Weekend lovers - La camera oscura

Scritto da , il 2021-02-02, genere etero

Quando risali a una festa in compagnia di un ragazzo sconosciuto fino ad un’ora fa dopo esserti sparata un paio di canne con lui ed aver tirato dal naso la sua Bianca. Dopo avergli fatto un pompino giù in macchina.

Quando hai una voglia matta di fartelo, sto ragazzo. Non tanto per lui ma perché alla festa ci sei già venuta con quella voglia lì, insieme a un altro ragazzo, tra l’altro. E perché gli additivi inalati non hanno fatto altro che accrescertela a dismisura, quella voglia.

Quando gliel’hai fatto capire più che esplicitamente ma lui ti ha rimbalzata perché… beh un po’ perché ti ha appena innaffiato l’esofago e un po’ perché lui, Johnny, sarà fatto così. Che ne so.

Quando ti ha promesso un “secondo round“ – ma non subito, più tardi – e ti ha pure mollata a un suo amico dicendogli “falle un po’ di compagnia che non conosce nessuno” prima di andare a rifornire di roba tutti gli altri.

Quando non puoi nemmeno tornare a casa perché la casa l’hai lasciata per la notte a una tua amica e al suo ragazzo.

Ecco, quando è così credo che il paragone con la lupa, la lupa famelica, ci stia proprio bene. Altro che cazzi.

Il suo amico, un tipo insignificante, non credo proprio che mi abbia capita. Ma a lui non posso farne una colpa visto che mi conosce da due minuti scarsi. Chi non ha proprio capito un cazzo è Johnny. Non è che puoi parcheggiarmi qui, fare il cazzo che ti pare e poi tornare a riprendermi. La tua occasione l’hai avuta e te la sei pure goduta, direi. Potevi avere anche di più, non hai voluto. Eh… pazienza. A me non va di aspettarti, non posso proprio. Per giunta in compagnia di questo qui. Come si chiama? Emilio? Attilio?

Tra l’altro di tutto ho voglia tranne che di restare parcheggiata. Sesso a parte, mi sento frenetica. Ho voglia di chiacchierare e di ballare, di sparare cazzate e di sentirmi addosso gli sguardi. Molto più di prima. Prima, cioè, che Johnny mi porgesse quella striscetta bianca. Mi sembra di essere un libro aperto, accetto battute da ragazzi che non prenderei mai in considerazione, sorrido, rispondo a quelli che se lo meritano un po’ di più, lascio che i meno timidi cerchino il contatto fisico. Mi ritrovo mani sulle braccia o sulle spalle di gente che richiama la mia attenzione. Faccio due minuti di chiacchiere con uno che per tutto il tempo passa la sua mano su e giù lungo la mia schiena e ci cazzeggio pure, alla fine è pure piacevole, nonostante sia un tipo che in condizioni normali liquiderei in un secondo. Finisco per trovare interessante e attraente più gente di quanta ne troverei di solito.

Vado molto vicina al termine delle mie ricerche quando, andando in bagno, quasi mi scontro con un ragazzo. Questo proprio mi mancava, o è appena arrivato oppure chissà dove si era nascosto. Non è male e soprattutto ha degli occhi verdi che – sarà la mia impressione del momento – sembrano risplendere. Carinoooo! “Ahahahah, non vorremo mica entrarci insieme?”, gli faccio. Lui mi sorride un “no scusami” e mi cede il passo con galanteria. Gli rispondo scherzando “peccato”, sorridendo a mia volta e mordicchiandomi un labbro. Entro in bagno senza chiudere la porta a chiave. Mentre faccio pipì non penso ad altro che potrebbe entrare e chiuderla lui. Chiaramente non succede. Lo ritrovo lì che aspetta il suo turno. “Sei simpatica, come ti chiami?”, “Annalisa”. “E se entravo pure io che succedeva?”, chiede come se scherzasse anche lui, ma non lo so se scherza. “Ahahahah… non sei entrato, non lo sapremo mai”. Mi dice “peccato”, facendo il verso alla mia risposta di un minuto prima e tirando fuori un sorriso fantastico. “Mi trovi solo simpatica?” gli domando avvicinandomi e lasciando le labbra spalancate a due centimetri dalle sue, non di più. E’ un lingua in bocca che dura una ventina di secondi, durante i quali sento il suo petto sulle tette e, dopo un po’, la sua mano sul culo. “Di là c’è la mia ragazza, sennò si poteva provare…”, dice cercando di rimanere sul filo della leggerezza. Mi piace molto questo suo fare sornione, anche mettendo da parte il fatto che sono elettrica e che da sotto si sono già fatte sentire un paio di pulsazioni. “Eh, ma potresti fare il test della fedeltà con me…”, rido lasciando che la sua mano continui ad accarezzarmi il sedere. “Dammi il tuo Insta, che magari un’altra volta approfondiamo”, mi dice. “Io te lo do ma non è detto che certi momenti si ripetano”, ridacchio passandogli un dito sul petto. A mente fredda credo che non succederebbe niente, tuttavia sono così andata che l’account glielo lascio. Quello vero, non quello che do di solito ai rompicazzo. E gli dico pure “ricordatelo, eh?”, con un po’ di rammarico nella voce. Carino sì ma anche sveglio, cazzo. Non dico che stanotte gliel’avrei lanciata ma quasi.

Torno nel salone, dove l’Emilio-Attilio cerca di riaccalappiarmi. Quello che mi dice entra da un orecchio ed esce dall’altro, tuttavia la zona del mio cervello delegata alle pubbliche relazioni è attiva e mi fa anche rispondere a tono. Certo, non è una grande conversazione, frasi smozzicate e risolini da scema. Ma è perché sono ancora eccitata dal tipo incontrato davanti al bagno. E soprattutto perché una volta tornata nel salone mi sono distratta a guardare un altro ragazzo. Per la verità è lui che sta guardando me già da un po’. Solo che da qualche secondo ho cominciato a ricambiare, lanciandogli sguardi obliqui. E direi che se ne è accorto. L’avevo già notato prima, è uno dei tre-quattro qui dentro dai quali non mi sarebbe dispiaciuto per niente essere avvicinata prima di incontrare Johnny e scendere con lui in macchina. Adesso è seduto, ma ho già potuto notare la sua altezza. Posso invece godermi il suo bel faccino e i suoi capelli un po’ corti, le spalle e il petto che se per l’ampiezza non mi ricordano un lettino da spiaggia poco ci manca. Senza tema di smentite, un big manzo.

E’ impegnato in una sofa-conversation con una ragazza dai capelli castani che, per quanto mi è possibile vedere, gli offre una generosa panoramica delle sue tette e annuisce silenziosa con un sorriso stampato sul volto. Caruccia, non di più, un po’ paffuta. No, oddio, caruccia è un po’ troppo. Troia invece di sicuro. Ha davvero esagerato con il rossetto, ma il sorriso e lo sguardo sono inequivocabili. Lui parla e ogni tanto distoglie lo sguardo fingendo di cercare ispirazione nei presenti, ma tutte le volte i suoi occhi finiscono su di me. In questo momento, in particolare, sulle mie gambe. Che c’è, bello di casa, ho vinto il premio miss-gonna-corta della serata? Mi volto giusto un po’ perché, sapete com’è, se quella gli mostra le tette io devo per forza rispondere con il mio punto di forza, no? D’accordo, ce ne sarebbero altri, ma tanto le gambe, il viso e gli occhi li ha già visti. Beh, ora fatti un’idea sul mio lato-b, big manzo. Solo che così, per rispondere ai suoi sguardi, devo proprio voltare la testa. E lo faccio, sfacciatissima. Un secondo, due. Non di più. Non è ancora lo sguardo da troia, eh no, un po’ presto. E’ una cosa che dice “perché non trovi il modo di mollare quella?”.

Il modo, in realtà, glielo offro io. Piantando Emilio-Attilio nel bel mezzo di una domanda con uno “scusa un attimo” che spero proprio venga interpretato come un addio. Non posso nemmeno dire che con lui mi sia annoiata, lo calcolavo talmente zero che era come stare da sola. Mi dirigo a un tavolo dove ci sono delle bottiglie, lanciando a big manzo un ultimo sguardo laterale, a occhi un po’ bassi. Non è che mi sia ritagliata addosso un ruolo, è stato tutto abbastanza casuale, ma mi rendo conto che con lui, nel gioco di occhiate, ho fatto sempre la parte di quella che un po’ ci spera e un po’ si vergogna. A parte ovviamente lo sguardo che gli ho lanciato voltandomi verso di lui. Ma quello può benissimo essere stato un passo falso, no? Il passo falso di una ragazzina un po’ così, di una ochetta che non sa bene come vanno queste cose. Che cazzo vi devo dire, si vede che è un ruolo che mi si addice. Lui peraltro sembra essere davvero un po’ più grande di me.

Me ne sto davanti al tavolo a guardare le bottiglie, con un bicchiere di carta in mano, vuoto. L’ho visto alzarsi, poi è uscito dal mio campo visivo. Si tratta solo di aspettare qualche secondo per vedere se avevo ragione o se mi ero fatta un film senza senso. Mi affianca, è proprio vicino. Mette due bicchieri di carta davanti a sé e afferra una bottiglia di vodka. “Ciao, che bevi?”. Mi volto a guardarlo come se l’ultima cosa al mondo che mi aspettassi fosse una sua domanda. Tiro fuori un sorriso timido, ma esplicito. Non ricambio nemmeno il “ciao” per sembrare, appunto, un po’ in soggezione. “Volevo farmi un gin tonic, ma mi sa che la Schweppes si è scaldata”, rispondo.

E attendo. Ehi, big manzo, aspetto proposte, idee, soluzioni. Aspetto di essere rimorchiata.

“Il frigo ha il dispenser, aspetta qui”. Lo vedo allontanarsi con i due bicchieri in mano, porgerne uno alla ragazza con cui parlava e proseguire. Lei lo segue con lo sguardo, io pure. Quando torna ha un bicchiere pieno di ghiaccio in mano e un sorriso da figlio di puttana stampato sul volto. Fa un cenno alla tipa che lo attende sul divano, modello “torno subito”. Dico a me stessa “col cazzo che torna subito, stai fresca” e preparo un’espressione da ragazzina che ha ricevuto per regalo i suoi primi orecchini.

“Graaazieeee”, gli faccio con un tono da smorfiosa impertinente. E lascio che il gin tonic me lo prepari lui. “In realtà non c’è nemmeno il limone, ma non posso lamentarmi”, gli dico. Lo faccio così, per mantenere il contatto verbale. “Chi te l’ha detto che non c’è il limone?”, mi fa tirando fuori dal bicchiere del ghiaccio una scorzetta.

La mia sorpresa è evidente. Altrettando evidente è che l’operazione-acchiappo sta andando alla grande. Adesso si tratta di consolidarla. Ma prima di tutto, le presentazioni: ciao Alex, io mi chiamo Annalisa.

Le domande, le prime domande, alla fine sono sempre quelle: ti diverti, con chi sei, chi conosci, quanto ti fermi. Parto dicendogli la verità, cioè che sono venuta con uno che si chiama Lollo, che è sparito. E a parte lui non conosco nessuno. Ma in realtà non conosco nemmeno lui perché ci siamo acchiappati su Tinder. “Vai su Tinder?”, chiede Alex un po’ stupito.

Rallento un attimo, meglio non fare subito-subito la parte della mignotta. Quindi sì, sono andata su Tinder perché cercavo qualcuno che stasera mi portasse fuori a divertirmi. “Non hai un ragazzo?”. E qui la mia natura di generatrice automatica di stronzate può scatenarsi.

Sì, certo, ce l’ho un ragazzo, è un mio compagno di classe, maaa… beh lui stasera usciva con quelli della sua squadra. “E non sa che sei qui?”. “Ahahahahah, a parte il fatto che mi dovresti dire che cazzo te ne frega, ma no, comunque no, non lo sa”. “E se lo viene a sapere?”. “E perché? Chi glielo dice?”. “Quindi vai ancora al liceo…”. “Sì, ma te davvero stai per laurearti? Che fico! Quanti anni hai? Ah, 24? Fico!”.

Il primo step direi che è andato bene. Cioè, spero che l’abbia capita. Il secondo prevede di condurlo definitivamente fuori dalla portata di quella che poco fa ci stava provando con lui. Non si sa mai. “Senti, non è che avresti una sigaretta? Magari possiamo andare fuori in balcone a fumarcela”. No, lui non ce l’ha perché non fuma. E questo è davvero un momento thriller. Però la chiede in giro per me e quindi wow, missione compiuta! Con la coda dell’occhio getto uno sguardo alla troia con le tette in offerta speciale. Mi odia, è chiaro. E’ tutto così perfetto anche per questo. Anche il balcone vuoto è perfetto.

No, non devo tornare a casa. Per la verità i miei sanno che dormo da un’amica. Solo che lei, beh, i suoi genitori sono via e a casa sua c’è il suo ragazzo. Più tardi mi faccio viva meglio è, ahahahahah. E poi, dopo che Lollo è sparito, devo anche trovare qualcuno che mi ci riporti, a casa della mia amica. Ma tu? Tu non ce l’hai la ragazza? Ah, ti piace non prendere impegni eh? Mi sa che sei uno pericoloso, tu, ahahahah.

Rido, fumo, faccio la scema, mi mostro disposta a dargli credito su tutto quello che dice, anche sulle cazzate più o meno palesi. Me ne sto con un piede per terra e l’altro appoggiato al muro su cui sono addossata. Giusto per far salire un altro po’ la mini. Fingo incredulità davanti ai suoi complimenti forse sinceri, ma di certo interessati, che mi rovescia addosso. “Simpatica”, “carina”, “proprio carina”, “che begli occhi”, “no, la gonna non è troppo corta, ti sta bene… con quelle gambe, poi”.

– E quindi? Pensi di stare fuori tutta la notte? – domanda.

– Forse tutta la notte no, ma il più possibile. Ho fatto una promessa… E poi forse mi aspettavo che succedesse qualcosa… – rispondo.

– Cosa doveva succedere?

– Non lo so, qualsiasi cosa! – gli dico.

– Qualsiasi? Tipo?

– Tipo fare l’alba, passare la notte a bere…

– Ahahahah, se non ti offendi ti dirò che un po’ brilla lo sembri già…

– Ti sembro ubriaca? Forse! E forse è per questo che ho promesso a me stessa di non tornare a casa senza prima essere baciata da qualcuno.

– Ah beh, se è per questo – ride lui – provvedo io a mandarti a casa subito.

Mi piace perché è rapido, perché mi prende il mento tra le dita e mi bacia. All’inizio simulo un po’ di sorpresa, poi rispondo al suo bacio. Dura poco e quando ci stacchiamo gli rido addosso: “Ahahahah, e allora?”. E allora quello era solo l’antipasto. Immediatamente dopo mi afferra per i fianchi e me ne dà un altro. Lo accolgo gettandogli le braccia intorno al collo, deve capire che ha campo libero, che voglio sentire il suo corpo aderire al mio, strusciarmi, offrirmi alle sue mani che ci mettono proprio poco a passarmi addosso. Spudorate. Sui fianchi, sulle cosce, dopo un attimo di incertezza anche sul culo. E ancora dopo un po’, ma poco, aaawww sì, adesso che ha capito che ci sto, anche in mezzo alle gambe. L’avrà capito che ha vinto al superenalotto? L’avrà capito dall’umido sulle mie mutandine? O da come la mia lingua gli scava in gola per incoraggiarlo? Li sente i miei mugolii? Mi piacerebbe che li sentisse anche l’uomo che fuma sul balcone dall’altra parte della strada. E’ immerso nel buio, è la brace della sua sigaretta a dirmi che è lì e che ci guarda. Cazzo, ma questo a letto non ci va mai? Stava lì anche prima, quando ero qui a fumare con quel cafone, quella ragazza e il suo fidanzato. Prima di lasciarmi travolgere da Johnny. Ma adesso saranno le tre e mezza. E’ nottambulo? Non so perché, non sono mai stata particolarmente esibizionista (il giusto, diciamo), ma il fatto che ci guardi mi eccita a bestia. Non è esattamente un bambino, il fatto che le mie braccia siano intorno al collo di questo gigante mentre le sue sono decisamente più in basso dovrebbe fargli capire cosa sta succedendo, no? E poi magari la sagoma di Alex non copre proprio tutto tutto, magari se ne sarà accorto che la mini mi è praticamente risalita ai fianchi e che la sua mano mi percorre la coscia fino a nascondersi dietro alla natica, no? E magari, anche se non la vede perché è coperta, il fatto che mi contorca così glielo farà immaginare cosa sta facendo l’altra mano, no?

Mi sento presa fra due fuochi. Da una parte c’è Alex che mi sovrasta con il suo desiderio, dall’altra c’è il pensiero dell’uomo che ci osserva. Vorrebbe esserci lui al posto di Alex? Vorrebbe essere più vicino? Lui me la metterebbe la mano nelle mutandine? Perché, nonostante gliela strusci sul palmo e sulle dita, il ragazzo con cui sto non lo fa. Che cazzo vi devo dire, sembra che stasera nessuno voglia oltrepassare la soglia del mio perizoma. Prima Johnny, adesso lui. Ma cos’è, la giornata mondiale di qualcosa? Per un po’ continua a passare e ripassare lì mentre io sono talmente zuppa che sembra che me la sia fatta addosso.

– Però così mi fai godere – gli miagolo piano all’orecchio esattamente con il tono dell’ochetta inesperta che cerca sensazioni forti.

Non lo saprò mai e in fondo non è che me ne freghi tanto di saperlo, ma forse è proprio questo che spinge Alex a cercarmi meglio, a entrare nelle mie mutandine, a slittare sulla mia apertura, a trafiggermi con un dito fino in fondo.

Il grido lo lancerei comunque, perché il piacere di questo ingresso è troppo improvviso e troppo forte. Se lo amplifico è proprio per farlo sentire, nel silenzio della notte, fino all’altra parte della strada. E dopo lo strilletto tiro fuori un “oddio!”, anch’esso allo stesso tempo spontaneo e esagerato. Ma è lo scatto che aspettavo, ora sono tutta tua, big manzo.

– Perché? – domanda ironico – non ti piace? Eh? Non ti piace godere?

Insiste, sadico e divertito. Più gli mugolo in bocca, più gli passo le unghie sulla nuca, più cerco di sentirmelo addosso, più lui mi scopa con quel dito. E’ davvero uno sforzo sottrarmi, ma devo farlo. Perché non voglio quello. O almeno, non voglio solo quello. Sono un unico brivido mentre mi allontano, gli afferro la mano, mi porto alla bocca il dito. In un primo momento, inutile negarlo, è un pompino, un pompino vero e proprio. Lo succhio come se fosse il suo cazzo appena uscito da me, con il mio sapore sopra. Mi serve per riprendere un po’ di controllo. L’uomo sul balcone di fronte continua a guardarci.

– Ma io voglio far godere te… – gli sussurro.

Alex resta, beh non c’è altra parola, basito. Mi guarda stupefatto prima che un lampo gli attraversi gli occhi. Cosa significhi quel lampo non saprei, ma qualche idea ce l’ho.

– Non ti facevo così – dice.

Eh, big manzo, sapessi in quanti non mi facevano così…

– Mi diverto a fare un po’ la troietta – gli ridacchio mordendomi poi il labbro.

E devo dire che mi esce proprio bene. Sembro davvero una stupidina inconsapevole.

– Tu un po’ troietta lo sei davvero, altroché, e mica poco – dice liberandosi le mani e stringendomi il culo sotto la minigonna.

Se sapesse quanto mi piace sentirmi artigliare così le chiappe credo che mi sbatterebbe qui sul balcone, messa a novanta sulla ringhiera, e io non riuscirei ad obiettare nulla. Mi tira a sé e finalmente lo sento sulla pancia, il suo pacco. Sveglio, gonfio, pronto a diventare di marmo per me.

– Davvero lo pensi? – e il sottinteso è “se è così, dimostramelo”.

Lui è uno che i sottintesi li capisce proprio. Mi prende e mi porta via. Do un’ultima occhiata alla sagoma scura sul balcone dall’altra parte della strada. La sua sigaretta è finita ma l’uomo è rimasto lì.

Gli zompetto dietro, ridacchiando e lasciandomi trascinare attraverso il salone. La ragazza che prima gli faceva il filo c’è ancora. Se prima mi odiava adesso mi darebbe fuoco, immagino. In compenso, ora che è seduta meglio, posso proprio vedere che ha praticamente le tette di fuori. Ma non si vergogna ad andare in giro così, sta mignotta? E lo sa quanto mi fa sbroccare sapere che sia l’unica a rendersi conto di ciò che sta per succedere?

E poi basta. Smetto di pensare a lei e all’uomo che fumava. Vengo tirata dentro una specie di vortice che non mi fa capire più un cazzo. Riesco solo a pensare al ragazzo che mi sta portando chissà dove. E dove mi porterà, in definitiva, non mi interessa. Mi interessa molto di più sapere se è un porco, se è uno che ti tira i capelli e ti riempie di manate il sedere, se è uno di quelli che si fa come dice lui.

Apre una porta non so bene in quale punto dell’appartamento, irrompiamo insieme in una stanza buia. Buia ma non silenziosa. Difficile dire quanto sia grande, da un angolo però – prima ancora che la visione – arriva il suono di una voce femminile. Suono inequivocabile. E’ come se cigolasse, a ritmo. Non so se lo fa per non farsi sentire o se è proprio il suo standard. Mi fermo d’istinto, mi irrigidisco, faccio per tornare indietro. Non dico nulla ma è come se lo facessi: stanza occupata, cazzo. Resisto alla spinta di Alex sulla schiena. Alla prima spinta, non alla seconda. Più forte. Accompagnata da un “daje, che te frega”. Mi ritrovo ai bordi di un letto addossato al muro, ma per un attimo è come se il big manzo fosse scomparso. Non riesco a staccare gli occhi dall’angolo da cui provengono quei suoni ritmati. Mi sto abituando al buio, ricostruisco i contorni delle ombre. Sono seduti su una poltrona, lei su di lui, gli dà le spalle ondeggiando, lievemente piegata in avanti. La riconosco, non dal volto, che non vedo bene, ma da tutto il resto. Dai pantaloni abbassati al ginocchio, perché è una delle due o tre che porta i pantaloni, stasera. Dalle maniche a pipistrello della sua maglietta, persino dall’idea del suo carré lungo che sembra svolazzarle davanti al viso. Dalla sua statura, infine, visto che mi dà l’idea di non riuscire a toccare terra con i piedi. Mi giocherei qualsiasi cosa che è la ragazza con la quale ho fumato una sigaretta in balcone appena arrivata alla festa. Quella piccolina e carina. E quello sotto – che proprio non vedo perché lei me lo copre – non può essere che il ragazzo che era con lei, il suo fidanzato. Di lui vedo solo le gambe e l’ammasso dei pantaloni alle caviglie, le mani che le afferrano le anche e la guidano nel su e giù. Non so se essere infastidita o eccitata dalla loro presenza. A loro non deve fregare nulla, o forse sono semplicemente andati troppo avanti per fermarsi. Chissà perché hanno scelto la poltrona e non il letto. Lei continua a cigolare, quando geme lo fa piano. Sicuramente molto più piano di me quando la mano di Alex arriva a ricordarmi il motivo della nostra presenza lì. E’ una mano che si infila sotto la mini ma non si ferma sul culo, va a spingermi le mutandine dentro la vagina già aperta e colante. E’ come un segnale si sblocco, mi inarco e volto la testa un po’ all’indietro per cercare la sua bocca con la mia e finire di mugolargli dentro. La sua mano fa il giro, si infila dentro il peri e sento i polpastrelli percorrere rapidi il pube. Sfiorano il grilletto disinteressandosene, ma dandomi comunque la scossa, mentre l’altra mano mi sbottona la camicetta e mi abbassa il reggiseno. Il primo dito che mi infilza mi fa mugolare più forte. Il secondo, tutto sommato atteso e anzi invitato, mi fa invece letteralmente grugnire nella sua bocca. Mi tiene incastrata a lui domando i miei movimenti sempre più scomposti. Avverto chiaramente sulle reni l’ingombro del suo bozzo, mi struscio per fargli capire che lo voglio, che in questa stanza oscura può disporre di me come vuole. La presenza dei due che scopano non è più un freno, anzi i cigolii della ragazza adesso mi eccitano vagamente. Chissà se i miei suoni eccitano lei.

– Allora? Lo prendi in bocca? Li sai fare i pompini?

La domanda è quasi sussurrata ma, nel chiuso della stanza, risuona come se fosse un boato. Dall’angolo dove i due scopano arriva quasi sarcastica una risata maschile e subito dopo un suono di carni che sbattono che si fa più rapido. La ragazza cigola più velocemente dopo avere represso un piagnucolante, quasi disperato, “così, così”. Alex si siede sul bordo del letto aprendosi i pantaloni, mi inginocchio tra le sue gambe anche se invidio terribilmente lei, l’altra ragazza. Ma glielo prenderò in bocca, ad Alex, asseconderò la sua richiesta, perché non è una richiesta alla quale posso resistere. Appoggio le labbra sulla cappella già umida, lui invece posa la mano sulla mia testa e spinge giù sussurrando un soddisfatto “brava!”. Mugolo per la sorpresa e per il piacere della invasione improvvisa, apro le fauci per ospitarlo nella mia bocca.

La stanza si riempie in un attimo dei miei rumori voraci e osceni. Ma è così che mi sento ora, vorace e oscena. Più mi cresce in bocca caldo e zuppo della mia saliva più mi cresce dentro il bisogno di essere presa. Ora che la cappella svetta scoperta e arrogante ci sputo sopra, ora che gli occhi si sono abituati all’oscurità lo guardo. Non mi interessa più fare la parte dell’ochetta, voglio solo che capisca chi ha tra le gambe, voglio che mi dica puttana. Lui invece mi dice “succhia, succhia”, con la mano che mi afferra ancora i capelli e mi guida nel su e giù. Però il gioco rischia di andare troppo avanti e io non voglio. Crampetti, umori, porte aperte: al piano di sotto è tutto pronto. La mia fica implora e se lo merita. Non so nemmeno descrivervi l’affanno e la voglia della mia voce quando mi rialzo e mi sfilo le mutandine davanti a lui, guardandolo: “Ce l’hai un preservativo?”. In realtà non so nemmeno perché glielo chiedo, l’unica cosa che davvero vorrei, e chissà perché, è passargli le mie mutandine sul muso per bagnarlo. Lui non risponde, ma cerca qualcosa nella tasca posteriore dei suoi pantaloni. Lo aiuto a stendersi sul letto mentre se lo infila, gli salgo sopra a cavalcioni e mi tiro ancora un po’ più su la mini come se ce ne fosse davvero bisogno. Glielo impugno, ho fretta, faccio io. Gli domando un “ti va?” a questo punto assolutamente fuori luogo, mi sento allo stesso tempo stretta e sdrucciolevole. Ma soprattutto impaziente.

Me lo sento scivolare dentro, aprirmi, riempirmi. Tutto molto lentamente, con dolcezza. Anzi, con una lentezza infinita che amplifica ogni cosa. Compresa la sorpresa per un piacere che mi sarei aspettata molto più irruento. Compreso il piccolo disappunto che ogni volta mi dà il preservativo. Più del solito urletto emetto un lungo miagolio che dopo un po’ mi impongo di controllare mordendomi le labbra. Gli domando “ti piaccio? ti piace scoparmi?” e se potesse vedermi bene noterebbe il sorriso sul mio volto. Tra l’altro lo sto sentendo moltissimo. I miei gemiti si sovrappongono a quelli della ragazza, sul suo tappeto di “sì” piagnucolati si adagia il mio “quanto è grosso…”. Non perché sia particolarmente grosso in assoluto, ma perché questa è la mia sensazione. E anche perché mi piace gratificarlo, lo voglio fare con le parole così come lo fa assolutamente per conto suo la mia fica, che lo stringe come se volesse dirgli “uscirai da qui solo dopo avermi divelta”. Ma è l’ultima cosa sulla quale esercito il mio completo controllo. Anzi, per un istante è proprio come se percepissi che lo sto perdendo.

Lui diventa finalmente insultante, sfacciato. Mi dà della troia, il cervello mi esplode. Quando gli rispondo “sono una troia” sto quasi piangendo e mi sento la sua mazza in pancia. La ragazza a due metri da noi annuncia “vengo”, un momento dopo Alex mi piazza le mani sulle chiappe e comincia a comandare lui. Peccato, perché avrei voluto continuare per un po’ a muovermi e a cercare di guidare il mio piacere. Ma le imposizioni mi fanno sempre cedere, anzi crollare. Scopare soddisfa il mio corpo, essere usata soddisfa molto ma molto di più la mia mente. La camicetta aperta svolazza insieme ai miei capelli, i miei “sì” e i miei “fottimi” miagolati intervallano di tanto in tanto la mia lagna indecente. Il primo orgasmo mi monta dentro e mi travolge senza che quasi mi renda conto del suo arrivo. Così come non mi rendo quasi conto di venire sballottata, ribaltata. In un attimo di lucidità, assai limitata, me lo ritrovo sopra, tra le mie gambe spalancate a farmi domande oscene, ad ascoltare le mie risposte oscene. “Ti piace il mio cazzo?”, “lo voglio tutto dentro”, “lo senti come sei bagnata?”, “più forte!”. Cerco di trattenermi, di non fare tanto rumore, di non riempire come al solito la stanza con i miei ululati. Ma quando mi ribalta e mi mette alla pecorina perdo anche questo ultimo ritegno. Per un attimo vedo l’ombra della ragazza inginocchiata tra le gambe del suo tipo che glielo succhia, anche se dai suoi suoni e dal suo ritmo è molto più probabile che sia lui a scoparle la testa in cerca della sua soddisfazione. Non che me ne freghi particolarmente, di loro due, ma anche questo mi eccita. E mi eccita anche di più, mi sovraeccita, Alex che me lo rimette dentro e mi chiede “ti scopa così il tuo ragazzo?”. Saranno le sue spinte forti, sarà soprattutto sapere che è questa l’idea che ha di me – di una che non aspetta altro che il suo fidanzato volti le spalle – ma comincio a strillare. E sticazzi se nella casa ci sentono, mi sentono. Al massimo ci invidieranno, mi invidieranno sentendomi venire sotto i suoi colpi. Sono la traditrice, la puttana fedifraga, la troia di una sera, sono il suo prossimo racconto agli amici: tutto questo mi riempie come e forse più del suo cazzo. Mi fa esplodere. E mi fa maledire il lattice dentro il quale lui trova sfogo.

Poi tutto diventa rapido, forse troppo. Si rialza quasi subito, senza nemmeno riposarsi, lasciandomi distesa ad ansimare. Dai rumori lo sento che si rimette a posto. Del tutto imprevista, mi arriva una manata forte sul sedere scoperto. Dolore, ma anche piacere. Lascia un po’ lì la mano, mi fa “dovevo incularti, sarà per un’altra volta”, poi sento che se ne va. Da una parte mi incazzo con la poca forza che ho, perché se restasse mi sentirei meno sola. Dall’altra penso che in fondo epilogo migliore non ci poteva essere e che è uno stronzo, anche se non ce lo facevo. Ma si vede che il mio radar per gli stronzi a volte sfiora la perfezione.

Resto a riprendermi. Ne ho bisogno. Non era un porco ma la castigata me l’ha data eccome. Altri rumori mi annunciano che i due ragazzi accanto a noi hanno finito e che si stanno risistemando anche loro. Ah già, ci sono anche loro.

Non si parlano, sento i fruscii dei loro abiti, i loro respiri.

Una mano mi cala sulla testa, mi scompiglia i capelli già abbastanza sconvolti.

– Il secondo round se lo famo ‘n’antra vorta, bionda, mò devo accompagnà a casa lei.

Lo riconosco dalla voce, da quello che mi dice, anche dall’odore, adesso che si è avvicinato. E’ Johnny, quello cui avevo fatto un pompino prima, nella sua macchina.

E di sicuro non è lui il fidanzato della ragazza che si è appena fatto. Un fidanzato molto meno immaginario del mio, tra l’altro.

La adoro, in questo momento. Dovrei avercela con lei perché Johnny l’ha preferita a me. Ma in realtà non me ne frega un cazzo, è proprio l’ultima cosa. Siamo due troie, sister, che il caso ha unito nella stessa stanza. E non so tu di me, ma io di te non l’avrei mai detto.

– ‘namo? – chiede la ragazza a Johnny.

– Sì, ‘namo – conferma Johnny.

– Johnny, aspetta – gli dico – serve un passaggio anche a me.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 5 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.