Non è quello che sembra (terza parte)

Scritto da , il 2019-12-29, genere pulp

Perché ? Era una domanda che gli rimbombava di continuo in testa a Roberto, mentre era in quel bagno turco, in piedi, solo e nudo e con il pene ancora in tiro e pronto ad esplodere nella bocca di Luca. Invece gli hanno privato quella nuova sensazione sessuale con un uomo. Quel dolce nettare della sborra che lui stesso voleva far assaggiare e assaporare a Luca, ricambiando poi il favore a lui.
"Di sicuro non finisce qui", pensava arrabbiato e deluso.
In qualche modo sarebbe riuscito a godere. Non importa con chi.
Poi all'improvviso il corpo di Roberto ha iniziato a muoversi da solo. Spaventato e senza la forza di opporsi, si chiedeva dove lo portasse questa volta.
La porta sembrava diverso, senza finestra, era una porta bianca dove la maniglia aveva una forma fallica, con tanto di venature e scapellato da far sembrare vero. Voglioso lo accarezzava, lo sfiorava mordendosi le labbra. Quasi come se dietro a quell'uscio ci fosse un uomo come Luca, nudo dotato e di bell'aspetto.
Roberto voleva a tutti i costi fare l'amore con un uomo, non importava chi.
Poi una volta aperta, un vento gelido gli aveva causato un brivido lungo la schiena. La differenza di temperatura tra il bagno turco e quella stanza era evidente. Tutto si presentava quasi uguale alla precedente. L'unica differenza forse era l'assenza delle candele. C'era solo una fioca luce di colore rosso ad illuminarla. Anche l'arredamento non aveva differenze con l'altra. Tranne dei divani simil pelle che si appoggiavano lungo il muro, occupando completamente la stanza e in mezzo un piccolo palchetto rotondo con un palo, forse per esibirsi per le lapdance.
Roberto aveva la sensazione di essere osservato, e il suo corpo era ancora in balia di una forza sconosciuta che lo spostava senza il suo consenso, però piano sentiva liberarsi da quella morsa che lo teneva imprigionato.
Poi una sagoma, chi si stava avvicinando ? Roberto non credeva ai suoi occhi, era sua moglie Giorgia !!! Completamente nuda e accompagnata da due uomini, altrettanto nudi di fianco a lei. Inoltre sembrava drogata per come stava camminando e ricoperta di sperma in faccia. Si chiedeva - l'avevano rapita e violentata ? - Roberto di colpo non aveva più voglia di essere posseduto e tantomeno fare sesso. Spaventato e con il cuore in gola, aveva la sensazione se quello che stava vivendo era un sogno o la pura realtá. Si sentiva nuovamente bloccato, ma questa volta per paura. Gocce di sudore freddo scendevano lungo il suo viso, pallido Roberto stava nuovamente per svenire e poi il nero ....continua

Questo racconto di è stato letto 1 5 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.