Al Fucklub - 4° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Scritto da , il 2020-06-27, genere comici

L’arrivo al Fucklub - 4° capitolo del romanzo “L’amica di Tino Segoni”

Durante il viaggio, i quattro, una volta soli nella loro auto, commentarono le cosce della ragazza seduta accanto a Tino:
- “ Ragazzi, io non so se riuscirei a guidare con quella strafiga accanto!”
- “Cazzonchio! Avete visto dove ce l’aveva la minigonna? Maròòòòò….! Me l’ha fatto rizzare all’istante…!”
- “O Pestia! Che popò di gnocca, da trombare sul posto! Non riuscivo a capire dove finissero le calze scure e iniziasse il vestitino! Che botta di arrapamento ragazzi!”
- “Ehhhh! Stiamo attenti a guardare dietro, non vorrei che Tino finisse fuoristrada, come fa a non guardare quelle cosce con l’upskirt da urlo?”
- “Buoni ragazzi! Mantenete un contegno, non fate fare brutta figura a Tino, e poi non la fate voi soprattutto… siate signori!”
- “Sì, buoni… in disco servirà controllare la ragazza, che non si metta nei guai… quello è un locale conosciuto per…”
- “Ecchecazzo! Per cosa Caata… finisci di parlà?”
- “I signoroni ci si portano le troie e capita di veder fare sesso sui divanetti… c’è da arrappassi al Fukleb!”
- “Cazzonchio! Io ce l’ho già ritto…”
- “Allora attento a non sparà prima del tempo… barbatrucco! Ah ah ah!”
Così discorrendo percorsero i 30 km che li portavano al Fuck Club mentre ogni tanto controllavano che Tino li seguisse; una volta arrivati parcheggiarono uno accanto all’altro e Truzzo fu lesto a precipitarsi alla portiera di Alessia per aprirle e favorirle la scesa, ovviamente nella speranza di un movimento sbagliato da parte della ragazza, che non ci fu, anche se la vista delle sue cosce gli fece aumentare ancor di più l’eccitazione.
Entrarono e il calore del locale li avvolse, l’arredamento del Club era interessante: si accedeva alla prima sala attraverso un corridoio con un pavimento a specchio dal quale si erigevano palloncini di forma allungata e stretta, con il disegno di un glande sulla sommità prominente, che ondeggiavano verso l’alto per circa 70 centimetri, creando uno strano effetto per le donne con gonne corte, perché quando una camminava andavano a infilarsi anche sotto la gonna, e l’effetto visivo era eccitante soprattutto se si guardava verso il basso. Truzzo volle far fermare il gruppo per fare una foto che tutti accettarono di buon grado e il Trombaste curò per un attimo la coreografia: prese due palloncini eretti che si appoggiavano all’esterno delle gambe di Alessia e glieli spostò in mezzo, la lunghezza di quei falli gonfiati era giusta per andare a strofinare sul pube della ragazza che apparve un po’ imbarazzata anche se sorrideva divertita.
“Ecco! Qui sono più fotogenici” disse il Trombaste “sorridete!”
Camminando Alessia ebbe conferma dei sospetti sul suo perizoma a filo di perle: la crema corpo untosa che si scioglieva con il caldo, le faceva entrare il filo tra le natiche e sotto le grandi labbra, ma l’effetto più imbarazzante era sul clitoride, perché le perle che si appoggiavano in quel punto, con il movimento del corpo….
Andarono a sistemarsi su due divanetti posti uno di fronte all’altro e Alessia declinò per il momento l’invito al ballo da parte di Tino: ballando quei fili di perline infernali rischiavano di farla eccitare in mezzo alla calca e non ne aveva intenzione. Scambiarono quattro chiacchere sul suo lavoro e sulla sua attività sportiva:
- “Ti vedo passare sempre di fretta davanti al circolo, ma dove corri così trafelata?”
- “Beh… io vendo capi d’abbigliamento ai negozi e quindi devo fare diversi clienti in una giornata, parlare con i titolari, cercare di prendere ordini, se sono lenta non concludo niente..”
- “Che abbigliamento vendi? Cara?”
- “Soprattutto femminile, anche perché c’è più margine: dai coordinati, alla lingerie… rappresento alcune case di moda e devo rispondere delle vendite di zona…”
- “Che bello! Vestiti come quello che hai adesso?”
- “Si, questo l’ho acquistato scontato rispetto al suo vero prezzo, per l’abbigliamento sono fortunata”
- “Anche lingerie? Dolcissima Alessia?”
- “Certo, ma di fascia alta… è un settore che tira molto oggi”
- “Cazzonchio se tira!” esclamo il Caata, prendendosi una gomitata da Tino, ma gli altri non persero l’occasione e Gualtrucco rincarò la dose:
- “Cosa tira?” e scoppiarono a ridere, compresa Alessia che stette al gioco, ma appariva ovvio che si fosse accesa la curiosità su che intimo indossasse lei, era anche chiaro che questa si limitasse solo alle mutandine, visto che si intuiva l’assenza di reggiseno.
- “Su ragazzi” fece Tino per cambiare discorso “andiamo a fare un giro del locale, sembra grande, io non ci sono mai venuto…”
Così si alzarono e si incamminarono verso una sala con musica trance dove ballavano circa una ventina di persone, gli sguardi si distrassero per qualche minuto su tre gnocche che ballavano in mezzo alla pista, ma poi si distrassero ancora di più scorgendo che sul maxischermo di quella sala scorrevano immagini seppur stlizzate di video porno: questo imabrazzò un po’ Alessia e Tino se ne accorse, le prese docemente il braccio e le disse:
- “Andiamo in quella saletta, guarda che strana…”
- * * *

Questo racconto di è stato letto 3 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.