Cenerentola al buio 2

Scritto da , il 2020-08-24, genere etero

Cenerentola al buio 2

“Cos’ha fatto tua sorella?” chiede William sgomento
“HA fatto in modo che gli ospiti della festa al Sigma Tau sapessero de l mio ‘incidente’. L’ha messa giù sullo stile ‘qualcuno ha messo qualcosa nella bibita di Albert e gli han fatto un soffocotto coi fiocchi’, Aggiungendo poi ‘La droga non ha sortito l’effetto sperato quindi, l’unica maniera che ha per riconoscere la succhiatrice è fare come Cenerentola’. Capisci che casino ha scatenato?”
“Avrai una lunga fila di pretendenti fuori dalla porta pronte a prendertelo in bocca. Dio se ti invidio”
“Sai quante ragazze ha il campus? 2758. Se arrivano tutte, finirò ad assomigliare ad una bambola”
“Magari non si presentano tutte. Solo quelle che erano presenti alla festa. La Sigma Tau ha gli ingressi selezionati, se non ricordo male. Quindi, le pretendenti alla scarpina di.. uccello di cristallo, saranno poche”
“Beh, quarantasette”
“Meglio di 2758”
“Dovrei uccidere mia sorella”
“Quindi, che farai?”
Sospiro “Che vuoi che faccia? Sacrificherò il mio uccello per il bene di… boh?”
“Hai detto che ti è piaciuto come l’ha fatto, no?”
“Certo che sì”
“Allora, una volta che l’avrai trovata, ti rivelerai a lei e..”

… il giorno dopo
Alla tavola calda. La cameriera si avvicina al nostro tavolo per le ordinazioni. Noto che si morde il labbro inferiore mentre attende che noi le diciamo qualcosa. E vedo del rossore sulle sue guance. “Quindi, niente?”
“No, ma sono pronto a giurare che la nostra cameriera era una delle aspiranti Cenerentole”
“Dici?”
“Dico” annuisco “E’ bastato vedere l’occhiata imbarazzata che mi ha lanciato poco fa”
“Mmm, bel culo” torna a guardare me “Quante ne sono passate ieri?”
“Sette”
“E sai chi sono?”
“Ho riconosciuto qualcuna di loro mentre venivo qui. Lo stesso sguardo della nostra amica cameriera”
“Pensi si farà viva Cenerentola?”
“Non lo so. Se prima non ero convinto, adesso mi sono preso curiosità” arrivano le ordinazioni. Patatine fritte e ketchup per William. Hamburgher per me. Occhiata fugace e ancora arrossisce.”E poi c’è un’altra cosa, che mi è tornato in mente nella nebbia della droga”
“Cosa?”
“Sono quasi convinto che le maestre succhiatrici fossero due”
“Due cenerentole?” fa sgomento
“Sì. Bel mistero, vero?”
“Uh, amico, questo è un guaio”

Un guaio. Due guai. Molti guai.
Ritornando ai miei alloggi, noto molte occhiate da parte di alcune studentesse. Rossore alle guance, sguardo a metà dello sbarazzino e del famelico. Mi sento come un insetto sotto al microscopio pronto ad essere dissezionato.
Amy è in camera, sdraiata sul letto a pancia in sotto. Sorseggia una bibita con la cannuccia, smanetta su un lap top e indossa solo delle mutandine bianche. Tra le scapole ha il tatuaggio di una libellula dalle ali rosse
La sculaccio, non troppo forte, solo per attirare la sua attenzione. “Ehi! Big bird!” si volta verso di me, mostrandomi una tetta. Non fosse mia sorella, le salterei addosso a cazzo snudato
“Com’è andato il recupero memoria?”
“Nulla, tabula rasa”
“Sei pronto per il secondo round?”
“Insomma”
“Un pompino al giorno leva il dubbio di torno”
“E questa dove l’hai sentita?”
Lei si stringe nelle spalle, si alza e corre ridendo in bagno. Non posso fare a meno di ammirare la mia sorellina. Ha proprio un bel corpicino: magra, tette non tanto grandi, un bel culetto. Mi accorgo di avere un’erezione evidente.
Lei esce dal bagno vestita con degli short e un top che le lascia scoperto l’ombelico “Bene” ride lei abbassandosi verso di me e sfiorandomi il pacco “Sei pronto per stasera”e se ne va

Sogno. Devo essermi abbioccato sulla poltrona. Qualcuno sta armeggiando coi miei pantaloni. Un’immagine confusa, nebbia e luce incerta. Una ragazza di spalle che esce dalla stanza. Una trottola vorticosa. Un’altra ragazza s’inginocchia davanti a me. Sento qualcosa che mi massaggia l’uccello. Poi delle mani. Poi la bocca, prima leggera, massaggia la punta. Sento la sua lingua che stuzzica il condotto urico. Continua per molto, mi manda in estasi, mi risolleva dalle nebbie della droga. Esplodo, lo sperma che si disperde nella stanza. Ho colpito anche lei?
“Mi spiace” sento bisbigliare
= Aspetta, dove vai? = Non riesco a parlare.. Devo trovarla. Devo assolutamente trovarla

Giorno tre.
“Non sono riuscito a trovarla” dico sconfortato
“Quante ne hai vagliate fino ad ora?” chiede William
“Fai conto che ne mancano ancora tre”
“Beh, tre è il numero perfetto”
“Potrebbero anche non manifestarsi”
“Beh, se non lo fanno, almeno hai la soddisfazione di esserti fatto fare un bel lavoretto di bocca dalle più belle pulzelle del castello”
“Pulzelle” rido

“Ciao” Lara, detta il topo, se ne sta seduta su una panchina, intenta a leggere le poesie di un poeta italiano “Ungaretti?”
“E’ un poeta italiano della corrente degli Ermetici”
“Sì, lo conosco. Era il preferito di mia madre” sorrido
“Sai, non ti ho ancora ringraziato come si deve per l’altro giorno”
“Nulla di che. Ho fatto quello che chiunque avrebbe fatto”
“Come un cavalier servente” sorride lei
“Lancia in resta e alla carica”
“Non hai paura di rappresaglie?”
“Sono in netto vantaggio su di loro”
“Posso ricambiare in qualche modo? O hai paura di sminuire la tua reputazione nel farti vedere con me?”
“Non ho nessun problema” le porgo il mio biglietto da visita “Quando vuoi”

Quando voglio. Ma lo voglio veramente? E me lo chiedo mentre sono qui, per l’ennesima volta, seduto al buio della mia poltrona, a fare da scarpina di cristallo, mentre le probabili pretendenti, fanno la fila per succhiarmi il cazzo. Tutte maestre nell’arte della fellatio ma, nessuna delle molte passate è quella che, con grande perizia e maestria, mi ha fatto godere in quella maniera.
E anche la terza se n’è andata. Mi ha lasciato un senso di piacevole torpore ma, non era nemmeno lei. Mi do’ una ripulita e faccio per alzarmi quando..
Torno a sedermi sulla poltrona. Si avvicina furtiva, sento le sue mani che mi sfiorano l’uccello. Poco dopo avverto il tocco delle sue labbra e un massaggio sensuale con le sue labbra sulla mia punta esposta. Ingoia e comincia a succhia merlo come un calippo. Sublime
E i ricordi riaffiorano nella mia mente. La lei che si allontana e, per un attimo, si volta sulla soglia della porta. Una luce proveniente da fuori le illumina il viso “Dio” faccio allungano una mano ad afferrarla
Lei caccia un grido, sento che scappa via “Non andartene, Amy”

Questo racconto di è stato letto 4 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.