Sabella noir 8 Il velo si alza. La conclusione.

Scritto da , il 2020-08-17, genere pulp

Il velo si alza. LA conclusione.

“Allora, la mia ipotesi è che, Giulio Ambrosi voleva rompere con il suo benefattore. E che, il suo benefattore, non abbia gradito e abbia ucciso Giulio” dico. La Marisa mi osserva seduta sul bordo del letto. Fausto, con un aspetto ancora più irsuto di un grizzly, sembra pendere dalle mie labbra. Abbiamo passato la notte insieme e ci siamo fatti la Marisa in tutte le maniere possibili.
“E chi è questo benefattore?” chiede Fausto
“Alfieri”
“Alfieri non è uno ricchissimo. E poi, lui e Ambrosi si odiavano per quel petardo che ha rovinato la gamba a lui”
“Non so come hanno fatto a passare dal ‘Ti odio brutto bastardo’ al ‘Ti amo e succhiamelo a vita’. Fatto sta che, dalla dichiarazione della Barbarossa, Ambrosi e Alfieri erano amanti. E questo lei lo sa perché Sabella gliel’ha raccontato”
“E Sabella l’ha saputo da Ambrosi” annuisce la Marisa
“Quindi, tua sorella è riuscita a convertire Ambrosi al punto di renderlo bisex?” fa Fausto stupito
“Sì, mia sorella ha questa dote che attira ogni tipo di maniaco che c’è in giro”
“Ti ricordo che, tra quei maniaci ci sei anche tu” mi fa notare la Marisa
“Non attualmente”
“Quindi?” dice Fausto
“Quindi, Ambrosi conosce Sabella che gli fa perdere la testa. Lui vorrebbe fuggire con lei, trasferirsi da un’altra parte, ricominciare da capo. E decide di rompere con Alfieri”
“Suo grosso errore”
“Quindi, ipotizzo, l’Alfieri va a trovare Giulio Ambrosi alla fattoria. Lascia l’auto all’inizio di quel sentiero, lontano dalla fattoria e si fa quel sentiero. L’esplorazione fatta ieri mi ha fatto scoprire dei segni circolari sul terreno. Gli stessi segni che potrebbe combaciare con una stampella come quella che usa l’Alfieri”
“Quindi, Alfieri zoppica fino alla fattoria e affronta Ambrosi” dice Fausto
“Aspetta che Sabella se ne va via e si confronta con l’amante. Immagino che le parole siano volate, forse Alfieri ha imposto Ambrosi di mollare Sabella, di non fare l’idiota di..” alzo le mani verso l’alto “Lo colpisce con la stampella e poi lo strangola. Ipotizza che lo nasconda lì e poi, decide tutto sul momento. Sa che Sabella non torna a casa immediatamente. Lei è un’esibizionista, quindi sa che usa fermarsi lungo la strada e fare la monella”
“Come in quel film” dice Fausto
“Tornare alla sua auto, con quella stampella, non può. Perciò, approfitta della situazione e prende il maggiolone di Ambrosi”
“Quindi, ha investito Sabella per gelosia?”
“Alfieri era innamorato perso di Ambrosi. Avrebbe fatto tutto per lui. Lo aiutato a pagare i suoi debiti, ha scoperto di essere irrimediabilmente attratto da lui. Poi arriva Sabella e rovina tutto. E lui vede il suo Mondo che crolla per colpa di una ragazzetta esibizionista a cui piace mostrare il culo sulla balconata e che la fa vedere a chiunque la desideri”
“Quindi Alfieri corre dietro a Sabella, la investe, scende dall’auto per vedere se lei è morta oppure no ma, arriva Iodice e scappa” dice la Marisa “Torna alla fattoria, mette in scena il suicidio di Ambrosi e se ne torna all’auto”
“L’auto che usa poco e si riempie di polvere” rido “Terra accumulata nei suoi giri campestri verso la fattoria di Ambrosi”
“Che storiaccia” commenta Fausto “Quindi, cosa si fa ora?”
Il cellulare della Marisa si mette a suonare “Ora” dice alzandosi dalla poltrona “Si passa al fatto finale” risponde al cellulare, annuisce “Bene, dieci minuti e arriviamo” si gira verso di noi “Era il maresciallo. Alfieri è in Caserma ammanettato”
“Ha confessato?” chiedo
“Ha detto che parlerà quando ci vedrà”


In Caserma…
Una volta scoprii Giulio che si stava masturbando davanti una rivista per soli uomini. Ero andato in fattoria dopo l’ennesima discussione con il padre, sui pagamenti dei danni alla mia persona. Giulio aveva appena 18 anni e io ero sui 30. La mia vita sociale ero uno schifo.
Suo padre non c’era e così, andai nel fienile e sorpresi Giulio con l’uccello in mano che si stava masturbando davanti a quella rivista. Arrivai nell’attimo stesso in cui schizzava un getto contr un covone di paglia.
Me ne sono rimasto lì a guardarlo e, di colpo, tutta la mia rabbia repressa è come svanita. Vedendo quel ragazzo con il cazzo stretto tra le mani, la rivista lasciata cadere a terra, lui che si girava indietro per afferrare uno straccio per pulirsi. E mi vede. E’ diventato bianco come un cencio, pietrificato sul posto, la bocca aperta, l’uccello in mano.
Ho alzato le mani in segno di resa e , prima ancora che mi urlasse contro,mi sono fatto avanti, ho sorriso e gli ho chiesto che lo avrei aiutato volentieri a mettersi a posto. E lì scattò la scintilla tra Giulio e me.
Dopo la morte di suo padre, prendemmo a vederci più frequentemente. Io l’aiutavo con i debiti lasciati dal vecchio, lo mantenevo e lo amavo. E lui si lasciava amare da me. Per essere volgare: lui si faceva inculare da me ogni volta che glielo chiedevo.
Andava tutto bene, si faceva tutto in sordina, nessuno sospetta di nulla. Poi è arrivata Sabella, con quel suo fare sbarazzino, la sua fica al vento e me lo ha portato via. Ero sconvolto da quello che mi disse quella volta ‘ Mi sono innamorato di una ragazza’ mi disse. E il Mondo crollò su di me
‘Una ragazza? Chi? Chi è questa puttana?’
Lui non volle dirmelo. Mi disse solo che era combattuto tra l’affetto che provava per me e quello per lei. Affetto. Dopo anni di inculate e pompini, dopo anni di giuramento di amore eterno, quell’ingrato bastardo mi ha tradito per una passera. Passera falsa, come scoprii dopo. L’ho spiato. Ho lasciato l’auto nel solito posto dove la mettevo sempre per gli incontri clandestini. Ho preso il sentiero e sono andato da lui. E li lo scopro con Sabella, che scopano come animali selvaggi. E mi viene una rabbia. Delusione, incazzatura, voglia di distruggere tutto. E li sento che si scambiano promesse. Lui vuole scappare, farsi una vita lontano. Non sento la risposta di lei ma, non m’importa. Mi importa solo di lui. Ma ero troppo arrabbiato.
Quando Sabella è rimontata sulla sua bici, sono andato da Giulio, ancora nudo nella paglia e l’ho affrontato. Sono volate parole. Lui mi ha gridato contro, mi ha detto che mi amava ma, che Sabella era tutto un altro Mondo. Mi ha detto che voleva fuggire via insieme a lei…
E mi sono ritrovato a colpirlo con la stampella. Lui è caduto giù e io l’ho afferrato per il collo usando una corda. Ho stretto e stretto, fino a che lui ha smesso di lottare.
Ero.. ero come posseduto, l’ho lasciato lì e poi.. Poi mi è venuto in mente che Sabella poteva essere un pericolo. La mia reputazione, non potevo lasciarla andare così. So che, come ragazza, le piace esibirsi. Si ferma lungo la strada, mostra le sue gambe ai passanti, fa spettacolo.. La mia auto era troppo lontano e così, ho usato il maggiolone di Giulio. Le sono andato dietro e l’ho trovata che pedalava verso il paese. Ho accelerato e l’ho colpita. Con il volo che le ho fatto fare e il modo in cui è caduta sull’asfalto, ho pensato ‘Bon, è fatta’. Sono sceso per controllare ma, l’arrivo di quell’auto mi fece risalire in fretta e tornare verso la fattoria.
Lì, ho coperto l’auto con un telone e mi sono deciso ad inscenare il suicidio di Giulio. Sono rimasto per un po’ accanto al suo corpo penzolante, piangendo. Poi sono tornato alla mia auto e ho ripiegato verso casa
Quando vi ho visti, l’altro giorno, mi vedevo già spacciato. Mi sono reso conto che uscire fuori con quella frase sulla polvere sopra l’auto, era un po’ tirata per i capelli.. Speravo di farla franca ma, il dolore per quello che ho fatto..

Quanta tristezza. Tutto si riduce ad un delitto di gelosia. “Omicidio di secondo grado e tentato omicidio. Se gli va bene, con tutte le attenuanti del caso, in quindici anni potrebbe uscire” dice la Marisa
“Uno come quello in galera, non avrà vita facile” commento
Incrociamo la mia cara matrigna. Una Carabiniere la sta pilotando vero una stanzetta. Lei si ferma per un attimo, lo sguardo di fuoco puntato verso di me. “Io ti odio” fa sprezzante, prima che il milite la trascini via
“Urka, ti odia proprio” commenta la Marisa
Ci raggiunge il maresciallo, saluto rispettoso verso il capitano, sguardo insipido verso di me “Buone nuove” annuncia con un sorriso “Ha telefonato l’ospedale: Sabella si è svegliata pochi minuti fa”
Tiro un profondo sospiro di sollievo.

Una settimana dopo.
Ho accompagnato Sabella al cimitero, sulla tomba di Giulio Ambrosi. Sabella la monella, vistosa benda sul volto, braccio al collo, vestita in maniera casta, gonna lunga e nera, tutta abbottonata, calzette bianche, sandaletti neri. Solo le braccia sono scoperte, dal gomito alla mano. Mi ha assicurato che sotto porta reggiseno e mutandine
Un mazzo di rose rosse sono posate sulla lapide di Giulio “Tutto per colpa mia” sospira
“Non dartene una colpa” le poggio una mano sulla spalla “La colpa è solo di Alfieri. E avrà buona parte della sua vita per rendersene conto”
“Ma sono stata io, con il mio modo di fare, che ho portato Giulio verso la sua fine” una lacrima appare sull’occhio destro e scivola giù “Mi piaceva scopare con lui ma, non era mia intenzione scappare via con lui. Gliel’ho detto quel giorno. L’ultimo ricordo che ha avuto di me è stato il mio rifiuto a fuggire con lui.” Torniamo verso l’auto “E mamma… Anche lei, odiarti a tal punto da incolparti di avermi investita” si gira verso di me “Cosa ne sarà di lei?”
“Probabilmente sarà condannata per falsa testimonianza, intralcio alle indagini e altro. Si farà i domiciliari, con un buon avvocato.” La faccio salire in auto. Con la coda dell’occhio vedo l’auto del conte, parcheggiato più indietro “Cosa farai adesso?”
“Credo che mi darò una calmata” ha la faccia seria quando lo dice. Poi, si gira verso di me e fa la linguetta “Sai che Giulio aveva messo nel testamento la fattoria?”
“Ti darai all’agricoltura?”
“Entrerò in società con Lino e il conte. Mucche da latte, produzioni formaggi. Poi vediamo”
“Nascita di una imprenditrice”
“A Giulio avrebbe fatto piacere” guido in silenzio per un po’ “E la tua bella Carabiniera?”
“E ha Roma per un corso di aggiornamento dell’Arma. Ne avrà per una settimana. Il marito è tornato sulle piattaforme e io..”
“Tu sei rimasto solo con il tuo uccello in mano” la mano di Sabella mi finisce sulla patta dei pantaloni e io sento vibrare la mia voglia
A fatica guido verso casa e parcheggio “Credo che, ci starebbe bene un drink, a questo punto” dico
“Credo anche io” ride Sabella.

E la storia finisce qui..


=Fine=

































Questo racconto di è stato letto 6 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.