Il collegio (quarto capitolo)

Scritto da , il 2020-01-27, genere prime esperienze

SEI UNA ROVINA FESTE, GIÒ!

I primi giorni passarono così, con me che cercavo di ambientarmi, con Vasil che mi si sedeva sempre accanto e mi guardava con i suoi occhi da pesce lesso, con Klodi che ogni volta mi tirava le sue battute pungenti riguardo a Vasil. Se in un primo momento la presenza di quest’ultimo mi dava fastidio, poi cominciai a riderci su. Era diventato l’unico oggetto delle mie conversazioni con Klodi, il quale lo osservava in ogni mossa che faceva, e per di più, lo imitava facendo lo stesso sguardo ammaliante e seducente del mio “caro” spasimante.

Cominciai a conoscere i professori, ad avere le mie simpatie anche nei loro confronti.
La professoressa che mi piacque di più, fu quella di letteratura, una donna con i capelli bianchi, dall’età indefinibile. Aveva quell’aria da donna nobile, di alti natali.
La cosa che mi colpì in lei oltre alla presenza, era il suo modo di parlare di letteratura. Una passione mai vista prima in un professore per la sua materia. Ne era innamorata.
Solo guardandoci negli occhi tra me e lei nacque una simpatia reciproca. Ci stava spiegando dei libri mancanti. Eravamo appena usciti dalla dittatura e certi testi, soprattutto quelli di storia e di letteratura, propagandistici e celebrativi del regime, non andavano più bene, quindi erano stati ritirati. Adesso a lei toccava cercare per noi il materiale adatto, ma ci sarebbe voluta un po’ di pazienza e collaborazione pure da parte nostra.


“Tu come te la cavi con gli studi?” - mi domandò Vasil.
“Insomma, non male...” - gli risposi.
“Se vuoi, in letteratura ti potrò aiutare, ma in matematica non sono bravo”. - proseguì.
“Grazie mille. Sei gentile. - sussurrai - Ora però dobbiamo ascoltare la prof”.

In quel momento, che fortuna, la professoressa cominciò a parlare del mio autore preferito, Salvakades. A me piaceva, ma non era tanto apprezzato da mio papà a causa delle sue idee politiche comuniste e per essersi schierato in Russia, anni prima, a favore della condanna di un grandissimo autore di quella nazione, Boris Pasternak. Ogni volta, siccome mi piaceva tanto, cercavo di giustificare le sue scelte con frasi tipo: “doveva salvarsi la pelle”, “era molto giovane e influenzabile”.
Capivo che mio padre, avendo sofferto la dittatura, lo odiasse, ma ero sempre per la libertà della stampa, della scrittura e dell'idea che i grandi autori andassero apprezzati, a prescindere dalle ideologie alle quali appartengono. Gli dicevo che, se ci comportavamo come il regime aveva fatto con lui, non eravamo meglio di loro.

Continuavo a leggere le opere di Salvakades curiosa, affamata di sapere. Poi con la caduta del regime, anche questo scrittore aveva cambiato registro. Stava scrivendo cose storiche e profonde che toccavano queste tematiche delicate, in un periodo caotico dal punto di vista politico.

“Allora, come vi dicevo, parleremo di questo autore- disse la professoressa - Lo conoscete? Qualcuno di voi ha letto qualcosa?”

Alzai la mano e le dissi:
“Io prof”.
“Tu sei Giò, giusto?”
Annuii sorridendo. Mi fece piacere che si fosse ricordata il mio nome. A volte ci sono professori per i quali rimani anonimo per quasi un anno intero.
“Quale libro hai letto? - riprese lei.
“Più di uno. È il mio autore preferito” - e cominciai a nominare i titoli dei suoi libri, che avevo divorato e sui quali mi ero più di una volta soffermata a riflettere.
“Ok. Vuoi approfondirne qualcuno? Ti va di raccontare a noi e dirci la tua, immaginandoti una critica letteraria, una opinionista?”
La sua voce, il suo entusiasmo contagioso, trascinarono anche me.
“Ok. Ci provo - le dissi con voce incerta, ma piacevolmente stimolata a parlare - vorrei approfondire l’ultimo libro suo, che ho appena finito”.
Dissi il titolo. Vedevo che era impaziente di sentire cosa sarebbe uscito dalla mia bocca.
Cominciai a raccontare a tutti della storia, la trama basata su una breve leggenda del Paese sulla parola data, che neanche la morte ha fatto dimenticare. Di come l’autore - super - era riuscito a farla vivere, di come descriveva le difficoltà di quei posti, il modo di viaggiare, le montagne.
Una volta spiegata la trama, cominciai a tirare fuori le mie idee, la mia opinione, quelle per le quali ogni tanto mi scontravo con mio padre.
Feci il paragone tra il periodo nel quale quel libro era stato scritto e il presente. Citai pezzi imparati a memoria, per spiegare il punto di vista anticomunista, anti dittatoriale dell'autore. Cominciai a parlare di come volesse questo mondo, senza prigioni, senza punizioni, dove l’unica cosa che ci avrebbe messo dentro ad una cella, doveva essere la nostra coscienza.
Parlavo e parlavo ininterrottamente. Le parole scorrevano a fiumi. La professoressa mi guardava con gli occhi che le brillavano.

Quando finii di parlare la fissai, poi mi volsi verso i miei compagni, e infine ancora verso di lei.
“Quindi signorina, tu pensi che questo scrittore, già nei tempi della dittatura abbia scritto contro il regime?
“Sì. Ne sono sicurissima. E i brani che ho citato poco fa, dimostrano il suo non essere d’accordo con la dittatura, la sua opposizione. Solo che non poteva farlo direttamente e si è espresso in maniera velata”.
“Sei un po’ idealista, ma mi piaci”.
“Cos’è che non la convince nel mio ragionamento, prof?” - le chiesi senza battere ciglio.
“Tipo: tu pensi che nel mondo fuori, dove non c’è dittatura, la gente non va nelle prigioni?”
Capii subito che il mio ragionamento aveva un po’ di buchi, quindi cercai di proteggere il mio pensiero, approfondendo:
“No, non sono così ingenua. Penso che dobbiamo creare un mondo tale, avere a disposizione degli strumenti, educare le nuove generazioni in un modo che la coscienza sia la chiave di tutto, della libertà e della nostra prigione. Non sarebbe un mondo migliore, prof?”


Non mi contraddisse più. Si limitava a guardarmi. Anche Vasil, pure Klodi, anzi mi guardava tutta la classe.
Mi sedetti al mio posto.
“Potevi dirmelo prima che eri una secchiona - mi disse Vasil deluso - Tu non hai bisogno del mio aiuto”.
“Non è proprio così. È stato un colpo di fortuna”. - gli risposi, ma poi lasciai perdere. Volevo gustarmi l’attimo.
Finita la sua ora, c’era la ricreazione.
Klodi mi venne vicino:
“Complimenti Giò, un bell’intervento!”
“Grazie!” - sussurrai deliziata.
“Vieni? Usciamo a fare una passeggiata?” - mi disse.
Uscimmo fuori dal giardino della scuola. Volevo godere quei venti minuti in sua compagnia.
“Brava veramente! - ripeté appena fummo in strada. - Ci hai lasciati a bocca aperta”.
“È merito del battibecco con mio padre... non sono così, di solito. Magari!”
“Le parole uscivano dalla tua di bocca. Non era il papà quello che parlava.” - mi disse guardandomi fissa negli occhi.
‘Dio che sguardo! - pensai - È lì che voglio sprofondare. Dove voglio perdermi per ritrovarmi... tra le sue cosce...’ completai parlando a me stessa.
In quel momento chinò la testa e un bacio inaspettato mi arrivò sulle labbra che si schiusero dalla sorpresa e lui con furbizia approfittò per metterci la lingua e intrecciarla alla mia.
Non capivo più niente. Mi sentivo come ubriaca.

Le ultime tre ore in classe ero assente. Persa di nuovo, ma questa volta era piacevole perdersi, perché non ero sola. Klodi era con me.
Ah, le sue labbra bollenti, la lingua irruente, gli occhi scrutanti...
E io?
Tremavo come una foglia.

In mensa non sapevo dove guardare. Volevo nascondere la mia felicità per paura che svanisse. Era una sensazione bellissima!

Finito di mangiare, me la svignai fuori da sola, senza farmi vedere dalle ragazze.
Feci un piccolo giretto per riprendermi un po’ dalle ultime novità, per poi risalire in camera nostra.
Appena dentro vidi un letto messo in orizzontale sotto l’ultima finestra, che dava sul cortile dietro, su cui erano salite tutte le ragazze. Non capivo che cavolo stesse succedendo, ma sentii le loro esclamazioni:
“O Dio, Dio... mamma mia!
Ecco l’ha tirato fuori... non si vergogna... lo sta puntando verso di noi...”
“Che succede?” - Domandai alle mie compagne. Solo Lina mi rispose:
“Oddio Giò, il maniaco... vieni... vieni a vedere.” - mi disse lei, tutta scandalizzata, con la mano sulla bocca.
Salii sul letto e vidi un uomo che si era calato le braghe fino a metà coscia, con il coso di fuori che se lo menava, si leccava le labbra, si massaggiava i testicoli e...
“Che schifo!” - Esclamai disgustata. Scesi giù di colpo, guardai in giro per la camera in cerca di qualche oggetto da tirargli in testa. Lo sguardo si posò su un secchio di latta pieno d’acqua calda sopra il fornelletto elettrico.
Senza pensarci due volte, lo presi e mi diressi verso la finestra:
“Spostatevi, veloce”. - dissi alle ragazze che a loro volta subito ubbidirono.
Salii sul letto facendo attenzione a non farlo cadere, mi allungai sulla finestra e lo versai in testa al maniaco pedofilo.
E subito mi nascosi giù, per non farmi vedere.
Non so cosa successe. So solo che dopo nemmeno cinque minuti, mi riaffacciai e quell’uomo non c’era più.
Orgogliosa d’aver risolto anche questo “problema”, mi sdraiai a letto, quando Brikena tutta arrabbiata si avvicinò a me con voce alterata:
“Sei una rovina feste, Giò. Quell’uomo non ti aveva fatto nulla!”
“Cosaaa?” - domandai sorpresa.
“Perché gli hai buttato il secchio d’acqua in testa, eh?”
“Per proteggerci, Brikena”.
“Ti aveva fermata per strada? Ti ha molestata? Avevi paura di lui? Temevi che spalancasse le porte della nostra prigione e ci venisse a violentare una ad una?”
“No... io... io... - balbettai - l’ho fatto per... voi”.
“In questo cazzo di posto non succede mai niente. Una volta che succede qualcosa di clamoroso, tu cosa fai? Gli hai fatto la cacca sopra. Sei proprio una rovina feste, Giò. Vaffanculo!”
E uscì sbattendo la porta.

Questo racconto di è stato letto 5 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.