Piccola, perversa e ninfomane

Scritto da , il 2020-11-19, genere etero

Il vasto piazzale davanti alla stazione era pressochè deserto. Erano quasi le due di notte di un caldo lunedi di giugno. Il signore di mezz’età che stava sotto la pensilina degli autobus non aveva niente da fare, era uscito dal suo hotel per respirare un po’ d’aria, non riusciva a prendere sonno, pensava che due passi e una sigaretta potessero distendergli i nervi dopo una giornata faticosa e stressante in fiera. Stava pensando che a 55 anni suonati avrebbe dovuto cominciare a lavorare meno e magari a divertirsi un po’ di più. Non fece caso alla figura femminile che attraversò la strada a passo veloce dirigendosi verso la pensilina, tranne quando la ragazza si fermò a circa dieci metri da lui davanti ad un cartello con gli orari degli autobus. Non poteva evitare di guardarla, aveva una gonna cortissima e due belle gambe. Indossava una giacchetta bianca e le scarpe da tennis, anch’esse bianche.
Fu sorpreso quando le ragazza si voltò nella sua direzione e fece qualche passo verso di lui, lentamente, come se volesse chiedergli qualcosa. “forse vuole chiedermi un’informazione sulle corse” pensò il signore “ma casca male, che ne so io degli autobus?....e poi, a quest’ora non ce ne saranno più”

La ragazza non arrivò fino a lui, si fermò a circa tre metri, lo guardò con atteggiamento indeciso e dopo un paio di secondi fece un rapido dietro front e si incamminò.
“ha cambiato idea…non l’ho guardata in faccia e avrà pensato che non ero disponibile…magari anche che mi avrebbe dato fastidio essere interpellato a quest’ora di notte”
Seguì con sguardo attento la ragazza che stava attraversando la strada a passo molto veloce, quasi di corsa. Non potè non notare la sua gonnellina cortissima che in seguito ai saltelli si alzò un paio di volte oltre il limite lasciando balenare alla luce dei lampioni notturni il bianco delle mutandine. Questa vista gli provocò un tuffo al cuore e sentì montare un perverso desiderio…….”che ragazza sexy”… pensò….”forse avrei dovuto essere più disponibile, magari rivolgerle la parola, salutarla……accidenti, peccato che se ne vada, con quelle belle gambe…”

Non la mollò con gli occhi, voleva guardarla finchè fosse sparita. Vide che si era fermata dall’altra parte del viale, poi aveva ripreso a camminare sul marciapiede, allontanandosi.
“che sia una puttana?” pensò l’uomo “ma no, le puttane si comportano in modo diverso….di solito hanno una postazione fissa…questa sta vagando come se fosse sperduta…….magari è una tossica e sta cercando qualcuno che le dia una ventina di euro per una dose…..boh ”
L’uomo era incuriosito e attratto dalle gambe nude della ragazza, ma ormai l’occasione era persa, e di ciò si rammaricava.
Era quasi scomparsa dalla sua vista quando di colpo la vide bloccarsi e fare dietro front, tornando veloce sui suoi passi, ma sempre restando sul marciapiede opposto. Ogni due o tre passi veloci si voltava e guardava indietro, ma la vide girare la testa anche verso la stazione. Allora l’uomo giocò la sua carta……quando gli parve di incrociare in qualche modo il suo sguardo, alzò un braccio e le fece ripetutamente cenno di tornare. Lei non parve notare il segnale e continuò a camminare svelta. L’uomo ripetè l’operazione agitando il braccio, finchè ebbe la netta impressione che lei l’avesse visto. Infatti rallentò il passo fino a fermarsi, guardando nella sua direzione. Ma restò ferma.

“se non mi muovo subito se ne va ancora”….. pensò l’uomo…..quindi si mosse e attraversò la strada dirigendosi verso di lei…..

“Ciao, mi era sembrato che poco fa volessi chiedermi qualcosa……magari hai avuto timore di importunarmi”
“Buonasera…..avevo appuntamento con un amico….le volevo chiedere se aveva visto un ragazzo in moto davanti alla stazione….”
Guardandola bene da vicino e sentendo la sua voce, l’uomo si accorse che era una ragazzina, poteva avere forse 17 anni… forse anche meno….era comunque molto carina, ma sul bel faccino aveva un’espressione angosciata, sembrava in difficoltà.
“non c’era nessun ragazzo davanti alla stazione, almeno non nell’ultimo quarto d’ora….ma adesso tu dove vuoi andare? Se hai bisogno di un autobus non credo che ne troverai a quest’ora…”
“non lo so….non so cosa fare….magari quel ragazzo verrà più tardi, magari tra un po’ mi manderà un messaggio….io non ho il suo numero, ma lui dovrebbe avere il mio”
“se vuoi puoi venire ad aspettare nel mio hotel, è quello là in fondo, meglio che restare in strada a quest’ora di notte”
“ah, grazie…va bene”

Si avviarono verso l’ingresso dell’hotel e una volta entrati il signore cercò di evitare che il portiere vedesse bene la ragazza, facendole schermo col suo corpo e facendola lestamente salire in ascensore.

“eccoci qui….tu come ti chiami?”
“Vanessa”
“mettiti comoda Vanessa, io sono Mattia, puoi darmi del tu, anche se potrei essere tuo padre”
“mio padre ha quarant’anni….lei mi sembra….anzi….tu mi sembri un attimino più grande”
“si, ma non proprio da poter essere tuo nonno”
“no….però quasi…”
“posso sapere quanti anni hai?”
“non si chiede l’età alle signore”
“va bene…signora….vedo che sei un pochino reticente…ma almeno ti chiami davvero Vanessa?”
“beh, forse si o forse no….potrebbere essere il mio nome d’arte”
“ho capito, vuoi fare la misteriosa….va bene, ma allora di che parliamo?”
“non dobbiamo per forza parlare….magari ci sono altre cose da fare”
“ad esempio?”
“ecco…..Mattia…..potresti far lavorare la fantasia….magare fare tu una proposta. Scusa ma ora mi tolgo la giacca, qui fa caldo”

La ragazza indossava un semplicissimo grembiulino di cotone, color rosso ciclamino con dei fiorellini bianchi, cortissimo e molto erotico…..sembrava davvero una bambinetta…o almeno quello era l’abbigliamento. Le gambe erano belle e slanciate, il suo corpo era piuttosto esile e acerbo, sotto la stoffa si vedevano due tettine che forse non arrivavano alla seconda misura ma comunque ben fatte. Tutto sommato era piuttosto sexy, ben fatta, insomma un bel bocconcino per un amatore del genere. Sicuramente aveva piena coscienza di avere un certo potere sugli uomini.

“senti Vanessa…..non è che stai cercando soldi?.......magari offrendo qualcosa in cambio?.....non so se mi spiego….”
“oh si che ti spieghi….ti spieghi benissimo…..ma guarda che io non faccio la puttana”
“no…no…ma perché mi hai detto di farti una proposta?....che genere di proposta vuoi che ti faccia, qui, nella mia camera d’albergo, con te davanti in miniabito inguinale?....non vuoi parlare, quindi che cosa possiamo fare?...una partita a scacchi?”
“certo la prima cosa che ti viene in mente è che io ti offra di fare sesso a pagamento. Questo ha una sua logica, ma ti ripeto che non sono una puttana e non sto cercando soldi. Se ti piace però, il sesso si può fare…..diciamo che anche a me piacerebbe”

Sentendo ciò, Mattia percepì le farfalle nello stomaco….il suo cervello accusò il colpo e anche il suo cazzo ebbe un impulso improvviso. Le ultime parole della ragazza risuonavano come un eco assordante nella sua testa…..era sbalordito…..

“sono sicura che l’idea ti piaccia….e credo che tu sia attratto dalle mie gambe, se no non mi avresti chiamata poco fa. E’ vero che inizialmente eri timido, sospettoso e non hai avuto il coraggio di parlarmi, ma dopo mi hai visto le gambe e…….insomma, un pensiero molto birichino l’hai fatto, ne sono sicura. Allora ti è venuto anche il coraggio di abbordarmi. Dimmi un po’, Mattia……..è andata così?.....sii sincero”
“più o meno….ammetto che le femmine mi piacciano, ma tu sei un po’ particolare, sei giovanissima…….non che la cosa sia spiacevole, ma dipende dai gusti. Ammetto anche che….. si, sono rimasto colpito dalle tue gambe tutte scoperte dal vestitino cortissimo e….impertinente, che non ha lasciato molto all’immaginazione…”
“e va bene, ho capito quello che ti ossessiona.….quindi ti ripeterò la scena, caro zietto pervertito”

Così dicendo Vanessa, in piedi davanti a me seduto sulla poltroncina, inclinò un fianco e con le dita pizzicò il vestitino, facendolo salire lentamente. Dopo una brevissima risalita, apparvero le mutandine bianche, che Mattia divorò con gli occhi.

“che belle mutandine….sei splendida….potresti ripetere l’operazione da…..dietro?”

Venessa fece una smorfia ironica, ma lasciò cadere l’orlo del vestitino e si girò di spalle. Poi alzò nuovamente il siparietto, lentamente, mostrando all’uomo estasiato lo scorcio posteriore, altrettanto erotico.

“puoi fare qualcosa di più che guardare…..perchè non vieni a gustarti lo spettacolo più da vicino?.....sono certa che hai sempre sognato di infilare le tue manacce sotto la gonnella delle ragazzine per toccargli le mutande”

Mattia cedette di schianto, sentendo come una nebbia offuscargli la mente… sentendosi avvampare di desiderio per quella bella carne giovane. Si accostò a Vanessa da dietro e andò a baciare il delizioso culetto, leccando prima la stoffa delle leggere mutandine e affondando poi la testa tra le dolci natiche. Intanto le sue mani scorrevano veloci ed avide sulle gambe, sulle cosce e carezzavano la ragazzina sul davanti, in prossimità del suo fiore…..il massaggio sopra la fighetta fece capire a Mattia che la ragazza era bagnata, eccitata, probabilmente già pronta per la monta. Infatti Vanessa aveva ormai il respiro corto, ansimava leggermente ed emetteva piccoli gemiti.
“spogliati Vanessa, mettiti nuda”
“magari preferisci spogliarmi tu…..forse ti piace togliere la sottana a una ragazzina e poi strapparle le mutandine….scommetto che qualche volta l’hai sognato….beh, ora lo puoi fare”
Mattia, ormai infoiato, le strappò il grembiulino e poi le sfilò rabbiosamente gli slip bagnatissimi che si strofinò sulla faccia per annusarli ed assaporarne l’aroma di femmina......infine si spogliò rapidamente….in pochi secondi fu nudo.
Rimase alcuni secondi ad ammirare il corpo della ragazza, acerbo ma sexy ed estremamente arrapante nella sua completa nudità. Ma l’emozione fece uno scherzetto al suo cazzo, che restò inspiegabilmente inerte, in posizione di riposo.
Preoccupato di ciò, Mattia strattonò la ragazza e la gettò sul letto, poi andò a baciarla furiosamente, intrecciando la sua lingua con la sua. Era pazzo di desiderio, sentiva il profumo di quella giovanissima bocca, percepiva sensazioni che ormai non erano più alla portata di un uomo della sua età…..era un bocconcino prelibato quello che si stava gustando……accarezzava il corpo di una puledrina scalpitante, bella ed eccitata. Quella che stava vivendo era una incredibile trasgressione, tanto forte quanto inaspettata.
Leccò tutto il suo corpo e baciò con passione la pelle liscia e profumata delle dolci tettine, suggendo avidamente i tenerissimi capezzoli. Solo a quel punto sentì il suo cazzo prendere un po’ di vita ed alzare lentamente la testa.

“succhiami il cazzo, Vanessa….avanti, fammi sentire se sei brava con la bocca….”

La ragazzina annuì docilmente ed andò subito ad imboccare il membro maschile con innegabile perizia…..si capiva che era già un’esperta pompinara.
Le succhiate lunghe, abili e profonde fecero strabuzzare gli occhi dell’uomo, che rovesciò il capo all’indietro spalancando la bocca, ma senza emettere alcun suono. Il suo cazzo era ormai completamente eretto e duro. Si godette la pompa immergendo le mani tra i capelli ricci della ragazza……accompagnò il lavoro di bocca dettando il ritmo alla sua testa e cercando di accelerare un po’, ma dopo alcuni istanti Vanessa si bloccò….

“Mattia, attento a non venirmi in bocca…..sento che sei al limite, ma io vorrei anche scopare....quindi….”
“d’accordo piccola, continua a succhiare, tra poco ti accontento e te lo metto dentro, solo il tempo di mettere il preservativo”
“quello te lo puoi scordare…..tu mi scopi a pelle, a cazzo nudo, non voglio sentire gomma nella figa”

Ciò detto, Vanessa riprese in bocca il cazzo e continuò con diligenza la sua pompa con risucchio, che Mattia volle rendere più erotica chinandosi fino a poter impastare con entrambe le mani il suo culetto sodo. Palpeggiò profondamente la bella carne giovane e fece scorrere una mano nel solco tra le natiche fino ad arrivare sopra il buchetto del culo, che penetrò per qualche centimetro con un dito. Dopo qualche piccolo affondo, proseguì ed inserì due dita nella vagina, che trovò tutta allagata di liquidi. Sentendosi penetrata nei due buchi, Vanessa raggiunse il suo limite sopportabile di eccitamento e inserì una mano tra le gambe, iniziando a toccarsi velocemente. In pochi secondi venne e tremò tutta per le contrazioni provocate dall’orgasmo. Mattia allora decise che quello era il momento giusto e rovesciò la ragazza mettendola in ginocchio. L’ingroppò furiosamente da dietro sprofondandole il cazzo in figa senza alcun riguardo. La ragazza emise un grido di piacere nel momento dell’introduzione e finalmente lui potè godere delle sensazioni sublimi che quella figa stretta di giovane manzetta procurava al suo cazzo maturo.

“La tua figa è una delizia, tesoro. Mai sentito una carezza così intensa e vellutata intorno al mio cazzo”
“si….chiavami…dai…avanti….forza….fammi sentire quanto ti piaccio…..scopami…aaahhhhh…..aaahhhh…..scopa la tua puttanella…..aaaahhh”
“si, tesoro, sei la mia bella puttanella……mi piace sentirti godere, sai? mai provato una femmina così calda…..oooohhhh…..che figa stretta…..”
“dimmi che sono una puttana….una vacca…..vero che sono una vacca?....dimmelo….me lo devi gridare…..aaaaahhh…..aaaahhhhh….godo…”
“sei una vacca, sei la mia troietta da monta……..sei la mia piccola puttana”
“vengo….si….vengo…..Mattia, cazzo…vengo……aaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhh”

Tremò ancora e si contorse nell’orgasmo devastante. Mattia ne fu sconvolto, c’era qualcosa di strano, di esagerato in quella ragazza…..era troppo calda….troppo”

La girò e la mise sotto di lui, lei allora spalancò le gambe al cazzo che la impalò in un sol colpo. L’uomo era stravolto dal piacere e dall’eccitazione…..

“aaahhh…..montami mio bello stallone….forza….fottimi a tutta forza….sono la tua puttana rimorchiata in mezzo alla strada, devi chiavarmi forte, fino a farmi stramazzare……ecco….vengo ancora…..aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhh”

Era già al terzo orgasmo in pochi minuti…Mattia quindi pensò “che razza di troia…..questa è pluriorgasmica, il cazzo non le basta mai….ecco cos’è….è una troietta affamata di cazzo…”
“più forte….più forte….chiavami ancora…dai, non rallentare…….scopami…..”
“si, ma dammi un po’ di tregua, cazzo….non ho più vent’anni”
“no, no…..scopa….trombami….più veloce….fammi sentire che lo sbatti tutto dentro….fino in fondo….ecco….così…..non rallentare…..vengo..vengo…..aaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhh”

“e quattro” pensò Mattia “ adesso però dovrei venire anch’io, se no qui facciamo notte…..certo però che è un gran bel chiavare…..”
“guarda che mi devi venire dentro…….voglio sentire il caldo della sborra nella figa…non preoccuparti, sono protetta…..schizzami tutto dentro……riempimi….infarciscimi come una vacca da monta…..voglio che mi allaghi tutta la figa, così poi quando ho voglia posso mettermi un dito dentro e succhiarlo, per sentire il sapore di maschio”

“cazzo…..che razza di vacca” pensò Mattia, e quindi le assestò una rapida serie di colpi duri e profondi. Dopo aver sferrato l’ultimo furibondo colpo di cazzo, restò conficcato fino alle palle e con un lungo muggito sbrodolò dentro la tenera fighetta tutta la sborra calda contenuta nei suoi stagionati coglioni, prima di crollare privo di forze di fianco alla ragazzina. Potè così ammirare la sua semenza bianca colare lenta dalla vagina bagnando abbondantemente il lenzuolo sottostante.


“se vuoi restare a dormire qui, fai pure, ti ospito volentieri per la notte, Vanessa”
“no, grazie, vado, c’è qualcuno che mi aspetta…..
“e chi sarebbe?”
“sei troppo curioso, guarda che non sei mio padre…e nemmeno mio nonno….non ti basta di aver scopato?”
“vabbè…..tu sei un mistero e tale resterai”
“ecco, bravo…….ma se vuoi, magari ci rivediamo….una di queste sere….qui giù nel piazzale”
“mi piacerebbe, ma io non sono di questa città….domani parto. Però tra un mesetto dovrei tornare qui per qualche giorno”
“bene….allora buon viaggio. Quando torni vieni a fare un giretto davanti alla stazione…..chissà che non mi ritrovi”
“sei consapevole di essere ninfomane, vero?”
“io so soltanto che mi piace farmi scopare, non posso farne a meno”
“e ti è piaciuto scopare con me?”
“beh….si…insomma, non sei malaccio, nonostante l’età……d’altra parte c’eri solo tu nella piazza, non è che avessi molta scelta…”
“no, però ho visto che ti sei eccitata, mentre mi spompinavi ho sentito che eri completamente allagata”
“ehi, non ti allargare troppo….è vero che ero bagnata, ma non tanto per il tuo fascino di nonnetto prestante e arzillo……il liquido in cui hai immerso le dita era di quello che mi aveva innaffiato la figa prima di te…”
“ah…..capisco….già…..diciamo allora che non mi lasci col rimpianto di non averti leccata….”
“invece devo dire che a me una leccata sarebbe piaciuta. Vabbè, pazienza….se quel coglione che doveva venire a prendermi davanti alla stazione riuscisse a liberarsi della fidanzata e si degnasse di arrivare, sarei ancora in tempo per un servizio completo…..magari nel cesso della stazione…”
“allora….addio Vanessa…..e buona continuazione della serata”
“ciao bello…..è stato un piacere”



Chi volesse commentare può scrivere a Dillinger all'indirizzo :
maverick.shot@libero.it





Questo racconto di è stato letto 7 7 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.