Tortura il culo di Alice (5/5)

Scritto da , il 2021-02-17, genere fisting

segue da 4/5

Si è poi arrampicata a cavalcioni sul suo padrone e ha posizionato il suo cazzo contro la sua figa.

C’era però un problema, con una bottiglia di vino nel sedere non c'era molto spazio per il frosso cazzo del suo padrone.

"Mi dispiace Maestro, non ce la posso fare." riuscì a dire Alice tra singhiozzi e gemiti di dolore.

"Ho detto fottermi puttana, vuoi la frusta?"

Giovanni ruggì con un tono di voce arrabbiato. Lei iniziò a singhiozzare. Dopo tutto quello che aveva passato quella sera, l'ultima cosa che voleva era essere frustata.

"No Maestro, perdonami Maestro, per favore non frustarmi!"

La schiava lo ha guardato negli occhi e poi ha provato di nuovo a infilarsi il pene gonfio nella figa quando aveva già una bottiglia di vino su per il culo.

Lentamente il cazzo di Giovanni scivolò nella figa della sua schiava Alice, la quale si accasciò su di lui.

Alice non ce la faceva più, e crollò sopra il suo Maestro dalla debolezza causata dai trattamenti avuti.

Giovanni avvolse le braccia intorno alla sua piccola puttana e la strinse in un caldo abbraccio.

“Shh amore mio, ti scoperò finché non avrò un orgasmo dentro di te, poi sarà tutto finito, potrai
riposare. Sopporta solo un poco ancora per me, mio dolce schiava. "

GIovanni iniziò a scopare duramente Alice, mentre lei era sopra di lui.

Con la bottiglia di vino nel retto di Alice, la sua figa era così incredibilmente stretta che Giovanni non ha dovuto pompare troppo prima di gemere avere un orgasmo.

Un fiotto di sperma bianco e appiccicoso la riempì per la seconda volta quella sera.

Poi esausto, egli si sdraiò sulle coperte e ansimò, mentre la sua schiava sofferente era ancora sopra di lui, impalata sul suo cazzo ormai molle e sulla bottiglia ben salda nel culo.

Dopo aver impiegato alcuni istanti per riprendersi, egli avvolse nuovamente le braccia intorno alla schiava che ancora singhiozzava e le baciò il viso rigato di lacrime.

“Shh, amore mio, ora è finita, sei stata bravissima e sono orgoglioso di te. Ora ti tiro fuori la bottiglia dal
culo e poi puoi riposarti. " ha detto lui, ma Alice non ha risposto.

Soffriva molto.

Allora egli allungò una mano dietro la schiava e trovò il collo della bottiglia di vino, iniziando a tirarla fuori delicatamente.

"Shh, sto solo tirando fuori la bottiglia, deve uscire, sai ... shh, eccoci, quasi."

L'uomo cercò di mantenere calma la sua schiava terrorizzata, mentre estraeva lo strumento della sua tortura dal suo retto.

La bottiglia era ricoperta di sangue, succhi di culo e sperma e Giovanni la posò sul pavimento mentre
sollevava delicatamente Alice e la metteva sul letto.

Con attenzione si mise alle spalle della schiava per esaminare il suo sfintere devastato per vedere se Alice fosse ferita gravemente.

C'era sangue e il retto era rosso e gonfio come una ferita aperta. Ogni tanto aveva spasmi, ma non era grave.

Alice pianse istericamente mentre Giovanni la esaminava.

"Per favore, Maestro ... basta ... niente più dolore."

Giovanni tirò a se la sua schiava in un abbraccio amorevole e la baciò dolcemente sulle labbra.

“No ... non ci sarà più dolore Alice, ora è finita. Sto solo controllando che tu stia bene. Vieni ora
amore mio, devo sbrigare alcune scartoffie nel mio ufficio, ma non ti lascio sola adesso, puoi riposare sul
pullman. Shh, adesso dolcezza, andrà tutto bene. "

Giovanni prese Alice tra le sue braccia e la portò fuori dalla camera da letto verso il suo piccolo
ufficio di casa.

Non aveva davvero bisogno di fare alcun lavoro in quel momento, ma pensava che la sua schiava avrebbe potuto riposare più facilmente se non fosse stata costretta a farlo.

Rimanere nello stesso posto nel quale era stata torturata non sarebbe stata una buona idea.

Adagiò Alice molto stanca e singhiozzante sul divano di pelle nera e la coprì con una coperta in modo che non prendesse freddo.

«Adesso puoi far riposare Alice, ma prima di allora, c'è qualcosa che vuoi? Forse qualcosa da bere. " sussurrò Giovanni mentre scostava i capelli della schiava dalla fronte coperta di sudore.

Alice non rispose, ma fece un debole cenno del capo così il suo proprietario prese una bottiglia d'
acqua che aveva messo accanto al divano e ne versò un poco in un bicchiere.

"Per favore, non lasciarmi sola, Maestro."

Alice singhiozzò e Giovanni scosse la testa mentre aggiustava amorevolmente le coperte che coprivano il bel corpo della sua schiava.

segue parte 6

Questo racconto di è stato letto 2 8 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.