Nina - episodio 2 - Il massaggio (2 parte)

Scritto da , il 2020-06-28, genere etero

Egli prese l'asciugamano che era adagiato sulle sue gambe, lo piegò e le coprì la schiena per dedicarsi a massaggiarle la parte bassa del suo corpo. Fece colare altro olio caldo e iniziò a massaggiarle con vigore le natiche, afferrò il suo perizoma ai lati e glielo fece salire più in alto per avere la libertà dei movimenti sui suoi fianchi. Riprese a massaggiarle le natiche per poi passare alle gambe e ai piedi. Quando le divaricò un poco le gambe per massaggiare l'interno coscia lei sentì l'eccitazione salire. Ad un certo punto lui le sfiorò la sua intimità, poi con movimento rapido tornò alle sue gambe e lei era dispiaciuta di aver perso quel contatto intimo ma poi lui risalì e il suo tocco divenne più esplicito: l'accarezzò a lungo sulla sottile striscia di perizoma che copriva a stento la sua nudità. Poi le si avvicinò all'orecchio e le sussurrò di girarsi a pancia in su.
Lei obbedì ed egli iniziò a massaggiarle il collo, le spalle, le braccia, la pancia e poi giù le gambe e i piedi. In lei il desiderio saliva sempre di più, quell'attesa era logorante, desiderava le sue mani sui suoi seni e sulla sua figa...
Quando lui finalmente le toccò i seni i suoi capezzoli erano già duri e si godette a pieno le sue sapienti mani. Poi con una mano le toccò la figa sopra la stoffa, soltanto alcuni istanti, abbastanza per sentire quanto fosse bagnata.
A quel punto le sfilò il perizoma fradicio di umori, le disse di scivolare più avanti nel lettino, fino al bordo, le fece piegare le gambe e gliele spalancò. Prese un piccolo asciugamano che arrotolò e sistemò sotto la sua bassa schiena.
Quella posizione lasciava immaginare la continuazione ma lei non oppose alcuna resistenza a quell'uomo e alle sue sapienti mani: ne era completamente in balía.
Lui le versò dell'olio caldo sul basso ventre e iniziò a massaggiarlo con la mano aperta. Finalmente lei poteva sentire le mani di quell'uomo sulla sua figa, era tutto ciò che desiderava, due mani diverse dalle sue che potessero farle sentire l'estasi dell'orgasmo, che potessero farla sentire donna, femmina.
Lui si dedicò alle grandi labbra, le afferrò con delicatezza con entrambe le mani e iniziò a massaggiarle su e giù con due dita. Passò alle piccole labbra, le strinse leggermente tra di loro, come a voler chiudere l'apertura e prese a fare su e giù, su e giù, su e giù. Poi inumidì due dita raccogliendo gli umori dall'apertura della vagina e fece dei piccoli cerchi sul clitoride. Era così eccitata che stava per venire, lui se ne accorse, smise per un attimo di accarezzarla e le sussurrò "ancora un attimo... ".
Lo sentì afferrarle i seni, leccarle i capezzoli, succhiarli, morderli con delicata fermezza. Erano gesti che fino ad ora non si sarebbe mai aspettata durante un massaggio ma non aveva alcuna intenzione di fermarlo, voleva godersi fino all'ultimo istante quella esperienza così eccitante e inaspettata.
Egli si mise davanti a lei e le infilò due dita nella vagina. Iniziò a muoverle lentamente dentro e fuori, dentro e fuori, imitando la penetrazione durante un rapporto. La sentì gemere. Cambiò il movimento e con le due dita iniziò a massaggiarle il punto g mentre con un dito dell'altra mano si dedicò al clitoride. Quel mix di movimenti la portò a provare un piacere inedito. Lui era abilissimo a condurla su vette altissime di godimento senza farla venire, come per prolungare all'infinito il suo piacere. Sapeva quando aumentare la velocità e l'intensità del tocco, come se fosse proprio lei a guidarlo. Infine prese a sfregarle con movimento rapidissimo il clitoride, con una velocità e un'intensità che le fecero raggiungere un orgasmo esplosivo e sentì come un bisogno di urinare, spinse forte i suoi muscoli ed eiaculò.
Era stata la sua prima volta. Non credeva che potesse essere una sensazione così appagante e liberatoria . Lui le mise una mano sopra l'intimità e l'altra sopra il petto, per far fluire l'energia liberata dalla vagina a tutto il corpo.

Nina pensava che il massaggio fosse terminato e invece lui riprese a stimolarle il clitoride, questa volta con la lingua. Iniziò a baciarla e a leccarla avidamente. Afferrò il clitoride con le labbra e lo succhiò regalandole altre scosse di piacere. Inserì due dita nella sua vagina e continuò con la stimolazione orale. Poi si dedicò a massaggiare il bottoncino con un dito. A quel punto il piacere di Nina era pronto per esplodere nuovamente in un orgasmo. Lui mosse con forza e rapidità le sue due dita all'interno della vagina, continuò a penetrarla e a massaggiare il punto g per un tempo infinito, Nina era in estasi, i suoi gemiti erano diventati sempre più forti finchè arrivò l'orgasmo. E una nuova eiaculazione, questa volta ancora più potente.
Continuò a tenere i suoi occhi chiusi perchè ormai era lontana, stava volando in territori sconosciuti, stava esplorando quanto piacere fosse in grado di provare il suo corpo.

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.