La formazione di Lorenza (3/4)

Scritto da , il 2019-10-13, genere fisting

... continua da 2/4

Ho lasciato trascorre alcune settimane dall’ultimo incontro e da quanto mi comunicava via WhatsApp ho appurato che Lorenza stava usando le palline dell'amore quasi ogni giorno. Le lasciava sempre sul mobiletto accanto al letto, con gli altri suoi oggetti quotidiani; orologio, borsa per il trucco e gioielleria varia.

Abbiamo quindi pattuito il nuovo incontro per il giorno dopo, da quando avremmo trascorso diversi giorni vivendo assieme sempre da lei.

Ci saremmo trovate la sera stessa e dormito la notte assieme.
Quella notte eravamo talmente stanche che ci siamo subito addormentate, dopo pochi minuti di coccole.

La mattina lei si è alzata prima di me per arrivare in tempo a prendere il treno per andare al lavoro, mentre io avevo mezz'ora in più da stare a letto.
Sebbene io fingessi di dormire, lei mi si avvicinò a pochi centimetri mettendomi sotto il naso i suoi buchi. Prese a massaggiarsi la figa fintanto che non fu abbastanza lubrificata da poter inserire le grosse palline da portare durante tutta la giornata.

I muscoli della figa di Lorenza stavano diventando sempre più forti e ora non aveva problemi a tenere le palline in posizione dentro al suo corpo.
Mi aveva persino spiegato che ora poteva ruotarli nella sua fica con il solo controllo dei muscoli interni, cosa che le dava un grande piacere.

Ho anche pensato che ora potesse spremere il pene di un uomo con i soli muscoli della figa, aggiungendo piacere e rendendo più interessante ogni rapporto sessuale.

Questi esercizi la portavano ora ad avere il controllo totale della sua figa.
Si sedeva tutto il giorno al lavoro con le gambe divaricate, tenendo i muscoli come se avesse bisogno di andare in bagno mentre giocava con le palline inserite facendole andare avanti e indietro.

Una sera ho mostrato a Lorenza in internet che c’erano donne che inserivano nei loro buchi oggetti molto grandi riempiendo di fatto i loro buchi.
Lorenza guardava le immagini con gli occhi lucidi, segno che aveva voglia di raggiungere quel traguardo. Necessitava solamente di molto allenamento.

Quello stesso giorno è tornata dallo shopping con la spesa per la settimana, ma aveva comperato anche qualcosa di mirato. Infatti, Lorenza aveva portato con se il metro in negozio per scegliere alcuni oggetti speciali.

Abbiamo ben pulito questi nuovi oggetti e poi mi sono seduta al tavolo della cucina mentre lei mi presentava tutti gli oggetti che pensava di inserire nei suoi buchi.

I primi oggetti non furono una sorpresa; un cetriolo, un secondo e poi un terzo ed un quarto. Aveva infatti comperato ben quattro cetrioli in totale per raggiungere il diametro necessario che le avevo richiesto.

La faccia di Lorenza si illuminò di eccitazione mentre posava i cetrioli sul tavolo. Successivamente posò una grande zucca allungata, che mi sembrava però troppo grande. Aveva anche comperato un grande mango e una seconda zucca gialla davvero molto grande.

Che mi impressionavano erano soprattutto le zucche. Poi estrasse due bottiglie da un litro e una di due litri di Coca Cola. Lorenza mi spiegò che avremmo potuto svuotarne il contenuto e riempirlo con acqua calda.

Tutti questi oggetti la eccitavano tantissimo, tant’è vero che dalla sua figa incominciavano a colare i suoi umori, scorrendo fin sulle gambe.

Vedevo che quando guardava le bottiglie il suo respiro si faceva più corto, mentre immaginava quegli oggetti inseriti nei suoi buchi.

"Ora andrò a farmi un bagno, per favore Elena porta tutto in camera da letto" disse Lorenza mentre usciva dalla cucina.

Stavo riflettendo alla velocità con cui questo nuovo gioco era decollato e a questa nuova passione per la dilatazione estrema che Lorenza aveva trovato.
Era come se avesse scoperto il suo vero potenziale. Ora era alla ricerca di assicurarsi di raggiungerlo davvero.

L'intensità dei suoi orgasmi aumentava di giorno in giorno. Era diventato molto più facile da far risvegliare i suoi sensi che reagivano in modo sempre più evidente.

Sentii che era uscita dalla vasca da bagno e d’un tratto Lorenza entrò nuda in camera da letto. I suoi corti capelli biondi erano bagnati e sistemati dietro le orecchie.

Ho notato il suo seno sodo ondeggiare mentre si avvicinava. Ho ammirato il suo corpo, guardando i fianchi di Lorenza che si estendevano proseguendo dalla sua vita sottile, con un gioiello lucido che le trafiggeva l’ombelico.

Ci siamo abbracciate. La avvolsi con le braccia, godendomi la sua pelle morbida sotto le mie mani. Lo trovavo sempre più eccitante, sia quando era vestita che quando era nuda. Sicuramente la consapevolezza della sua sessualità l’aveva trasformata.

Le ho quindi ordinato di sdraiarsi a faccia in giù sul letto. L'avrei massaggiata per farla rilassare, senza fretta, era importante che ci prendessimo il tempo necessario. Lorenza si godette il massaggio e lentamente si rilassò predisponendosi all’inserimento di grandi oggetti nei suoi buchi.

Ho acceso lo stereo facendo risuonare uno dei suoi brani preferiti per raggiungere un ambiente il più rilassante possibile.

Lorenza si girò poi sulla schiena. Ho continuato il mio massaggio iniziando dalle le spalle e scendendo fino sul suo petto.

Sentii il mio stomaco contrarsi in un nodo quando raggiunsi la sua figa perfettamente rasata. La lisciai delicatamente con le mani, iniziando anche a manipolare le sue tette con il palmo delle mani. I suoi capezzoli non fi misero molto ad erigersi.

Mentre stimolavo il suo corpo, Lorenza allargò le gambe, invitandomi a proseguire i miei massaggi nelle zone più intime del suo corpo.

Potevo vedere la sua figa gonfia e trasudante umori e il suo buco del culo luccicante dal liquido che proveniva dal suo spacco. Ho premuto la mia mano contro la sua apertura davanti. Potevo sentire la sua umidità colare tra le dita.

Presi la bottiglia di lubrificante che avevo portato vicino al letto e versai abbondante liquido sia dentro che fuori la sua figa e il suo culo.

La sentivo tremare sotto le mie carezze. Per l’eccitazione vedevo che i suoi buchi si aprivano sempre più come chiedendo di essere usati.

Aveva raggiunto un tale controllo dei suoi buchi che con i soli muscoli riusciva ad aprire la sua vulva separando le labbra e formando un grande buco rosa che chiedeva di essere riempito. Riusciva anche a controllare il suo buco del culo che dai movimenti sembrava mandare dei baci.

Lorenza si piegò e si agitò mentre io facevo scivolare un dito e poi due dita nel suo buco davanti. Inserii man mano tutte le mie dita dentro di lei in modo da poterla allargare in attesa della penetrazione con gli oggetti appena comperati. Lo stesso trattamento fu riservato al suo sfintere che sentivo pulsare sotto le mie dita.

Intanto aggiungevo lubrificante alle sue aperture, in modo da non causarle dei traumi durante la penetrazione con i grandi oggetti che si era procurata.

Le morbide labbra rosa della figa di Lorenza si allargarono facilmente intorno al primo cetriolo, mentre i suoi succhi scorrevano abbondantemente. Ho poi potuto osservare da vicino quando le labbra della sua figa si allargavano attorno al secondo cetriolo, mentre lo inserivo nel corpo che si contorceva di Lorenza.

Iniziai poi a far scivolare un primo cetriolo nel suo bel sedere, che lo accolse senza sforzo dentro di lei.

Ora avevo inserito due cetrioli davanti e uno dietro. Presi il quarto cetriolo facendone scorrere l'estremità a contatto con il suo culo.

Con cautela ho infilato anche questo cetriolo nel suo culo.

... continua con 4/4

Questo racconto di è stato letto 5 8 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.