L’amica di Tino Segoni

Scritto da , il 2020-06-24, genere comici

L’amica di Tino Segoni
Romanzo breve di John Farda
Introduzione
Questo romanzo viene editato per capitoli o parti, di lunghezza limitata, al fine di permetterne la lettura in modo agevole come fossero racconti; tuttavia si tratta di una storia articolata e particolareggiata che supera la leggerezza del racconto. L’autore spera che la pubblicazione per capitoli possa stimolare l’interesse, che un romanzo, messo tutto assieme, potrebbe scoraggiare.
1. L’invito
Tino all’età dei 50 è oramai un segaiolo cronico: grande fruitore di pornografia, la rete con il porno a largo spettro di facile accesso, è stata la sua grande soddisfazione erotica, ma non c’è solo il porno.
Anche la visione della sua vicina continua ad essere occasione di piacevolissime masturbazioni.
Alessia è una ragazza di 25 anni molto indipendente, corpo perfetto rinforzato da anni di attività tennistica, viso dolce con un naso sottile e occhi azzurri incorniciato da fluenti capelli biondi, oltre 1,70 di altezza con due gambe lunghe e bellissime, agente di commercio in abbigliamento femminile, abita da oltre 5 anni al piano superiore di Tino, e fortuna vuole che le scale salgano in linea retta davanti alla sua porta. Il motivo di tanta fortuna è anche il modo di vestire di Alessia, che indossa spesso minigonne cortissime, abitudine acquisita con il tennis: il suo arrivo viene segnalato dall’apertura della porta e dal battere dei tacchi alti, e in questo caso Tino si precipita allo spioncino della porta.
Quando Tino si accorse della sua nuova vicina, dopo aver smaltito la compulsione masturbatoria che ne seguì, si affrettò a cambiare spioncino della porta facendo installare una telecamera ad altissima definizione che trasmette direttamente sul proprio pc, ovviamente diretta sulla rampa di scale che sale davanti alla sua porta; Tino può zoommare sui particolari e osservare il modo di salire le scale di Alessia, spiando sotto le sue minigonne.
Quando Alessia arrivò, Tino potè fare la sua conoscenza offrendosi per aiutarla a scaricare alcune scatole del trasloco, poi, la sua timidezza e gentilezza, causata dalla vergogna dei suoi stessi pensieri su di Lei, lo rendeva un personaggio mite e tranquillo del quale Alessia cominciò a fidarsi dopo pochi mesi, non sospettando mai del vizio di Tino.
I due si vedono occasionalmente per qualche aperitivo che Alessia offre ai suoi amici sulla sua terrazza, che dette modo a Tino di mettersi in mostra per la sua modestia e gentilezza, dettata sempre da un certo senso di inferiorità: agli aperitivi in terrazza Alessia accende la sua eccitazione insieme a qualche sua amica non da meno, gli amici invece gli paiono dei giovinastri boriosi e maleducati, bombardini in carriera, alcuni anche dai modi volgari sempre pronti a proferire apprezzamenti sessuali osceni alle ragazze:
- “Alessia, che mutandine porti oggi? Oh, ma che stupido, dimenticavo che non le indossi mai…”
- “Ragazze ho le dita ghiacciate da questo drink gelato, le posso riscaldare infilandole nelle vostre fighe accoglienti?”, oppure:
- “Hei Gimmi! Hai smaltito la faticaccia dell’altra sera quando ci siamo scopati Alessia contemporaneamente?” e Gimmi :
- “Cazzo, ho schizzato come un geyser nel suo culetto mentre tu la inondavi di sperma in figa! Eh eh eh…!”
- “Eh sì poi le abbiamo sborrato anche in bocca a vicenda… ah ah aaah aah!”
- “Ah ah ah! Cazzo! in bocca i nostri due cazzoni non c’entravano, come invece abbiamo fatto in figa Ah ah ah!”.
Alessia si arrabbiava o fingeva di arrabbiarsi
- “Basta ragazzi, state esagerando…. Non fate ridere nessuno con le vostre immaginazioni da repressi…. poi figuriamoci se faccio sesso con voi: sarebbe l’ultima cosa che mi possa venire in testa! E’ per questo che vi rode, vero?”, una volta aggiunse seccata “Comunque voi non avete neanche la necessaria confidenza per battute pesanti e cafone come queste… per me potete uscire da casa mia”.
Ma le sue parole non riuscivano a sbollire l’eccitazione di Tino, che acceso da quelle insinuazioni così esplicite, una volta non resistette all’impellenza di scendere in casa sua al piano di sotto e farsi una grande sega sulle immagini evocate da quei gradassi: immaginò Alessia presa da 2 poi 3 uomini e scopata a bestia come vedeva fare nei video porno. Tornò in terrazza dopo un quarto d’ora guardandosi attorno spaurito e timoroso che qualcuno potesse immaginare quello che era andato a fare.
I soggetti più volgari come quel Gimmi Sganassa o il suo compare Oscar Gibetta, comunque, dopo i rimproveri di Alessia, non vengono più invitati e questo dimostrerebbe anche la serietà della ragazza, cosa che rende Tino ancora più eccitato, mentre la sua collezione di video registrati dallo spioncino elettronico cresce, e a questi vengono aggiunti anche i video fatti dalla finestra, davanti alla quale c’è il parcheggio di Alessia: quando la ragazza indossa minigonne aderenti, vederla salire in macchina credendosi inosservata, provoca delle erezioni istantanee a Tino che può osservare la sua mini salire fino al limite delle mutandine.
La grande occasione di Tino capitò in primavera, quando durante l’aperitivo di apertura della bella stagione i partecipanti furono soltanto due amiche e due coppie, allora fu anche progettato di uscire in discoteca, ma mentre le due amiche sarebbero state accompagnate dai loro fidanzati, Alessia finse di lamentarsi di essere rimasta single:
- “Ma dai Alessia… e Tony non sta più con te? O non può venire?” Alessia rispose con un sorrisetto lanciando uno sguardo a Tino che le stava di fronte, seduto come gli altri sul divanetto e cercando sempre di sbirciare tra le cosce sue e delle altre invitate,
- “No guarda Simona, mi ha veramente scocciata: sempre di cattivo umore, non mi andava più di stare con lui…. E poi non siamo mai stati insieme, ci siamo solo accompagnati per un annetto non più!”
- “Dai allora vieni con noi, magari trovi un altro amante nel locale… ma forse se già troppo piena di richieste” –
- “Si, devo dire che ci sono diversi uomini che mi invitano, ma non ne trovo uno affidabile… nel senso che… vogliono solo quello, capisci?” –
- “Dai Alessia” fece Barbara “ti ci vorrebbe un uomo maturo e tranquillo” e guardò Tino, al che le ragazze scoppiarono a ridere. Fu un istante terribile per il povero Tino: arrossì visibilmente alla sola idea di accompagnare Alessia in discoteca e abbassò lo sguardo non potendo reggere gli sguardi divertiti delle donne. Poi una di loro disse:
- “Secondo me Tino sarebbe perfetto per Te Alex… dico sul serio, ma bisogna capire se Lui ne ha voglia…ah ah aah!”, Alessia ci pensò un attimo e anche per trarre l’ometto dall’imbarazzo le lanciò l’invito:
- “Tin!” così lo chiamava “non è mica una cattiva idea, che ne dici?” Tino si sforzò di uscire dall’impasse emotivo e cercò di parlare poco e a bassa voce
- “Ne sarei onorato”.
Le ragazze brindarono esagerando la cosa “Ma dai! che poi voi due vi fidanzate, Ah ah ah!”
- “Sì sì! State bene insieme!” disse Max che si accompagnava con Helen; Alessia cercò di spegnere il fuoco, ancora una volta per non mettere in imbarazzo Tino:
- “Ragazzi, Tin è una persona seria, lo stimo molto, e non mi va che lo prendiate in giro! Se gli va, mi accompagna in discoteca sabato sera… ma si tratta solo di questo”, bastò questo a mettere il povero Tino in uno stato di agitazione tremenda.
La serata si concluse tranquilla e verso le 20 la gente se ne tornò a casa; Tino pensò che forse doveva rimanere solo con lei qualche minuto per stabilire come e quando sarebbero andati insieme in discoteca, anche se aveva paura anche a parlarne:
- “Allora… cosa vorresti fare sabato sera? Vuoi veramente che venga con te?”
- “Ma certo Tin! Se non hai altri impegni e solo se ti fa piacere, non voglio forzarti”
- “No…no… macchè forzare, io ne sarei molto felice” sentiva il cuore battergli forte in gola e in un attimo divampò in un arrossimento incontrollabile, Alessia che si accorse della sua emozione gli si avvicinò sfiorandolo con il suo corpo: quella sera aveva un leggins 40 den nero con stivaletti in texture di jeans, un giacchino di jeans della stessa tonalità portato sopra una canotta nera, osservando attentamente si poteva notare che leggins e canotta erano indossati a nudo: la forma dei seni e dei capezzoli emergeva chiaramente sotto il giacchino che Alessia cercava comunque di stringersi addosso, mentre per la parte bassa aveva messo un cinturone alto 7-8 cm con una fibbia pesante che le appoggiava proprio all’altezza del clitoride.
Tino aveva già avuto dei principi di erezione durante la serata, al solo osservarla, ma adesso, che le si avvicinava così, sentì il cazzo cercare energicamente la via d’uscita oltre l’elastico delle mutande. Alessia non fece caso al fatto che il suo approssimarsi a lui così repentinamente, non gli desse il tempo di sollevare le mani che egli teneva lungo i fianchi, e la sua patatina coperta da un film finissimo di microfibra andò ad appoggiarsi proprio sulla sua mano ciondolante, mentre lei si sporse con il collo verso il suo viso, e le sussurrò con voce tranquilla:
- “ Non credere che te lo chieda per opportunismo, potrei trovare tanti compagni per una sera in discoteca, ma tu alla fine sei la persona più giusta…”
Tino sudava come un cavallo in corsa, il cuore in gola non gli permetteva di parlare, restava immobile impietrito e il dorso della sua mano sinistra, era a contatto con qualcosa di caldo e morbido sotto la durezza metallica della fibbia del cinturone di Alessia; cercò di non prestarci attenzione, ma poi la mano cominciò a muoversi da sola! Lei continuava a parlargli a voce bassa sfiorando la sua guancia sinistra con le labbra:
- “Ho imparato a conoscerti e apprezzo la tua correttezza. Inoltre la nostra differenza di età mi fa anche sentire al sicuro… però non credere che ti consideri uno zio, anche se hai l’età di mio papà… spero che anche tu ti senta un mio amico come sento che tu sei per me… niente di più”.
Prima le nocche della mano, poi il dorso delle dita passarono sopra i 40 den del leggings: praticamente nulla, solo l’apparente opacità della microfibra copriva quelle morbidissime labbra vaginali. Sentiva la fessura della passerina calda e leggermente umida, e gliela poteva sfiorare, gliela sentì liscia: era depilata!
Ora avrebbe potuto anche affondare con le dita per sentire se si fosse aperta, intanto dal glande gli partiva forte lo stimolo ad eiaculare; cercò di controllarsi, non poteva fare una figuraccia proprio adesso! Decise di staccarsi appena Lei ebbe finito di parlare, e fece appena in tempo a prenderle una mano, forzando un gesto galante, portandosela davanti alle labbra senza toccarla e accennò al baciamano: “Buonasera Alex, grazie di tutto… ci sentiamo domani l’altro sera..” – “Buonasera Tin”.
Rincasò quasi in coma: aveva toccato per qualche istante la sua patatina, le era anche sembrata inumidirsi, o forse era stata la sua suggestione, aveva ricevuto un invito ad andare a ballare con Lei, la proposta di diventare amici. Incredibile, non riusciva neanche ad essere contento da quanto era eccitato. Da non crederci: il soggetto preferito delle sue masturbazioni, la ragazza cha da 5 anni aveva sconvolto i suoi sogni erotici, quella vicina di cui conosceva o immaginava di conoscere quasi tutte le mutandine spiate dal basso dello spioncino elettronico della sua porta, mentre lei saliva e scendeva le scale ogni giorno; lei: la protagonista di alcuni video pornografici che si era divertito a montare, editando i suoi pudici filmati di quando saliva e scendeva dalla macchina o di quando faceva le scale davanti alla sua porta con spezzoni di video pornografici scaricati dalla rete, costruendo improbabili copioni hard che vedevano sempre lei come protagonista. Adesso, quella che nella vita condominiale era solo una giovane e bella vicina, alla quale aveva dato una mano qualche volta per trasportare carichi piu pesanti o per piccoli lavori elettrici, come l’illuminazione della grande terrazza degli aperitivi, adesso le faceva la proposta di portarla a ballare.

Questo racconto di è stato letto 8 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.