Una madre pragmatica (parte seconda)

Scritto da , il 2020-11-26, genere voyeur

Nella prima parte del racconto, ho narrato di come Sandro (23 anni) avesse scoperto che sua madre, attraverso le proprie grazie, aveva convinto l'imprenditore Fulvio ad assumere suo marito (che in precedenza aveva perso il lavoro). Sandro aveva assistito per caso, tornando dall'università, all'incontro intimo tra sua madre e Fulvio. Aveva sbirciato dalla serratura, ovviamente all'insaputa di sua madre e dell'imprenditore, e quella scena gli era rimasta impressa nella mente. Nei giorni successivi, Sandro non aveva fatto altro che ripensarci. Suo padre era stato davvero assunto, ma non sapeva che il merito era da attribuire all'intraprendenza della moglie. Sandro era sconvolto ma al tempo stesso eccitato da quella assurda situazione. L'amplesso a cui aveva furtivamente assistito era stato di notevole intensità e sua madre aveva goduto parecchio. Sandro non sapeva se essere più deluso dal fatto che sua madre avesse messo le corna a suo padre, o dal fatto che avesse cercato, e ottenuto, una utilità da quelle corna. Ci pensava spesso, soprattutto la sera. E si masturbava nel letto, eccitato da quella delusione sorprendente. Aveva una madre discutibile, e la cosa lo eccitava. Certo, sua madre aveva pensato al bene della famiglia mentre chiedeva a Fulvio di assumere suo marito. Ma sapere che glielo aveva chiesto proprio mentre si stava facendo scopare...beh...a Sandro proprio non andava giù. E più quel pensiero non andava giù, più l'uccello gli andava su. Una sera, preso dalla curiosità, decise di sbirciare sul cellulare di sua madre, mentre lei cucinava, per capire se lei e Fulvio continuassero a frequentarsi. Il primo messaggio che trovò fu proprio di Fulvio: "Domani mattina vengo da te a svuotarmi le palle. A che ora esce Sandro per andare all'università?". Sandro rimase senza fiato. Lesse la risposta di sua madre, che si limitava a dire "puoi passare dopo le 9 e mezza". Senza aggiungere altro, come se fosse normale. Come se sentirsi dire da un tizio "domani vengo da te a svuotarmi le palle" fosse la cosa più normale del mondo. Ad un certo punto, però, un pensiero improvviso attraversò la mente di Sandro. "Però Fulvio ha trovato il lavoro a papà...meglio tenerselo buono". Si sorprese di averlo pensato davvero, ma l'aveva appena fatto. E la cosa gli provocò anche una strana eccitazione. Ripose il cellulare sul tavolo del salotto, dove stava, e andò in cucina a vedere sua madre che cucinava. Sembrava così serena, così tranquilla. La guardò e pensò "hai capito la mamma...". La mattina dopo, Sandro e suo padre uscirono entrambi verso le 8. Sandro in realtà non andò all'università e ritornò a casa verso le 10. La macchina di Fulvio era parcheggiata sotto casa loro...."dannato Fulvio", pensò Sandro, e salì in casa, senza far rumore. Entrato in casa, sentì i gemiti cavernosi di Fulvio provenire dalla camera da letto. "mmm...ah...mmm...uh...mmm....ah....mmm...". Sandro ebbe un'erezione potentissima e pensò "ma sì, in fondo, Fulvio ha fatto tanto per noi. Meglio tenerselo buono...".

Questo racconto di è stato letto 5 2 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.