La rivincita - 9° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Scritto da , il 2020-07-01, genere comici

- Cap 9 – La rivincita - 9° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”
-
- A pochi metri da lei intanto Gimmi aveva il cazzo pronto e duro come una roccia e, avendo seguito la scenetta durata non più di dieci minuti, andò a inginocchiarsi tra le sue gambe allargate e piazzare la bocca sulla sua passera, lei, che per un attimo pensava di masturbarsi fu sorpresa da questo nuovo arrivato e ne ebbe un po’ paura,
- “Ohhhh…chi è? Noooo… chi è? Ahhhh…. mmmmhhh…” il contatto della lingua sulla patatina la sciolse immediatamente, tanto era già eccitata, e istintivamente tirò indietro la testa chiudendo gli occhi. Gimmi leccò un po’, ma poi capì che qualcosa gli impediva di andare a fondo, non ci mise molto ad afferrare l’elastico del perizoma sui fianchi e sfilarglielo definitivamente con un gesto tanto veloce quanto violento, fu allora che Alessia si sentì aprire la fica con quella lingua avida, se la sentiva entrare dentro e poi uscire e roteare sul clitoride, la leccava magnificamente, lei in quella posizione agitava il bacino avanti e indietro, stava colando di piacere e non gli importava chi fosse quell’estraneo, che eseguiva in modo deciso le sue azioni e non parlava, poi, senza alzare la testa dalla sua passera, attuò l’azione che aveva preparato in quei dieci minuti di spettacolino di anteprima: aveva ritagliato un pezzo di stoffa dal divanetto e ripiegandola ne aveva fatto una striscia spessa e se la era messa in tasca, ora con gesto veloce e senza alzare la testa prese la striscia e la portò sugli occhi di Alessia legandola dietro la sua testa e bendandola. Così non rischiava neanche di essere riconosciuto “Cazzo! ora questa troia godrà, fottuta a bestia da chi aveva trattato in modo sprezzante” pensò, e la riuscita di quel gesto fulmineo lo fece eccitare ancora di più, se a quel punto poteva esserci un “di più”!
Alessia, da parte sua, arrapata com’era, con la passera già abbondantemente bagnata, appena si sentì prendere la topina in bocca dall’estraneo, chiuse gli occhi oramai rassegnata a farsi fare quello che capitava: giocava in questo, sia l’eccitazione sessuale, sia la stanchezza, sia l’alcool ingurgitato, ma ora sentendosi anche bendata approvò questa azione di violenta sopraffazione e si lasciò andare, “Ohh mamma mia, come ho voglia…”pensava “leccami, siiiii leccami così, chiunque tu sia….mmmhhh… voglio essere sottomessa… ah! Siii …mmmhhhh!”.
Gimmi non parlava, concluse la sua leccata quando gli parve che la sua sorca fosse pronta, allora si prese il cazzo duro e nodoso, che aiutava con una pillolina appena entrava in quel locale a prescindere da che tipo di serata si svolgesse, allargò con lentezza le piccole labbra e appoggiò il glande fremente e turgido nella fessura dalla quale colava come una fontanella il succo del piacere della ragazza, lo mosse un po’ avanti e indietro, titillandole e strizzandole il clitoride che in quella posizione si presentava proprio di fronte a lui e poi dette un bel colpo fino in fondo, con tutto il piacere di scopare colei che aveva tanto desiderato e che da un po’ di tempo oramai detestava; Alessia dette un urlo che lo soddisfece pienamente, nella sua azione di sesso di vendetta. Continuò ad affondare fino in fondo il suo cazzone duro come il metallo e ogni tanto lei dava un urletto, misto di piacere e dolore, poi i suoi colpi aumentarono di frequenza e in quella posizione, grazie ai lampi intermittenti, poteva godere della vista del suo corpo e della vagina nella quale vedeva affondare il suo fiero uccellone, con una mano la masturbava sul clitoride e con l’altra le pizzicava i capezzoli; non le tolse il vestito ma le abbassò le spalline facendole scorrere l’ampia scollatura lungo le sue braccia e gliela lasciò all’altezza dello stomaco poi prese gli orli delle maniche in basso e le legò davanti, in quel modo lei era legata con il suo stesso vestito, la gonna venne arrotolata alla stessa altezza, e il suo vestitino fu trasformato in una striscia di pochi centimetri. Di tanto in tanto Gimmi si chinava su di lei per succhiarle i capezzoli e continuava a sbatterla di forza, lei ormai era partita:
- “ Ohhhhh sssiii… più forte…sbattimi…sbattimi…sssi mmh! Lo voglio… ma chi sei?! Sei Tin?” lo Sganassa godeva come una bestia a sentire come le piaceva farsi sbattere, ma si guardava bene dal parlare, pensava dentro di sé “Cazzo! senti come gode la signorina…ahh ah ah…fantastico! Le piace farsi sbattere a questa troietta, eh? Ti piace vero? Ti piace adesso il cazzo di Gimmi Sganassa, adesso?…. e prendilo… prendilo tutto, godi troia! … non mi volevi agli aperitivi perchè ero troppo volgare? Ohhhh la signorina è delicata, vuole la buona educazione …. E ora? Ah ah ah… e ora, ti piace essere sbattuta, vero! Ahhhh… senti come lo piglia tutto dentro, senti come se lo prende fino in fondo!”
Era una goduria sovrumana, non avrebbe mai immaginato di poterla scopare cosi bene! Con le dita poteva sentire quanto i suoi capezzoli di erano inturgiditi e lui si divertiva pizzicarli e a dare schiaffetti sulle sue puppe rotonde. La chiavò in quella posizione fino a che lei, cominciò a urlare di piacere “ohhhh….siiiii Aaaahhhh…. Aahhhh siiiii! Vengoooooo ihhhhh mammamiaaa …”, le contrazioni sempre piu accelerate del suo corpo che Gimmi sentiva toccandola sull’addome e sui seni, gli fecero capire che stava avendo un buon orgasmo, allora spinse ancora più a fondo il cazzo insaziabile e se la fece venire sotto il suo dominio. Intanto il cellulare di Alessia era rimasto acceso sul divanetto e seppur coperto dalla musica, ogni tanto gracchiava la voce del Trombetta, che poteva sentire tutto. Poi quando le parve che lei riprendesse fiato, uscì dalla vagina, la girò con violenza, le premette il viso sulla seduta del divanetto e se la mise a pecorina, le allargò il culetto con le dita e la penetrò con il dito medio, lei si divincolò per liberarsi perché capì cosa stava per farle, ma ormai da quella posizione era impossibile
- “No… No… la prego… ti prego… nooooo! Basta così… dietro noooo, non sono abituata… ma sei Tin? Parla!” Era una libidine sentirla implorare così, non sperava in tanto, voleva dirle quello che pensava “ora ti ci abituo io, troietta… maiala come sei, ti piacerà tantissimo… godi di culo puttana!” La voce di Alessia si fece più implorante e cominciò a piagnucolare
- “Agh..mmffhh… Ti prego, basta, sono stanca, sono venuta… non farmi male, lasciami andare… chi sei?” e scoppiò a piangere, Gimmi le sondò l’ano con il dito e si chiese anche perché la ragazza fosse cosi unta dappertutto, scivolosa in tutta la parte bassa del corpo, pensò che si era spalmata un olio da massaggio prima di entrare nel club, proprio in attesa della copula occasionale “Cazzo!Che puttana… maiala… mi fa sempre più arrapare questa troia! Ora se lo piglia per bene…” entrò di nuovo delicatamente con due dita e provò l’allargamento: andava molto bene. Alessia stava capendo e cercò di rilassarsi portandosi una mano ancora inguainata dalla manica del vestito sul clitoride e si sgrilletò per eccitarsi ancora, poi sentì appoggiarsi il glande di Gimmi tra le natiche tenute larghe dalle sue mani rozze e irrispettose, lui spinse e sentì che scivolava bene, doveva solo far passare la parte più grossa del glande e l’avrebbe penetrata.
- - “ Ahhhhhh….. nooooo agh! Sigh! No no… perchéèèè? Nel culo nooooo….Ahhh mi fai male….sigh! Ma chi seiiii?” Gimmi spingeva piano cercando di essere delicato per come poteva intendere lui la delicatezza, in fondo non aveva neanche un cazzo molto largo e le puttane gli dicevano che era gradevole la sua inculata, ma quella non era una professionista “Oh cazzo! Non avevo pensato a quanti anni erano che non andavo con una non professionista, anche se questa farebbe i soldi a palate se ci si mettesse!” spinse ancora un po’ e poi fece un leggero avanti e indietro per saggiarle il culo: era splendido! Una inculata perfetta, liscia e accogliente, che aveva da lamentarsi la signorina dell’ alta società? Impossibile che non l’avesse mai preso nel culo, allora Gimmi cominciò a darsi da fare con le spinte. Alessia cessò di piagnucolare e piano piano i lamenti si trasformavano in mugolii.
Pensava che in fondo se l’era cercata “mmhhh… se spinge mi fa male, ma mi piace farmi aprire così….ohhh. Oh Ale! stavolta l’hai combinata grossa… devo considerare quello che sta accadendo uno stupro? Ohhhhh… mmmhhh come mi apre dentroo…. Ahhhh mi piace sempre di più… mi piace di più, delle altre volte, poche per la verità, ma qui è più eccitante, con questa benda sugli occhi in questa sala buia dove può entrare chiunque… mmhhh… come mi fa salire la voglia di prenderne uno anche nella patatina… senti che roba…ohhhh” i suoi pensieri erano confusi, come se fosse in uno stato alterato “mmmhh… mi sento strana…ma, non mi avranno mica drogata? Oddiomio, forse questo è proprio uno stupro, non c’ero mai passata… però in certi momenti mi piace da morire… in altri mi pace e basta… non ci sono momenti in cui non mi piace. Mmhhh…ssìììi… sfondami criminale opportunista, ma chi sei? Fammi sentire la tua puttana… sssìììì! Sento delle voci dietro di me, coperte dalla musica…. C’è altra gente… Mmmmhhh magari mi stanno guardando… e si stanno eccitando….ssiiiii! …oh! Ma forse non è uno stupro e me la sono cercata, ma io non ho fatto niente, mi ricordo la serata: dunque, prima abbiamo chattato e non è successo nulla a parte quel paranoico di Tino…ohhhhh… sssiiii…scopami…mmhhh, pensavo… Tino si è incazzato per niente, poi quel flacone maledetto che mi è scoppiato addosso, ecco lì, forse, ne hanno approfittato un po’… eh sì! Sono stati scorretti, mi hanno masturbata in mezzo alla gente, magari qualcuno osservava… mmhhhh sssììì spingimelo dentro….cosìììì ohhhhh… mi sta facendo impazzire anche su capezzoli adesso, io mi metto a giocare con il mio bottoncino adesso, mi sta tirando….ohhhh… che pensavo? Ah sì… che hanno esagerato e sono stati scorretti, ma mi hanno fatta schizzare, non sono mica stata male? Se mi hanno drogata lo ero già lì, ma il primo drink l’ho preso li, quindi non sono drogata…. Sono solo, arrapata…ooohhhh ssììììì! Poi il Tino si è imbestialito, ma… forse aveva ragione, non è stata colpa mia, loro non dovevano mettermi le mani addosso in quel modo… poi la sicurezza, cha cosa stupida, il buttafuori per un diverbio tra amici, è un locale strano questo, forse ho capito che è un postribolo…ahhh siiiiii… scopami cosììììì mmhhhh…” poi le sfuggì un pensiero a voce alta:
- ““Mmhhhh… che cazzone duro che hai…. Mmmhhh… pianooo! Siiii dammelo tutto…aprimi! Ahhhh”
Riprese il filo dei suoi pensieri confusi: “ il clito sta tirandomi … risponde ahhhhh… mi sento una troia, siiiiì… stasera sono veramente figa, già sono bella normalmente ma stanotte sto facendo impazzire i maiali… e loro fanno impazzire me…ergo: sono maiala anchio? Ssììììì mi sento mmmhhhh… mi sento maiala… mi piace sentirmi così farli eccitare, con la mia bellezza. Poi cosa è successo? Ah… questo è un bordello… allora forse mi hanno scambiata per una puttana? Ecco, perche mi fanno tutte queste cose… no, Ale, ragiona, ti fanno queste cose perche sei figa. E forse sei anche puttana. Poi Tino mi porta a fare due chiacchere e mi zompa addosso, anche questa… scusa, e che colpa ne ho io? Perché mi è zompato addosso che poi non è riuscito a fare niente solo a schizzare per sé e basta? Poi questo energumeno che ne ha approfittato e non dice una parola, ma chi è?… Ohhhhhh oooohhh ..mmmhhh vengooo… ecco ecco…siii…. Vengo con il mio infallibile clito….”
Gimmi si accorse che la ragazza stava per avere un altro orgasmo e anche lui voleva venire: nessun posto è migliore di un culo come quello per eiaculare, si sentiva carico ed eccitatissimo, una bestia martellante senza pietà, sentì gli stimoli salirgli dalle palle e una scossa percorse la sua asta nodosa, allora fece partire l’esplosione della sua goduria dentro il culo di Alessia e scaricò una quantità notevole di sperma dentro il suo ano.
“ Aaaahhhhh…. Aaaaahhhhhh!!! Ahhhhhhh!...aaaaahhhh!!!”
Ne Alessia ne Gimmi si interessavano a chi entrava e usciva da quel corridoio buio, in ogni modo i lampi intermittenti avevano cambiato frequenza, forse perché la direzione giudicava inopportuno lasciare un locale pubblico così oscuro, e adesso la luce era quasi stroboscopica, tale da mostrare in modo confuso quello che accadeva. Ad un certo punto passarono davanti alla tenda di entrata del black passage quattro tipi stralunati,
- “Ma cosa c’è la dentro?”
- “Vai Caata, vai a vedè e dicci cosa c’è… io mi sono rotto”, quello, spinto dalla curiosità, entrò insieme al Trombaste: si trovarono immersi nel buio e sul momento non riuscivano a capire, poi alla effimera luce dei flash videro due coppie, una sul divanetto di destra e l’altra su quello di sinistra che copulavano
- “Questo è uno scannatoio” fece il Trombaste “qui si tromba liberi eh eh eh!” poi attese ancora qualche flash per cercare di vedere la prima coppia, che non gli ricordava gente conosciuta, ma ad un tratto nell’oscurità sentirono la voce dall’altra ragazza:
- “Ahhhhhh….. nooooo agh! Sigh! No no… perchéèèè? Nel culo nooooo…. Ahhh mi fai male….sigh! Ma chi seiiii?” gli sembrò la voce di Alessia, si avvicinarono alle spalle dello stupratore e in un flash videro la ragazza a pecorina con la testa schiacciata sulla seduta del divanetto, bastò la vista dei suoi lunghi capelli biondi per averne conferma. Il Caata fece per gettarsi addosso all’inculatore, ma Trombaste lo fermò prontamente prendendogli un braccio
- “…ma… ma è Alessia!!!” fece il Caata meravigliato “e quello non è il Segoni!”
- “Fermo idiota! E parla piano. Vuoi farti scoprire? Idiota! Potrebbe non essere solo e non possiamo fare un’altra rissa. Aspettiamo e osserviamo a distanza, intanto prendi uno di questi… non si sa mai qui dentro!” e gli porse uno dei preservativi della scatola che era caduta dalla tasca di Tino poco prima. Gli altri due si misero a chiacchierare fuori del black passage, perché non avevano intenzione di entrare in quel locale buio. Intanto, da quel poco che potevano vedere ma soprattutto da quello che potevano intuire, Alessia cominciava a gradire quel trattamento, si tirarono fuori gli uccelli e se li maneggiavano fino a farli indurire di brutto; la sentivano mugolare di piacere
- “Mmhhhh… che cazzone duro che hai…. Mmmhhh… pianooo! Siiii dammelo tutto…aprimi! Ahhhh” Trombaste disse nell’orecchio dell’amico;
- “Gode.. sta godendo… le piace prenderlo in culo… senti?
- “Si…si!” fece il Caata che si scuoteva tutto, intento a masturbarsi. Dopo una decina di minuti o forse meno videro che l’inculatore stava concludendo con un grande urlo di goduria, ed ebbero la sensazione che quella era forse un violenza visto che si alzò in piedi velocemente e uscì dal locale molto frettolosamente, poterono anche vedere chi era, dato che i flash della saletta intensificarono la frequenza e si vedeva meglio, una volta fuori Gimmi, con ancora l’uccello in mano si imbattè nel Gualtrucco e nel Truzzo, scambiò uno sguardo furtivo e, dato che li conosceva entrambi di vista disse loro in tono secco:
- “ Io ho fatto tutto… ve la lascio ancora calda!” i due si guardarono come due dementi senza capire, ma si decisero a entrare, intanto il Trombaste era prontissimo; cazzo ritto, preservativo e due deliziosi buchetti da scegliere, ma siccome non gli piaceva sguazzare nello sperma degli altri, appoggiò il glande sulla fica e spinse dentro delicatamente, si accorse che lei si stava titillando il clitoride “Perfetto! Tutto pronto e preparato… meglio di così?” pensò, e cominciò a lavorare sodo di cazzo. Caata lo seguì, ma la posizione della ragazza non gli permetteva di usare l’altro buco, così si inginocchiò sul divanetto le sollevò il viso bendato sugli occhi e glielo mise in bocca senza aver messo il condom. Quando si approssimarono gli altri due si trovarono di fronte a qualcosa di incredibile: i due amici che si stavano scopando una bella bionda…ma, chi era?
- “Ohhh Cazzo!” esclamò Truzzo, ma il Trombaste si voltò verso di lui e gli fece cenno di stare zitto, cominciarono a capire: quella era Alessia bendata, lasciata da Gimmi Sganassa e ora presa in carico da loro.
Si tirarono fuori l’uccello e seguirono l’azione dei due amici raccogliendo da terra i condom che il Trombaste gli aveva gettato. Alessia gemeva di piacere e si muoveva sul cazzo del Trombaste, prendendo in bocca quell’altro, “mmmhhh… che casino…. Sono finita in un’orgia….oh mamma! Mmhhhhh!” pensava. Il corpo di Alessia veniva scosso dalle fiammate di uccello che il Trombaste le dava con grande piacere, prese a darle schiaffetti sul sedere, poi la sculacciava sempre di più e aumentava la frequenza delle spinte dentro la sua passera, lei continuava a masturbarsi il clitoride e a succhiare il cazzo pronto all’uso del Caata, chissà se in qualche modo sospettava chi fossero questi nuovi opportunisti! Non passò più di un quarto d’ora, prima che il Trombaste sentisse il bisogno di venire, allora prontamente sfoderò l’uccello, si sfilò il preservativo e schizzò sulla schiena della ragazza, mentre lei continuava a muovere il culo come se lo prendesse ancora fino in fondo.
Il Trombaste si alzò in piedi lentamente e lasciò il posto ai compari, che messo il preservativo si accingevano a fare la loro parte, ma il Gualtrucco fece cenno al Caata di volerla girare a pancia in su, l’abbrancarono in due e la girarono, serrando ancor di più le sue maniche attorno agli avambracci, senza poterle impedire di divertirsi con il suo bottoncino.
Le allargarono le gambe a spaccata e la sua figa si presentò bella aperta ed eccitata, in mezzo ad una colata di umori, davanti al cazzo del Gualtrucco “Fantastica! Che spettacolo!” si disse, Alessia aveva i lunghi capelli biondi scompigliati sul viso, la bocca ansimante, gli occhi bendati, la mani legate sul davanti, quei seni belli tondi su cui emergevano i capezzoli eretti ed eccitati, il suo corpo si muoveva flessuosamente ondeggiando la passera aperta e lei mugolava oramai fuori di sé “ohhhh mmmhh …. Sssiii ancora…ssiiii…mffffggh…” le parole le furono mozzate in gola perchè il cazzo del Caata le si infilò nuovamente in bocca, e lei lo succhiava avidamente, poi arrivò la penetrazione del Gualtrucco che si godette, come mai aveva fatto in vita sua, l’inserimento in quella meravigliosa bellezza: le entrò dentro trionfante e lento come l’incedere di un Re; la stava dominando, mentre il Truzzo, che aveva già schizzato due ore prima sul divanetto, si stontonava il cazzo mezzo e mezzo e le succhiava i capezzoli.
Fu una galoppata vigorosa quella che Gualtrucco impresse nella passera della ragazza, la quale in quelle condizioni, aiutata dalle sue stesse dita, accellerò le contrazioni e quando evidentemente ebbe l’orgasmo, fece venire il Gualtrucco dentro di lei con il condom, e anche l’altro le eiaculò in bocca, rigettando poi lo sperma sul mento e sulla gola, mentre Truzzo continuava a tentare una erezione difficile. Il Gualtrucco uscì, si sfilò il preservativo e lo strofinò rovesciato sui seni di Alessia, poi si pulì l’uccello gocciolante attorno al suo ombelico.
Truzzo capì che il gioco stava arrivando alla fine, allora per non perdere l’occasione, penetrò la ragazza oramai spossata con quello che la mezza erezione gli permetteva, dette delle spinte, e sentì che qualcosa si induriva, accelerò i colpi, mentre la bionda che li riceveva implorò di finirla “mmmhh….nooo… basta vi prego…. basta…. Non ne posso piùùù…” queste parole lo fecero arrapare a bestia e cominciò a sbatterla con forza dentro la topina immersa in un lago di umori, poi cominciò a piagnucolare “ Nnnh …. Nnhh… no, no… basta… mmmh mmmi avete ..stuprata….nnoooo… ssigh!” Truzzo uscì dalla sua figa e le gettò uno schizzo sulle zinne, poi un altro sull’ombelico, poi si alzò anche lui. Si sistemarono in fretta e corsero fuori di lì furtivamente, come aveva fatto lo Sganassa poco prima, uscendo di corsa in cerca dei bagni.
- “ Mi raccomando!” urlò una volta fuori il Trombaste “non è successo nulla! Non abbiamo fatto nulla! Non sappiamo nulla! Capitooooo!”
- “Si si…” dissero loro “ noi s’era a chiaccherà di calcio… zitti tutti… non è successo nulla!” gli fece eco qualcuno di loro.
- “Anzi… per me, si può anche andà via subito… un’avesse a sartà fori varche casino… noi, un ci s’entra!”
- “Hai ragione Caata, svignamocela… così ‘un si rischia nulla… tanto… quel che si doveva da’, s’è dato! Aha ha ah!”
- “Gniamo, gniamo…!”

Alessia rimase spossata sul divanetto, con il vestito che pareva disintegrato, ansimava e sentiva ancora delle scosse residue correrle lungo il pube; aveva sperma dappertutto, si sdraiò sulla seduta del divano portando le ginocchia in alto e appoggiandovi i piedi, ma si rese conto che il luogo cominciava ad essere frequentato; un ragazzotto le si avvicinò e fece per toccarla, ma lei lanciò un urlo isterico : “Noooo! Non mi tocchi! Vada via! Via!” quello si prese quasi paura e la lasciò stare, ma restò a qualche metro perché non poteva staccarle gli occhi di dosso. Alessia si raccolse, tastò attorno e cercò le sue cose: il cellulare ancora sul divanetto con la chiamata del Trombetta, la sua borsetta poco distante nella quale c’era tutto, almeno chiavi di casa documenti e soldi e questo era sufficiente, poi cercò il suo perizoma, non riusciva a vederlo, si mise carponi e cercò sul pavimento, fece quasi il giro del corridoio a quattro zampe tastando sul pavimento, mentre il ragazzotto la osservava procedere in quel modo quasi nuda ed era sempre più eccitato.
Non resistette alla tentazione, le saltò addosso tenendola ferma sui fianchi: con una mano accompagnò il suo cazzo eccitato e le entrò in mezzo a quelle due mele del culo troppo invitanti. Alessia lanciò un urlo, questa volta arrabbiato:
- “ Noooooo!..... stronzo…stai fermo… lasciami….ahhhhh!”
Quello la penetrò più a fondo e sentiva i suoi fianchi muoversi, ma era già troppo eccitato e la situazione non permetteva di perdere tempo, così dopo qualche minuto le scaricò dentro la sua eiaculazione, come un vulcano di piacere. Alessia era fuori di sé, ma quello si sfilò velocemente e scappò via; finalmente trovò il suo prezioso perizomino a qualche metro da lei e lo mise nella borsetta. Si sollevò a fatica in piedi, cercò di ricomporre il vestitino, che fortunatamente non era rotto, ma solo tutto ripiegato, ed uscì da quel luogo infernale.
* * *

Questo racconto di è stato letto 3 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.