Menage a trois -11- il guardone sistemato

Scritto da , il 2021-06-19, genere voyeur

Dopo l'ennesima maratona ci eravamo tutti lasciati cullare dal tepore del sole, che come spesso capita procura una certa sonnolenza.

Vengo svegliata di colpo dalla voce concitata di Lucrezia che non è più accanto a noi. Mi tiro su di scatto seguita da mio marito e quello che vedo mi lascia basita! La nostra amante è sulla porta che da sulle scale che parla con il figlio del nostro vicino di pianerottolo...

Sotto certi aspetti era ovviamente una cosa che potevamo mettere in conto, il concretizzarsi questo pericolo lascia però interdetti.

Guardo mio marito che ha il mio stesso sguardo preoccupato, gli dico di non muoversi, mi sarei avvicinata io.

"Serena questo ragazzino ci stava spiando!"

"Fortunatamente Gianluca non è così tanto piccolo ha compiuto oramai i suoi 20 anni" le rispondo.

Mi concentro con lo sguardo sul figlio dei vicini, è paonazzo, gli occhi sembrano uscire dalle orbite. Come poter dargli torto...ha davanti due donne praticamente nude e anche un po' gnocche si potrà dire, o no?

Lo affronto decisa "Gianluca da quanto ci stai guardando? E cerca di non dire delle pataccate!"

"Da un pochino"

Lo incalzo "un pochino quanto, cerca di essere più preciso"

"Da quando Serena ho sentito che uscivi di casa, ti ho seguita"

Guardo Lucrezia negli occhi, entrambe rimaniamo interdette, ovviamente ha visto tutto...

"Senti un po' furbetto che non sei altro, almeno vuoi dirmi se ti sei eccitato? Scommetto che ti sei anche fatto una sega, giusto?"

Lui annuisce mesto, ma nonostante tutto io e Lucrezia notiamo dal suo pantalone una nuova erezione.

La mia amante mi chiede se conoscendo il ragazzo sarà il tipo di svuotare il sacco con tutto il vicinato.

Le rispondo rivolgendomi direttamente a lui, "ascolta caro Gianluca, oggi potrebbe essere la giornata che ricorderai per tutta la vita. Noi due potremmo darti un piacere che hai visto solo su internet, ma questo ha un prezzo, si chiama silenzio... cosa ne dici?"

Mi risponde di sì con l'entusiasmo di un bambino.

Io e Lucrezia con uno sguardo di intesa gli siamo addosso, prendiamo le sue mani, una io e una lei, incominciamo a succhiargli le dita, poi così bagnate le passiamo sui nostri capezzoli. Lui è sempre più rosso, il respiro è sempre più affannoso. In breve ci inginocchiamo entrambe ai suoi piedi, gli caliamo i bermuda e lo slip. Ci troviamo davanti un cazzo discreto, nulla a che vedere a quello di mio marito ma duro come il ferro.

Insieme io Lucrezia incominciamo a leccarlo e a turno a succhiarlo.

Ovviamente il cucciolo non può reggere a lungo e infatti poco dopo esplode in una schizzata pazzesca! Ci troviamo tutto il viso imbrattato, così conciate gli ricordiamo la promessa e lo vediamo correre giù per le scale.

Io e Lucrezia torniamo da mio marito leccandoci l'un l'altra lo sperma dai nostri visi.

"Miei cari vogliamo scendere a pranzare?", e raccogliendo il mio accappatoio mi avvio..

Questo racconto di è stato letto 1 7 4 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.