Una questione di pelle (III ed ultima parte)

Scritto da , il 2020-08-28, genere incesti

Il dossier che l'agenzia di investigazioni privata mi ha recapitato contiene una tal mole di file audiovideo che non solo non lascia dubbi sulle perversioni che vanno avanti da mesi in casa del mio ex marito e la sua degenerata e schifosa condotta di plagio e abuso nei confronti di nostra figlia ma la reazione accondiscendente e sottomessa di Serena e il suo graduale totale coinvolgimento consenziente alle perversioni sessuali.
Eppure come madre ero certa che il mese trascorso con me al mare dopo l'episodio squallido che aveva portato alla verosimile rottura tra padre e figlia sarebbe stato lo spartiacque per Serena a riprendere la sua vita da dove si era interrotta.
Come madre mi ero accorta già dai primi tempi di questa liason di sesso perché avevo notato un cambiamento di umore e atteggiamento da parte di Serena. Avevo trovato una agenda dove annotava le sue impressioni e quando paralizzata ho letto quelle pagine la prima reazione è stata quella di scatenare l'inferno ma poi, dopo, a mente fredda, ho deciso di pianificare una strategia per stroncare questa sudicia relazione una volta per tutte.
LE PROVE:
L'agenda:
"Papà mi ha insegnato e iniziato ai piaceri del sesso. Già da tempo mi ero accorta di certe sue attenzioni, di come mi guardava e praticava autoerotismo, del feticismo per la mia biancheria, di come facesse ricerche ossessive in rete sull'incesto tra padri e figlie. Forse per il fatto di non aver mai avuto relazioni di alcun tipo, invece di fuggire da quanto stava per accadere al contrario ne sono stata risucchiata come in un vortice e attratta come una bambina con il fuoco".
" ...Il suo aspetto molto maschio, i suoi modi rozzi e l'oscenita ostentata in gesti e parole, in breve la sua perversione e depravazione mai velata ma sempre alla luce del sole, mi hanno affascinato e ne sono stata attratta ma in un modo quasi subliminale come se fosse entrato di forza nella mia coscienza e portato a lui in uno stato di trans".
"...l'altra notte l'ho sognato venirmi a trovare in camera tutto nudo e scoparmi nel culo a lungo...".
"Quando mi sono inginocchiata davanti a lui e me lo ha messo in bocca ho provato il piacere di essere docilmente asservita alla sua volontà e quella di servirlo in tutte le porcate che desidera, così ne abbiamo goduto in due..."
"Gli piace molto fare con me 69 e ogni volta sono sessioni lunghissime; il letto diventa bagnato di sudore e umori sessuali e genitali, la stanza chiusa odora forte di sesso nel miscuglio dei suoi elementi, e le nostre bocche non sono mai sazie e non si finisce mai..."
"Abbiamo differito a lungo il momento non per qualche timore o scrupolo di coscienza ma forse per aumentarne l'aspettativa. Quando si è preso la mia verginità in un misto di intenso dolore e piacere ho pensato che avevamo consumato l'atto del nostro fittizio matrimonio e ho giurato a me stessa che quest'uomo, chiunque fosse, sarebbe stato sempre con me".
"...Mi guardava mentre ero solo in mutandine e mi stavo vestendo per uscire, mi si è fatto vicino nudo e mi ha baciata mentre aveva le mani sui miei fianchi e mi carezzava e palpava il culo e allargava i glutei, poi è passato dietro di me e mi ha abbracciata, mi toccava le tette e i capezzoli mentre mi strusciava il cazzo all'altezza del culo e ho sentito che era duro, me lo ha premuto contro il culo, ha tolto una mano dal capezzolo e ha infilato un dito tra le mie labbra e io lo succhiavo. Poi ho sentito che mi passava il cazzo su tutto il culo, si é chinato e ha preso a leccarmi il buco del culo e questo mi è piaciuto tanto. Quando ho sentito la punta della cappella spingere adagio e poi staccarsi per fare un'altro giro sulle chiappe quasi volevo che tornasse a solleticarmi l'ano. Infatti, come se avesse vita tutta sua, il mio ano si è appena inumidito e dilatato, come un germoglio che si apre appena: e la cappella solleticava, stuzzicava e leggermente spingeva, entrava per metà e poi sgusciava fuori finché anche lei con una vita propria, ha cominciato a giocare col mio ano, si è lubrificata tutta, e premeva piano; quando spingeva un poco i due umori genitali, quello del mio ano e quello della sua cappella si mescolavano in una poltiglia biancastra, la cappella entrava tutta, stava un po' e poi sgusciava fuori.
Un piacere dolcissimo mi pervadeva tutta e ho chiuso gli occhi e mi sono abbandonata e arresa a questo giochino. Gli ho detto ' lo sai che sei veramente cattivo papà?' e ho sussultato per un brivido di piacere improvviso. Il cazzo era dentro per metà, ho ispirato aria e ho sentito un sovraccarico di piacere venire da chissà dove. Ho espirato aria e avvertivo il cazzo premere un po' di più per farsi strada, e una seconda ondata di duplice piacere rispetto alla prima mi ha scosso dalla punta dei capelli al dito mignolo del piede. Ho trattenuto aria nei polmoni perché ora era dentro in tutta la sua lunghezza restando fermo. Istintivamente ho portato la mano sulla mia fica e l'ho accarezzata, così bagnata com'era, e ho sollecitato il clitoride a corrispondere con il suo piacere al piacere che stavo già provando. Tutta la pelle colpita da psoriasi per reazione a questa tempesta di immenso piacere si è arrossata di un rosso scarlatto e poi sono svenuta..."
"Tra le lenzuola abbiamo scherzato sul fatto di tenere pronti i nostri passaporti e scappare via, possibilmente in un posto caldo che facesse bene alla mia pelle, avere una vita nostra in incognito e fare figli"
I video.
Gentile Signora,
Come può osservare i video riprendono senza possibilità di dubbio una relazione incestuosa già in uno stato avanzato mostrando come il Sig. xxx , abbia con astuzia e inganno plagiato la propria figlia, riducendola psicologicamente in uno stato totalmente dipendente e assoggettato, di abuso e schiavitù sessuale, eliminando ogni tipo di inibizione nella ragazza, coercendola alle pratiche più perverse e depravate; la ragazza ha mostrato di cedere subito a queste provocazioni sessuali traendone evidente piacere e godimento. In alcuni casi i video mostrano come le iniziative e provocazioni sessuali partissero dalla ragazza stessa che con altrettanta astuzia e inganno, con la sensualità del suo corpo e parole cariche di oscenità e doppi sensi tanto da attirare a sé il padre già ormai ossessionato da lei. Le parole della ragazza mostrano come la sua volontà sia quella di compiacere, asservire e abbandonarsi a qualsiasi sua richiesta docilmente e con obbrdienza[ ...se vuoi scoparmi tutta la notte o lasciami inginocchiata a succhiartelo fino a domani mattina...] [ ....ma quando mi scopi nel culo? Ti scongiuro papà trombami ora nel culo...ti prego ....] [....sborrami in bocca...voglio bere tutto e poi sborrami altre 10 volte su tutto il corpo...amo l'odore e il sapore del tuo sperma, è forte, ....se vuoi puoi pisciarmi in testa e farmi la doccia....]
Ma è lui che fomenta ed eccita la figlia [...piccola troia affamata a te neanche 10 cazzi neri ti sfamerebbero tu sei la mia puttanella personale vero? L'ho sempre saputo che il mio cazzo poteva essere il tuo solo amico nella vita, bacialo e ringrazialo, il minimo che puoi fare in gratitudine è sforzarti di essere la più grande zoccola sulla terra ...che piccola graziosa troia che sei...oggi facciamo equitazione..dai montami sopra e cavalca per un po' lo stallone...]
Alle volte la ragazza mostra preoccupanti segni di instabilità come essere in uno stato di trans psicologico per l'intenso sforzo sessuale, a volte ai limiti della tolleranza fisica. Ne deduciamo che sebbene la ragazza sia maggiorenne corra seri pericoli per la sua incolumità personale poiché le pratiche sessuali si fanno sempre più pesanti, frequenti, e tendenti ad una totale sottomissione sessuale, con sessioni di sesso lunghissime che ne annientano la volontà. Pertanto suggeriamo il ricorso alla forza pubblica prima che la situazione possa sfuggire di mano e concludersi fatalmente.

Non ho mai conosciuto il mio ex marito così da un punto di vista sessuale. È stato sempre così convenzionale e banale nel sesso! Quasi una minestra da mangiare in fretta. Poi tutto questo...prima o poi Serena dovrà stancarsi di questo schifo e tagliare ponti con quel porco infame. No, li lascerò sfogarsi e poi quando tutto sarà concluso verrà lei a cercarmi per stare con me. Ha passato i test per l'università e sarà occupata dagli studi. La vita farà il suo corso e questa schifezza avrà una fine certa.

Stesi uno sull'altra, uno dentro l'altra, il ritmo del movimento con cadenze lente e prolungate, solo i corpi sono presenti, le coscienze sono una cosa molto fioca che galleggia alla superficie. Quella di lei molto appannata e quasi completamente annullata fa solo in tempo a pensare:" chi è mai quest'uomo che spinge dentro di me e mi consuma l'anima. Se è il diavolo allora si, ho venduto con piacere l'anima al diavolo".



Questo racconto di è stato letto 2 6 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.