Alla luce del sole (II Parte)

Scritto da , il 2020-09-15, genere incesti

Non avrei voluto parlare degli avvenimenti che sono accaduti dopo ma devo farlo, tutto d'un fiato, come si fa con una medicina amarissima, se si vuole guarire e, possibilmente, ricominciare.
Ho aperto gli occhi in una stanza nuda, priva di mobilio o qualsiasi ornamento, l'unica cosa che metto a fuoco è un sacchetto di plastica trasparente dove una goccia seguita da un'altra goccia scende in un tubicino la cui estremità è assicurata al mio braccio sinistro. L'unico recente ricordo è nello studio, dove la mia scenata isterica al cospetto di madre e figlio ha destato dapprima sguardi sconcertati e preoccupati, poi esortazioni concitate a calmarmi e infine la telefonata al medico di famiglia. Stavano accadendo cose totalmente fuori del mio controllo, cosí, semplicemente alla luce del sole, e pericolose. Se volevo evitare di essere internata in qualche lontana e discreta clinica, dovevo cambiare totalmente atteggiamento, che avrebbe dovuto essere remissivo, tollerante e rassegnato a quello che si svolgeva in casa nostra, e strategia, da ora in poi prudente e nell'ombra. L'unica consolazione e' che mia figlia, dopo la maturità, aveva raggiunto un anno dopo il fratello a Londra, dove avrebbe studiato alla prestigiosa London School of Economics; a loro, almeno, era risparmiato questo porcile, dove il maiale succhiava ai capezzoli della scrofa.
Molto gradualmente ho ripreso, con il loro benevolo placet, la mia vita ordinaria. Nella nostra splendida villa stile moresco
li tenevo d'occhio molto discretamente in attesa di poterli incastrare e distruggere. L'estate volgeva al termine ma il caldo si poteva dire ancora più torrido con un sole implacabile. Il caldo annebbiava le menti e la ragione e fomentava gli istinti, esseri umani e bestie erano gli uni vicini e simili agli altri.
Una mattina, a mia insaputa, ci viene annunciato un ospite illustre, Sua Eminenza, il vescovo di XXX, della diocesi di XXX. A riceverlo, mio marito e mia suocera. Avevano fatto allestire a bordo piscina un rinfresco sotto il grande gazebo. Mia suocera indossava una corta e strettissima camicetta bianca che ne metteva in risalto le forme, due bottoni erano slacciati mostrando un generoso décolleté, il volume esagerato dei seni mal si conteneva in quella taglia e la leggerezza del tessuto mostrava chiaramente e distintamente i seni e i grossi capezzoli rosa; ai fianchi indossava un pareo con motivi orientaleggianti e ai piedi con le unghie smaltate di rosso scarpe aperte dalle altissime zeppe di sughero. Al collo un piccolissimo crocefisso d'oro le pendeva e si appoggiava sul décolleté alzandosi e abbassandosi ad ogni respiro. I capelli, grigi, raccolti indietro in una coda di cavallo, lasciavano in primo piano un volto privo di trucco e con rughe volutamente esibite, di un fascino magnetico. Sulla poltroncina da giardino vicino a lei sedeva l'amato figliolo, il diplomatico in inarrestabile ascesa, con bermuda di lino bianchi e camicia verde militare. L'illustre ospite venne fatto accomodare su una poltroncina davanti a loro e tutta la composizione estetica a bordo piscina tra il verde folto del grande giardino era semplicemente squisita.
Nel bel mezzo dei discorsi di circostanza e poi quelli più inerenti allo scopo della visita, Sua Eminenza, non poteva distogliere lo sguardo da quella camicetta, che, come una Sindone, riportava fedelmente i tratti curvilinei, le grosse e morbide forme, i colori vivi di quei boccioli rosa. La domestica filippina interruppe quel corso di pensieri e serviva in un vassoio d'argento bevande fresche e deliziosi spuntini. Il riflesso del sole sull'acqua della piscina cominciava lentamente a perseguitare i tre presenti. Mentre mio marito parlava teneva affettuosamente una mano della madre, le mani intrecciate riposavano languidamente nel grembo di lui. Sua Eminenza osservava calmo e composto.
La mani si separano solo per un istante, il tempo per la cara mamma di slacciare un ulteriore bottone della camicetta in risposta al caldo opprimente, poi si riuniscono molli nel grembo filiale. Mentre ci si disseta sorseggiando menta fresca, la mamma si fa portare un cono gelato crema-caffe'- cioccolato e panna. Mentre una mano giace docile con quella del figlio, con l'altra mantiene il cono e con grosse e lunghe leccate assaggia i vari gusti; tutta la lingua nella sua lunghezza sembra indipendentemente impegnata in lunghe e lente passate sul fresco dove le papille gustative la guidano, a volte in quell' estasi refrigerante le palpebre degli occhi si chiudono e il volto assume una posa languida e voluttuosa: la lingua percorre con la punta la circonferenza del cono tutt'intorno e le palpebre si abbassano alla sensazione intensa di quel piacere. Sua Eminenza osserva calmo e composto.
Improvvisamente, quasi a spezzare il phatos del momento, una goccia di cioccolato, sfuggita alla cattura del lungo mollusco, attraversa tutta la lunghezza del cono e cade sulla leggera, bianca e attilatissima camicetta all'altezza del capezzolo che, colpito da improvvisa sensazione di freddo, si desta e in un istante, è turgido, un chiodo duro che forza la resistenza del cotone. Il figlio si alza subito dalla poltroncina premurosamente, afferra un tovagliolo e lo bagna d'acqua, si china sul fianco della poltroncina della madre, appoggiando il basso ventre sul seno a lui più vicino mentre con l'altra mano strofina il cotone della camicetta sull'altro grosso seno fino a diluire la macchia di cioccolato. A più riprese bagna il tovagliolo e ripete l'operazione fino a quando la camicetta, tutta bagnata, cotone appiccicato alla pelle, mostra il seno nella sua volgare enormità, il capezzolo di un rosa delizioso turgido e durissimo per il fresco dell'acqua e lo strofinamento del tovagliolo. Il piccolo crocifisso con tutto quel trambusto si è nascosto tra le pieghe dei seni.
Sua Eminenza osserva calmo e composto.
Ma l'anziana provocante donna, consapevole della inappropriatezza di quella scena, si alza in piedi sulle sue zeppe di sughero, si scioglie il pareo e se lo posa sulle spalle a coprire il petto. Un minuscolo costume giallo fosforescente, portato vistosamente scosciato, copre appena leggera la parte intima, e girandosi per mettere a posto i cuscini della poltroncina mostra i grassi fianchi curvilinei, il culo, un mappamondo reso più provocante dalla cellulite. Accomodatasi nuovamente sulla poltroncina e scusandosi per l'inconveniente, accavalla prima una e poi l'altra gamba, poi decide di poggiare entrambe i piedi a terra e divaricare un poco le cosce giusto quel tanto che mostra il leggero costume e le turgide labbra che ricopre, apparivano un poco dilatate, appena schiuse, pronte ad aprirsi.
Sua Eminenza osserva calmo e composto. La conversazione riprende sulle tematiche consone all'incontro di tali illustri personaggi, poi Sua Eminenza prende congedo, ringraziando per l'invito ad un prossimo ricevimento al quale non sarebbe certamente mancato.
Quel pomeriggio, nel silenzio assoluto postprandiale, solo le cicale sui pini del giardino davano segni di vita. Il sole si abbatteva senza pietà ovunque, accecante.
Nella villa, solo il ronzio delle pale dei ventilatori sui soffitti si udiva monotono.
Mio marito apre la porta di un bagno già occupato e la richiude dietro a sé. Incuriosita mi alzo dal divano e, obbligata a capire cosa succede, mi accosto piano alla porta e spio dal buco della serratura.
La madre si alza dal water, si avvicina al figlio inginocchiato, che le pulisce culo e fica leccando con estremo piacere gli orifizi, lungamente. Poi al culmine dell'eccitazione si sborra addosso e a quel punto è la madre che lo alza in piedi, gli abbassa i bermuda e gli pulisce il cazzo con la lingua.

Questo racconto di è stato letto 6 3 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.