Sabella noir 6 E si ricomincia con i soliti sospetti

Scritto da , il 2020-08-16, genere pulp

E si ricomincia con i soliti sospetti .

Io e la Marisa siamo in chiesa. Fausto è a casa che recupera le energie della notte precedente. Gran bella cavalcata, se ci ripenso. Ci siamo passati la Marisa come un pippaiolo si passa una canna ad un rave party.
Gualtiero il sagrestano sta preparando per la Messa. Ines la perpetua, osserva con occhio critico il giovane, dall’alto di una scala, come un gargoyle pronto ad animarsi. Il sagrestano assume un’aria preoccupata quando vede la Marisa in divisa da Carabiniere “Gualtiero Nosetti”
“Sì?”
“Possiamo farle qualche domanda?”
“Io… Per Sabella?”
“Si sieda” lo invita
“Sabella è una ragazza gioviale, piena di vita. Passava sempre qui in canonica, a confessarsi” spiega tormentando uno strofinaccio
“Solo per quello?”
“Sì, certo”
“Signor Nosetti.. In che rapporti è con Sabella?”
“Io.. Io…IO”
“Ok, abbiamo capito” intervengo “Usi il resto della frase”
“Non parlavamo mai. Un veloce ciao poi lei andava in confessionale con don Ernesto”
“E con don Ernesto cosa succedeva?”
“Beh, il segreto del confessionale..”
“Non le stiamo chiedendo le conversazioni. Ma, in che rapporti era con don Ernesto”
“Ah” urlo di disprezzo. LA Ines scende giù come una furia, scura in volto, la faccia da gargoyle più distorta “Con che diritto venite qui a lanciare accuse del genere?”
“Signora Ines” alzai le mani
“Fuori di qui”
“Si calmi”
“Ho detto fuori di qui”
“Noi ce ne andiamo e torniamo con tutta la caserma. E lei non può impedircelo”
“Non avete il diritto”
“Sì che ce l’abbiamo. Stiamo interrogando testimoni su un delitto. La sua reticenza ci fa pensare che c’è qualcosa da nascondere?”
“Ah” sbuffa ancora. Certo che è proprio brutta la Ines. Età indefinita,robusta, naso adunco, neo sulla guancia, fiamme che escono dagli occhi. Ho paura che mi lanci un malocchio
“Sappiamo che don Ernesto è stato trasferito per abusi..”
“Quella storia è stato un equivoco” una voce pigolante e stridula. Ci voltiamo per vedere la figura minuta del vice parroco, aggrappato allo stipite della porta,pallido in volto
“Don Ernesto” lo ammonisce “Non è tenuto a parlare senza l’ausilio di un avvocato”
“No. No, va tutto bene. Non ho niente da nascondere” strascica i piedi fino ad una sedia e si lascia cadere sopra “Volete sapere se amavo Sabella?” si stringe nelle spalle “Tutti la amano. Per quella fresca giovialità che si porta dietro, la sua freschezza, la sua aria sbarazzina”
Inconcepibile” donna Ines esce dalla stanza agitando le ali.. pardon, le mani e scompare chissà dove. Gualtiero fa per alzarsi ma la Marisa gli impone di rimanere dov’è
“Ci dica di quell’equivoco che l’ha portata qui”
“Una ragazza di catechismo che seguivo è passata da me un pomeriggio. Eravamo nei giardini retrostanti la chiesa e lei è inciampata su una radice ed è rotolata nel fango. Si è sporcata tutta e, beh, l’ho invitata in canonica a cambiarsi d’abito e darsi una ripulita. Fatto sta che, la perpetua è arriva in quel momento e ci ha sorpresi così, lei mezza nuda e io che le porgevo una asciugamano.. Ve l’ho detto, un equivoco. L ragazza avrebbe compiuto gli anni di lì a pochi giorni ma, la tempesta esplose troppo velocemente e, si videro costretti a trasferirmi qui a Borgodolce” allarga le mani come per scusarsi di quello che ha appena raccontato “Padre Pasquale mi ha accolto con gentilezza e, del mio incidente non si menzionò nulla. E io ho volato basso. Fino a che..”
“Fino a che non ha conosciuto Sabella” intervengo
“Sabella la monella” sorride lei
“Io…”
“Basta così, padre Ernesto” la voce autoritaria di don Pasquale riempie la sagrestia come melassa un barattolo. Austero, rigido, incede nella stanza verso di noi, tallonata dal gargoyle Ines “Signori, credo che, dobbiate andarvene. Subito”
“Don Pasquale” si alza la Marisa
“Padre Ernesto non è colpevole di quello che affermate. La mattina dell’incidente, è rimasto con me tutto il giorno”
Padre Ernesto abbassa lo sguardo e annuisce piano. “Don Pasquale..” dico io ma lui mi zittisce alzando l’indice
“Quella ragazza è l’incarnazione dell’immoralità. La sua anima è corrotta e il suo corpo corrompe gente umili timorati di Dio” mi punta lo sguardo addosso “Sabella è un frutto corrotto di questa società. Credo sia un fatto genetico”
Ecco un altro che sa di me e Sabella. MA in questo paese del cazzo nessuno di fa gli affari suoi?

Ce ne andiamo a mani vuote. Don Pasquale ha fornito un alibi falso al giovane parroco. Complici o semplice carità di camerata?
Gualtiero ci raggiunge in fondo al vicolo. A sorpresa “Vi devo parlare” crolla le spalle come se si fosse tolto un peso da esse “Riguardo a don Ernesto”
“Don Pasquale ha appena detto..”
“Beh, quello che ha appena detto vale per don Ernesto” si schiarisce la voce “non dovrei farlo ma, ogni tanto mi mettevo ad origliare le confessioni che faceva Sabella. Lo so, sono un povero peccatore senza speranza. E quello che vi dirò non utilizzabile in un tribunale ma… ecco, Sabella è una ragazza cui piace farsi guardare e toccare. Don Ernesto conferma la situazione. Le confessioni erano una scusa. Sabella era riuscita a sedurre padre Ernesto e gli raccontava.. beh, raccontava delle sue avventure amorose. E, don Ernesto.. beh, si eccitava. E anche io, lì nascosto” la voce si abbassa, si guarda la punta delle scarpe “Abbiamo problemi ma” e guarda verso di me “Non sono il solo”
“Allora, con questa storia. E’ roba vecchia di anni”
“Padre Ernesto è rimasto in chiesa tutto il giorno come ha detto don Pasquale?” chiede la Marisa
“No. E’ uscito intorno alle 4 del pomeriggio ed è rientrato alle 6. E’ stato fuori due ore”
“E non sa dove sia andato?”
“No, ma qualcuno dice di averlo visto scendere la discesa dei Martiri qualche volta”
“E di lei, che mi dice?”
“Io.. Io.. Io sono innamorato come tutti, della spigliatezza di Sabella”
“Ha una patente?”
“No. Io non ho mai preso la patente”

Pausa. Stop. Ci fermiamo a casa mia. Ci facciamo una doccia insieme io e la Marisa. Insapono la schiena io, insapona la schiena lei. La prendo da dietro, le mani che afferrano le sue tette e le strizzano. Mi appoggio, faccio sentire il mio vigore e la mia voglia. Lei che tira indietro la testa e cerca la mia bocca. Si gira, ci baciamo, la premo contro le piastrelle bagnate. Entro in lei e spingo come un forsennato. Il cazzo fa lo stesso rumore di una ventosa sul fondo di un lavandino. Lei urla e si aggrappa alle mie spalle, le unghie che affondano. Io martello imperterrito.
Sto per venire ma lei mi allontana e si inginocchia veloce. Me lo ingoia in un colpo e mi massaggia i testicoli. Al fine esplodo dentro di lei. La Marisa arrovescia gli occhi all’indietro come un indemoniata ma non lascia cadere nemmeno una goccia di sperma. Estasi sublime, semper fidelis.

Ci vestiamo senza fretta. Nella mente solo nebbia e la Marisa che mi fa quel pompino da urlo “Come ci comportiamo con la mia matrigna e lo Iodice?”
“Una cosa alla volta” dice lei “Ora, vediamo di concludere il giro dei sospetti”
“Ma, che ipotesi ti sei fatta sull’omicidio Ambrosi?”
“Non lo so, è un elemento di disturbo nel quadro generale”
“Beh, anche il quadro generale è abbastanza di disturbo” stiamo percorrendo la strada che di solito fa Sabella in bici. Ci fermiamo alla terrazza che da sulla campagna e i boschi sottostanti. Sotto al Porta del Consegno dove i carri dei viaggiatori dovevano subire ispezioni e pagare dazio. “So che si ferma qui a guardare il panorama” dico ma non vedo nulla d’interessante. Mi volto, alzo lo sguardo verso le case dietro di me. Una tendina si muove e un’ombra sembra nascondersi “Mmm, conoscendo Sabella” batto sul parapetto di pietra “Non si limitava a stare qui, con i gomiti appoggiati a guardare il panorama” prendo lo smarthphone e mi giro verso il panorama “Prova a metterti qui sopra e sii esplicita”
“Intendi che devo mostrare meglio il culo?”
Sorrido. Lei obbedisce e il suo bel culo, tirato sotto la divisa, si tende a disegnare meglio le sue belle chiappe. Con lo smarthphone, aziono la fotocamera versione selfie e studio la finestra alle mie spalle. Come previsto, la tenda si scosta e la faccia di un uomo si sporge per guardare meglio “Abbiamo un guardone” annuncio
“Allora, facciamo due chiacchiere con lui”

Il guardone si chiama Livio Alfieri e vive come un recluso, si muove per casa utilizzando una stampella. Una casa buia, con un’unica finestra e una luce debole che la fa sembrare una cripta. Livio Alfieri ha circa 50 anni, portati male, fisico decadente e smagliato, stempiato e flaccido.
Ci fa entrare, si guarda in giro in cerca di una sedia ma la Marisa declina l’offerta e rimaniamo lì, in un minuscolo salotto polveroso con un uomo dall’aria patetica “Ho saputo di Sabella” annuisce “Una cara ragazza”
“L’ha mai incontrata personalmente?”
“No, solo di sfuggita” si stringe nelle spalle “Aveva l’abitudine di fermarsi alla balconata qui sotto e sporgersi. Presumo lo facesse apposta. Non lo nego, mi piaceva guardarla”
“Il giorno in cui è stata investita, ha notato qualcosa di strano?” chiedo
“No”
“Le è sembrata spaventata, nervosa?”
“No. Come vi ho detto, io di Sabella, le vedevo solo il sedere”
“E Giulio Ambrosi, lo conosceva?” chiede la Marisa
“Conoscevo suo padre, lavoravo per lui ai tempi in cui l’azienda era la miglior produttrice di latte della zona. Il ragazzo lo vedevo ma non ho mai avuto nessun legame a parte il buongiorno e il buona sera” si tocca la gamba lesa “Incidente sul lavoro:un giorno le mucche si spaventarono per un rumore improvviso e, scapparono sfondando il recinto. Io ero, sulla scia e mi hanno preso in piedi. Ho perso l’uso parziale della gamba e il mio lavoro in un lampo. Il padre mi licenziò perché non più idoneo e io mi ritrovai in pensione anticipata e senza avere più nulla da fare”
“Perché le mucche si spaventarono?” chiedo
“Un petardo” ride “Un cazzo di petardo che l’idiota di Giulio ha fatto scoppiare”
“Uno scherzo bastardo da fare” commento
“Sì, l’avrei ucciso” ride ma si blocca accorgendosi di aver fatto una gaffe “Per modo di dire. MA gli avrei fatto il culo a strisce. Suo padre lo carco di botte sonore e la storia finì così”
“Lei possiede un’auto, signor Alfieri
“Sì, una di quelle piccoline che sembrano dei posa ceneri. La uso poco, sa com’è, con questa gamba. Anzi, ora che mi ci fate pensare, dovrei andare da Duillio a farle dare una lavata” rovista in un posacenere lì vicino e afferra delle chiavi
Mentre armeggia per chiudere la porta e scendere in strada con noi, la Marisa gli chiede “Lei sa che rapporto c’era tra Giulio Ambrosi e Sabella?”
“Gliel’ho detto, non conosco Sabella così bene da parlarci. Era solo un bel culo che si sporgeva dalla balconata. MA so dal Duilio, che è un po’ la pettegola del paese, che Giulio aveva perso la testa con Sabella al punto di voler fuggire con lei, lontano da qui”
“Questo ha detto Duillio? E da chi l’ha saputo?” chiedo
“Da Giulio, immagino. Lui portava il trattore da Duilio una volta la settimana, per fargli fare un check up”
In strada, l’alfieri apre una serranda e rivela un garage minuscolo e una Smart blu confetto piena di polvere in mezzo a vari scaffali ricolmi di ogni genere di cose “La usa parecchio, vedo” commenta la Marisa
“Come vi ho detto, la uso poche volte. E la polvere si accumula” apre lo sportello “E ora scusate”


“Azz, che sfiga, poveretto” scendiamo a piedi per la stretta via a senso unico. Passiamo sotto il secondo portone dove un vecchio sonnecchia appoggiato al suo bastone. Sbuchiamo sulla Via dei Martiri che scende e si biforca. A destra una strada di campagna, a sinistra un parcheggio adombrato. L’Alfieri ci sorpassa per poi girare verso la parte alta del paese, sulla sua Smart color blu polvere. Non mi ritraggo in tempo e l’auto mi struscia sui calzoni lasciandomi un po’ di polvere addosso “Che cazz”
“Via dei Martiri” dice la Marisa “Dove don Ernesto scende quasi ogni sera per andare a?..”
“Barbarossa, scommetto” dico con un sorriso
“La baby prostituta?” la Marisa mi guarda incuriosita “Che ne sai tu?”
“Visto il vizietto di padre Ernesto… Nel parcheggio si affaccia la casa della Barbarossa. Fai due più due” alzo le mani a palmi in su
“Mezzora a piedi e arrivi alla fattoria di Giulio” la Marisa alza le mani come ho fatto io scimmiottando
“Che si fa ora?”
“Si va a mangiare un gelato?”

Lino ci deposita due grosse coppe di gelato davanti al naso. La Marisa tutta panna io nocciola e cioccolato “Vedrei bene due palline di nocciola sulle tue tette” dico affondando il cucchiaio nella coppetta “E il cioccolato nella tua fica”
“Il gelato è troppo freddo. Con la panna ci possiamo accordare” e, dal modo in cui lecca il cucchiaio, me lo fa rizzare all’istante
Andiamo avanti per un po’ a degustare i nostri gelati e arrovellarci il cervello. Io non vedo l’ora che venga sera per fare sesso sfrenato con la Marisa
Sono lì che mi immagino sudato con il cazzo di fuori, con la Marisa che apre la bocca, quando qualcosa si frappone tra la mia illusione e la mia vista. Rimango così, con il cucchiaio in bocca, fisso sulla porta che va verso i bagni
“Che c’è?”
“La targa sopra la porta” indico “Ambrosi latte” attiro l’attenzione di Lino che, prontamente si avvicina al nostro tavolo “Quella targa.. Lei era cliente di Ambrosi?”
“Sì, ci rivolgevamo a lui per il latte, le uova e la farina. Gli ingredienti per il nostro gelato, artigianale al 100%. E, il Leandro ci sapeva fare con gli affari, non come quello scavezzacollo del figlio. Dopo la faccenda della mucca pazza, la fattoria è andata a ramengo e il padre si è trovato con i debiti al collo. Il figlio ha ereditato solo debiti. Adesso, il latte lo dobbiamo far arrivare da fuori”
“A quanto ammontava il debito?” chiede la Marisa
“Ventimila euro”
Una bella cifra. Era un movente? Guardo la Marisa ma lei sembra interessata ad altro “tanti sospetti, nessun colpevole” dico finendo l’ultima cucchiaiata di gelato
Paghiamo. Usciamo. “E se, Sabella fosse un effetto collaterale?”
“Ma, io avevo pensato a Giulio. Propone a Sabella di fuggire insieme a lei, si arrabbia, le corre dietro e sbam. Poi torna a casa e si suicida per i sensi di colpa”
“Solo che, Giulio è stato ucciso”
“Forse Iodice che ha riconosciuto Giulio e, istigato dalla Loris è andato a casa sua, l’ha ucciso inscenando il suicidio”
“Probabile ma..” fa la Marisa “Sai, questi sono quei momenti che mi andrebbe di fare un pompino per schiarirmi le idee”

Questo racconto di è stato letto 5 2 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.