Tortura il culo di Alice (5/5) parte finale 6

Scritto da , il 2021-02-17, genere fisting

parte finale del racconto

"Non preoccuparti amore mio, sono qui e mi siederò con te finché non ti sarai addormentata. Io sarò alla scrivania a lavorare. Tutto ciò che dovrai fare è aprire gli occhi e guardarmi, o chiamarmi. Sarò al tuo fianco" disse l'uomo mentre baciava la mano tremante di Alice.

"Il mio buco del culo fa così male, Maestro."

La piccola puttana singhiozzava e Giovanni sospirava.

"Lo so piccola, lo so, ma il dolore passerà con il tempo e il meglio che puoi fare adesso è solo provare a dormire, andrà tutto bene."

Alice annuì, i suoi occhi pieni di lacrime incontrarono quelli del suo padrone.

"Mi farai male spesso, Maestro?" ha chiesto Alice timorosa.

Giovanni accarezzò gentilmente la mano di lei mentre rispondeva, non voleva spaventarla, era così fragile in quel momento.

"Non spesso amore mio, ma ti farò questo trattamento e di ancora di peggio."

Alice singhiozzò più forte ora e tremò di paura.

"Non mi piace il dolore, Maestro e questo fa così male."

“Lo so Alice dolce, ma io godo del tuo dolore, e tu esisti per servirmi. Sì, ti userò e mi godrò la tua sofferenza. Comunque ti amo dolce Alicce, sei il mio animale domestico, la mia proprietà, la mia amante, la mia amica e la donna che un giorno voglio sposare” disse lui.

“Voglio che tu sia felice. Se non mi importasse di te mi sarebbe piaciuto torturarti ogni notte, romperti e
maltrattarti finché non mi avessi implorato. Tuttavia so che ti renderebbe infelice, quindi non ti farò del male così tanto e così spesso da non poter essere felice”

“So che una seduta come questa ti toglie tutto e che ci vorranno settimane per riprenderti, odierei se da ora mi guardassi con la paura negli occhi. Voglio il tuo amore e la tua fiducia, quindi sì, ti torturerò
di nuovo, ma no non sarà spesso e quando lo farò, ricorda che sarò sempre attento a te e alla tua incolumità " disse Giovanni mentre le metteva la mano sulla pancia sotto le coperte e si sporgeva in avanti per darle un bacio sulla fronte.

"Ora amore mio, dormi, hai bisogno di riposo." Mormorò, ma la sua schiava aveva già obbedito. I suoi occhi erano chiusi e il suo respiro era regolare e sulle sue labbra piene e invitanti si vedeva un sorriso.

FINE

Questo racconto di è stato letto 3 2 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.