Visita ginecologica II

Scritto da , il 2021-05-24, genere saffico

Destata dal richiamo della Dottoressa Grandi mi sono accinta a spogliarmi per iniziare stavolta davvero questa benedetta visita. L'imbarazzo però rimaneva lo stesso, lo stato d'eccitazione non lo avevo sognato, era proprio lì in mezzo alle mie gambe a testimoniarlo...
Come pormi nuda sulla poltrona davanti ai suoi occhi indagatori??
E infatti appena mi si è avvicinata ha infilato un paio di guanti si è seduta su uno sgabello e dopo qualche secondo d'osservazione con un tono che cercava di essere più neutro possibile mi ha chiesto "tutto bene signora? C'è forse qualcosa che non va?"
"Mi deve scusare Dottoressa, sono molto imbarazzata..purtroppo ha visto giusto, sono evidentemente eccitata, mi creda sono mortificata, però tutto questo è dovuto soprattutto a lei...."
" A me??????" Il suo tono fa emergere un sincero stupore, quasi io volessi marcare una sua scarsa professionalità.
"Si mi perdoni, ma da quando sono entrata nel suo studio la sua presenza, il suo fascino, il suo sguardo, il suo bellissimo seno mi ha turbata, profondamente turbata.."
"Ma signora, dalla sua scheda anagrafica vedo che lei è coniugata con prole..."
" Sì tutto vero Dottoressa, non pensavo però dovessi aggiungere nelle note anche la mia bisessualità...."
Ancora più interdetta, la Dottoressa dopo qualche attimo di attesa avvicina l'ecografo vaginale non premunendosi di ungerlo di gel, convinta come era giustamente che non ce ne fosse bisogno.
Però la situazione è oramai compromessa, appena lo introduce il mio corpo comincia a reagire con piccoli spasmi rivelatori del mio turbamento.
La Dottoressa si blocca. "Serena voglio darti del tu, credo sia assolutamente doveroso sospendere. Non è giusto, nè tantomeno professionale continuare in questa situazione. La visita può essere completamente inficiata. E poi perdonami....anche io vedendo le tue reazioni perdo il distacco necessario...la donna che hai visto nella foto sulla mia scrivania è la mia compagna, io come te e forse più di te non sono esente da certe attrazioni..."
"Mi scusi, pardon scusami Lucrezia, ho necessità di questa visita, procediamo, cercherò di contenermi"
Provo dunque a chiudere gli occhi, così però se possibile la situazione peggiora, il mio immaginario esplode! Il desiderio si acuisce, il corpo oramai non risponde più!
Lucrezia si blocca ancora, la sento estrarre l'ecografo. Vivo nel terrore che sospenda tutto, mi cacci dallo studio. Con un fare fulmineo le blocco prima il polso destro sfilandole il guanto e poi il sinistro. Mi porto le sue mani una sulla mia vulva oramai colante e una sul mio capezzolo dx turgido e sensibile allo spasimo.
Trattengo le sue mani con le mie per il terrore che le allontani, il piacere che sento crescere è devastante, mi inebria i sensi, arriva dritto al cervello tramortendomi!!
Quando mi sento abbastanza sicura che possa non spostare le mani, dirigo le mie verso il suo petto. Voglio vedere, devo vedere cosa si cela dietro quel tessuto...dio no, non ci credo!! Non non può essere vero...sono tette magnifiche quelle mi si parano davanti, mai, mai visto nulla di simile! Comincio a giocarci con le mie mani e poi attratta come un magnete ci appoggio la bocca, alterno baci e succhiotti e qualche piccolo morsettino.
Se esiste il paradiso credo di averlo trovato. Forse è utile riprendere l'opera dantesca, sicuramente deve avergli dedicato un capitolo....
Intanto Lucrezia non hai smesso un attimo nel darmi piacere. La sua mano sinistra alterna sapientemente tocchi meravigliosi ai miei capezzoli. L'indice e il medio della mano destra mi scopano in modo continuativo la vulva e con il pollice mi stimola il clitoride in un modo ossessivo!!
Decido di infilare una mano sotto alla gonna, le accarezzo l'interno cosce, lei incomincia ad essere malferma sulle gambe, d'altronde la sua posizione è obbiettivamente più scomoda della mia. Continuando la mia ostinata risalita vengo attratta da un calore pazzesco al cavallo, appena la mia mano si posa sul suo pube sembra debba bruciarsi..
La sua vulva è caldissima e completamente fradicia!
"Lucrezia sei bagnata..."
" cristo santo Serena, disgraziata, come ti aspettavi che fossi??"
Quelle poche parole ci hanno obbligate a guardarci negli occhi. I suoi occhi verdi limpidi di aprile, devastanti, disarmanti in cui perdersi senza più trovarsi.
"Ti scongiuro Lucrezia, baciami!"
Le nostre lingue incominciano ad incrociarsi come in una gara di fioretto, continuiamo a toccarci senza staccare più le bocche, fino a quando quasi contemporaneamente raggiungiamo un orgasmo travolgente!!!!
Ho la sensazione che Lucrezia voglia staccarsi, le arpiono la nuca spaventata che quel bacio possa interrompersi, vorrei invece che quel bacio proseguisse per un'ora, per un giorno, per una vita intera senza soluzione di continuità....

Ovviamente poco dopo obtorto collo dobbiamo dare spazio alla realtà. Mi rivesto e mi ritrovo nuovamente seduta alla sua scrivania. Su un foglio Lucrezia ha segnato alcuni esami che devo fare, a piè pagina ha scritto il suo numero di telefono accanto al quale leggo "Chiamami!!"

Puoi starne certa cara Lucrezia! Ad una Dottoressa così, davvero non posso più rinunciare!!

Questo racconto di è stato letto 7 7 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.