Come ho creato una troia

Scritto da , il 2020-11-30, genere tradimenti

Non mi basta avere l’amante. Io la voglio troia, porca, deve conoscere e praticare tutte le varianti del sesso, anche quelle cosiddette proibite…deve soddisfare tutti i miei desideri, compresi i più sconci e perversi. Solo così posso riuscire a soddisfarmi e a calmare le ossessioni che abitano nelle stanze più segrete della mia mente…..a liberarmi dalle mie forti pulsioni erotiche soddisfacendo le mie perversioni.
Volete conoscere una storia vera e reale in tutti i particolari?....la storia di come ho istruito una donna facendola diventare un’amante perversa, un’esperta di sesso e di pratiche erotiche?....facendole apprezzare e gustare le più ardite sconcerie ed atti sessuali che forse aveva immaginato ma non aveva mai provato?....beh, credo che i miei lettori si meritino di leggere questa storia altamente erotica che essendo un pezzo di vita realmente vissuta contiene avvenimenti e situazioni assolutamente originali, quindi non condizionati dalle esigenze tipiche dei racconti di fantasia. E’ accaduto ciò che è accaduto ed io ve lo racconto tale e quale. La fantasia semmai l’ho usata nel pianificare e realizzare quelle cose, ma non la uso certo per raccontarvele.

Io mi chiamo Rinaldo, ho 29 anni e sono laureato in legge ma non ho fatto gli esami da avvocato. Lavoro a Bologna per una ditta che si occupa di vernici. Anzi, si occupava, in quanto è fallita da qualche mese. Negli ultimi mesi prima del fallimento era stata assunta una ragazza, Veronica, una contabile 25enne al suo secondo impiego. Veronica era sposata con un suo coetaneo, Filippo, proprietario assieme ai famigliari di una azienda meccanica che produceva macchine utensili.

Lei in ufficio lavorava con me e quindi eravamo entrati subito in confidenza.
Devo dire che la ragazza mi piaceva, non era alta e neppure bella di viso, diciamo abbastanza carina. Il fisico però mi faceva sangue….la sua forza erano due splendide tettone naturali quinta misura, ma anche il resto era notevole….vita molto stretta e fianchi larghi, che le davano una forma curvilinea e flessuosa, poi due gambe ben tornite e cosce carnose….la prima volta che la vidi, con un abitino estivo abbastanza corto, i capelli tutti ricci e lunghi e le scarpe alte, ricordo che pensai “accidenti, che pezzo di figa…ma questa da dove viene?”
Quindi, poiché sono sposato con un’insegnante di matematica ma la fedeltà non è il mio forte, pensai subito che mi sarebbe piaciuto portarmela a letto.

Veronica era molto simpatica e sincera, comunicavo facilmente con lei e giorno dopo giorno imparavo a conoscerla sempre più profondamente. Come impiegata contabile non era male e faceva onestamente il suo lavoro, ma a me interessava come donna e per mia fortuna lei parlava volentieri di sé e della sua vita matrimoniale. Era aperta, insomma, mi era facile entrare in sintonia, tanto più che assorbiva come una spugna le mie parole ed era molto interessata a tutte le cose che le raccontavo facendo sfoggio della mia cultura e delle mie esperienze di vita. Dopo qualche settimana avevo capito che l’interessavo, anche dal punto di vista emotivo. Vale a dire che pareva attratta da me e dalla mia mente, anche sessualmente…o almeno così mi sembrava.

Dopo il fallimento, tutti i dipendenti della ditta furono licenziati, tranne me e Veronica, mia assistente. Dovevamo occuparci del fallimento, redigendo relazioni, conto economico, bilancio, inventario e un sacco di altre cose, da presentare al curatore fallimentare. Avevamo tre mesi di tempo, anche se in realtà mi bastava molto meno per completare il lavoro. Decisi di restare comunque chiuso in ufficio con Veronica, pensando che avrei avuto tutto il tempo necessario per corteggiarla e magari riuscire anche a farmela….

Non passò molto tempo, al massimo una settimana e poi la baciai. Rispose con discreto ardore e si dimostrò molto attratta da me. Iniziammo a lavorare la mattina e a scopare il pomeriggio, avevamo trasformato in letto un vecchio divano e potevamo stare nudi a nostro piacimento. Scoprii in lei una disponibilità totale, una curiosità naturale per il sesso, perciò pensai di sperimentare con Veronica tutte le varianti sessuali che conoscevo, usando a briglia sciolta la mia fantasia, che non esito a definire un po’ perversa. Con lei non avevo alcun problema, faceva tutto ciò che le chiedevo e le piaceva imparare le novità che le proponevo.

La scopavo spesso a smorzacandela, io sotto e lei a cavallo infilata sul cazzo. Mi godevo estasiato le sue grosse mammelle che sbattevano su e giù davanti ai miei occhi seguendo il ritmo veloce della monta. Le prime volte lei mi diceva “ma come fai a resistere?”……infatti lei era abituata alle scopate col marito, il quale veniva sempre troppo presto, una ventina di colpi e….aaahhhh……sbrodolava come un ragazzino, non reggeva. Inutile dire che lei rimaneva spesso insoddisfatta….anche per questo credo di averla trovata così disponibile. Sessualmente era stanca del marito ma aveva ancora tante voglie represse.
Le incitai a toccarsi mentre scopava, doveva raggiungere la massima eccitazione e questo era un buon sistema. Io mi godevo una vista pazzesca, con lei sopra che si frullava velocissima la figa mentre la chiavavo. Vedevo sul suo viso il piacere che montava fino all’esasperazione, gemeva forte e poi gridava, sembrava che avesse un orgasmo continuo. In realtà era pluriorgasmica, veniva in continuazione e mi diceva “vai avanti, scopami, io continuo a toccarmi perché non voglio smettere mai di godere”
La feci diventare un’ottima pompinara, insegnandole come si lecca e si succhia correttamente un cazzo, facendole imparare ad accettare con piacere la sborra in bocca e a praticare con naturalezza l’ingoio come normale conclusione di una pompa. Io stesso poi le facevo godere tutti i piaceri della mia lingua
sulla figa, praticandole succulente leccate accompagnate da penetrazioni con le dita. Passai anche alla penetrazione anale, tramite la quale potevo liberamente sfogare le mie voglie e riempirla di sborra. Cercavo di usare precauzioni invece quando la scopavo in figa, per il rischio gravidanza. Le schizzavo dentro solo in prossimità delle mestruazioni, ma anche durante le stesse….lei non sanguinava molto durante il ciclo e quindi potevo scoparla sempre, mi facevo un sacco di belle godute spruzzandole dentro a volontà.

Durante una scopata di solito lei veniva almeno quattro o cinque volte…talvolta arrivava anche a otto o nove orgasmi….da non credere….io la invidiavo un po’ perché godeva più di me. Infatti per concedere a lei tutto quel piacere, mi dovevo trattenere e lasciarle più tempo possibile. A volte si scopava per due ore senza smettere, per fortuna il mio cazzo tiene bene e riesco a durare molto. Comunque valeva davvero la pena di aspettare e lasciarla sfogare….certo non moltissimi uomini possono dire di essersi trombata una giovane ragazza multiorgasmica e con un fisico così eccitante. E’ un’esperienza pressochè unica…. scopare una vera femmina che gode, gode e poi ancora gode…..il piacere del maschio deriva anche dal veder godere la sua donna ed io posso dire di essermela spassata alla grande scopando Veronica.

Quando ne avevo voglia lei mi apriva le cosce, senza discutere…..e quando volevo il culo lei me lo dava senza fiatare. Le avevo insegnato anche una cosa per me molto erotica…..il pompino comandato. Le attorcigliavo una mano nei capelli senza alcun riguardo, impugnando saldamente i suoi riccioli arrotolati attorno alle dita, in modo da avere una presa solida e sicura per la manovra. Le ficcavo il cazzo duro in bocca e poi muovevo la sua testa su e giù secondo la mia volontà…e secondo la mia voglia. Lei non doveva muoversi di sua iniziativa, ma soltanto accompagnare docilmente l’impulso dettato dalla mia mano, lavorando solo di bocca e di lingua per darmi il massimo piacere…..in pratica mi facevo una sega con la sua bocca e la sua gola, manovrandole la testa con i ritmi, gli affondi e le pause di mio gradimento. Quando alla fine decidevo di venire, le piantavo il cazzo in fondo fin quasi a soffocarla e lei doveva restare immobile mentre le schizzavo in gola, deglutendo tutta la mia sborra. La usavo perciò come una schiava privandola di ogni volontà, sottoponendola alla mia libidine senza lasciarle alcun controllo, come fosse una bambola e usando la sua bocca come uno sborratoio. Il mio piacere era fortissimo e perverso, il suo piacere invece derivava dal sentirsi un oggetto sessuale in balia del maschio.

Mentre la scopavo, Veronica gridava molto forte, era posseduta dal suo stesso piacere, urlava per l’intensità del suo godimento. In certi casi sarebbe stato un problema, se qualcuno avesse sentito. Nel nostro caso c’era solo il portiere dello stabile che poteva sentirci, il signor Aldo, un simpatico sessantenne . Un paio di volte alla settimana andavamo in portineria e lui ci faceva il caffè, mentre io lo prendevo un po’ in giro scherzando sul fatto che in quella palazzina a volte si sentono strane grida e urli laceranti di donna. Lui rideva sempre, dicendo che non era preoccupato perché a suo avviso si doveva trattare di una donna molto calda sotto le ardenti attenzioni di un focoso giovanotto….”vero signor Rinaldo?....lei che ne dice?....potrebbe essere come dico io?...”
Io mi divertivo un sacco a questo gioco di parole e mi piaceva provocarlo un po’ e farlo eccitare….allora appoggiavo una mano sulle gambe di Veronica e pian piano risalivo fino a scoprirle le mutande, sotto gli occhi attenti ed eccitati del signor Aldo. Poi cominciavo a massaggiare Veronica sulla figa mentre la slinguazzavo in bocca facendo un intenso rumore di risucchio…..Aldo stava a guardare e faceva qualche risatina….si capiva che era eccitato perché gli si allungava il cazzo nei pantaloni. Qualche volta se ne andava nell’altra stanza con una scusa….credo che andasse a tirarsi una sega veloce. Beh….ne aveva anche diritto…. A Natale gli offrii la mancia, ma la rifiutò. Mi disse che da me non voleva denaro, anche se mi faceva dei servizi in più rispetto alle sue normali mansioni. Semmai, mi disse quasi sottovoce, avrei potuto anch’io fargli qualche favore particolare, se lo ritenevo possibile.
Non mi chiese direttamente di fargli chiavare Veronica….me lo fece solo capire….ma io ci pensai e non mi parve una buona idea, quindi niente.

Che periodo godurioso…..vivevo solo per il sesso e desideravo sperimentare tutto ciò che mi eccitava. Un giorno mi venne un desiderio perverso. Io abitavo a due isolati di distanza, mia moglie usciva alle otto per andare al liceo…..dissi a Veronica di salire a casa mia alle otto e 15, venire nella stanza matrimoniale, spogliarsi nuda ed entrare nel lettone ancora caldo di mia moglie. Fu facile ma rischioso e ne traemmo entrambi un insano e perverso piacere. Veronica sotto il mio cazzo impazzito per la foia continuava a venire ed io dovetti metterle una mano sulla bocca per non lasciarla urlare allarmando i vicini.
Dopo la folle chiavata nel mio letto matrimoniale, mi venne anche la fantasia di farla lesbicare con mia moglie Tiziana. Sembra una follia e in effetti lo era…..ma, che devo dire?... mi venne questa voglia e ci provai. Per capire la situazione devo spiegare che avevo già coinvolto Veronica nella mia vita famigliare, l’avevo presentata a Tiziana e sembrava che le fosse anche simpatica. Io godevo molto del fatto di portarmi in casa l’amante e di farla diventare amica di mia moglie. Ma non mi bastava….coinvolsi anche Filippo, il marito di Veronica. Cominciai organizzando una serata in pizzeria tutti e quattro per rompere il ghiaccio, successivamente li invitai a pranzo a casa mia. Filippo era un tipo semplice, forse un po’ sciocco, era chiaramente innamorato di sua moglie e le obbediva sempre. Infatti Veronica non era affatto una ragazza sottomessa, anzi…. e tra lei e il marito, lei era la personalità dominante. Sembra strano che invece da me si sia fatta dominare, ma è andata così….io le imponevo qualunque cosa, così come lei sapeva imporre quasi tutto a suo marito. La cosa si spiega col fatto che Veronica aveva su di lui un potere fisico ed erotico….lui era sottomesso alla sua avvenenza e faceva qualunque cosa per compiacerla, obbediva senza discutere ai suoi ordini, come uno schiavo sessuale…era un bamboccio nelle sue mani.Io mi divertivo a parlare con lui e a prenderlo velatamente in giro. La cosa non mi risultava difficile perchè lui era un coglione, oltre che cornuto. Quella sera durante il pranzo a casa mia riuscii a palpeggiare tranquillamente Veronica tra le cosce mentre eravamo seduti a tavola e Filippo parlava, rideva e non capiva un cazzo....
Ma tornando a mia moglie, dissi a Veronica che doveva cercare di sedurla….il mio sogno era di riuscire a farle lesbicare a letto e poi inserirmi anch’io, assistere e infine arrivare a fare un trio, scatenandomi nell’ammucchiata.
Veronica fu piuttosto impacciata in questo tentativo. E’ vero che lei era un po’ bisex, le piacevano le belle donne e spesso guardava con desiderio le foto di un bel paio di tette. Si era presa anche qualche cotta per delle ragazze in passato, ma non era mai riuscita a combinare alcunchè…. beh, con mia moglie Tiziana invece….……….ma no, cosa stavate pensando?.......la verità è che fu un altro fallimento.

Questo è il bello delle storie vere, sarebbe facile per me raccontare che mia moglie si lasciò sedurre e che tutti e tre finimmo a letto a godere come pazzi. Sarebbe stato bello anche da raccontare.….peccato che non andò così, Tiziana fu molto infastidita da questi approcci, peraltro un po’ maldestri, di Veronica e mi disse che non la voleva più per casa.
Comunque devo ammettere che mia moglie non è mai stata gelosa né sospettosa per il mio rapporto…..lavorativo con Veronica. Il che è abbastanza strano. Secondo me c’erano tutti i presupposti per sospettare, se non addirittura di capire che tra noi c’era una tresca. Ma forse il motivo è che io sapevo dominare piuttosto bene anche Tiziana e riuscivo a farle pensare quello che io volevo che pensasse.

Comunque, dopo quel fallimento, ebbi un’altra fantasia, ancora più estrema…. Il desiderio di fare sesso a tre coinvolgendo un mio amico di colore e facendola scopare sotto i miei occhi. Credo che lei l'avrebbe fatto, ma alla fine cambiai idea perché stare nel letto nudo vicino a quel tipo forse mi avrebbe fatto un po’ schifo, per cui mandai a monte il progetto. Ciò ad ulteriore dimostrazione che vi sto raccontando cose vere e reali….in un racconto di fantasia sicuramente vi avrei descritto la monta della bianca da parte del mandingo mentre lei mi succhiava il cazzo….ma non è andata così.

Però un incontro a tre lo volevo fare e alla fine optai per una donna. Tribolai non poco per trovarla e mi beccai anche un paio di rifiuti, ma alla fine fu Veronica a trovarla. Era una ragazzetta di 18 anni, secondo me un po’ scema, ma bellina e piuttosto porca. Faceva la giornalaia all’edicola dove mandavo Veronica tutte le mattine a comprarmi il giornale, che poi leggevo e costringevo anche lei a leggere. Doveva imparare a leggere i quotidiani e lei lo ha fatto con diligenza e convinzione, mi ha obbedito anche in questo. Comunque questa giornalaia, che si chiamava Paolina, raccontava spesso a Veronica le sconcerie che faceva in macchina coi ragazzi, ma spesso faceva allusioni anche sulle grandi tette di Veronica, che si mangiava con gli occhi. Per cui pensavamo che fosse anche un po’ lesbica, oltre che porca. Allora Veronica l’invitò a una festicciola in ufficio alle tre del pomeriggio, dove io la feci ubriacare e poi dissi a Veronica di spogliarsi nuda. Paolina rimase sorpresa e disse che voleva andare via. Allora le chiesi, prima di andare, di dare solo una leccata alle tette di Veronica. Lei lo fece e pian piano ci prese gusto. Io allora le andai dietro e cominciai a spogliarla. Alla fine si denudò da sola e anch’io mi misi nudo….mi fece un bel pompino e poi si lasciò baciare, prima da me e dopo anche da Veronica. E come le piaceva farsi slinguazzare da tutti e due a turno….
Alla fine le leccai la figa mentre si baciava con Veronica e lei venne almeno un paio di volte. Poi me la scopai col preservativo mentre Veronica guardava e si smanettava furiosamente, sussultando più e più volte per i continui orgasmi. Quel pomeriggio riempii un paio di volte il preservativo dentro la figa di Tiziana e devo dire che quella ragazzina mi fece guduriare molto. Però Veronica successivamente non volle più ripetere il gioco, credo che fosse gelosa, ma non me lo disse mai.

Un’altra delle tendenze erotiche di Veronica era uno spiccato narcisismo. Lei amava il suo corpo e stava ore a rimirarsi nuda allo specchio, provandosi i completini intimi molto sexy che le regalava suo marito. Quasi sempre finiva per toccarsi e godeva a ripetizione guardando il suo stesso corpo scosso dagli orgasmi. Si piaceva, adorava le sue tette grandi, che riusciva anche ad avvicinare alla bocca succhiandosi i capezzoli.

Un sabato organizzammo una seduta di sesso a casa sua. Bramavo dalla voglia di chiavarmela nel lettone dove dormiva col marito, era una trasgressione che non potevo lasciarmi scappare. Poiché Filippo doveva andare presso un cliente a vedere un macchinario usato da acquistare, eravamo sicuri di avere a disposizione almeno cinque o sei ore per fare i nostri comodi alla faccia del cornuto.
Per me fu emozionante averla a disposizione nella sua camera da letto, dove la feci denudare e poi le chiesi di indossare diversi indumenti intimi….oltre ai completini lei amava le guepier, calze e reggicalze e sottanine trasparenti……tutta roba che suo marito adorava e le acquistava a profusione. Molti di questi indumenti erano imbrattati da chiazze di sborra, che Veronica mi mostrò orgogliosamente. Aveva anche indumenti da ragazzina minorenne che mi fecero andare in visibilio…..la chiavai vestita da scolaretta guardandola allo specchio da tutti i lati. Infatti il marito aveva voluto gli specchi sulle pareti e sul soffitto delle camera. Alla fine erevamo nudi e io la stavo montando a pecora quando le ho detto “guardati, Veronica….guardati allo specchio mentre ti sto scopando….ti piace?.....vedi come sei bella?....guarda le tue tette come ballano….guarda il tuo culo come rimbalza sotto i colpi del mio cazzo…..ammira il tuo corpo bianco…i tuoi fianchi larghi e la vita così stretta….sei una femmina strabiliante, Veronica….godi tesoro, guardati……ammira la tua bellezza…..senti come sbattono i miei coglioni sulle tue natiche.....vieni tesoro, vieni……”
Dopo queste frasi e l’orgasmo devastante che le provocarono, Veronica urlò fino a perdere la voce, senza preoccuparsi di essere sentita dai vicini.
Ma il rischio più grosso era in realtà un altro, però in quel momento non lo sapevamo. Seppimo invece la sera stessa che Filippo, a metà tragitto, era stato chiamato al telefono dal suo cliente che aveva cambiato idea sulla vendita del macchinario perché serviva ad uno dei suoi soci. Allora Filippo fece dietro front ed arrivò quasi a casa , ma si fermò cinquecento metri prima per far visita a sua mamma, dove il cielo volle che rimanesse a pranzo. Tornò a casa alle tre del pomeriggio, io ero uscito da dieci minuti per tornare a casa mia. Se fosse arrivato un attimo prima sarebbe entrato e ci avrebbe trovati nel suo letto.
Così avevamo corso un bel rischio, ma ne era valsa la pena. Non avevo mai goduto tanto e in modo così travolgente….la trasgressione era stata devastante…..avevo chiavato Veronica per quattro ore sborrandole dentro tre volte, senza alcuna precauzione. Ricordo che la sua figa aveva gocciolato per tutta la casa e non mi pare che riuscimmo ad asciugare tutte le macchie bianche sul pavimento.

Il sabato successivo invece trovammo una scusa strampalata e incredibile da raccontare a casa e ce ne andammo a fare una gita per i mercatini, dove ci divertimmo un mondo e riuscii a far fare a Veronica un po’ di esibizione….era tanto che lo desideravo. Le avevo ordinato di mettersi una minigonna cortissima e una blusa con la scollatura indecente, senza reggiseno. Così sembrava proprio una troia ed io godevo come un pazzo a guardarmela e a vedere come la guardavano. Non so quante volte ascoltai commenti sconci e volgari che i ragazzi le rivolgevano sghignazzando dietro le spalle….inutile dire quanto piacere mi procurassero queste frasi. Io poi attaccavo discorso con tutti nel mercato e la presentavo a uomini e donne, per vedere le loro facce. Naturalmente dicevo che era mia moglie e mentre si parlava la stringevo per la vita e le passavo spesso le mani sul culo, tirando anche un po’ in alto l’orlo della gonnellina per lasciar vedere le sue mutande a quelli dietro. ….aaahhh, quanto mi ha eccitato quel pomeriggio con lei……..quindi dovevo scoparla, non potevo aspettare, ma dove?....
Alla fine pensai che in macchina non era comodissimo e optai per un bar, in un bagno delle signore, sopra le scale. La scopai contro la parete tirandole da parte le mutandine……una cosa svelta, in tutto meno di quindici minuti, per non dare nell’occhio. Anche quella volta la sbrodolai tutta in figa.
Tra una cosa e l’altra si era fatto tardi, anche perché decidemmo di fermarci a cena in un ristorante, dove la baciai incurante del cameriere che ci vedeva e mentre la baciavo in bocca allungai una mano tra le sue cosce per sentire le mutandine ancora fradice della mia sborra.
In conclusione, arrivammo sotto casa sua alle 11,30 di sera e suo marito era in strada ad aspettarla. Già la nostra copertura era poco credibile, poi quando ci vide arrivare, Filippo sbiancò in volto. Lei era tutta discinta, vestita da puttana stradale e senza trucco. L’orario era del tutto ingiustificabile…..anche un allocco avrebbe capito che eravamo andati in fuga e che avevamo scopato. Filippo, dopo poche parole balbettate a mezza voce, le mollò un ceffone. Io, tanto per peggiorare la situazione, non dissi praticamente nulla e partii velocissimo piantandoli in mezzo alla strada, confermando così, col mio comportamento, ogni sospetto o convinzione che passasse per la mente del marito.

Il giorno successivo lei mi tranquillizzò al telefono, sdrammatizzando la cosa…..si, Filippo le aveva fatto una scenata e le aveva dato anche un altro schiaffo, ma Veronica era convinta che lui già sapesse o sospettasse fortemente, ma che non osasse affrontare l’argomento con lei…..temeva di combinare un guaio, non era disposto a perderla. Quindi sopportava….accettava fingendo di non sapere. In conclusione, la lite matrimoniale era finita senza che Veronica ammettesse nulla. Anzi, accusò il marito di gelosia immotivata e tutto finì in una scopata assai movimentata, diversa da quella consueta in cui lei si lasciava montare aspettando che lui venisse come un coniglio dopo una breve sgroppata. Veronica quella volta aveva profuso molta più enfasi ed ardore erotico del solito, gli aveva palesato una partecipazione che da tenpo non concedeva più durante gli accoppiamenti. Gli aveva anche fatto una bella esibizione di intimo e quando lui l’aveva montata aveva gridato e goduto come una vacca, facendolo andare in visibilio e lasciando che la imbottisse di sborra.
Quando mi raccontò tutto fin nei minimi particolari io provai una forte gelosia e la volli punire alla mia maniera. In realtà non era propriamente una punizione, ma un gioco altamente trasgressivo a cui lei a volte si sottoponeva traendone un piacere perverso. Avevo cominciato un paio di mesi prima ad introdurla a questo genere di piacere, trovando subito in lei un terreno fertile. In pratica io trovavo il modo di accusarla di qualcosa di grave….inventavo una sua mancanza o una colpevole disobbedienza e le mollavo un ceffone. Poi continuavo con le accuse e con le sberle in faccia….quindi l’aggredivo e cominciavo a denudarla, strappandole la biancheria. Lei lanciava solo qualche gemito soffocato di dolore, ma il copione prevedeva che lei sostanzialmente rimanesse zitta a subire la mia violenza. Continuavo allora a picchiarla forte sulle gambe, arrivando poi a stringerle e schiaffeggiarle i seni, che riempivo di pizzicotti molto dolorosi. Lei subiva senza reagire e stringendo i denti si lasciava picchiare e violentare. Infine la sbattevo a terra sul tappeto e le ficcavo il cazzo in fondo alla figa montandola con furia……dopo la facevo salire sopra e la inforcavo con violenza facendola saltare, mentre senza alcun riguardo continuavo a schiaffeggiare e tormentare le sue tette.
Alla fine le sbrodolavo tutto in faccia insultandola come una troia.
Quel giorno la gelosia mi fece parecchio esagerare e la violentai ferocemente, picchiandola con tutte le mie forze. Alla fine Veronica aveva un occhio pesto e la faccia gonfia, le tette invece erano piene di lividi scuri. Non le avevo schizzato in faccia ma in figa, per riprendere il mio dominio su di lei e segnare con la sborra il mio territorio. La cosa più incredibile comunque fu che lei era venuta tre volte durante quella violentissima e dolorosa monta.

Questa storia finì un paio di mesi dopo, quando lei si accorse di essere incinta. Non sapeva se l’avessi ingravidata io o il marito. Ma optò per il marito e così ci lasciammo. Peccato, ci eravamo davvero divertiti entrambi, avevamo provato piaceri che si provano raramente e che non avremmo mai più dimenticato.



Per commenti scrivete a Dillinger a questo indirizzo:
maverick.shot@libero.it



Questo racconto di è stato letto 6 6 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.