Il collegio (quinto capitolo)

Scritto da , il 2020-01-31, genere prime esperienze

IL VALORE DELL’AMICIZIA

Nei giorni che seguirono, non successe nulla di particolare. L’unica cosa degna di nota, era che alla fine avevano formato le classi definitive. Vasil era stato spostato nell’altra classe e, ahimè, pure Klodi.
Se per l’allontanamento di Vasil sospirai di sollievo, lo spostamento di Klodi mi procurò un gran dispiacere. Tant’è vero che quando venne a salutarmi, mi rattristai. Mi disse che non dovevo disperarmi perché ci saremmo visti sempre, durante la ricreazione, in mensa, in giardino... Prendendomi in giro mi disse che adesso potevo stare tranquilla perché mi stava portando via anche “il gatto attaccato ai marroni”.
“Klodiiii! - lo rimproverai - non si dice così”.
Rise.

Con l’allontanamento dei due, arrivò Anila, una collegiale della mia età, ma che stava in camera con le ragazze più grandi. Lei, non so come mai, conosceva Klodi che scherzando le raccomandò di tenermi d’occhio.
Gli dissi che io non avevo bisogno di baby sitter.
Klodi, davanti a lei, mi accarezzò il collo per poi far scivolare la mano nella parte alta del petto. Temevo mi afferrasse il seno, e allo stesso tempo, volevo che me lo toccasse. Il suo tocco durò solo un attimo, ma il bruciore della sua mano lì, lo sentii per giorni.
Alle volte era proprio matto.
Alla fine diede un bacio ad Anila, poi si girò di nuovo verso di me. Speravo mi desse almeno un bacio a stampo sulla bocca, volevo sentire le sue labbra sulle mie. Non mi importava se vicino ci fosse qualcuno, ma lui si limitò a toccarmi la fronte con la sua testa, mi sfiorò il naso con il suo, e poi se ne andò.

Dopo di lui, venne a salutarmi Vasil.
“Giò, - mi disse - abbi cura di te. Io non potrò più farlo. Stammi bene.”
Si commosse. Mi dispiacque, stranamente mi dispiacque. Non l’avevo mai sopportato e ora che doveva andare via e potevo finalmente stare in pace, provavo dispiacere?
Certo che ero strana - pensai.
Anila occupò il suo posto nel mio banco. Poi venne la nostra professoressa tutor e ci spiegò che ormai la composizione delle classi sarebbe rimasta questa fino alla fine del triennio.
Dopo arrivò il professore di tedesco, un uomo tra i quarantacinque e i cinquanta anni, con la testa dietro così piatta, che sembrava gliela avessero limata. Ci disse che la nostra classe, per la sua materia, si sarebbe divisa in due gruppi: gli avanzati e noi, che venivamo da fuori, nel gruppo dei principianti, compreso qualcuno della capitale che nei primi due anni non aveva frequentato la stessa scuola.
Lì per lì ero pronta a dire che non ero proprio principiante, perché avevo fatto due anni di corso privato con una insegnante madrelingua, ma non lo feci. Pensai che alla fine avrei studiato di meno. Al diavolo l’apprendimento, per una volta.
Elencò i nomi dei partecipanti ai due corsi, e poi si allontanò.
Alla fine, per me, i volti dei compagni di classe divennero nomi, poi persone, ognuna con le proprie caratteristiche.
Cominciai a legare con altri, maschi e femmine. Una ragazza che veniva dalla capitale con la quale mi trovavo bene, era Nada. Era buona e non aveva quell’aria da superiore che avevano le sue concittadine. Poi c’era Eris con il suo amico Antony, stavano nel banco davanti al nostro e tutti e due avevano i capelli lunghi. Erano mori, alti, eppure non si assomigliavano per niente. Antony, nonostante fosse moro, sembrava non avesse mai preso un raggio di sole in vita sua, talmente era pallido. Poi quando rideva, rideva come un cavallo imbizzarrito.
Alle volte, quando la sua risata giungeva all’improvviso ed era silenzio, saltavo su spaventata.
Eris, invece era un moro caldo, abbronzato, e aveva due occhi che sorridevano sempre. Aveva una maglietta di Heavy metal. Mi pare fosse stata Nada a dirmi che lui era un adoratore di Satana.

Dietro di noi c’erano altri tre ragazzi. Armand, Ervin e Gioele. Ervin e Gioele erano esterni, nel senso che venivano da un paese vicino alla capitale.
Armand invece era proprio della capitale ed era in quella scuola già dalla prima. Mi aggiornò un po’ sugli altri nostri compagni. Non ricordo tutto, ma ricordo che mi parlò di Enio, e mi disse che stava per ore intere sui libri e imparava a memoria.
Guardai Enio. Era molto alto a differenza degli altri compagni della nostra classe e portava degli occhiali spessi come fondi di bottiglia.
Arrivò la ricreazione. Mi staccai da Anila e andai in cerca di Klodi. Mi vide e mi corse incontro. Gli chiesi come erano andate le prime ore, se si fosse trovato bene nella nuova classe. Eravamo vicino alla mensa. Non parlò. Mi mise con le spalle al muro, le mani in alto ai lati della mia testa e ...
“Ah, cosa ti farei se potessi!”- mi disse respirando forte.
Poi in un attimo, per qualche secondo strofinò il bacino al mio e sentii la sua erezione.
Ebbi paura.
Di lui, della sua prepotente sfacciataggine. Ebbi paura di me, della mia voglia incontrollata. Sono sicura che se mi avesse presa lì, lo avrei assecondato senza nessuna remora.
Per fortuna era più lucido di me. Se ne andò lasciandomi con le gambe tremanti.
Mi ci volle un po’ per riprendermi e ricominciare a respirare.
Rimasi a lungo ferma in quell’angolo.
“Ecco dov’eri finita!”- mi disse Anila e supposi che era da tanto che mi cercava.
“Stai bene? - mi domandò - sembri pallida”.
“No, non sto bene. Mi sento svenire”. - le risposi.
Ed era la verità: la sensazione era proprio quella.

Durante la mensa, Brikena venne al mio tavolo:
“Giò, ti devo parlare. Dopo pranzo portiamo gli zaini su e andiamo insieme al parco qui dietro”
“Va bene”.- Risposi incuriosita da questa sua necessità di confessarsi.
Salimmo su insieme alle altre, stavamo mettendo a posto gli zaini, quando per l’ennesima volta entrò la direttrice.
Brikena alzò gli occhi al cielo bofonchiando sotto voce:
“Che diavolo vuole questa ora?”

In quel momento alcuni armadi erano aperti perché delle ragazze si stavano preparando per uscire.
La direttrice dimenticò il motivo per il quale era entrata e cominciò a insultarci:
“Cosa siete? Siete ragazze o siete maiali?
Che fate? Vi fate belle truccando il viso e magari andate in giro con le mutande sporche? Ma avete visto come avete gli armadi? Come se avessero litigato cani e gatti. Di chi è questo armadio? E questo? E quest’altro? Avevo detto che dovevate rivestirli di giornali”.
Cominciò a buttare giù la roba. Nessuna aprì bocca.
“Falle vedere il tuo”. - mi sussurrò Brikena.
Negai solo muovendo la testa.

“Daiii, così noi strilla più.”
“Ho detto di no”. - le risposi decisa, a bassa voce.

Lei si alzò e: “Direttrice”
“Che c’è?” - rispose lei arrabbiata.
“io non l’ho rivestito di giornali, ma ho fatto così”
E aprì, con sorpresa di noi tutte, il mio di armadio.
La direttrice cambiò espressione, da iena, divenne un angelo. Si illuminò.
“Ecco, brava. Imparate da lei. E adesso, a parte Brikena, nessuna deve uscire dalla stanza. Siete in punizione. Sarete libere solo dopo lo studio”.

“Direttrice, mi scusi, io...” - le disse Brikena con un filo di voce.

Ma lei non l’ascoltò. Uscì sbattendo la porta. Appena i suoi passi sparirono in lontananza, presi Brikena per un braccio e la trascinai fuori da lì.
“Ascoltami bene, carina: - le dissi- quello che hai fatto oggi, non lo fare mai più! Né con me, né con le altre. Parli tanto di gruppo, di complicità, di essere unite... dici che dobbiamo essere uno per tutti e tutti per uno, e noi ti seguiamo come fossi Dio, e tu cosa fai? Cerchi di fare bella figura davanti a lei con il mio di armadio.”
“Non era proprio così, Giò. Volevo solo che la smettesse di urlare. Credevo fosse l’unico modo per farla stare zitta. Infatti, ti stavo incitando ad aprirlo tu il tuo armadio, ma non mi hai dato retta”.

“Ti sei fermata un attimo a pensare sul perché non ho voluto? Forse perché non volevo mettere ancora più in difficoltà le altre ragazze? O questa cosa il tuo piccolo cervello marcio e dispettoso non riesce a capirla?”

Entrai dentro, Brikena mi seguì. Presi i miei vestiti dall’armadio e li scambiai di posto coi suoi.
Nessuna delle ragazze parlava. Nella nostra camera calò un silenzio tombale.
Solo Brikena mi chiese che cosa stessi facendo.
Le risposi solo che quell’armadio ormai era suo, se non voleva passare per bugiarda ed imbrogliona agli occhi della direttrice.
“Scusa, Giò - mi disse a mezza voce - non era questo ciò che volevo ottenere. Non avevo previsto che vi avrebbe messo in punizione. E poi, giuro che alla fine volevo confessarglielo, ma non mi ha dato più il modo. Mi dispiace, Giò. Mi dispiace tanto”.
“Non importa - risposi con noncuranza - quel disegno non riuscirò più a riprodurlo, ma ci sono cose molto più importanti di uno stupido armadio”.
Presi i libri da studiare e andai in aula studio, che a quell’ora era deserta.
Mancava un’oretta buona per l’orario di studio obbligatorio che era dalle quindici alle diciassette. E comunque mi misi seduta sul davanzale di una finestra da dove si vedeva un bel panorama e cominciai a studiare.
Quando furono le quindici, l’aula cominciò a brulicare di brusii di voci delle ragazze. Andai nel mio banco.
Quella strega di direttrice si sedette alla sua cattedra e rimase lì a osservarci come faceva di solito, così studiavamo e non facevamo rumore.
Vidi le mie compagne di stanza una alla volta passarmi davanti, ma Brikena non c’era. Aspettai invano fino all’ultimo, poi sottovoce chiesi a Vilma, la quale mi rispose che non si sentiva molto bene e aveva chiesto il permesso alla direttrice di stare a letto.
Mi preoccupai. Mille pensieri mi frullarono per la testa. Era colpa mia se lei ora si sentiva male. Ero stata troppo dura nei suoi confronti. L’avevo ferita. Non vedevo l’ora di andare in camera, vedere come stava, chiederle scusa. Il tempo però sembrava non passasse mai. Alla fine le diciassette arrivarono. Andai in camera per prima. Vidi Brikena frugare nel mio armadio.
“Ciao Brikena. Come stai?” - le chiesi.
Chiuse velocemente l’armadio e mi rispose che stava bene. Ora si sentiva bene. Le ragazze che entrarono dopo di me dissero: “Muovetevi! Finalmente possiamo uscire”. Non ce la facevano più a rimanere chiuse. Quanto le capivo!
Aprii l’armadio per cambiarmi e vidi...
Vidi l’interno tutto bianco e sulla porta tanti baci sparsi dappertutto stampati poggiando le labbra col rossetto.
Guardai Brikena.
“Era l’unico modo per chiederti scusa. Mi dispiace che non so disegnare come te”.
L’abbracciai con tanto affetto e con un pennarello blu, scrissi in alto, ad arco, in maiuscolo:
IL VALORE DELL’AMICIZIA
Eravamo entrambe emozionate. La dolce Lina ci venne vicino.
“Oh, come sono contenta! Voi due non dovete litigare mai. Siete d’esempio per tutte noi”.
Poi mi prese il pennarello e scrisse la prima frase che firmò con il suo nome, all’interno della porta, sotto il titolo:
Amicizia vuol dire condivisione.
Poi passò il pennarello a Vilma che aggiunse un’altra frase e la sua firma:
Accettare l’amico per quello che è, con pregi e difetti.
Tutto d’un tratto vidi il pennarello che volava da una mano all’altra delle mie amiche e ognuna scriveva un suo pensiero, firmandosi. Qualcuna, presa dalla frenesia, ne scrisse più di uno. Alla fine venne fuori questo.

Amicizia vuol dire condivisione.
Accettare l’amico per quello che è;
con pregi e difetti.
Stare vicini nei momenti bui.
Fiducia, perché l’amico è sempre sincero.
Ricevere un sorriso quando siamo tristi.
Donare senza riserve.
Accettare ogni dono: è fatto col cuore.
Non aver paura di sbagliare.
L’amico saprà sempre perdonare.
L’amico non finge.
Non ti tradisce.
L’amico non ci giudica.
Nemmeno ci condanna.
Ci aiuta in difficoltà.
Divide quel poco che ha.
Tesoro inestimabile.
Se manca l’amico, lascia un vuoto incolmabile.

Sulla porta facevano bella mostra i nomi:
Lina, Vilma, Eliza, Fiore, Brikena, Violetta, Sonia, Nevila, Gaia, Marjeta, Silvana, Entela.

Un applauso caloroso riempì tutta la stanza. Cominciammo ad abbracciarci l’una con l’altra. Avevamo gli occhi lucidi e dimenticammo persino di uscire.

Questo racconto di è stato letto 4 3 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.