Carmen si offre al rivale del marito

Scritto da , il 2020-11-23, genere tradimenti

In un piccolo Comune del Sud Italia c'era stata un'accesa campagna elettorale per l'elezione a sindaco tra Umberto, 49enne avvocato, e Daniele, 43enne insegnante. Daniele aveva una bella moglie di nome Carmen, 39enne, mora, belle gambe e piuttosto formosa. Umberto invece era divorziato. Come spesso accade nei Comuni con pochi abitanti, la campagna elettorale è assai sentita, tesa, con grande incertezza fino all'ultimo voto. Alla fine prevalse Umberto per pochissimi voti e la delusione di Daniele fu enorme, anche perchè tra loro due c'era grande rivalità, politica e personale. Alcuni giorni dopo le elezioni, Umberto vide Carmen al supermercato e le fece degli apprezzamenti insolenti. "Buongiorno Carmen...lasciatelo dire, hai proprio delle belle gambe...". Carmen, che quel giorno indossava la gonna, rimase di stucco. Come si permetteva quello screanzato di dirle certe cose? Lei lo fissò e disse "Come osi?!" e lui, non ancora soddisfatto, continuò: "dico quello che penso...hai delle belle gambe" e le si avvicinò, sussurrandole all'orecchio "secondo me le hai aperte poco ultimamente...tuo marito era sotto stress per la campagna elettorale...". Carmen non disse nulla, spiazzata da quel tono irriverente e beffardo. Umberto continuò a sussurrarle frasi insolenti: "poi, ora che ha perso, secondo me non gli si rizza nemmeno...perchè non vieni a trovarmi? Ti faccio vedere come scopa un vincente...", disse con un ghigno beffardo, e poi andò via. Carmen pensò per giorni a quelle frasi. Era stata una situazione umiliante eppure, in un certo senso, le era sembrato tutto molto intrigante. Non stimava Umberto, e di certo quel suo comportamento non aveva migliorato le cose, eppure...eppure sentiva il bisogno di trasgredire, forse anche per scrollarsi di dosso la tensione della campagna elettorale. Il giorno dopo, andò a bussare alla porta del neo eletto sindaco che, quando la vide, rimase assai sorpreso. Carmen entrò senza salutare e chiuse la porta. Aveva una gonna lunga e leggera, di cotone, color rosso. Lui la guardò incuriosito e le disse "hai ascoltato il mio consiglio...", con un sorriso beffardo. Carmen, punta nell'orgoglio ma decisa a trasgredire, rispose "guai a te se ne parli con qualcuno. Quello che succede oggi, rimane qui. E sappi che non ci sarà un seguito". Era molto decisa, malgrado l'imbarazzo l'avvolgesse in modo evidente. Umberto la guardò compiaciuto e disse "certo, ok...ora però alzati la gonna...". Carmen sospirò, per un attimo pensò che stava facendo una follia. Umberto continuò "su, da brava...alzati la gonna...." e Carmen iniziò a sollevarsi pian piano la gonna, piena di vergogna ed eccitazione al tempo stesso. "Su, da brava, alzala ancora un po'...ancora...alza alza...brava...ora vieni qui. Vieni dal tuo sindaco...". Carmen si avvicinò, era eccitata e inquieta, si sentiva in colpa ma non voleva tirarsi indietro proprio ora. Non sapeva nemmeno lei quale fosse il vero motivo della sua scelta. Forse voleva punire Daniele per averla stressata per mesi con quella irritante campagna elettorale, per giunta senza riuscire nemmeno a vincere. Erano stati mesi d'inferno, pieni di tensione. Forse, in quel modo, Carmen voleva "vendicarsi". Si avvicinò a Umberto, che nel frattempo aveva tirato fuori il suo membro. Non era lungo, ma era piuttosto largo. Umberto stava seduto sul divano e Carmen gli salì addosso. Lui le scostò le mutandine in modo repentino e la iniziò a penetrare. Mentre glielo metteva, sorrideva irriverente. "Sconfitto e cornuto...povero Daniele, ehehehhe". Carmen, nell'udire quella frase insolente, si eccitò moltissimo. La performance di Umberto non era memorabile, ma la situazione era comunque eccitante a causa della forte trasgressione che la caratterizzava. Carmen, istintivamente, si lasciò andare ad un commento ironico e piccante: "Hai vinto tu. Hai vinto tutto. Congratulazioni, signor sindaco!". Mentre lo diceva, si muoveva sinuosa sul membro di Umberto, che venne dopo pochi secondi. Lei, che ancora doveva venire, fece finta di giungere all'apice del piacere. Si alzò dal membro soddisfatto e ormai non più dritto del sindaco e gli disse "non dirlo a nessuno. A nessuno". Tornò a casa sua, salì in bagno e si masturbò, pensando a quanto era stata folle. Umberto si fumò una sigaretta sul divano, ridendo a squarciagola delle corna del rivale.

Questo racconto di è stato letto 8 2 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.