Carmen si offre al rivale del marito (parte seconda)

Scritto da , il 2020-12-15, genere tradimenti

Erano passati alcuni mesi e Carmen ripensava spesso all'accaduto. Ci pensava soprattutto quando faceva l'amore con suo marito. Il sindaco, in fondo, non l'aveva scopata meglio di lui, anzi...però le era comunque piaciuto. Concedersi al rivale di suo marito, a colui che lo aveva sconfitto alle elezioni, l'aveva tremendamente eccitata. Così eccitata, che non aveva pensato alla ricerca individuale del proprio piacere fisico, ma le era bastato dare piacere a Umberto, e ricavare indirettamente, dal godimento del sindaco, una sua fortissima eccitazione. Si sentiva in colpa, soprattutto quando faceva l'amore con Daniele. "Ho un marito meraviglioso, perchè l'ho fatto?", si chiedeva. E non era in grado di darsi una risposta. Con Daniele, ovviamente, non ne avrebbe mai parlato...ma faceva fatica a parlarne anche a sè stessa. Un giorno, mentre Daniele era al lavoro, Carmen sentì bussare alla porta. Aprì: era Umberto, il sindaco. Carmen sbiancò. "Che ci fai qui?" chiese inviperita. Lui entrò in casa e chiuse la porta. Lei disse "ti avevo detto che non ci sarebbe stato un seguito". Lui la guardò..."metti la gonna anche quando sei in casa?" e lei "stavo uscendo a fare la spesa". Lui sorrise e disse "con la gonna corta. Stavi uscendo a farti guardare le gambe...". Carmen sentì un brivido lungo la schiena, mentre Umberto la guardava in modo famelico e irriverente. Lui si mise seduto sul divano, comodo, e continuò a guardarla. Lei pensò cha sbagliare è umano, ma perseverare...e lui continuò a guardarle le gambe. "La tieni corta la gonna, stavolta. Non c'è quasi bisogno di alzarla. Avvicinati, Carmen". Carmen sentì un altro potente brivido correrle lungo la schiena. "Avvicinati, su. Vieni...". Carmen aveva il cuore che le batteva a mille e il respiro affannato. Salì sopra il sindaco, ed il respiro continuò ad affannarsi, ma per altri motivi. Umberto stavolta la scopò per bene, se la prese comoda. Molto comoda. E fu talmente bravo, da convincere Carmen ad esplorare le potenzialità del suo lato B. Le stesse potenzialità che, per suo marito Daniele, erano sempre state un vago miraggio. Mentre il sindaco faceva la conoscenza diretta del culo di Carmen, ansimava in modo cavernoso e tonante. Grugniva, grugniva forte. E a Carmen piaceva. Goderono parecchio. Quando finirono, lui si rivestì in fretta. Lei lo osservò e gli chiese "vuoi un caffè?". Umberto non rispose alla sua domanda, ma la guardò in modo beffardo. Carmen si sentì in imbarazzo. Lui, compiaciuto, le disse "non le sai proprio tenere le cosce chiuse, eh?" e rise. Se ne andò via ridendo. Carmen pensò che suo marito, una cosa del genere, non l'avrebbe mai detta. E forse, proprio per questo, non avrebbe mai fatto la conoscenza del suo culo.

Questo racconto di è stato letto 7 2 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.