Quando la moglie è in vacanza 4

Scritto da , il 2020-12-21, genere tradimenti

Il vero problema per i due amici fu di scegliere quale donna guardare mentre entrambe iniziavamo a spogliarci dell’intimo ridottissimo che ancora ricopriva alcune parti del nostro corpo.

Lo sgancio dei reggipetti e la successiva, immediata esplosione in fuori delle abbondanti tette diede il primo colpo di martello ai loro cervelli già piuttosto annebbiati per l’emozione.

Le candide poppe sballonzolarono a lungo, liberate di colpo dall’elastico che a malapena le conteneva, appoggiandosi poi dolcemente con i duri capezzoli leggermente orientati di lato, come sempre avviene nelle mammelle naturali e abbondanti……ben appoggiate ma sode ed estremamente mobili….in pratica uno stereotipo assolutamente perfetto di seni femminili, ancora più perfetti di quelli immortalati nei dipinti di Raffaello. Secondo me il motivo va ricercato nella continua evoluzione della razza…..a quei tempi la natura non era ancora arrivata ad esprimere e creare una simile perfezione.

Le mutandine vennero sfilate lentamente, con un eroticissimo inchino e girando le spalle, in modo da offrire ai maschi l’incantevole vista delle natiche denudate lentamente, coi movimenti e gli ondeggiamenti che rendono il calo delle mutande uno spettacolo di impareggiabile erotismo.

E con lo smutandamento così eseguito, la mente ormai vacillante dei maschi venne colpita da una seconda sonora martellata.

I due, senza neppure rendersene conto, iniziarono a spogliarsi rimanendo nudi in pochi istanti, con i rispettivi cazzi ancora un po’ barzotti, non perché mancasse materia di eccitamento, ma solo per la devastante emozione……..

Io e Cecilia, nude, entrammo nel letto con le ginocchia e ci avvicinammo al maschio sdraiato al centro, Gaspare per l’appunto……

---------- venite mie divine muse, luce e godimento dei miei occhi, sublimi incarnazioni di Venere, sfavillanti e viventi rappresentazioni di femminilità…..ninfe boschive use a specchiarvi nei verdi stagni incantati godendo estasiate della vostra stessa bellezza……unitevi alla maschile presenza, in modo che questa possa godere appieno della gioia dei sensi che voi sapete esaltare, sino al punto da annullare la mente dell’uomo e renderla totalmente schiava della vostra divina, femminea bellezza………..

Avevo rapidamente istruito Gaspare con alcune reminescenze letterario- mitologiche, molto adatte all’erotico spettacolino che avevamo rapidamente ideato. Gaspare fu bravissimo nell’interpretazione della scena, aiutandosi anche con qualche veloce appunto scritto sul palmo della mano….

E’ vero, io avevo ideato i dialoghi, ma la scenografia era merito di Cecilia…..il risultato comunque andò al di là delle previsioni…..i due ragazzi ne furono incantati e soggiogati…..l’erotismo della scena andava oltre la loro capacità di assorbimento.
Nessun spettacolo al mondo avrebbe avuto un tale impatto emotivo su di loro…..

Cecilia andò a ricoprire la testa di Gaspare con la fitta tendina dei suoi lunghi capelli sciolti, imboccando la sua lingua e risucchiandola all’interno della sua bocca.

Io mi occupai di dare anima e corpo all’ancora quiescente cazzo del ragazzo, anch’egli troppo emozionato per esprimere la sua eccitazione.
Lo feci con le mie labbra strette sulla sua rosea cappella, che leccai con la punta della lingua solleticando il suo sensibilissimo meato……. Il cazzo reagì prontamente, ergendosi maestosamente in tutta la sua estensione e consistenza, diventando in un baleno duro come la pietra. A quel punto lo imboccai con decisione fino alla radice facendogli toccare il fondo della mia accogliente gola.

I due amici cercarono di scrollarsi di dosso il torpore e lo stordimento mentale della scena troppo forte…..lottarono per riprendere il controllo di se stessi e contemporaneamente iniziarono a menarsi il cazzo velocemente.

Intravvidi la situazione e immaginai già dove saremmo andati a parare…… Cecilia me lo diceve sempre : “ se offri il braccio ad un uomo per un baciamano, in meno di un minuto ti puoi trovare con le gambe a V e con l’uomo che ti sta inchiodando al letto….a quel punto non puoi fare altro che accettare il tuo destino di femmina e sottometterti al suo piacere “.
Ok, la lezione ormai la conoscevo, ma qui si stava andando anche oltre……

Vindice infatti stava perdendo il controllo, era ormai governato dalla testa del suo cazzo……
----------- vieni qui professoressa…..mia bella e goduriosa vacca da monta.…ti vorrei ingravidare….che ne dici?....si può fare?......------------

----------- Vindice, ma allora io che devo fare?....devo ingravidare quell’altra?.......tu che ne dici?.....------------------- disse Battista trafelato….

Cecilia allora intervenne, sollevandosi dalla bocca di Gaspare.

----------- ehi ragazzi, non fate troppo gli spiritosi, qui abbiamo anche il buttafuori e in due secondi vi ritrovate sbattuti nudi in mezzo alla strada……sono stata chiara?....e moderate anche i termini, non siamo in un bordello messicano……..-------------

Messi a posto dalla pronta reazione di Cecilia, i due arrivarono a più miti consigli e quanto meno evitarono di dire altre stronzate……

Ciò comunque non potè bloccare la furia erotica di Vindice, che si avvicinò al mio culo alto sulle lunghe gambe mentre ero inginocchiata a succhiare il cazzo di Gaspare.

Mi sputò sulla figa e le diede una lunga profondissima lappata….poi impugnò il suo grosso attrezzo ormai pietrificato e lo spinse in avanti fino ad imboccare il canaletto dei suoi torbidi desideri……

Mi montò a colpi profondi e ravvicinati, come se volesse sfondarmi….la mia testa sobbalzava in avanti sotto i colpi del suo potente cazzo…..persi persino il contatto della mia bocca con l’uccello di Gaspare e dovetti soggiacere alla sua monta rabbiosa. Alla lunga tale mascolina ferocia suscitò dentro di me forti impulsi di godimento, che io esaltai strofinandomi velocemente il clitoride con il dito medio.

--------------- sei la mia bella insegnante, Chloè, magari un po’ troia, ma bella da morirti dentro…..finalmente sono riuscito a chiavarti anch’io…..lo sai?...da quando ti ho vista uscire da quel bar non ho pensato ad altro…..quell’impunito di Gaspare è riuscito a farti la festa prima di me, ma adesso finalmente ti puoi godere anche il mio cazzo duro….solo lui riesce ad esprimere il mio desiderio di te, lo senti come gli piaci?......... godi, zoccola, godi il cazzo del tuo Vindice che ti sfonda la figa e ti fa capire come si chiava una professoressa bella e puttana ------------------

Intanto Battista si era fatto coraggio ed anche lui a cazzo durissimo aveva approcciato lo splendido culo di Cecilia, offerto in bella vista. Ritenendolo assai appetitoso, anche se non era quello che aveva sognato, cioè il mio, ci stampò sopra tutta la faccia e lavorò di bocca e di lingua sull’interno cosce e sui buchetti invitanti della mia amica.
La quale gemette di goduria nel sottomettersi al lappamento, sollecitando in tal modo l’appetito sessuale di Battista, che dopo pochi minuti di focose slinguate, inserì con forza il cazzo nella sua stupenda figa, ingroppandola di gusto a ritmo sostenuto.

Vindice intanto accelerò il ritmo e l’intensità dei colpi…….potevo vedere allo specchio il suo viso che si deformava nell’estasi del godimento……alzò gli occhi al soffitto, disse frasi sconnesse ed incomprensibili, alla fine con un ruggito agghiacciante mi somministrò un ultimo colpo liberatorio, rimanendo conficcato dentro du me.

Venni insieme a lui, per la foga del suo orgasmo che mi contagiò senza scampo…..mi parve di percepire l’urto dei suoi schizzi sul collo dell’utero….furono numerosi, potenti, caldissimi e soprattutto abbondanti…….

Quando alla fine si decise a togliere il cazzo, fu come stappare una bottiglia di spumante…..la sborra colò copiosa dalla mia figa e creò lunghe strisce bianche sull’interno cosce. Dalle mie gambe la sgocciolata di sbroda raggiunse il lenzuolo e creò due pozzette di liquido bianco sotto le mie ginocchia.

Vindice, estasiato da quella immensa colata, mi abbrancò e mi girò…..ficcò la sua lingua nella mia bocca ed impugnò le mie mammelle prosperose, impastandole a lungo e a sua volontà. Poi fu la volta dele mio culo…..palpeggiò le mie natiche sino a soddisfarsi, pensando a quel culo ondeggiante che aveva suscitato in lui così grandi desideri, ricoperto dall’erotico e cortissimo vestitino estivo.

-------- finalmente ti ho chiavata, mia bella professoressa puttana…..lo sapevi fin da subito che non si può scodinzolare davanti ad un vero maschio con quell’abbigliamento da succhiacazzi……e con quella gonnellina così corta……..pensavi forse di rimanere impunita?.....ma tu un bel cazzo tutto sommato lo cercavi, finchè non lo hai trovato e ti sei fatta infarcire a dovere…….adesso so che sei soddisfatta, ma se ti dovesse riprendere il prurito , vieni pure da me che ti do un’altra bella ripassata.

Nel frattempo Battista venne in figa a Cecilia urlando il suo piacere. Anch’egli poi si gustò la bianca sborra che fuoriusciva dalla figa riempita sino all’orlo e che in parte le bagnava le gambe, in parte invece colava direttamente sul letto co lunghi goccioloni.

------------ e io?......rimango col cazzo in mano?......--------------

Gaspare, forse giustamente, reclamava la sua soddisfazione……in fin dei conti aveva recitato bene e non era giusto lasciarlo a bocca asciutta. Cecilia allora decise di bagnarsi la bocca lei…….gli praticò un succulento e profondissimo lavoro con la lingua, da vera esperta…..

Gaspare strabuzzando gli occhi per la goduria afferrò la capigliatura di Cecilia e immobilizzò la sua testa contro il suo inguine, mantenendo il cazzo conficcato nella sua gola……… pochi attimi ancora e sbroccò inondando la bocca di Cecilia che per poter respirare dovette bere tutto.

------------ scusi Chloè, ma volevo far notare che dei tre amici della scommessa, alla fine io sono quello che ancora non ha potuto godersi un contatto ravvicinato con le sue grazie -------------

---------- ma Battista ---------- risposi io ------------ ti sei appena scopato Cecilia….
vuoi che ti prenda un colpo?.... ------------

------------ scusi tanto, ma io insisto….oltretutto sono quello che paga di più….-------

La discussione proseguì per alcuni minuti, ma alla fine tutti insieme decidemmo che Battista aveva diritto a qualcosa……..

------------ vieni qui sul letto con me ----------

Feci accomodare Battista tra le mie cosce e lo abbracciai, parlandogli piano all’orecchio…….. ----------- sai fare una sveltina?....------------
------------ beh, si……..solo che prima mi piacerebbe assaggiare le tette….solo un minuto, una succhiata e via……-------------
----------- va bene, succhia pure se ti piace…..ma intanto mettilo dentro, dai…..---------

Il ragazzo imboccò a turno le mie mammelle suggendo disperatamente i capezzoli, mentre col cazzo già ritornato in tiro mi entrò rapido in figa ed iniziò la sua veloce cavalcata. Mugolando di piacere con la bocca piena delle mie tette cercò di protrarre la durata della monta, ma io ero piuttosto stanca e desideravo concludere in fretta questa seconda chiavata. Incrociai allora le gambe sopra il suo culo trattenendolo e spingendo il suo cazzo fino in fondo……. resse solo alcuni secondi e poi ululando mi fece il secondo pieno di sborra.



------------- pronto signora Chloè, è la recezione, sono Tommy…… guardi che qui ci sono i carabinieri…….qualcuno dall’hotel li ha chiamati dicendo che c’era gente che urlava nella sua stanza ------------

------------ oddio Tommy, ti prego non farli salire….digli che stiamo facendo una festa e che adesso tu vieni ad avvertirci di non fare altro baccano……mi raccomando Tommy, pensaci tu…….poi vieni di sopra a riferirmi ----------------

Passarono una decina di minuti, durante i quali rimanemmo in attesa nella stanza assai preoccupati………

----------- tutto a posto signora, sono riuscito a mandarli via, ma non è stato facile,sa?... alcune persone insistevano perché facessero un’ispezione-----------------

Tommy era salito in camera ed io, con Cecilia, lo avevamo fatto entrare in bagno per parlare un attimo in privato. Il fatto è che eravamo entrambe nude, perciò Tommy era in forte imbarazzo e parlava in modo stentato. Sia io che Cecilia pensammo contemporaneamente la stessa cosa…..ci guardammo in faccia e Cecilia mi fece un cenno, che significava “ esci un attimo…ci penso io a Tommy” Ma io pensai di fare diversamente……

------------ Cecilia, se vuoi puoi uscire…..io resto un momento con Tommy, così si calma e mi racconta bene quello che è successo ---------

Sapevo che Tommy aveva soggezione di Cecilia, mentre io sarei riuscita a calmarlo….
lui voleva me, lo sapevo bene ormai……
Appena rimasti soli lo feci accomodare sulla tazza del water…………

----------- allora raccontami…..la tua amica Chloè ti ascolta e ti è molto grata per l’aiuto, sai?....----------

Sedetti quindi sulle sue gambe ed andai a sbaciucchiargli il collo e le orecchie mentre parlava……….alitai sul suo viso ansimando leggermente e subito avvertii la prevedibile reazione del suo cazzo.

Appena potei valutare che la consistenza era buona, con una mano lo estrassi e mentre il ragazzo stava ancora parlando, lo indirizzai direttamente in figa.
Entrò scivolando facilmente vista la notevole lubrificazione provocata dal mix di semenza che avevo dentro……..mi mossi allora piano su e giù, deliziando Tommy di una dolcissima scopatina a smorzacandela.

Lui ammutolì e volle baciarmi i seni che strusciavano sulla sua faccia. Sentivo che non stava più in se dall’eccitazione……stava realizzando il suo sogno proibito. Aveva in braccio la donna dei suoi desideri, nuda e disponibile, e stava facendo scorrere il cazzo nell’agognata figa….

Non volendo che gli altri ci sentissero, nel momento in cui venne io gli infilai la lingua in bocca, soffocando i suoi gemiti di godimento con un profondo, lunghissimo bacio.

Mi ritrovai ancora letteralmente inondata di semenza calda e sgocciolante, per la terza volta in un solo pomeriggio………



Inutile dire che dovetti prendermi una sera di riposo…… tra l’altro Cecilia mi disse che Tiberio aveva telefonato, insistendo per organizzare la serata a casa sua noi tre soli. Avrebbe fatto portare le aragoste e lo champagne.

Sapendo bene come si sarebbe concluso questo incontro a tre, declinai l’invito…….non mi sarebbero bastate le forze, Pippo aveva ragione a preoccuparsi.

Impiegai allora le poche energie che mi restavano a preparare il famoso rendiconto per Pippo. Cercai di essere precisa nei particolari e nei numeri, ma non era facile…..le immagini si accavallavano nella mia testa…… alla fine feci quadrare i conti senza essere sicurissima che tutto fosse matematicamente esatto, ma di più non riuscii a fare.


Pippo quasi non credeva alle sue orecchie quando iniziai a raccontargli il pomeriggio di sesso sfrenato a cinque. Mi interrompeva continuamente con domande e richieste di particolari…….voleva sapere di tutti, anche di Cecilia, a cui dedicò anche una silenziosa sega, che io riuscii ad individuar dal modo un po’ confuso e tremante in cui parlava……..ma non volli infierire su di lui, quell’immagine di Cecilia che gli avevo descritto faceva venire l’acquolina in bocca anche a me….figuriamoci a lui…..lo considerai un peccato veniale, anche se un po’ mi rodeva.

---------- però tesoro, avresti potuto scattare anche delle foto….sai che mi piacerebbe vedere qualche scena……oggi il materiale non ti mancava certo --------------

------------ si, ma non ne ho avuto il tempo, sai……con tutto quel via vai di gente….ero sempre impegnata a fare qualcosa……..magari un’altra volta, se ci sarà la possibilità….-----------

Pippo rimase impressionato anche dall’ardore e dalla virilità di Vindice, nonché dal linguaggio volgarmente possessivo e scurrile da lui usato prima, durante e dopo la monta. Mio marito riusciva ad immaginare la scena di questo rude maschio in azione a cazzo durissimo dietro il culo indifeso della dolce mogliettina, le cui belle carni venivano violate e possedute fin nella loro più profonda intimità.

Sull’immagine di brutale possesso della sua stupenda e nuda mogliettina, Pippo schizzò sul pavimento del salotto, gridando :
----------- si, lo so che sei una vacca…….ti è piaciuto farti ingroppare da dietro dallo stallone, vero?.....aaaaahhhh…..vengo……vengo……godo tesoro, amore, sei troppo puttana, troppo………chissà come hai goduto, da vera zoccola......aaaaahhhhh……..sborro….sborro…..quanto sei troia….sborro…….

------------- hai ragione Pippo, sono proprio vacca……..ma tu ami la tua moglie vacca, non è vero?.....---------------

----------- si, tesoro mio, ti amo tanto, senza di te non potrei vivere, perché io vivo per amarti --------------

-------- anch’io Pippo --------------



-------------- Cecilia, dove sei?....io mi sono svegliata adesso e ho appena fatto colazione in camera…..ormai Tommy arriva sempre con la colazione completa, solo che ormai ci ha preso gusto a farsi fare il pompino della mattina…..quindi gli ho detto di non portarmi più lo yogurt, tanto mi bevo già quello naturale…….------------

------------ ciao gioia, stamattina sono andata da Tiberio per ritirare la mercedes ma mi ha detto che oggi non è disponibile….. io credo che si sia arrabbiato perché ieri sera non abbiamo accettato il suo invito…… penso che ci riproverò domani……. magari vado nel suo ufficio e cerco in qualche modo di convincerlo a smollarmi la macchina. Per oggi comunque siamo a piedi -------------

----------------- sai Cecilia, non sono mai riuscita a capire perché non compri una macchinetta per te….. magari usata, non credo che avresti problemi….----------

----------- beh, potrei anche farlo, ma preferisco evitare tante spese inutili……alla fine trovo sempre chi mi presta un’auto se mi serve….oppure mi faccio direttamente scarrozzare dove devo andare…..è più bello così…..-------------

--------------- ho capito, non posso darti torto………a proposito, mi ha telefonato adesso Vindice, lo stallone di ieri….ci invita tutte e due a cena alla trattoria di suo cugino, dice che stasera ci sarà pesce fresco, appena arrivato…….--------------

---------- magnifico, pensavo già a come rimediare un bell’invito a cena per stasera….allora il problema è risolto --------------

----------- perfetto, oggi vado dalla parrucchiera e ci sentiamo verso sera, a dopo -----



----------- buona sera belle figliole, sono Temistocle, per gli amici Tem, il cugino di Vindice. Benvenute nel mio ristorante, siete ospiti mie e di mio cugino, naturalmente……e ne sono felice….. non ho mai avuto due clienti così belle….se permettete vorrei fare una bella foto tutti e quattro insieme….l’appenderò alla parete.

Un cameriere ci scattò la foto, che risultò ben riuscita….anche grazie ai corti vestitini che indossavamo io e Cecilia ed alla conseguente bella mostra di gambe femminili…..

La cena fu insuperabile….. eccellente e raffinata, il vino poi era un nettare degli dei…... io ero decisamente ubriaca, ma Cecilia non riusciva più nemmeno a connettere…….i quattro bicchierini di grappa fatta in casa che Tem le aveva fatto trangugiare alla fine, l’avevano messa definitivamente ko.

-------------- Chloè, tesoro, sono decisamente un po’ brilla….ci pensi tu vero a farmi tornare a casa sana e salva?.....----------

----------- non preoccuparti gioia, ci pensa la tua Chloè a metterti a letto e rimboccarti la copertina…. ------------

----------- grazie amoruccio……. ma prima di mettermi a letto, vorrei concludere la serata piacevolmente come è iniziata…….magari con una dolce, piacevole scopatina con un maschietto bello e passionale…… tu credi che sia possibile?.....--------------

---------------beh, tesoro, tutto è possibile….. vediamo, che ne diresti di Tem?......è un bell’uomo, carismatico e interessante……ho capito che è assai interessato a te….ti ha mangiata con gli occhi per tutta la sera….comunque non abbiamo altro a disposizione….-------------

----------- si, Tem mi potrebbe andar bene…..è piuttosto attraente…. senti, io non connetto più, vedi di organizzare tu la faccenda…..-----------

------------- si , ma vedo che sei cotta….scommetto che non riesci neppure a camminare…. sei sicura di riuscire a stare in piedi da sola?….---------------

---------- certo che so stare in piedi…. e posso anche camminare, che ti credi?....
Io sono una modella e anche un’indossatrice professionale, vuoi che non sappia camminare?.....---------------

--------- non dico questo, ma stasera hai bevuto un po’ troppo, vorrei essere sicura che stai in piedi. Prova a fare qualche passo da sola…così, per stare più tranquilla….------------

---------- vuoi che ti dimostri come cammina una vera professionista?.....va bene, basta chiedere….resterai sorpresa….altro che ubriaca….-------------

------------- si, avanti Cecilia, facci vedere. Faccio sgomberare il tavolone lungo --------- disse subito Tem.

La camminata di Cecilia sul lungo tavolo fu uno spettacolo da film…… e infatti Tem volle riprendere anche un video, così avrebbe potuto….usufruirne a suo piacimento, quando avesse voluto. In realtà anch’io girai un breve video……l’avrei conservato per me e magari l’avrei anche mandato a Pippo, per fargli un ragalino.

Secondo me, che la conosco bene, si capiva che era ubriaca, ma la sua forte personalità, unita alla sua indubbia capacità professionale ed alla prorompente fisicità, le permisero di mantenere il controllo dando vita ad una vera e propria scena cinematografica, di altissimo valore artistico ed erotico.

Dopo qualche passo un po’ indeciso e traballante, Cecilia si impadronì della scena e ci fece vedere quanto valeva…..e valeva molto. Era una cavalla selvaggia, bella,sexy e spudoratamente disinibita. Camminò con passo via via sempre più sicuro, portandosi le mani tra i capelli sciolti , ancheggiando in modo travolgente sui suoi trampoli e facendo ammutolire i maschi presenti…. e persino le femmine.

Lo sconvolgente ondeggiamento dei seni e delle natiche, che tendevano allo spasimo la stoffa leggerissima del miniabito, rendevano la camminata un vero spettacolo di alto erotismo. Le gambe, le cosce di Cecilia erano un vero sballo per gli occhi dei presenti…. Tem riprese tutto ed alla fine richiese a Cecilia anche qualche posa per scattare alcune foto…..venne accontentato, la mia amica assunse alcune posizioni incantevoli e sexy, tra cui una in particolare che provocò un’esclamazione di sorpresa tra i presenti…….si mise in ginocchio sul tavolo, a quattro zampe…..e girò il busto verso Tem facendo quasi fuoriuscire le grandi tette, mentre i suoi capelli sciolti, lunghi e arricciati, incorniciavano il suo volto. Il culo sodo e rotondo svettava
puntato verso l’alto ed il cortissimo abitino lasciava libere le sue lunghe cosce, regalando alla vista delle persone sottostanti anche l’immagine dolcissima ed incantevole dello slippino nero leggiadramente incasellato tra le bianche e perfette natiche, creando così un irresistibile, erotico contrasto.

Dopo averle scattato una foto in quella stupefacente posa, andai a recuperare la mia amica aiutandola a scendere dal tavolo, e la consegnai direttamente a Tem………

----------- senti Tem, ti spiacerebbe portare Cecilia in camera e farla riposare un attimo?.... ha bevuto molto, magari se la fai rilassare un pò si riprende….falla sdraiare, spogliare…..magari potresti anche darle una bottarella, se ti va….io credo che le farebbe bene….tu che ne dici?....-----------

Tem, non credendo alle sue orecchie e in preda ad un’irrefrenabile furia erotica, agguantò Cecilia e la portò in braccio su per la scala, verso il suo appartamento.



---------- Chloè, ma dove vanno quei due?....---------- mi chiese Vindice

---------- a farsi una bella scopata, credo….ne avevano bisogno entrambi….---------

----------- beh, allora noi vediamo di non rimanere a bocca asciutta….concludiamo in modo trionfale la bella serata……vieni con me --------------

Vindice mi trascinò a forza su per le scale dove c’erano alcune camere destinate ai fidanzati che dopo la cena e il caffè gradivano anche il dopo cena.

Andò piuttosto per le spicce, dopo un paio di minuti eravamo già nudi ed io ero sdraiata sul letto con le gambe aperte e le ginocchia sollevate….. mi mise il cazzo dentro senza tanti complimenti. Fortunatamente ero già ben lubrificata per lo spettacolino che Cecilia aveva offerto……..me l’ero mangiata con gli occhi e l’avevo molto desiderata….nella mia mente era stampata la sua figura leggiadra e succulenta, alla prima occasione me la sarei goduta e leccata a mio piacimento. Per il momento avevo a disposizione un bel cazzo da monta, grosso e duro……la mia figa bagnata di desiderio per Cecilia aveva di che dissetarsi.

Vindice, anche se ubriaco, non mi deluse e mi montò con la consueta potenza e passione. Godetti presto e più volte sotto i colpi martellanti del suo cazzo. Alla terza posizione, in sella su di lui e completamente impalata, mentre godevo un’ultima volta lui mi farcì l’utero di densa panna, pulsando a lungo e gemendo lamentosamente.

------è meraviglioso sborrarti dentro con davanti agli occhi lo spettacolo delle tue tette che danzano……. sei meravigliosa Chloè…..hai un corpo da dea dell’amore-----

---------- secondo te, poichè di donne te ne intendi, io posso competere fisicamente con Cecilia?............oppure no?...... sii sincero……-------------

---------- competere sicuramente, siete entrambe femmine da sballo e non è certo facile dire quale delle due è meglio……avete la stessa età, lei forse è più estroversa, decisa, sicura di sé, più aggressiva sessualmente, ha un corpo perfetto da vera modella…………….ma non possiede la tua carnalità, la tua femminile opulenza di forme, la tua fisicità di donna giovane e nel contempo matura……..Cecilia è più da guardare, da ammirare, tu sei più da godere e palpeggiare. Ma questo è solo il mio parere, scommetto che se tu lo chiedessi a molti uomini, avresti tante risposte differenti. E poi per l’uomo è anche questione di gusti……per essere sincero, io preferisco te, anche se prima Cecilia mi ha fatto sbavare di desiderio.

Bussarono alla porta….. ---------------- Vindice, sono Tem, vado giù a bere qualcosa….mi fai compagnia?...--------------

---------- Vindice, se scendi a bere, mi porteresti un bicchiere di acqua naturale?....----

-------------- certo Chloè……solo una decina di minuti. Tu rimani a letto, la serata non è ancora finita --------------


A luce spenta sentii aprirsi la porta e sulla soglia intravvidi una sagoma d’uomo con un vassoio.…

-------------Ciao tesoro, ecco la tua acqua minerale……------------

La pronuncia era simile a quella di Vindice, ma la voce era chiaramente quella di Tem……..

---------- tesoro, ti dispiace se ti tengo un po’ di compagnia?..... inutile dirti che mi piaci molto….è tutta la sera che ti guardo, mi hai già fatto ribollire il sangue. Io credo che sarai contenta di stare un pò con me….non è vero piccola?.....in genere io piaccio molto alle donne….prova a sentire i muscoli del mio petto e dammi il tuo parere….---

Così dicendo Tem mi prese una mano e l’appoggiò sul suo petto nudo…….in realtà ebbi l’impressione che fosse d’acciaio…solo che era caldo. Non avevo mai sentito niente del genere sotto le mani….

----------- non pensare che io sia solo un arrogante e presuntuoso maschilista…..sono solo un maschio che adora le belle donne e tu sei una gran bella donna….mi piaci tanto….troppo…..credimi, non riesco a fare a meno di averti tra le braccia. So che di solito non disdegni le attenzioni di un bel maschio….mi potresti allora concedere l’onore di una bella scopata?.....

-------- certo che tu non hai peli sulla lingua e ti piace bruciare le tappe….la tua richiesta è un po’ insolita, nei modi e nei tempi…..è vero che sei un bell’uomo e che questa sera ci hai trattate da regine, me e Cecilia. E’ anche vero che hai assecondato la mia richiesta di trastullare un po’ Cecilia…..ma insomma….la tua è comunque una richiesta azzardata. E poi io aspetto Vindice, quindi non credo che ti potrò accontentare -----------

----------- beh, diciamo che Vindice al momento è occupato….sta…. parlando con la tua amica nella mia camera…. per cui il tuo problema al momento non sussiste…..ed io mi permetto di insistere…..
Mi ha detto mio cugino Vindice che sei sposata e che ti piace mettere le corna al marito…….. anche per me sarebbe un doppio godimento. Il pensiero di cornificare quell’impunito che è riuscito a sposare una femmina come te mi riempie di gioia…. lo ritengo anche una cosa giusta…. Il maritino non può pretendere di goderti in esclusiva….sei troppo figa……per me sarà un supremo piacere metterti il cazzo nudo e schizzare in fondo alla tua passera tenera di dolce mogliettina. Sono certo che gradirai questo mio trasgressivo dono, mia stupenda sposa e puttana……..senti che bel cazzo grosso e duro….è tutto per te….è vero, ho appena chiavato quella gran troia della tua amica, non ne aveva mai abbastanza…….invocava il cazzo e implorava di essere infarcita di sborra. Credimi, non ho mai scopato una femmina così vacca. Ma stai tranquilla….ho da parte ancora qualcosa per te….diciamo che è una riserva strategica, serve per soddisfare le adoratrici del cazzo, come te -----------

Come spesso mi accade, non ebbi la forza di reagire…..Tem mi chiavò per quasi un’ora, in tutte le posizioni, ansimando come un mantice e slinguazzandomi in bocca con copioso scambio di saliva.
Quando alla fine mi venne dentro, inchiodandomi al letto, sentii il suo cazzo durissimo pulsare e pompare la sua sbroda in fondo alla mia intimità……la monta animalesca ed il suo epilogo di furia erotica, ebbero ragione del mio corpo e della mia mente….il mio orgasmo fu di una intensità spaventosa….quasi svenni di piacere e compresi, una volta di più, quanto debole possa essere la carne di una donna dai forti appetiti quando venga sottomessa alle voglie di un maschio dominante.


Gli strilli di Cecilia intanto arrivavano persino alla mia stanza……quando alla fine cessarono, andai a recuperarla.

Era ridotta ad uno straccio, nuda e ubriaca, col corpo completamente imbrattato di sudore, saliva e sperma. La biancheria era stracciata, per cui le infilai con fatica il vestitino e cercando di tenerla in piedi la portai giù dalle scale….nessuna traccia dei due uomini, probabilmente erano tornati a bere.

---------- ragazze, sono qui, eccomi…..-----------

Vidi con gioia Gaspare che era venuto a prenderci, probabilmente era informato della cena in trattoria e ci aveva seguiti a distanza.

------------ oh Gaspare, che bello vederti, dai aiutami, carichiamo Cecilia in macchina e andiamo via -------------

Stipati nella 500 arrivammo a casa di Cecilia e la spingemmo nell’ascensore. Trovai le chiavi di casa nella sua borsa, entrammo e la buttammo sul letto. Poi la spogliammo completamente e l’avvolgemmo in un caldo accappatoio di spugna.

Restammo un po’ nella camera aspettando che si addormentasse….temevo infatti che potesse vomitare, infatti aveva in corpo almeno una intera bottiglia di vino e quattro o cinque giri di grappa….roba che avrebbe fatto stramazzare un toro.

Mi chinai infine su di lei per assicurarmi che dormisse…….fu questo il mio errore….

Gaspare mi fu addosso come un fulmine e si attaccò stretto alla mia schiena ancorandosi con entrambe le mani sulle mie tette….. io ero chinata in avanti e non riuscii a scrollarmelo di dosso.

----------- no, Gaspare, questa volta proprio non si può….sono stremata e voglio andare subito a letto, altro che scopare…..

Non ci fu nulla da fare…..era fuori di sé a causa della foia animalesca che stava sconvolgendo la sua mente.

----------- non posso Chloè…vorrei ma non posso….mi perdoni, è più forte di me…..vedrà che faccio in fretta….un minuto solo e poi ce ne andiamo a dormire….mi lasci fare, mi accontenti….quando si è chinata in avanti mi ha mostrato le mutandine che incorniciano questo suo fantastico culo……..è come se mi fosse arrivato un incudine sulla testa ---------------

Era incollato dietro di me e stava scostando le mutandine per infilare il cazzo.
Appena ci riuscì cominciò a montarmi come un coniglio, a ritmo parossistico, pronunciando alle mie orecchie parole incomprensibili, ansimando per l’eccitazione….

Dovetti subire la monta velocissima senza potermi liberare….per fortuna durò poco, in meno di un minuto il ragazzo arrivò con un grido :
---------- aaaaaaaaahhhhhh…… che godimento……che meraviglia la figa della mia professoressa puttana…….aaaahhhhh…….vengo….vengo…..si mia bella professoressa, prendi tutta la mia sbrodolata…..tutta in figa……….il sugo dei miei coglioni è tutto per te…..sei il mio amore, sei mia…..sei mia…….aaaahhhhhhhhhhhhhh ------------------

Si zittì istantaneamente, di colpo, mentre i suoi coglioni spremevano tutto il loro caldo, vischioso liquido che attraverso il cazzo lungo e durissimo venne sparato a pressione direttamente dentro il mio utero.

Gaspare mi mollò di colpo e si accasciò a terra senza forza…..tutta la sua energia era finita in fondo alla mia figa.

----------- razza di coglione maniaco sessuale, adesso alzati, mi devi portare in hotel, al volo, senza indugio, sono già le due di notte….------------

Come entrai barcollando nella hall vidi che Tommy era lì ad aspettarmi.

---------- Tommy, per favore accompagnami in camera, non ce la faccio più a stare in piedi….--------------

------------ subito signora Chloè, ai suoi ordini ---------------

---------- ecco fatto, grazie dell’aiuto Tommy, vieni che ti do il bacetto della buonanotte ---------------

Il bacetto fu un pochino più ardente del previsto, in pratica consistette in una slinguata in gola, accompagnata da un profondo palpeggiamento di tette, nonché da una lunga, meticolosa ripassata a piene mani sulle mie mutande.
Accettai questa affettuosa buonanotte senza alcun cenno di reazione…..inerte….ero cotta. Quantomeno non avevo dovuto lasciarmi ancora scopare. Ma ci ero andata vicino…….una vistosa macchia stava bagnando i pantaloni di Tommy, allargandosi velocemente sotto la cintura……

Ma almeno la serata era finita. C’era un’ultima formalità da espletare : il resoconto per Pippo. No…era troppo…..gli mandai un messaggio dicendo che ero stanchissima e l’avrei chiamato la mattina successiva, quindi mi scaraventai sul letto vestita e a pancia in giù, a pelle di leopardo.


CONTINUA

Se vuoi commentare, scrivi a Dillinger a questo indirizzo:
maverick.shot@libero.it





Questo racconto di è stato letto 3 0 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.