sega.
V - poverino, chissà come impazziva. Ma è il destino da segaiolo!
S - Marco ha quasi quarant'anni, è ora che impari a controllarsi.
V - Segaiolo, hai sentito tua moglie. Giù le mani, smetti di toccarti!
Smisi subito la sega.
V - Silvia, fallo impazzire. Allarga un po' le cosce, solleva un po' la gonna e fagli vedere le mutandine. Marco, smetti di leccare! Guarda le mutandine di tua moglie, non è uno spettacolo? Riesci a controllarti? O ti basta la visione per sborrarti addosso?
Non risposi, ma continuai a fissare le mutandine di mia moglie.
V - Silvia, allargale ancora un po', fai la sboccata. Brava, larghe così, che spettacolino che siete.
Si sentì un click, ci aveva fatto una foto in quella posizione compromettente, ma Silvia sembrava non averci fatto caso, presa dal momento.
V - Scosta le mutandine ora, fagliela vedere.
Mia moglie fece come chiedeva Silvia. Scostò le mutandine e fece vedere tutto, la figa sembrava luccicare, come se fosse già bagnata. Che anche Silvia si stesse eccitando per la situazione?
Vidi Valeria avvicinarsi di nuovo alla tastiera e premere un tasto. Sicuramente un altro screenshot, ora Valeria aveva una foto di mia moglie con le gambe spalancate, la figa completamente in vista. Possibile che Silvia non si fosse accorta?
V - Marco, ora comincia a leccarle le gambe, sali piano piano fino alle cosce. Tu Silvia tienile belle spalancate.
Mi misi a leccare, e anche Silvia fece come chiedeva Valeria, le gambe spalancate, le mutandine sempre scostate
V - Ora voglio che ti apri la figa, usa due dita, fagliela vedere tutta aperta a tuo marito, così. E con l'altra mano apriti la camicetta e comincia ad accarezzarti un seno. Brava, tiralo fuori, voglio vederti il capezzolo. Chiudi gli occhi, e tieni la bocca socchiusa, piega un po' la testa all'indietro.
Con mia sorpresa Silvia fece tutto quello che aveva chiesto Valeria, era una visione pazzesca, adesso davvero stavo per venire senza neanche toccarmi. Mi voltai verso lo schermo, vidi Valeria sorridere soddisfatta, continuava a premere tasti. Senza che mia moglie se ne accorgesse stava facendole un servizio fotografico di pose porno, le tette scoperte, la figa allargata con due dita, le cosce spalancate.
Non resistetti, e ripresi il cazzo in mano.
V - Non toccarti! Hai sentito tua moglie, lei può godere quanto vuole ma tu non puoi segarti senza il suo permesso!
Mi fermai.
V - Avvicinati alla figa di tua moglie, annusala!
Silvia, vuoi infilarci dentro un dito?
Mia moglie era evidentemente eccitata, ed ancora una volta seguì le parole di Silvia, cominciando a sditalinarsi. Non ci potevo credere, guardavo estasiato mia moglie masturbarsi. E intanto continuavano a sentirsi i click, altre foto di mia moglie in quella posa pornografica.
Marco, apri il cassetto del comodino. Trovato il regalino per tua moglie? Aiutala a godere, hai leccato abbastanza.
Un'altra sorpresa, nel comodino trovai un vibratore rosa. Lo accesi e lo avvicinai alla figa di mia moglie.
V - Silvia, apri bene le labbra della figa adesso. Fatti infilare il vibratore. Marco, muoviti, sembra bella bagnata, vediamo quanto ci mette tua moglie a raggiungere l'orgasmo.
Glielo infilai, quasi immediatamente si sentì Silvia godere, gemeva grazie alle sensazioni del vibratore nella figa. Cominciai col fare dentro e fuori, poi sentivo che godeva a lasciarglielo dentro, facendolo ruotare. Quando lo toglievo Silvia sospirava, e io glielo appoggiavo con la punta sul clitoride.
S - Lascialo li, così, così, aaahhhh!
Si lasciò andare ad un profondo orgasmo, la stanza riempita dai suoi gemiti e dai click di Valeria che continuava a fotografare.
V - Siete proprio una bella coppia. Ti è piaciuto Silvia?
Mia moglie sembrava ancora stravolta dall'orgasmo, le gambe divaricate sui braccioli della sedia, la testa riversata all'indietro. Si ricompose, chiuse le gambe e abbassò la gonna.
S - Si... mi hai fatto godere molto Valeria.
V - è stato eccitante anche per me godermi la visione di una bella donna in calore.
Silvia arrossì, e fece finta di prendere l'osservazione come un complimento - Grazie Silvia… ma ora occupiamoci di Marco.
Poi Silvia continuò rivolgendosi a me - Porco, ti sei goduto lo spettacolo? Mi avevi mai visto godere così?
Non sapevo cosa risponderle, ancora sorpreso da quello che era accaduto, mi chiedevo se fosse possibile che mia moglie presa dall'eccitazione del momento non si fosse davvero accorta delle foto scattate da Valeria.
Silvia continuò - Non rimanere così a bocca aperta. Mettiti sdraiato sul letto, è il tuo turno, ma forse per te non sarà così piacevole.
Mi sdraiai a pancia in giù, mentre Silvia prese la scatola coi dildo.
S - Non così, sdraiato di schiena ti voglio, girati. Ora raccogliti le gambe con le braccia, bravo, che bello spettacolo che stai dando.
Sentii vari click, era Valeria che ancora una volta stava fotografando, questa volta ero io il soggetto immortalato, sdraiato di schiena, con le gambe aperte e piegate all'indietro ed il culo in esposizione.
S - Valeria mi dice che ti piace prendere questi plug nel culo?
M - Si, mi fa godere sentirli dentro.
S - Ma è da quando ti ho scoperto che non li usi, perciò ci vorrà un po' d'aiuto.
Silvia prese del gel e lo spruzzò sul mio buco e ancora sul dildo più piccolo.
S - Cominciamo il test dal più piccolo, vediamo quanto l'addestramento di Valeria te l'ha allargato.
M - oohh
Silvia me l'aveva spinto dentro, in un sol colpo.
S - Questo è entrato subito, l'hai preso bene, ti piace?
M - ooh, siiii
Mentre rispondevo me l'aveva sfilato. E poi subito riprese a inserirlo e a toglierlo dopo averci fatto fare un bel giro dentro. Sentivo un po' male, ma era soprattutto piacere e Valeria se ne accorse.
V - Silvia, il maiale sta godendo troppo e rischia di venire fra un attimo. Il prossimo plug mettiglielo senza lubrificarlo.
Silvia seguì il consiglio, ma anche il secondo penetrò senza troppi sforzi.
V - Ora prendigli la pelle del cazzo e tirala indietro il più possibile, fino in fondo, gliela devi quasi staccare.
Silvia prese il cazzo in mano e tirò forte indietro, ora sentivo un mix di dolore e piacere.
V - Passa direttamente al plug più grosso, infilaglielo tutto, e tira ancora più indietro la pelle del cazzo.
Silvia spinse dentro il terzo plug, che entrò a fatica.
V - Guai a te se vieni porco!
Ansimavo e gemevo fra piacere e dolore.
V - Silvia fai dentro e fuori con quel dildo, e giralo bene quand'è dentro, vediamo quanto resiste.
Ma ero già al limite, e dopo un paio di minuti, all'ennesimo giro del plug nel culo uscì la prima goccia di sperma, e quando Silvia lo spinse ancora più dentro schizzai diverse volte nonostante il dolore al cazzo con la pelle completamente tesa.
M - Ahhhh, basta, lasciami il cazzo per favore.
V - Non ascoltarlo, tira la pelle indietro ancora di più, fagli provare dolore. E lascia pure il plug nel culo adesso.
Silvia diede altri colpi al cazzo, mi dava la sensazione che la pelle stesse per strapparsi, ma così fece uscire altro sperma.
V - Visto il maiale, gode ancora!
Poi finalmente Silvia lasciò il cazzo. Adoro la mano di mia moglie attorno al cazzo, godo sempre tantissimo quando mi sega ma stavolta avrei avuto un ricordo diverso. Mi lasciai andare, sdraiato sul letto, le gambe finalmente libere, ma non era ancora finita.
V - Silvia, prendi l'elastico che ti ho fatto preparare. Ora, riprendi in mano il cazzo del maiale e tira di nuovo indietro tutta la pelle, il più possibile, ed infilaci l'elastico. Marco, questa è la punizione per aver sborrato senza permesso, che ti serva da lezione. E non osare toccarlo o provare a toglierlo. Starai così tutta la notte, il plug nel culo e la cappella scoperta. Son proprio curiosa di vedere in che condizioni ti ritroviamo domattina. Silvia, quando si sveglia fagli una bella foto a culo e cazzo e mandamele. Per oggi abbiamo finito. Ciao Silvia, mi sembra che ti sia divertita anche tu oggi, mi hai seguito bene, stai imparando in fretta, brava!
S - Ciao Valeria, grazie.
Silvia chiuse la chiamata.
S -Spero ti sia servito da lezione. Se vuoi fare il sottomesso lo devi fare fino in fondo ed ubbidire, altrimenti ti ritrovi così, in punizione. Cerca di dormire un po', io mi faccio una doccia e poi esco con le mie amiche, tu non ti muovere da qua, quando torno ti voglio trovare ancora così, intesi?
Diede un'ultima occhiata al cazzo, tutto rosso, la cappella scoperta, la pelle tesa dall'elastico, tirata indietro, e se ne andò senza salutare.

Questo racconto di è stato letto 2 2 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.