Bluetooth

Scritto da , il 2020-08-30, genere etero

Chiamo un piccolo “time” nel racconto di Amsterdam per pubblicare questo vecchio raccontino. Dedicato agli ovetti kinder di Paoletta e Ince :-)

————————————-

Cazzo! – esclama Stefania con una voce a metà tra il sorpreso e il divertito.

Se ne sta seduta di traverso sul suo letto, con la schiena addossata al muro e il mio telefono in mano. Accanto a lei Trilli, che sulla faccia ha stampata un’espressione più distaccata, per non dire perplessa.

Le osservo un po’ seccata che mi abbiano praticamente strappato l’iPhone di mano, ma in fondo ciò che stanno guardando lo conosco a memoria. “Non so se eccitarmi o mettermi a ridere”, è il commento di Trilli, che però non stacca gli occhi dallo schermo.

Le immagini che scorrono sul display sono quelle di una biondina molto ma molto carina, con gli occhi azzurri e le labbra colorate da un rosso molto acceso. Niente di vistoso o di volgare, è evidente che il mascara e il rossetto sono stati utilizzati per sottrazione, affidandosi al principio “meglio meno che troppo”. Ha i capelli raccolti in una coda che le cade sul davanti, poco sotto la clavicola. E’ seduta al tavolino di un locale quasi a contatto con un muro. Dietro di lei, oltre il piano rialzato, si vedono gli altri avventori intenti a consumare la loro cena. La ragazza è vestita con molta cura, almeno così si intuisce dall’abitino blu elettrico con uno scollo di pizzo bianco davvero castigato e una collanina di perle. E’ in primo piano, ma non primissimo. Sulla destra, infatti, si nota che la cosa più vicina all’obiettivo è una mano che regge un altro telefono. Sullo schermo nero di questo altro telefono scorre il pollice di un uomo. Su e giù, a destra e a sinistra, trascinando un cerchietto fucsia come se fosse un joystick touch screen. In alto scorre la linea di un diagramma, anch’essa fucsia, che segue il movimento del pollice. Ma la cosa più interessante è osservare le reazioni della ragazza al movimento di quello stesso pollice. Il sorriso quasi timido, serrato nei denti che mordicchiano il labbro inferiore, si fa immediatamente più tirato quando il dito dell’uomo sale verso l’alto. La biondina apre la bocca e appoggia i gomiti sul tavolino, la mano corre a coprire il lato della faccia esposto agli sguardi della gente. I suoi occhi azzurri si spalancano e vagano intorno di sottecchi per controllare che nessuno la stia notando. Sospira, ansima, ogni tanto geme leggermente. China la testa quasi scossa in un respiro tremante. Implora con un sussurro “aspetta, aspetta….”, poi torna a mordersi il labbro. Serra gli occhi e si porta un dito alla bocca, in un gesto che potrebbe apparire vezzoso se non fosse che tutto il resto del suo viso esprime una carica incontrollabile di eccitazione sessuale. Improvvisamente il pollice dell’uomo si sposta quasi sul vertice in alto a destra del display, trascinando con sé il cerchietto fucsia, il grafico si impenna. La ragazza trasalisce, si irrigidisce, quasi trema. I suoi occhi si girano, l’azzurro delle pupille per un attimo scompare letteralmente. Due piccoli miagolii escono dalla sua bocca spalancata mentre la sua testa crolla ancora verso il basso e le mani corrono sulle tempie. Ci mette parecchio a recuperare il controllo, a guardarsi in giro, a sorridere all’uomo che nel frattempo ha portato il pollice sulla parte bassa dello schermo. Si sente anche una voce maschile che scherzosamente commenta “non sapevo che i nachos ti facessero questo effetto”. La ragazza lo guarda accennando un sorriso con le sue labbra aperte, ma subito dopo quel sorriso si fa più teso e gli occhi si sbarrano, perché il diagramma fucsia è tornato ad impennarsi. “Vuoi un’altra birra? Chiamo il cameriere?”. La biondina scuote impercettibilmente la testa in un “no” terrorizzato, poi il suo sguardo si offusca e tutta la sua figura dà l’impressione di non essere più lì. Resta un po’ ad ansimare quando il dito dell’uomo scende sul display. Sorride di un sorriso quasi riconoscente, si guarda ancora intorno. Miagola un “sì” quando l’uomo le domanda “ne vuoi ancora?”. Il pollice risale verso l’alto dello schermo e lei chiude gli occhi inspirando forte, lasciandosi andare a un lamentoso “oddio”.

– Ma come è fatto? – domanda Stefania.

– E’ una specie di ovetto – le spiego – credo di silicone… ma ha una coda lunga lunga… all’inizio credevo che servisse per stimolarti il clitoride ma in realtà è un’antenna bluetooth… più che un ovetto in realtà sembra un enorme spermatozoo.

– Grosso quanto?

– Non tanto, più o meno così – le rispondo allargando indice e pollice per mostrarle la dimensione.

– E la sensazione? – domanda Trilli.

La guardo con un’aria di finto rimprovero, come a dirle che la sensazione se la potrebbe anche immaginare. Lei risponde “sì, va bene, ma se dovessi descriverla con parole tue?”.

– Come cazzo faccio? Posso solo dirti che ci sono momenti in cui ti sembra che intorno a quel coso ti si contraggano anche le unghie dei piedi.

– Wow! – sorride Trilli.

– E ti assicuro che tocca tutti i punti giusti. Tutti…

– Certo che ormai si fa una app per ogni cosa – commenta Stefania facendo ripartire il video, ancora mezza incredula – a Serena gliel’hai fatto vedere?

– Sì.

– E che ha detto?

– Lasciamo perdere…

– No, dai, che ha detto? – insiste Stefy.

– Ha detto, cito testualmente, “chissà come deve essere provarlo dietro”.

Mentre Stefania scoppia a ridere Trilli chiosa un “io sono d’accordo con lei” che si becca immediatamente la mia reprimenda: “Perché siete due troie uguali”.

– Smart toys a parte – ci interrompe Stefania posando il telefono – io però non ho capito una cosa.

– Cioè? – le faccio.

– Cioè: questo Giancarlo non ti si fila per mesi, poi una sera ti invita a cena, magari perché vuole provare il suo nuovo giocattolino, e tu corri scodinzolando. Giusto?

– Beh, proprio scodinzolando…

– Lascia fare, Annalì, scodinzolando… Ti agghindi e corri da lui, vabbè, diciamo che non avevi un cazzo da fare. Poi ti dice: vai al cesso e infilati questo affare nella fica, tu prendi e vai senza battere ciglio, ok?

– Ok.

– Fatto questo, torni al tuo posto e lui si fa dare il tuo telefono e riprende questo video. Arrapante, non discuto. E anche tu dovevi essere parecchio arrapata, a giudicare dalle immagini. Gioca con te, si diverte, fa lo spiritoso, poi si riprende tutti i giocherelli suoi e ti riaccompagna a casa?

– Sì, è così.

– E non fate mai sesso? Non ti ha scopata mai mai mai? Nemmeno un pompino?

– Esatto, non mi ha scopata mai. Cioè, una volta mi ha fatto un ditalino in macchina…

– Un ditalino? In macchina?

– Sì, poi mi ha fatto succhiare il dito…

– Ah beh, allora è amore…

– Ma no, scema, stavo finendo di raccontare…

– No, ok, non è questo che… Insomma, Annalì, è strano, no? Non lo vedi mai eppure gli svieni dietro, sbavi… Che tipo è? Cosa vuole da te? Perché fa così? E tu perché fai così?

– Non lo so – rispondo cercando di organizzare un discorso – la verità è che non lo so. Lui dice che sono troppo giovane per lui, anzi dice che sono troppo piccola, dice che sono già sua… ma io, se dovessi dirtelo, non so che cazzo ci trovo, non saprei spiegartelo perché mi prende così. Mi attrae, è una cosa irresistibile. Comunque non scodinzolo…

– Non è che è sadico? Impotente? Tutte e due le cose magari? Succede, sai? – si intromette Trilli – sembra strano anche a me che uno ti faccia passare una serata così e poi non succede niente. Fosse la prima volta, poi…

– Impotente direi proprio di no – replico – non mi pare proprio…

Impotente non me la sentirei proprio di dirlo.

Era venuto a prendermi con il suo Suv Bmw che sapeva di nuovo, e con quello mi ha riaccompagnata. Ancora mezza stravolta gli avevo chiesto speranzosa “dove mi porti?” e lui mi aveva risposto “a casa”. Sapevo che, come sempre, non intendeva a casa sua, ma a casa mia. Anzi, un po’ più lontano, per non crearmi imbarazzi. Come sempre. Ero delusa, come sempre. Ogni volta mi illudo e ogni volta finisce così. Gliel’ho già chiesto un paio di volte, il perché. Non mi andava di richiederglielo. Lui però – forse ha ragione Trilli, un po’ sadico deve esserlo – aveva deciso di giocare con la mia delusione. “Vuoi farti prima un altro giretto?”, mi ha chiesto. E io nemmeno ho parlato, ho solo annuito. Ma non ero mossa tanto dal desiderio di riprovare quel coso, quanto dal bisogno di dirgli di sì, di assecondarlo. Credo che lo asseconderei su qualsiasi cosa. Anzi, più che crederlo, lo temo.

Avevo bisogno di sentire la sua voce che mi chiama “puttanella”. Lui mi chiama sempre così, puttanella. O “zoccoletta”. Più raramente “troietta”. Mai, comunque mai, Annalisa. E io ogni volta mi sciolgo, è quasi un orgasmo. Lui, un uomo con il doppio dei miei anni, e io, la sua puttanella. Il cervello mi va in pappa quando ho questo pensiero. Mi va molto prima in pappa il cervello che la fica, per intenderci. Forse qualche ragazza mi può capire.

Mi ha portata in un posto isolato. Non tanto da essere un posto per coppiette, ma abbastanza da essere discreto. Uno di quei posti dove non c’è tanta illuminazione pubblica e dove le macchine passano veloci sulla strada. Mi ha detto di infilarmi dentro quell’aggeggio e ha sorriso quando, dopo che mi ero tirata su la gonna del vestito, ha visto che ero senza mutandine. Ormai quando esco con lui non le metto più. Mi ha detto “adesso ti faccio vedere come funziona davvero, puttanella” e l’ha fatto partire. Alla massima potenza, da subito. E io da subito sono impazzita, travolta dai brividi. Quell’affare ti ammazza, ti fa stringere le gambe e immediatamente dopo te le fa spalancare perché ti sembra insopportabile. Ti fa portare le mani all’inguine per proteggerti. Cambia il modo di vibrare, sembra che ti scatti dentro, che ti percuota il collo dell’utero, ti tormenta il punto G ma anche tutti gli altri punti dalla H alla Z. Ti spezza il corpo e ti spezza il respiro, ti strozza in gola gemiti e urla, ti fa implorare “basta” e ti fa supplicare “ancora”. Giancarlo se la godeva ad abbassarne l’intensità quando vedeva che stavo per toccare il limite e a spingerla al massimo dopo qualche secondo. Lo ha fatto cinque o sei volte, poi l’ha portata all’estremo e l’ha lasciata lì. E’ stato come vivere il secondo immediatamente precedente all’orgasmo, quello in cui non ce la fai nemmeno più a pensare “adesso arriva”, perché “adesso arriva” l’hai già pensato diverse volte e invece sta arrivando davvero, è sulla soglia. Solo che quella soglia non è durata un secondo, è durata minuti interi. Lunghissimi, interminabili, durante i quali credo di non essere riuscita ad articolare un solo pensiero. Mi sentivo tremare dentro e fuori, mi sentivo piangere. Tuttavia è stato solo quando mi ha sfiorato il grilletto che sono esplosa. E’ bastata una carezza per far diventare tutto nero e mandare tutto in pezzettini, per farmi attraversare da una scossa che avrebbe illuminato una città. Mi piacerebbe dirvi che il mio strillo si è sentito sul fondo degli oceani, ma onestamente tutto ciò che posso dirvi è che non mi ricordo un cazzo, tranne che sono morta e che dopo un po’ sono rinata. Non so nemmeno quanto tempo mi ci è voluto per riprendermi. Anche se “riprendermi” è una parola grossa.

E’ stato solo allora che ho allungato la mano tra le gambe di Giancarlo e l’ho sentito duro come una pietra. Altro che impotente. Volevo sentire il suo cazzo, avevo bisogno del suo cazzo. Non tanto dentro di me. Avevo letteralmente bisogno di sentire cos’è un maschio. Ma è durato troppo poco. Lui mi ha preso con delicatezza la mano e l’ha riportata tra le mie cosce. Ancora ansimante e ad occhi chiusi ho sentito un ronzio e l’aria fresca della notte entrare in macchina. Ho sentito la sua voce che diceva “fumiamoci una sigaretta”. Ho sentito la carta del filtro sulle labbra e il clic dell’accendino.

Sono rimasta per un po’ di tempo così, afflosciata sul sedile. Ho riaperto gli occhi tenendo lo sguardo fisso di fronte a me. Poi mi sono voltata lentamente verso di lui, mi osservava. Ho sentito la mia voce dire “un pompino… fatti fare almeno un pompino”. E’ impossibile descrivervi il tono, impossibile descrivervi la voglia, la supplica rauca, la disperazione, l’urgenza. Non mi sono mai umiliata così, nemmeno quella volta che nella toilette di quella discoteca a Londra ho implorato quello stronzo di inglese di scoparmi dopo che mi aveva sborrato in bocca.

La risposta di Giancarlo è stata il bottone dell’avviamento del motore, accompagnata da un sorriso ironico.

Mi sono fatta lasciare sotto casa, stavolta, incurante del fatto che qualcuno potesse vedermi scendere dalla macchina lussuosa di un uomo di quarant’anni. Non me ne fregava un cazzo, avevo le gambe molli, mi sentivo inzaccherata fino a metà coscia dai miei stessi liquidi. Non l’ho nemmeno salutato. O se l’ho fatto non me lo ricordo. Sono entrata nell’ascensore e ne sono uscita subito. Dopo essermi guardata nello specchio ho capito che non potevo tornare a casa in quelle condizioni. Ancora paonazza, scarmigliata, con gli occhi spiritati. Mi sono fatta due volte il giro del palazzo prima di rientrare. Alla fine del primo giro, più o meno, mi sono accorta che avevo ancora quel coso dentro di me.

A Trilli e Stefania, che mi ascoltano, dico ridendo che se avessi incontrato qualcuno di passabile me lo sarei fatto sul marciapiede. Ma sappiamo tutte e tre che è solo un modo di dire. Non riesco a dire loro, invece, come mi sentivo mentre mi spogliavo e mi infilavo dentro il letto. Con addosso una voglia di sesso assurda e, al tempo stesso, impossibile da soddisfare. E chi ce l’avrebbe fatta? Non sarei riuscita nemmeno a masturbarmi, il solo pensiero anzi mi infastidiva. Però la voglia mi schiacciava, mi mangiava viva.

E non riesco a raccontare loro nemmeno le conseguenze di quella voglia. Perché nonostante abbia condiviso con loro i segreti più scabrosi e molto spesso osceni mi vergogno, non ce la faccio.

Magari lo racconterò a voi che mi leggete. Forse.

Questo racconto di è stato letto 1 7 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.