Il papà del mio amico

Scritto da , il 2021-04-13, genere bisex

Stefano andiamo a scuola insieme gli faccio i compiti perchè lui il pomeriggio lavora per aiutare la famiglia suo padre agli arresti domiciliari e come un fratello per me vado a casa sua mi apre il padre alto grosso robusto pieno di peli sul petto mi fa entrare canottiera e box apre una birra e mi offre da bere se non bevi mi offendi gli do i fogli del compito per il figlio e mi fa domande cosa facciamo in giro dove andiamo se abbiamo la ragazza si accende la sigaretta mi guarda e ride solo pippe scommetto e film porno vero ? divento rosso e faccio per alzarmi per andare via mi blocca A ragazzino che te vergogni hai paura di me perchè sono un carcerato siamo uno di fronte altro le mani grandi possenti che mi fermano le spalle ci guardiamo ho paura tremo e gli chiedo la prego mi faccia andare a casa Noooooo dai non ti faccio nulla tu aiuti Stefano mi parla tanto bene di te mi fa sedere sul divano affianco e beviamo un bicchiere ma non è che tu sei innamorato di mio figlio e fai il carino per portartelo a letto ' Dico no per niente e solo un amico ha bisogno ho visto i messaggi che vi scambiate non me sembra che provi solo amicizia baci la notte ti voglio bene ti prego non lasciarmi prende la mano e la porta sul cazzo e la spinge Questo che ti piace è troietta sentilo come cresce in carcere senza le donne ti sfoghi con uno più giovane e adesso ho scelto te se fai storie ti faccio male e mi afferra i capelli e li tira abbassandomi la testa verso inguine e mi strofina la faccia sul cazzone e poi lo caccia fuori e me lo sbatte sulle guance apri la bocca e mi sculaccia poi mi avvicina la faccia e ordina apri la bocca urlando con voce ferma e mi sputa in bocca e mi dice ingoia cagna e mi spoglia mi alza e mi porta in camera da letto cerco di liberarmi ma è troppo forte e mi butta sul letto si spoglia e mi viene sopra mi tiene fermo le mani e mi bacia in bocca con forza infilando la lingua in bocca e sa di alcoo e di fumo il suo cazzone strofina sulla mia pancia la mano sotto che mi stringe le chiappe e mi girato alzato il culo e infilato la lingua bagnandomi e sculacciandomi quando cercavo di scappare poi una mano che mi strizzava i capezzoli e poi mi ha infilato il cazzo in bocca spingendolo tutto da farmi venire i conati di vomito e mi afferra il cazzo lo stringeva poi lui sotto e mi ha trascinato sopra inginocchio e mi ha spinto la cappella dentro e mi abbassav per farmelo entrare tutto e afferrando i fianchi mi faceva salire e scendere e li che ho iniziato a eccitarmi e mi sono mosso io mi hapreso il viso e ci siamo baciati e io mi sono lasciato andare e mi ha preso in tutte le posizioni e sono venuto due volte anche lui dentro di me .Mi ha chiesto se con il figlio avessi fatto sesso gli ho detto mi sarebbe piaciuto ma avevo paura che rovinavo amicizia ma mi masturbavo la notte sognando di farmi scopare Da oggi quando ho voglia ti chiamo e tu corri qui se farai il bravo ti faccio scopare Stefano due cazzi della famiglia fammi organizzare ci penso io ho fatto un pompino ingoiando tutto e poi mi ha mandato via .4 giorni dopo mi chiama dicendomi vieni oggi ti faccio divertire con Stefano ma fai quello che ti chiedo mi dice come lavarmi dentro vado entro beviamo c è anche Stefano parlando si lamenta di dolori lungo la schiena e mi chiede se so fare massaggi gli dico che a mio padre li faccio e andiamo in camera da letto dice al figlio di stendersi si sdraiano uno affianco all altro io in pantaloncini corti spalmo la crema e massaggio poi si girano e inizio dalle cosce poi il padre mi fa stendere al posto suo e mi massaggia un po a me un po al figlio mi passa le mani sul culo aprendomi le chiappe e infilando le dita e io mugolo e alzo il bacino il padre caccia il cazzo dritto e me lo strofina sulle chiappe e io gemo chiama il figlio e lo fa salire a massaggiarmi il culo e viene davanti alla mia faccia e mi prende per i capelli e caccia il cazzo e lo spinge in bocca e io lo ingoio e Stefano eccitato grosso come il padre mi strofina il cazzo mi fanno inginocchiare e loro in piedi sul letto e io li succhio a turno e poi il padre mi mette a 90 e mi lecca il culo e succhio il figlio tremo godo mi agito e lui mi infila e mi sbatte alla grande affondandolo tutto e io mi bacio il figlio poi si danno il cambio e uno sotto io al centro e prendo due cazzi nel culo godiamo tutti ci rinfreschiamo e poi Stefano mi prende per la mano e andiamo a letto e ci rotoliamo baciandoci con passione e mi prende in tutte le posizione e gli dico che da tanto lo volevo e lui mi dice anche lui ma aveva paura e lo ingoio tutto poi entra il padre e insieme al figlio lo facciamo godere .

Questo racconto di è stato letto 4 1 1 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.