"Mi deve delle spiegazioni…" - 7° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Scritto da , il 2020-06-30, genere comici

Cap 7 – Mi deve delle spiegazioni… - 7° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”
Si separarono e si allontanarono a gruppi di due in direzioni opposte, senza parlare: Tino prese Alessia sottobraccio e la portò nella pista da ballo, lei, anche se barcollava un po’ cominciò a ballare senza convinzione, Tino la osservava attentamente, non capiva cosa aveva la ragazza, sembrava poco coinvolta, ma forse era la calca della gente che la stordiva, provò ad abbracciarla e il contatto con quel corpo morbido, i capelli spettinati, uno strano odore misto di profumo Dior e sperma che aveva addosso, gli causò una improvvisa erezione. Poi notò che in pista c’era qualcuno che forse l’aveva osservata da un pò di tempo e notava che, ogni tanto, due o tre individui le si avvicinavano da dietro, forse allungando le mani sotto la sua gonna o sul suo culetto e poi sparivano, poi ne vedeva un altro avvicinarsi, ballare attaccato al suo posteriore, muovere le mani in basso e sparire, ma quei movimenti strani non piacevano a Tino e la portò in una zona più tranquilla, rinunciando all’idea di poter ballare con lei.
Mentre si avviavano verso la piscina esterna del locale, dove Tino avrebbe cercato di parlarle e capire cosa era successo, Alessia si imbattè in una coppia di sua conoscenza: Barbara e Pippo. Il suo umore cambiò immediatamente: abbracciò Barbara e baciò Pippo, anche Tino li salutò cordialmente visto che li aveva conosciuti in qualche aperitivo sulla terrazza di lei, ma ora stava stralunando gli occhi alla vista di Barbara, preso da un improvviso e insano desiderio di eiacularle addosso, dopo un breve scambio di parole, Alessia e Barbara chiesero di poter fare due chiacchere tra amiche a quattrocchi e si dettero appuntamento con i due uomini dopo una mezzora al bordo della piscina. Tino cominciava ad essere contrariato: prima si era fatta spennellare la passera davanti alla chat, poi le aveva negato per due volte il ballo, poi aveva scatenato un putiferio e ancora lui non aveva capito cosa era successo, ma ovviamente si era fatto venire in testa cose grosse, ora lo piantava con quel Pippo con il quale non sapeva neanche di cosa parlare. Ma fece buon viso a cattivo gioco e attese che passasse la mezzora.
Le due ragazze si appartarono su un divanetto in una zona dove potevano parlare meglio:
- “Allora Alessia, come si sta comportando lo zio Tino?”
- “Mah… guarda dopo ti dico cosa è successo, ma dimmi com’è che siete finiti in questo luogo di perdizione con Pippo?”
- “Veramente sono stata io, Ale… mi sentivo addosso una strana sensazione, non avevo voglia della solita serata nei soliti locali. Ho pensato che qui è pieno di vecchi ed esperti puttanieri, di uomini abbastanza volgari in cerca di avventure… e che le presenze femminili di solito sono abbastanza datate, diciamo…”
- “E allora Barbara?”
- “Uff… non so, mi andava di fare una sera diversa… poi anche Pippo. Sta diventando un po’ noioso sai?”
- “Ma che sei in cerca di avventure? Ah ah ah!”
- “Noo, non credo di volere questo. Solo di sentirmi … uffi… dai lo sai… a noi donne piace, e hai capito…”
- “Si carissima… ho capito, anche io in fondo… dapprincipio pensavo ad una serata tranquilla per collaudare questo amico, poi venendo qui mi è cambiato qualcosa… ma, fatti vedere!” Alessia la fece alzare in piedi “Ammazza Barbi, quanto sei figa… ma una come te deve stare attenta a non esagerare, sei già una bella gnocca e ti metti anche questa robina? Ah ah ah ah!”, risero insieme: Barbara era una ragazza poco più bassa di Alessia, esile ma ben formata, un corpo da modella anche se di spalle più strette dell’amica, le gambe non si poteva decidere chi ce l’avesse più belle, Barbara era castana, con i capelli lisci, occhi verdi bellissimi e uno sguardo ammaliante, naso leggermente adunco, due seni piccoli ma perfetti, il pezzo forte però era il culo, ben formato, rotondo, natiche sode e tese, la vista di una roba del genere suscitava in ogni uomo la tentazione di farvi scorrere il cazzone eretto all’inverosimile per scaricarvi immense seghe e inondarlo di sperma. Un culo irresistibile. Quella sera Barbara si era messa un vestito nero a maniche lunghe girocollo completamente di pizzo, cortissimo e aderente, la trasparenza del vestitino lasciava vedere la nudità sotto, e solo un filo di perizoma con un triangolino davanti copriva ciò che era necessario coprire per uscire fuori, sulle gambe portava delle parigine nere che le arrivavano appena sopra al ginocchio e scarpe nere decolleteè tacco 12, un collarino nero le cingeva il collo.
- “Ohhh mamma… Barbara! Che perizomino hai messo?”
- “ Beh… Ale, questo è il pezzo forte, guarda:…” Dopo essersi guardata attorno, si alzò il vestitino e il perizoma scivolò a terra, si chinò velocemente per rimetterlo e mostrò ad Alessia come si faceva: si trattava di un triangolino di stoffa finissima nera, una stringa partiva dalla cucitura del vertice più basso, quello che giace tra la fica e il culo, poi la stringa saliva tra le natiche, alla cui sommità la stringa girava orizzontalmente facendo il giro vita, entrava nel passante del lato superiore del triangolo e facendo il giro per agganciarsi a se stessa sopra il culo per girare in senso inverso di nuovo sul davaanti dove era fissata soltanto con un giro attorno a se stessa senza nodi, per questo quando si solleva il vestito il perizoma cadeva da sé.
- “Ma daiiiii! Barbi…. Troppo figa… sei un diavolo! Ma dove l’hai trovato, non l’avevo mai visto!”
- “ L’ho preso a Budapest questo inverno, credo sia una roba da stripper”
- “Che figata! Sei una puttanella indecente! Anche se non amo il lesbo, mi fai venire voglia tu ah ah ahha !”
- “E tu passerina bionda… come ti sei messa? Carinissimo questo scollato con mini a balze, fa’ sentire… mmh che stoffina morbida e fine… poi quì se uno tira per una manica, ti esce fuori il seno… fa’ vedere…” le tirò la manica dal braccio sinistro e puntualmente fece capolino un capezzolo turgido ed eretto.
- “Oh mamma… mmmh … sei una maialina Ale… com’è che questi capezzoli sono così eccitati? Mmmh e poi hai ‘un’odore…”, si piegò su di lei e glielo prese sulle labbra, leccandolo dolcemente, e più lo leccava e più questo si induriva e sporgeva, continuò a farle cosi anche sull’altro capezzolo. Alessia la lasciava fare, sapendo delle sue tendenze bisex, perché provava veramente piacere a farsi leccare da lei.
- “Ohhh…mmmmh…. Ohhhh! Ssiiiiii… Barbi… oohh … mi fai eccitare così… ti prego….”
- “Mmhhh… troietta, io credo che tu sia già eccitata” le portò una mano tra le cose e salì sulla passerina, ma quì dette un urletto di sorpresa.
- “Aleeeee! Ma che razza di perizoma hai messo? E poi… sei tutta unta … ma sei matta? Vuoi farti scopare da tutto il Club?.... Oddio… come sei da trombare all’istante… mmmhhh”.
La fece alzare in piedi e le sollevò la minigonna per osservarle il perizoma di filo di perle: rimase estasiata. Le passò due dita lungo il percorso delle perle, gliela ripassò piu volte poi spinse sul clitoride e Alessia fece un gemito di piacere.
- “Ale… sei una troia… semplicemente una troia irresistibile… ma come ti viene in mente? Dimmi cosa hai combinato poco fa? Odori chiaramente di sperma!”Barbara aveva intuito quasi tutto, ma quando Alessia gli spiegò l’accaduto scoppiò a ridere:
- “ Ah ahha ahh… nooo Ale… sei terribile, e il povero Tino? Magari è sempre li che sbava…”
- “Ma Barbi, non sono venuta qui per fare sesso, avevo intenzioni del tutto tranquille per questa sera, poi quei suoi amici… sono riusciti a farmi eccitare, forse ho bevuto troppo… non so…”
- “Si Ale, anch’io in fondo non sono venuta qui per fare sesso se non con Pippo, magari capire se…”
- “Se…?” chiese Alessia, non capendo cosa voleva dire,
- “Ale… io e Pippo stiamo insieme da cinque anni, lo sai ci mettemmo insieme quando anche tu iniziasti la storia con Ronni… ma da qualche tempo, ho l’impressione che sia attratto dagli uomini piu che dalle donne”
- “Ma daiiii… Barbi! Ma cosa te lo fa pensare?”
- “L’ho beccato in video chat vestito da donna”
- “Ohhhhh mamma!” Alessia si portò le mani alla bocca e si stupì sinceramente e non riusciva più a dire niente altro.
- “Vabbè, ma può essere stata una semplice perversione per provare emozioni strane… non parliamone più… dai andiamo a ballare Ale”
- “Si dobbiamo raggiungere gli uomini”
- “A proposito… ma tu…”
- “Cosa?”
- “Per ballare con quel perizoma masturbatore… come fai?” Alessia rise di cuore e abbracciò l’amica che scoppio a ridere avendo capito cosa si doveva provare.
Raggiunsero i due al bordo piscina, che parlavano amabilmente di ciclismo, passione comune. Si abbracciarono e Barbara propose di andare a ballare in pista centrale, ma Alessia chiese di potersi appartare con Tino a cui doveva delle spiegazioni, si sarebbero visti più tardi, la notte era lunga.
Alessia portò Tino nello stesso angolo del Club dove si era messa con Barbara poco prima, perché le pareva l’unico posto dove si poteva parlare bene, Tino volle passare dal bancone bar e ordinò due Cuba Libre, senza neanche chiedere a lei se lo volesse. Si misero seduti e cominciarono a sorseggiare:
- “Ti pace il rum?” chiese Tino
- “Mi piace la coca cola”
- “Si ma qui c’è anche il rum”
- “Ah” seguì un silenzio inspiegabile, poi Tino attaccò con una domanda che tradiva nervosismo:
- “Cosa è successo prima?”
- “ Uno di loro è arrivato al tavolo con uno di quei campioni di crema corpo che regalano davanti al bagno delle donne e me lo ha portato… uhmmm… poi mi sembra di ricordare che lui voleva mettersi seduto al nostro stesso divanetto, ma in cinque non ci si entrava e allora…” Alessia fece una pausa perche non era sicura di cosa era veramente accaduto,
- “E allora?” fece secco Tino
- “Mi sembra che mi abbiano fatta sedere sopra uno di loro…”
- “Cazzo! Con quella minigonna ? Cazzo!” Tino pareva seriamente impressionato “ E poi?”
- “Poi… credo che.. ah si… abbiamo bevuto un mojito e poi stappato uno spumante… io devo averne bevuto due o tre bicchieri… e poi… ah sì! Io volevo aprire quel flacone di crema liquida per sentirne l’odore dell’olio di mandorla ma non mi riusciva”
- “Bestia! E intanto eri seduta sul cazzo di uno di loro? Ti toccavano?”
- “Ehhmmm….. nooo…cioè forse sì… ma cose normali… come si fa quando siamo tra amici…”
- “Siiii amici…. e poi?”
- “Behhh… ecco… mi sembra che uno di loro avesse preso il flacone e mentre cercava di aprilo, gli è come scoppiato i mano, ma era proprio accanto a me e la crema mi è finita tutta addosso”
- “Oh cazzo! E dove ti è finita?!”
- “Ehhh… proprio sulle cosce e anche… anche sotto.. ecco”
- “Ma cazzottoinculo! Sotto dove?”
- “ Sulla mia gonna e sotto la gonna, io ero seduta”
- “ Porcaccia schifiltosa! Con quel filo di perle che hai come mutandina ti hanno schizzata la crema corpo?”
- “Ehhh… si… è stato un incidente” Alessia si stava divertendo, vedeva come il Tino si imbestialiva e al contempo si arrapava al suo racconto,
- “ E come hai rimediato, sarai stata tutta sporca di crema?”
- “ beh… prima loro hanno tentato di pulirmi con un tovagliolo, ma la crema era fuoriuscita tutta e mi aveva inondata dalle cosce fino alla patatina…”
- “Ma porcocazzo….. e quello che ti teneva sulle gambe che faceva?”
- “ Ehhh non ci facevo caso, ma forse mi aveva sollevato la minigonna sul culetto…”
- “Ma cazzo cazzo cazzzo! “
- “Si… ma niente di che Tin, non arrabbiarti… poi credo che lui non riuscisse a tenersi il pisello dentro i pantaloni …” Tino era eccitatissimo per quel racconto fatto di esitazioni e voleva sapere ogni particolare,
- “ E allora dove lo ha messo quel suo fottutissimo cazzo?”
- “appoggiato al mio culetto ovviamente” rispose improvvisamente decisa Alessia con tutta tranquillità
- “Ohhhh Porcocane, cazzo… che maiali di merda! Dovevo prenderli a pedate… ma scusa… poi come ti hanno ripulita? Avevi la crema fin dentro la patata no?” Alessia rispose con naturalezza e candidamente:
- “Beh il solo modo era usare le mani”.
Ora, il problema era che quelle situazioni erano proprio le stesse che lui immaginava nelle sue fantasie masturbatorie, e adesso, che poteva farle dal vero con lei, lo facevano gli amici e non lui. Questo lo rendeva nervoso e irascibile.
- “E allora ti hanno messo le mani dappertutto… anche nella figa, e…. e…. tu? Cioè ti hanno masturbata?
- “Noooo…. cioè….. beh, un pochino…. Sì Tin, mi hanno masturbata… io avevo bevuto un po’ troppo… poi mi hanno fatta eccitare tanto”
- “E quello col cazzo dietro te l’ha messo nel culo? Ti ha penetrata?”
- “Ma nooooo…. c’era gente attorno, non poteva mica fare questo… quando mi toccavano lui si è eccitato e ha eiaculato”
- “E tu sei venuta?”
- “Ufff… quante domande… sì, credo si avere fatto squirting, poi sei arrivato tu come una furia…”
- “Ed è finito il gioco eh?” Tino era distrutto, demolito, abbattuto nel nulla: non aveva mai visto fare squirting ad una donna , ma si masturbava spesso con i video di squirting, e ora… un disastro. Poi pensò: “Cazzo! Questa squirta! Nooo… mi fa diventare pazzo, non ce la faccio…” sentiva il suo cazzo premere contro i pantaloni, voleva manipolarlo, voleva farsi una sega. Poi Alessia emanava quell’odore così provocante… era troppo eccitato, ma non doveva darlo a vedere, e quella puttanella meravigliosa ora, accanto a lui, con quelle gambe, quelle calze nere, quella minigonna… e sotto, “sotto magari è ancora unta” pensò “cazzo come deve scivolare bene dentro! E questa sta qui così tranquillamente!”. Doveva comportarsi bene e dimostrarle con i fatti che lui era l’uomo giusto per lei: quindi non doveva arrabbiarsi, dare a vedere la sua morbosità, le sue fissazioni, soprattutto non cedere alla tentazione di allungare le mani e fare il maiale, ma essere protettivo. Fece un grande sforzo per calmarsi, poi provò a recitare la parte dell’uomo giusto, le prese le braccia e le accarezzò risalendo sulle spalle sul collo, le accarezzava i lunghi capelli biondi e le sorrise,
- “Grazie per avermelo detto, non sono per niente arrabbiato con te… ma ci tengo a proteggerti… andiamo a berci un altro drink, e stavolta scegli tu anche per me”.

Questo racconto di è stato letto 3 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.